Les Baxter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Les Baxter
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereSpace age pop
Exotica
Jazz
Easy listening
Sito ufficiale

Les Baxter (14 marzo 192215 gennaio 1996) è stato un compositore, direttore d'orchestra, arrangiatore e cantante statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È considerato il padre e maggior esponente della musica Space Age ed Exotica, e tra i più rilevanti arrangiatori del '900.

All'età di 23 anni entra a far parte come cantante dei MelTones, la formazione di Mel Tormé che abbandona nel 1947 per entrare in un quartetto vocale della NBC Radio; Baxter continua a cantare fino al 1952. In seguito dirige l'orchestra della Capitol in varie occasioni, come le session di registrazione di artisti come Frank Sinatra e Bob Eberle[1].

Nel 1947 con l'album avveniristico Music Out of the Moon (Capitol), su composizioni di Harry Revel, è il primo ad avvalersi del themerin solitico in un organico, ponendolo come strumento centrale dell'intera orchestrazione. Music Out of the Moon, tra i primissimi Album della storia della discografia, inizialmente fu un cofanetto di 78 giri, poi uno di 45 giri e, infine, un 10 pollici 33. L'opera sperimentale accenderà un importante riflettore su Dr. Samuel Hoffman, primo e unico thereminista swing. I brani del disco entreranno a far parte tra la musica ascoltata nello spazio dall'equipaggio dell'Apollo 11 durante le operazioni di allunaggio.

Seguirà una intensa collaborazione con la Capitol Records attraverso cui Baxter produrrà come compositore, arrangiatore e direttore d'orchestra, alcuni tra gli album più poetici, visionari e romantici mai realizzati, dedicandosi principalmente alla trasposizione in musica di visioni esotiche - ma non tralasciando mai l'estetica spaziale (riproposta in album come Space Escapade - 1959) - e che rappresenteranno un riferimento imprescindibile per generazioni di compositori e orchestratori. Riscontrabili evidenti elementi legati all'opera e alla ricerca di Baxter, tra gli altri, negli italiani Armando Trovajoli, Piero Piccioni, Piero Umiliani e Ennio Morricone. Baxter sarà il primo a impiegare audacemente strumenti africani, indiani e caraibici, calandoli in organici canonici, album come Ritual of the Savage (Le sacre du sauvage) (1951), Skins! Bongo Party with Les Baxter (1957), African Jazz (1959), Les Baxter's Jungle Jazz (1959), rappresentano i primissimi, pioneristici casi di effettiva fusione tra jazz e musica africana.

Nel 1953 scrive la sua prima colonna sonora cinematografica per il film Tanga Tika; nel corso degli anni sessanta realizza numerose colonne sonore per film horror (collaborando, tra gli altri, con Roger Corman e Mario Bava) e film per teenager.

Scrive arrangiamenti per Nat King Cole (Nature Boy, Here's To My Lady, Too Yung, Mona Lisa, Always You) e per numerosi programmi televisivi, tra cui Whistle, tema di Lassie.[2][3][4]

Durante gli anni novanta il lavoro di Baxter è stato riscoperto e l'autore è stato celebrato come uno dei precursori del genere musicale "exotica".[5][6]

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

  • 1947 – Music Out of the Moon
  • 1951 – Arthur Murray Favorites: Tangos
  • 1951 – Ritual of the Savage (Le sacre du sauvage)
  • 1954 – The Passions: Featuring Bas Sheva
  • 1954 – Thinking of You
  • 1955 – Kaleidoscope
  • 1956 – Caribbean Moonlight
  • 1956 – Tamboo!
  • 1956 – The Poor People of Paris - prima posizione nella classifica statunitense dei singoli per quattro settimane
  • 1957 – 'Round the World with Les Baxter
  • 1957 – Midnight on the Cliffs
  • 1957 – Ports of Pleasure
  • 1957 – Selections from Rogers and Hammerstein's South Pacific
  • 1957 – Skins! Bongo Party with Les Baxter
  • 1958 – Confetti
  • 1958 – Love is a Fabulous Thing
  • 1958 – Selections from Rodgers and Hammerstein's South Pacific
  • 1958 – Space Escapade
  • 1959 – African Jazz
  • 1959 – Barbarian (Goliath and the Barbarians) [colonna sonora]
  • 1959 – Les Baxter's Jungle Jazz
  • 1959 – Wild Guitars
  • 1960 – Les Baxter's Teen Drums
  • 1960 – The Sacred Idol [colonna sonora]
  • 1960 – Young Pops
  • 1961 – Alakazam the Great [colonna sonora]
  • 1961 – Broadway '61
  • 1961 – Jewels of the Sea
  • 1961 – Master of the World [colonna sonora]
  • 1961 – Wild Hi-Fi Drums / Wild Stereo Drums
  • 1962 – Sensational!
  • 1962 – The Primitive and the Passionate
  • 1962 – Voices in Rhythm
  • 1963 – Les Baxter's Balladeers
  • 1963 – The Academy Award Winners
  • 1963 – The Soul of the Drums
  • 1966 – Brazil Now
  • 1967 – African Blue
  • 1968 – L'amore è blu (CGD, POP 67)
  • 1968 – Hell's Belles [colonna sonora]
  • 1968 – Moog Rock
  • 1969 – All the Loving Couples [colonna sonora]
  • 1969 – Bora Bora [OST]
  • 1969 – Bugaloo in Brazil
  • 1969 – Love Is Blue
  • 1970 – Million Seller Hits
  • 1970 – Que Mango!
  • 1971 – Music of the Devil God Cult: Strange Sounds from Dunwich - The Dunwich Horror [colonna sonora]
  • 1973 – Black Sabbath (1963) [colonna sonora]
  • 1975 – Movie Themes
  • 1978 – Born Again
  • 1995 – The Lost Episode of Les Baxter (1961) [colonne sonore televisive]
  • 1996 – By Popular Request
  • 2000 – Dr. Goldfoot and the Girl Bombs (1966) [colonna sonora]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Compositore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Colin Larkin (a cura di), 5th Concise Edition. The Encyclopedia of Popular Music, Omnibus Press, 2007, ISBN 978-0-85712-595-8.
  2. ^ Les Baxter
  3. ^ 566 Nat King Cole, su memoir.demon.co.uk. URL consultato il 30 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2012).
  4. ^ Les Baxter: Information from Answers.com
  5. ^ The Exotic Moods of Les Baxter - Les Baxter | AllMusic
  6. ^ https://www.discogs.com/Martin-Denny--Les-Baxter-Exotic-Moog-Moog-Rock-Greatest-Classical-Hits/release/813746

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Colin Larkin (a cura di), 5th Concise Edition. The Encyclopedia of Popular Music, Omnibus Press, 2007, ISBN 978-0-85712-595-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN49407275 · ISNI (EN0000 0000 5949 5600 · Europeana agent/base/148350 · LCCN (ENno91012970 · GND (DE135005191 · BNF (FRcb13891254j (data) · BNE (ESXX884577 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no91012970