La piccola bottega degli orrori (film 1960)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La piccola bottega degli orrori
Little Shop of Horrors cast.JPG
Seymour, Mushnick e Audrey ammirano Audrey Jr.
Titolo originaleThe Little Shop of Horrors
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1960
Durata70 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,85 : 1
Generecommedia, orrore
RegiaRoger Corman; Charles B. Griffith, Mel Welles (sequenze esterne - non accreditati)
SoggettoCharles B. Griffith
SceneggiaturaCharles B. Griffith; Roger Corman (non accreditato)
ProduttoreRoger Corman
Casa di produzioneRoger Corman Productions (come Santa Clara Productions)
FotografiaArchie R. Dalzell (come Archie Dalzell); Vilis Lapenieks (non accreditato)
MontaggioMarshall Neilan Jr.
MusicheFred Katz; Ronald Stein (non accreditato)
ScenografiaDaniel Haller, Karl Brainard
TruccoHarry Thomas
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

La piccola bottega degli orrori (The Little Shop of Horrors) è un film del 1960 diretto da Roger Corman, ispirato dal racconto del 1932 Green Thoughts di John Collier.

Del film è stato tratto un musical teatrale off-Broadway nel 1982, trasposto poi sul grande schermo nel 1986 con lo stesso titolo La piccola bottega degli orrori per la regia di Frank Oz.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film originale completo

Seymour, imbranato commesso nel negozio di Gravis Mushinik, sviluppa una pianta assetata di sangue e in grado di parlare (che racconta di aver preso da un mercante cinese), e la battezza Audrey Junior, come l'assistente nel negozio di cui si è innamorato.

Inizialmente Seymour è felice della sua creazione, anche perché la pianta, che continua a crescere, ha portato fortuna al negozio; ben presto però perde il controllo della situazione, e viene obbligato dalla pianta a commettere omicidi per rifornirla di sangue umano, mentre la polizia indaga sulle misteriose sparizioni di persone nei dintorni della bottega.

Ormai Seymour è diventato totalmente schiavo del vegetale, e, durante una mostra al pubblico di Audrey, i suoi boccioli si aprono rivelando i volti degli esseri umani che ha divorato, facendo scoprire Seymour dalla polizia; egli però riesce a sfuggire all'arresto.

Tornato nottetempo alla bottega, Seymour è deciso a vendicarsi del tradimento del vegetale, e ci si getta dentro armato di coltello venendo divorato, ma uccidendo la mostruosa pianta.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne girato in soli due giorni e una notte, tra il 28 ed il 29 dicembre 1959 in vari luoghi a Los Angeles; la scena finale dell'inseguimento venne girata a Lynwood (California). Le scene interne vennero realizzate presso i Chaplin Studios, al 1416 di North La Brea Avenue a Hollywood.

Un giovane Jack Nicholson compare in una piccola parte, Wilbur Force, il paziente masochista di Farb; la notorietà ottenuta in seguito nella sua carriera ha contribuito ad aumentare l'interesse per questo film. La pellicola è a tutti gli effetti il suo primo film horror.

Prima collaborazione tra Roger Corman e Jack Nicholson; Corman avrebbe diretto Nicholson in altri quattro film: I maghi del terrore (1963), La vergine di cera (1963), Il massacro del giorno di San Valentino (1967) e Il serpente di fuoco (1967).

A Dick Miller venne inizialmente offerto il ruolo di Seymour Krelboin, ma lo rifiutò a favore di Fouch, che mangiava fiori (nel film li ha realmente mangiati).

Gran parte dei dialoghi tra Mel Welles e Dick Miller erano improvvisati.

Charles B. Griffith non solo scrisse la maggior parte della sceneggiatura, ma apparve (non accreditato) come il paziente urlante che corre fuori dall'ufficio del Dr. Farb, come il ladro che irrompe nel negozio di fiori e come la voce di Audrey Junior.

Dal film venne realizzata una commedia teatrale a Broadway nel 1982, che venne adattata per il remake cinematografico del 1986. Il successo del musical ha ispirato anche una serie animata, Little Shop (1991), di cui è stato consulente Roger Corman. Nel 1995, il film è stato adattato come una serie di fumetti a 3 numeri, pubblicata da Cosmic Comics di Roger Corman; gli ultimi due numeri includevano interviste con le star Jonathan Haze e Mel Welles.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola venne distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi il 5 agosto 1960; oggi è entrata nel pubblico dominio negli Stati Uniti.

In Italia non venne mai distribuito al cinema; venne trasmesso in televisione per la prima volta nel 1985.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Lester D. Friedman, The Jewish Image in American Film, Secaucus, NJ: Citadel Press, 1987, pp.173-174.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema