Orange Is the New Black

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Orange Is the New Black
Orange is the new Black Logo.svg
Titolo originaleOrange Is the New Black
PaeseStati Uniti d'America
Anno2013-2019
Formatoserie TV
Generecommedia drammatica
Stagioni7
Episodi91
Durata51-92 min (episodio)
Lingua originaleinglese
Rapporto16:9
Crediti
IdeatoreJenji Kohan
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Casa di produzioneLionsgate Television
Prima visione
Distribuzione originale
Dall'11 luglio 2013
Al26 luglio 2019
DistributoreNetflix
Distribuzione in italiano
Dal5 giugno 2014
Al26 luglio 2019
DistributoreInfinity TV
Netflix

Orange Is the New Black, spesso abbreviato anche in OITNB, è una serie televisiva statunitense trasmessa in streaming su Netflix,[1] ideata da Jenji Kohan e prodotta da Lionsgate Television. La serie è ispirata alle memorie di Piper Kerman Orange Is the New Black - Da Manhattan al carcere: il mio anno dietro le sbarre (Orange Is the New Black: My Year in a Women's Prison)[2].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La serie inizia a girare attorno a Piper Chapman (Taylor Schilling), una donna sulla trentina che vive a New York City, condannata a 15 mesi nel penitenziario di Litchfield, una prigione federale femminile di minima sicurezza nello stato di New York. La Chapman è stata punita per aver trasportato una valigia piena di soldi della droga per la sua ragazza Alex Vause (Laura Prepon), una trafficante internazionale. Il reato si era verificato 10 anni prima dell'inizio della serie e negli anni successivi Piper era passata a una vita tranquilla e rispettosa della legge tra l'alta borghesia cittadina. Il suo improvviso e inaspettato arresto mette fine ai suoi rapporti con il fidanzato, la famiglia e gli amici. In prigione, si riunisce con Alex (che ha chiamato Chapman nel suo processo, causandone l'arresto) e insieme riesaminano la loro relazione. Allo stesso tempo, Chapman, insieme alle altre detenute, tenta di affrontare le numerose lotte interne alla prigione. Gli episodi spesso presentano flashback di eventi significativi del passato di varie detenute e guardie carcerarie. Questi flashback in genere descrivono come una carcerata è finita in prigione o ha sviluppato il retroscena di un personaggio. La prigione è inizialmente gestita dal "Federal Department of Corrections" (una versione fittizia del Federal Bureau of Prisons), ed è stata acquisita in una stagione successiva dalla Management & Correction Corporation (MCC), una società carceraria. La quinta stagione racconta la ribellione delle prigioniere contro le guardie, i guardiani e il sistema dopo la fallita gestione da parte di MCC della morte di una detenuta per mano di una guardia nella stagione precedente. Questo decesso era avvenuto dopo una protesta pacifica e la successiva istigazione alla rissa da parte di un'altra guardia. Alimentati dalle condizioni che le galeotte sono costrette a tollerare, così come dai rancori contro le guardie carcerarie, ne consegue una rivolta di tre giorni durante la quale, alcune recluse tentano di negoziare condizioni di vita migliori e cercano giustizia per la morte della compagna, mentre altre perseguono i propri interessi e divertimenti, ed alcune non cercano alcun coinvolgimento. Allo scoppio della rivolta, la guardia che aveva incitato alla rissa nella stagione precedente viene gravemente ferita da una detenuta che ha preso la pistola che la guardia ha portato illegalmente nella prigione. A fine stagione, la SWAT fa irruzione nella prigione per porre fine alla rivolta e trasferire tutte le detenute dalla struttura. Durante questo raid, un ufficiale di correzione viene ferito a morte da una "squadra d'assalto" corrotta, che poi cospira per incolpare della sua morte un certo numero di carcerate che si erano nascoste in un bunker sotterraneo e avevano preso la guardia in ostaggio. Tutte vengono trasportate in altre carceri.

Le conseguenze della rivolta vengono mostrate nella sesta stagione. Un certo numero di detenute, tra cui Chapman e Vause, vengono trasportate a Litchfield Maximum Security. La maggior parte di loro viene interrogata e molte vengono accusate e condannate per il loro coinvolgimento nella rivolta. In Max, vengono introdotti nuovi personaggi, vengono fatte alleanze ed emerge una guerra simile a una gang tra due blocchi di prigione, guidata da una faida di lunga data tra due sorelle e da un rancore da loro nutrito verso una ex galeotta di massima sicurezza che è tornata di conseguenza della rivolta (era stata trasferita nel carcere di minima sicurezza). Le detenute che sono arrivate dal carcere di minima sicurezza vengono catturate o partecipano volentieri alla guerra tra i blocchi carcerari. La stagione ci mostra un'ulteriore corruzione e mantiene intatta una forte dose di brutalità.

La settima stagione fornisce un finale alle storie delle protagoniste. Chapman e Vause continuano la loro relazione on/off. In questi episodi viene mostrato come alcune prigioniere siano in grado di andare oltre il tempo trascorso in prigione mentre altre vengano catturate dal sistema e a causa dei propri difetti e/o problemi sistemici nella struttura della società statunitense e del suo sistema giudiziario non sono in grado di progredire. Oltre all'ambientazione consolidata di Litchfield Max, una parte significativa della stagione si svolge in un centro di detenzione ICE di nuova creazione per presunti immigrati privi di documenti, mostrando le loro lotte e la mancanza di accesso ad aiuti esterni in gran parte a causa del totale disprezzo della legge.

In tutto lo show viene mostrato come varie forme di corruzione, tagli ai finanziamenti da parte del proprietario dell'azienda per aumentare i profitti, privatizzazione delle carceri, sovraffollamento, brutalità delle guardie e discriminazione razziale (tra le altre questioni) influiscano sulla sicurezza, sulla salute, e sul benessere, la vita degli ufficiali penitenziari e della basilare incapacità della prigione di adempiere alle responsabilità legali fondamentali e agli obblighi etici come istituto di correzione. [11] Uno dei conflitti chiave dello spettacolo coinvolge il direttore delle risorse umane della prigione di minima sicurezza (alias il direttore, sotto la nomenclatura della privatizzazione), Joe Caputo, i cui sforzi e obiettivi come guardiano costantemente in conflitto con gli interessi aziendali di MCC, che acquisisce Litchfield Penitentiary in quanto rischia la chiusura. Questo tema continua quando un nuovo guardiano lungimirante e premuroso viene assunto a Litchfield Maximum Security e, a differenza di Caputo, istituisce effettivamente programmi educativi e cambiamenti positivi. Viene licenziata per queste azioni e per il suo atteggiamento nei confronti della corruzione aziendale, sebbene i suoi cambiamenti di breve durata abbiano risultati profondi.

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Orange Is the New Black.

Ricorrenti[modifica | modifica wikitesto]

Detenute[modifica | modifica wikitesto]

Staff del penitenziario[modifica | modifica wikitesto]

Altri[modifica | modifica wikitesto]

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Pubblicazione USA Pubblicazione Italia
Prima stagione 13 2013 2014
Seconda stagione 2014
Terza stagione 2015 2015
Quarta stagione 2016 2016
Quinta stagione 2017 2017
Sesta stagione 2018 2018
Settima stagione 2019 2019

Trasmissione e distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 giugno 2013 Netflix ha rinnovato la serie per una seconda stagione,[3] pubblicata in streaming sulla piattaforma il 6 giugno 2014. La terza stagione è stata pubblicata su Netflix il 12 giugno 2015[4]. Il 15 aprile viene ufficializzato il rinnovo della serie anche per una quarta stagione, che è stata distribuita il 17 giugno 2016 in tutti i territori in cui Netflix è disponibile.[5][6] Il 5 febbraio 2016 la serie è stata rinnovata per una quinta, una sesta ed una settima stagione che sarà poi il finale di serie[7].

In Italia la prima stagione è andata in onda dal 5 giugno 2014 sulla piattaforma di streaming on-demand Infinity TV, mentre la seconda è stata trasmessa da settembre 2014. La terza stagione è stata pubblicata il 13 giugno 2015 su Infinity TV in contemporanea con gli Stati Uniti.[8] La quarta stagione è stata pubblicata in esclusiva su Netflix, ma è stata resa disponibile contemporaneamente anche su Infinity TV. La quinta stagione è disponibile su Netflix per tutti gli stati a partire dal 9 giugno 2017 ed è stata pubblicata in contemporanea anche su Infinity TV, ma un gruppo di hacker, "The Dark Overlord", ha pubblicato con mesi di anticipo 10 dei 13 episodi della 5ª stagione sul web, in modo del tutto illegale[9].

La sesta stagione è disponibile su Netflix a partire dal 27 luglio 2018.[10] Il sito di streaming ha inoltre rinnovato la serie per una settima ed ultima stagione che è andata in onda quasi dopo un anno esatto ovvero il 26 luglio 2019.[11][12]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Orange Is the New Black ha ricevuto giudizi positivi dalla critica,[13][14][15] con Metacritic che dà alla serie un punteggio di 79 su 100 e Rotten Tomatoes che le ha assegnato un 89% di gradimento.[16][17]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Critics' Choice Television Award
  • 2014 – Miglior serie TV commedia 2014
  • 2014 – Miglior attrice non protagonista a Kate Mulgrew
  • 2014 – Miglior performance comica a Uzo Aduba
  • 2014 – Candidatura per la miglior attrice non protagonista a Laverne Cox
  • 2015 – Miglior attrice non protagonista a Lorraine Toussaint
  • 2015 – Candidatura per la miglior serie TV drammatica
Emmy Award
  • 2014 – Candidatura per la miglior serie commedia
  • 2014 – Candidatura per la miglior attrice protagonista in una serie commedia a Taylor Schilling
  • 2014 – Candidatura per la miglior attrice non protagonista in una serie commedia a Kate Mulgrew
  • 2014 – Candidatura per la miglior regia in una serie commedia a Jodie Foster per l'episodio Richiesta lesbo respinta
  • 2014 – Candidatura per la miglior sceneggiatura per una serie commedia a Jenji Kohan
  • 2014 – Miglior attrice guest star in una serie commedia a Uzo Aduba
  • 2014 – Candidatura per la miglior attrice guest star in una serie commedia a Laverne Cox
  • 2015 – Miglior attrice non protagonista in una serie drammatica a Uzo Aduba
  • 2015 – Candidatura per la miglior serie drammatica 2015
  • 2015 – Candidatura per il miglior attore guest star in una serie drammatica a Pablo Schreiber
Golden Globe
  • 2014 – Candidatura per la miglior attrice in una serie drammatica a Taylor Schilling
  • 2015 – Candidatura per la miglior serie commedia o musicale
  • 2015 – Candidatura per la miglior attrice in una serie commedia o musicale a Taylor Schilling
  • 2015 – Candidatura per la miglior attrice non protagonista in una serie a Uzo Aduba
Television Critics Association Awards
  • 2014 – Miglior serie debuttante 2014
  • 2014 – Candidatura per la serie TV dell'anno

Screen Actors Guild Award

  • 2015 - Miglior attrice in una serie commedia a Uzo Aduba
  • 2015 - Miglior cast in una serie commedia
  • 2016 - Miglior attrice in una serie commedia a Uzo Aduba
  • 2016 - Miglior cast in una serie commedia
  • 2017 - Miglior cast in una serie commedia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Nellie Andreeva, Duo Cast In Netflix's 'Orange Is The New Black', Don Stark Upped On VH's 'Bounce', su deadline.com, Deadline, 17 settembre 2012. URL consultato il 1º luglio 2013.
  2. ^ (EN) Nellie Andreeva, Netflix Eyeing Second Original Series – Comedy From Weeds Creator Jenji Kohan, su deadline.com, 22 luglio 2011. URL consultato il 29 luglio 2013.
  3. ^ (EN) Nellie Andreeva, Netflix Renews 'Orange Is The New Black' For Second Season, su deadline.com, 27 giugno 2013. URL consultato il 27 giugno 2013.
  4. ^ (EN) Benjamin Simon, Orange Is The New Black’ Season 3 Release Date Revealed, su inquisitr.com, 6 settembre 2014.
  5. ^ (EN) Lisa de Moraes, Netflix Unveils Premiere Dates For ‘Orange Is The New Black,’ ‘The Get Down,’ ‘Flaked’ And Others, su Deadline.com, 17 gennaio 2016.
  6. ^ Orange Is the New Black - Stagione 4 - Teaser - Netflix [HD], su Youtube, 17 gennaio 2016.
  7. ^ (EN) Netflix Renews ‘Orange Is the New Black’ for 3 Seasons, su TheWrap, 5 febbraio 2016.
  8. ^ Paolino, Orange is the new black, la prima stagione su Mya slitta a settembre (ma subito dopo partirà la seconda), su tvblog.it, 16 maggio 2014. URL consultato il 17 maggio 2014.
  9. ^ Degli hacker hanno diffuso la nuova stagione di “Orange is the new Black”, in Il Post, 29 aprile 2017. URL consultato il 17 giugno 2019.
  10. ^ (EN) Jackson McHenry, We Finally Know When Orange Is the New Black Will Return, in Vulture. URL consultato l'8 giugno 2018.
  11. ^ (EN) Samuel Spencer, Orange Is The New Black season 7: Is Orange Is The New Black cancelled?, in Express.co.uk, 26 agosto 2018. URL consultato il 21 settembre 2018.
  12. ^ ‘Orange Is the New Black’ to End With Season 7
  13. ^ (EN) Angel Cohn, Jailhouse Rock, su televisionwithoutpity.com, Television Without Pity. URL consultato il 29 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2013).
  14. ^ (EN) Devin O'Leary, Doin' Time, su alibi.com, Weekly Alibi, 18 luglio 2013. URL consultato il 29 luglio 2013.
  15. ^ (EN) Miles McNutt, Lesbian Request Denied, su avclub.com, Onion AV Club, 18 luglio 2013. URL consultato il 29 luglio 2013.
  16. ^ (EN) Critic Reviews for Orange Is the New Black Season 1, su metacritic.com, Metacritic. URL consultato il 18 luglio 2013.
  17. ^ (EN) Orange Is the New Black. URL consultato il 21 settembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN315734279 · LCCN (ENno2014083693 · GND (DE1079999167 · J9U (ENHE987008706281205171