L'uomo dagli occhi a raggi X

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'uomo dagli occhi a raggi X
El hombre con rayos X en los ojos-784037784-large.jpg
Locandina del film
Titolo originale X: The Man with the X-ray Eyes
Paese di produzione USA
Anno 1963
Durata 80 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere fantascienza, drammatico
Regia Roger Corman
Soggetto Robert Dillon, Roger Corman
Sceneggiatura Daniel Haller
Produttore Samuel Z. Arkoff
Casa di produzione American International Pictures
Fotografia Floyd Crosby
Montaggio Anthony Carras
Effetti speciali Butler-Grover Inc.
Musiche Les Baxter
Scenografia Daniel Haller
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'uomo dagli occhi a raggi X (X: The Man with the X-ray Eyes) è un film di fantascienza del 1963 diretto e prodotto[1] da Roger Corman.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il dottor Xavier inventa un composto chimico che una volta introdotto negli occhi gli permette di vedere attraverso i corpi solidi. Dopo aver cercato inutilmente di convincere i suoi colleghi che l'invenzione potrebbe venir impiegata con successo per scopi diagnostici, Xavier ha un violento diverbio col dottor Brant e involontariamente lo uccide.

Ricercato dalla polizia, Xavier assume una falsa identità e si nasconde in un luna park, dove si guadagna da vivere come indovino. Il siero (che egli continua ad assumere) gli permette infatti di scoprire gli oggetti che i visitatori tengono nelle tasche e di leggere brevi messaggi con gli occhi bendati. Crane, l'avido impresario organizzatore di questa attrazione, propone a Xavier di seguirlo in città per sfruttare la sua dote visitando le persone povere che non possono permettersi costosi esami clinici. Vivranno così delle offerte dei malati.

Un giorno Xavier viene raggiunto dalla dottoressa Fairfax, sua collega di un tempo, e decide di andarsene con lei. Rimasto quasi senza soldi, il dottore entra in una casa da gioco e grazie alla sua capacità di vedere le carte coperte vince una grossa somma di denaro; ma i sospetti del direttore del casinò lo costringono a fuggire nuovamente.

La sua vista a raggi X, sempre più formidabile, distorce e cancella progressivamente il mondo che lo circonda e Xavier è ormai incapace di condurre una vita normale. Durante un inseguimento della polizia s'imbatte in un predicatore, al quale racconta la paurosa visione che ha avuto di ciò che esiste al di là della realtà materiale. Incitato dal religioso, il dottor Xavier infligge a sé stesso un'orribile punizione.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Girato con un budget limitato di circa 250mila dollari[2] fu il primo film a colori di Roger Corman (regista e produttore) girato in Spectarama.[1]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

« Parabola mistico-religiosa, viaggio interiore di uno scienziato alla scoperta di una disperata verità, il film è sorretto da una buona sceneggiatura, impreziosito dalla fotografia di Floyd Crosby (già collaboratore di Murnau e di Flaherty) e dalla bella interpretazione di Ray Milland. [...]

Gran parte degli effetti ottici sono artigianali ma abili trucchi di montaggio [...] rendono allo spettatore le allucinate visioni del protagonista. »

(Fantafilm[1])

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Il film vinse il trofeo "Astronave d'argento" del 1963 al primo Festival internazionale del film di fantascienza di Trieste.[3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), L'uomo dagli occhi a raggi X in Fantafilm.
  2. ^ Roger Corman e Jim Jerome, How I Made a Hundred Movies in Hollywood and Never lost a Dime, Muller, 1990, p. 117.
  3. ^ http://www.sciencefictionfestival.org/archivio-edizioni/festival-internazionale-del-film-di-fantascienza/fiff-1963/
  4. ^ http://scifiportal.eu/trieste-international-film-festival/

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]