Howard Ashman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statuetta dell'Oscar Oscar alla migliore canzone 1990
Statuetta dell'Oscar Oscar alla migliore canzone 1992

Howard Ashman (Baltimora, 17 maggio 1950New York, 14 marzo 1991) è stato uno scrittore e autore di testi per canzoni di musical e film statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giovinezza e primi passi nel teatro[modifica | modifica wikitesto]

Howard Ashman nacque come Howard Elliott Gershman da una famiglia ebrea di Baltimora. Fece i primi studi alla Boston University e al Goddard College (compreso un periodo al Tufts University's Summer Theater) per laurearsi con il Master di Fine Art all'Indian University nel 1974.

Sempre nel 1974 si trasferì a New York, dove iniziò a scrivere sceneggiature teatrali mentre lavorava per la casa editrice Grosset & Dunlap. I suoi lavori, tra cui Cause Maggie's Afraid of the Dark, The Confirmation e Dreamstuff (versione in musical de La Tempesta di Shakespeare), attirarono l'attenzione degli addetti ai lavori; cominciò a collaborare col WPA Theater, un teatro Off Broadway, e nel 1977 fu nominato direttore artistico dello stesso (carica che manterrà fino al 1982).

La sua produzione teatrale The Confirmation, fu messa in scena per la prima volta nel 1979 al teatro McCarter di Princeton, e annoverava tra i protagonisti Herschel Bernardi.

L'incontro con Menken[modifica | modifica wikitesto]

Sempre nel 1979 Ashman lavorò per la prima volta con Alan Menken per un musical nato come adattamento di Dio la benedica, signor Rosewater o perle ai porci (God Bless You, Mr. Rosewater, 1965) di Kurt Vonnegut.

Fu l'inizio di una proficua collaborazione tra Ashman, che componeva i testi, e Menken, che scriveva le musiche: il duo avrebbe lavorato per diversi musical e pellicole riscuotendo molto successo, in particolare per i film d'animazione della Disney. Insieme avrebbero infatti vinto 2 Grammy Awards, 2 Golden Globe e 2 Premi Oscar, tutti per le due canzoni "Under the Sea", da La Sirenetta (1989), e "Beauty and the Beast", da La Bella e la Bestia (1991), entrambi film Disney.

Il successo[modifica | modifica wikitesto]

In seguito, nel 1982, Menken e Ashman realizzarono il musical La piccola bottega degli orrori, basato sull'omonimo film del 1960 diretto da Roger Corman, che esordì nel 1982: Ashman ne fu il regista, oltre a scriverne il libretto (vincendo il Drama Desk Award for Outstanding Lyrics) ed i testi delle canzoni. Il musical ebbe un grande successo sia di pubblico sia di critica (tra cui il premio di miglior musical della stagione 1982-83 dal New York Drama Critics Circle).

Ashman fu regista, librettista e autore dei testi delle canzoni anche per il musical di Broadway del 1986 Smile (sulla musica di Marvin Hamlisch). Sempre nel 1986, Ashman scrisse la sceneggiatura per l'adattamento cinematografico de La piccola bottega degli orrori, diretto da Frank Oz. Contribuì ulteriormente alla pellicola scrivendo i testi per due nuove canzoni: "Some Fun Now" e "Mean Green Mother from Outer Space": quest'ultima permise a Menken e Ashman di ottenere la loro prima candidatura agli Oscar (nel 1987), nella categoria "Miglior canzone".

Il primo Oscar per la migliore canzone per Ashman e Menken arrivò alla cerimonia del 1990 per il brano "Under the Sea" da La sirenetta; tra i 5 candidati c'era anche una seconda canzone del duo: "Kiss the Girl", sempre dal medesimo film Disney. "Under the Sea" e "Kiss the Girl" ottennero il medesimo risultato (vittoria per la prima, solo nomination per la seconda) sia ai Golden Globe nella categoria migliore canzone originale sia ai Grammy nella categoria "Miglior canzone scritta per un film, televisione o altri media audio-visivi".

Due giorni dopo aver ricevuto il primo Oscar Ashman confidò a Menken di avere l'AIDS.

La morte e il secondo Oscar[modifica | modifica wikitesto]

Howard Ashman morì il 14 marzo 1991 per complicazioni dovute all'AIDS, due mesi prima di compiere 41 anni, a New York (sebbene alcune fonti riportino Los Angeles), e fu sepolto al Oheb Shalom Memorial Park di Baltimora; la sua lapide recita: "Oh that he had one more song to sing, one more song".

La morte sopraggiunse mentre erano in produzione i film La bella e la bestia e Aladdin, alle cui colonne sonore, nonostante la malattia e la sempre maggiore debolezza fisica che comportava, Ashman continuò a lavorare, riuscendo a ultimare il lavoro per La bella e la bestia. Ashman scrisse inoltre i testi di 11 brani per Aladdin, sebbene solamente tre (Arabian Nights, Friend Like Me e Prince Ali) furono poi inserite a pellicola ultimata; ad esempio la canzone Proud of Your Boy, una delle ultime scritte da Ashman, venne tolta dal film quando il personaggio della madre di Aladino fu eliminato. I testi per le altre canzoni del film furono successivamente scritti da Tim Rice. Alla cerimonia degli Oscar del 1993 la statuetta per la miglior canzone andò proprio ad un brano del film Disney scritto da Menken e Rice (A Whole New World), che sconfisse tra gli altri Friend Like Me.

Ashman ricevette il suo secondo Oscar, che gli fu conferito postumo, nel 1992, per la canzone Beauty and the Beast da La bella e la bestia (altri 2 brani dei 5 finalisti erano del duo Menken-Ashman: Be Our Guest e Belle). Durante la cerimonia la statuetta fu ritirata dal suo compagno Bill Lauch che nel discorso di ringraziamento disse che quello era "il primo Academy Award dato a qualcuno che abbiamo perso a causa dell'AIDS".

Per la canzone Beauty and the Beast Ashman ricevette, sempre postumi, un Golden Globe ed un Grammy, nelle medesime categorie in cui aveva vinto con Under the Sea, rispettivamente nel 1992 e nel 1993.

Altri riconoscimenti postumi[modifica | modifica wikitesto]

Ad Howard Ashman fu così dedicato il film La Bella e la Bestia: To our friend Howard, who gave a mermaid her voice and a beast his soul, we will be forever grateful. Howard Ashman 1950–1991[1] (Al nostro amico Howard, che diede ad una sirena la sua voce e ad una bestia la sua anima, ti saremo sempre grati. Howard Ashman 19501991).

Ad Ashman, nel 1998, fu attribuito il Laurence Olivier Theatre Award postumo per il musical (rappresentato al Dominion Theatre) La Bella e la Bestia come miglior nuovo musical della stagione 1997.

Nel 2001 Ashman fu premiato con il Disney Legends postumo.

Un album costituito da canzoni di Ashman cantate dallo stesso artista, intitolato "Howard Sings Ashman", fu pubblicato l'11 novembre 2008 dalla PS Classics come parte della "Songwriter Series" della Biblioteca del Congresso.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Premio Oscar[modifica | modifica wikitesto]

Golden Globe[modifica | modifica wikitesto]

  • Golden Globe per la migliore canzone originale:
    • Vincitore: 2
      • 1990: "Under the Sea", da La sirenetta (The Little Mermaid, 1989), musica di Alan Menken.
      • 1992: "Beauty and the Beast", da La Bella e la Bestia (Beauty and the Beast, 1991), musica di Alan Menken. Postumo.
    • Nomination: 4
      • 1990: "Kiss the Girl", da La sirenetta (The Little Mermaid, 1989), musica di Alan Menken.
      • 1992: "Be Our Guest", da La Bella e la Bestia (Beauty and the Beast, 1991), musica di Alan Menken. Postumo.
      • 1993: "Friend Like Me", da Aladdin (1992), musica di Alan Menken. Postumo.
      • 1993: "Prince Ali", da Aladdin (1992), musica di Alan Menken. Postumo.

Grammy[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior canzone scritta per un film, televisione o altri media audio-visivi
    • Vincitore: 2
      • 1991: "Under the Sea", da La sirenetta (The Little Mermaid, 1989), musica di Alan Menken.
      • 1993: "Beauty and the Beast", da La Bella e la Bestia (Beauty and the Beast, 1991), musica di Alan Menken. Postumo.
    • Nomination: 2
      • 1991: "Kiss the Girl", da La sirenetta (The Little Mermaid, 1989), musica di Alan Menken.
      • 1993: "Friend Like Me", da Aladdin (1992), musica di Alan Menken. Postumo.

BAFTA[modifica | modifica wikitesto]

Tony Award[modifica | modifica wikitesto]

Writers Guild of America Award[modifica | modifica wikitesto]

Saturn Award[modifica | modifica wikitesto]

ASCAP Award[modifica | modifica wikitesto]

Altri riconoscimenti minori[modifica | modifica wikitesto]

Il musical La piccola Bottega degli Orrori (Little Shop of Horrors, 1982) ricevette, nel 1983, il premio come miglior musical sia dal New York Drama Critics' Circle sia dall'Evening Standard Theatre; nello stesso anno fu riconosciuto come miglior musical Off-Broadway dall'Outer Critics Circle. Sempre per questo musical Ashman ricevette il Drama Desk Award for Outstanding Lyrics per il libretto e l'Outer Critics Circle Award per la miglior colonna sonora (assieme ad Alan Menken).

Opere più importanti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN265031685 · LCCN: (ENn78033738 · ISNI: (EN0000 0001 1652 1394 · GND: (DE134599071 · BNF: (FRcb14007413v (data)