Harry Potter e il calice di fuoco (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Harry Potter e il calice di fuoco
Harry Potter 4 006.JPG
Albus Silente (Michael Gambon) e Barty Crouch (Roger Lloyd Pack) davanti al calice di fuoco in una scena tratta dal film
Titolo originale Harry Potter and the Goblet of Fire
Paese di produzione Regno Unito, USA
Anno 2005
Durata 157 min
Rapporto 2,40:1
Genere azione, drammatico, fantastico, avventura
Regia Mike Newell
Soggetto J. K. Rowling
Sceneggiatura Steve Kloves
Produttore David Heyman
Produttore esecutivo David Barron, Tanya Seghatchian,
Casa di produzione Warner Bros. Pictures, Heyday Films, 1492 Pictures
Distribuzione (Italia) Warner Bros. Pictures
Fotografia Roger Pratt
Montaggio Steven Weisberg
Effetti speciali Jim Mitchell, Tim Alexander, Timothy Webber, John Richardson, Industrial Light & Magic, Cinesite, Framestore CFC, Moving Picture Company, Double Negative, BUF, Rising Sun Pictures, The Orphanage, Animal Logic, The Visual Effects Company, FB-FX, Gentle Giant Studios, Plowman Craven & Associates
Musiche Patrick Doyle
Scenografia Stuart Craig
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Harry Potter e il calice di fuoco (Harry Potter and the Goblet of Fire) è un film del 2005 diretto da Mike Newell, adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo, quarto episodio della serie di Harry Potter, scritta da J. K. Rowling. Prodotto da David Heyman e sceneggiato da Steven Kloves, il film è stato distribuito da Warner Bros a partire dal 18 novembre 2005 nelle sale nel Regno Unito e negli Stati Uniti, e dal successivo 25 novembre in quelle italiane.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Harry Potter e il calice di fuoco § Trama.

Harry Potter, nel sonno, ha una visione stranamente realistica in cui vede il custode di una villa abbandonata venire ucciso da un informe Lord Voldemort, dopo averne spiato una conversazione con Peter Minus, alias Codaliscia, fuggito poche settimane prima, e un uomo sconosciuto a cui Voldemort assegna il compito di catturare il giovane ragazzo.

Invitato alla Tana dall'amico Ron Weasley, Harry assiste successivamente all'emozionante finale della Coppa del Mondo di Quidditch tra Irlanda e Bulgaria, assieme a Hermione Granger, alla famiglia Weasley, a Cedric Diggory e suo padre Amos. Durante i festeggiamenti per i vincitori, alcuni celebri Mangiamorte, i seguaci di Voldemort, comparsi inaspettatamente dopo un decennio di latitanza ed inattività, seminano il panico. Tra di loro vi è l'uomo misterioso del sogno di Harry, che lancia nel cielo il famoso e terribile simbolo del Signore Oscuro, il Marchio Nero.

Il trio fa ritorno ad Hogwarts per frequentare il quarto anno di istruzione. Il nuovo professore di Difesa contro le Arti Oscure è il celebre ed eccentrico ex Auror Alastor Moody (detto anche Malocchio Moody), che nel corso delle sue lezioni si dimostrerà parecchio coraggioso, severo e soprattutto anticonformista: infatti mostrerà all'intera classe le tre Maledizioni Senza Perdono, tra cui l'Anatema che Uccide, l'Avada Kedavra.

Durante l'anno, Harry si trova coinvolto suo malgrado nel Torneo Tremaghi, una leggendaria competizione che prevede il superamento di tre pericolose prove di abilità. Harry deve quindi competere con altri tre talentuosi maghi, due provenienti da scuole diverse: Viktor Krum (celebre Cercatore della squadra di Quidditch bulgara) da Durmstrang, Fleur Delacour da Beauxbatons e Cedric Diggory, quest'ultimo della sua stessa scuola, appartenente alla casa di Tassorosso. Harry avrà un litigio con Ron, convinto che l'amico non voglia condividere con lui le modalità della sua iscrizione al Torneo, che in effetti sarebbe concessa solo a chi ha già compiuto 17 anni.

Harry riesce a superare la prima prova (sconfiggere un drago, un Ungaro Spinato) e la seconda (salvare un amico dal Lago Nero infestato da Maridi); l'ultima prova consiste nel superare un labirinto disseminato di pericolosi ostacoli magici per recuperare il trofeo, la Coppa Tremaghi nel centro di esso, che si rivelerà essere, a sorpresa, una Passaporta. Harry e Cedric la toccano contemporaneamente e vengono trasportati in uno spettrale cimitero, dove ad attenderli c'è Peter Minus, che uccide Cedric su ordine di Voldemort.

Ha così inizio il rituale di resurrezione di Voldemort: Minus si taglia una mano, gettandola nel calderone nel quale si trova anche la forma semiumana del Signore Oscuro, poi recupera le ossa del padre di Voldemort, Tom Riddle Senior, sepolto in quel cimitero, infine preleva del sangue da Harry con un pugnale.

Voldemort risorge e affronta Harry, ma senza successo: il ragazzo viene aiutato a fuggire dagli spiriti dei suoi genitori, di Cedric e del custode, fuoriusciti dalla bacchetta di Voldemort dopo il singolare fenomeno del Prior Incantatio, dovuto ai nuclei gemelli delle due bacchette magiche. Il ragazzo riesce quindi a ritornare ad Hogwarts, sempre grazie alla Passaporta, portando con sé il corpo di Cedric.

Harry comunica a tutti che Lord Voldemort è risorto. Moody cerca di farsi raccontare da Harry gli avventimenti del cimitero, facendo insospettire Harry, poiché egli non aveva accennato al luogo dell'accaduto; Moody diventa sempre più nervoso e tenta di aggredire Harry, ma il preside Albus Silente e i professori Minerva McGranitt e Severus Piton riescono a smascherarlo: egli è infatti Barty Crouch Jr., figlio del responsabile del Torneo, Barty Crouch Sr. (assassinato da lui stesso), e fedele servitore di Voldemort, il quale assumeva costantemente la Pozione Polisucco per prendere le sembianze di Alastor Moody (infatti era stato lui ad iscrivere Harry al torneo e ad aver stregato la Passaporta affinché trasportasse Harry da Voldemort); in seguito viene ridata la libertà al vero Moody.

Viene infine celebrata nella Sala Grande una commemorazione funebre in onore di Cedric Diggory, prima vittima della nuova ascesa del Signore Oscuro.

Il film si conclude con il ritorno a casa delle due scuole, Durmstrang e Beauxbatons, osservato da una terrazza da Harry, Ron e Hermione.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La pre-produzione del quarto film si è avviata nel dicembre 2003, mentre le riprese sono iniziate il 4 marzo 2004. Il film è stato girato principalmente negli Studio Leavesden, e le riprese sono terminate a novembre 2004; il budget del film è stato di circa 150 000 000 $ .

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Harry Potter e il calice di fuoco (colonna sonora).

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato commercializzato come DVD in Italia il 22 marzo 2006. È stato distribuito in diverse edizioni, tra cui una in disco singolo e in disco doppio. Sono state commercializzate due versioni diverse: la prima (dal nome Harry Potter e il calice di fuoco: Special Edition) e la seconda (chiamata Harry Potter e il calice di fuoco: Deluxe Edition). La seconda di queste contiene più speciali negli extra. Nel 2007 è stata distribuita pure la versione del film ad alta definizione in BD e in HD DVD.

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il quarto film ha ottenuto un ottimo incasso internazionale di 896 911 078 $; negli Stati Uniti il film ha incassato 290 013 036 $ mentre in Italia circa 20 127 756 . Il quarto film è al sesto posto come maggior incasso dopo l'ottavo, il primo, il settimo, il quinto e il sesto.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La band che suona durante il Ballo del Ceppo è composta da alcuni famosi musicisti come Jarvis Cocker dei Pulp e Jonny Greenwood dei Radiohead. Inizialmente era prevista la partecipazione dei Franz Ferdinand, ma a causa di altri impegni la band britannica ha dovuto rinunciare.[1] La band nel libro viene chiamata "Sorelle Stravagarie" (Weird Sisters), ma per motivi di copyright nel film è rimasta senza nome.[2]
  • Il film segna l'esordio di Robert Pattinson, che in seguito acquisterà fama interpretando il vampiro Edward Cullen nella trasposizione cinematografica della saga di Twilight.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Harry Potter e l'Ordine della Fenice (film).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Harry Potter, fuori i Franz Ferdinand e dentro il chitarrista dei Radiohead, Rockol, 21 novembre 2004. URL consultato il 28 dicembre 2014.
  2. ^ Wyrd Sisters keep fighting the good fight, fan mail or not, Canada.com, 4 agosto 2007. URL consultato il 28 dicembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN186157591 · LCCN: (ENno2006000014 · GND: (DE7525582-0