Josh O'Connor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Josh O'Connor all'Odesa International Film Festival 2015

Joshua O'Connor, noto come Josh O'Connor (Cheltenham, 20 maggio 1990), è un attore britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

O'Connor è nato a Cheltenham, Inghilterra, figlio di un'ostetrica e di un insegnante. Ha frequentato la St. Edwards School e successivamente ha studiato recitazione presso la Bristol Old Vic Theatre School, diplomandosi nel 2011.[1] Inizia muovere i primi passi nel mondo dello spettacolo partecipando a produzioni televisive come Lewis, Doctor Who e Law & Order: UK.

Nel 2014 recita in Posh di Lone Scherfig, adattamento cinematografico dell'omonima opera teatrale di Laura Wade. Nel 2015 ottiene una parte nel film biografico The Program di Stephen Frears, da cui viene diretto nuovamente in Florence con Meryl Streep.

Nel 2017 interpreta l'allevatore Johnny nel drammatico La terra di Dio - God's Own Country, per la cui interpretazione vince il premio come miglior attore ai British Independent Film Awards 2017.[2]

Tra il 2019 e il 2020, partecipa alla terza e alla quarta stagione della serie televisiva The Crown e per la sua interpretazione nel ruolo del Principe Carlo ha vinto il Golden Globe per il miglior attore in una serie drammatica.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Josh O'Connor è stato doppiato da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Josh O’Connor, Stars of Tomorrow 2016, screendaily.com. URL consultato il 10 dicembre 2017.
  2. ^ (EN) British Independent Film Awards: ‘God’s Own Country’ Takes Top Honor – Full List, deadline.com. URL consultato l'11 dicembre 2017.
  3. ^ Paolo Armelli, Bafta 2018, le nomination dei premi inglesi del cinema, in Wired, 9 gennaio 2018. URL consultato il 9 gennaio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN4150686435212540273 · ISNI (EN0000 0004 6447 0378 · LCCN (ENno2017123477 · GND (DE1122056249 · BNF (FRcb17711056d (data) · BNE (ESXX5791208 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2017123477