Lone Survivor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo videogioco del 2012, vedi Lone Survivor (videogioco).
Lone Survivor
Lone Survivor.JPG
Una scena del film
Titolo originale Lone Survivor
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2013
Durata 121 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere azione, thriller, drammatico, guerra
Regia Peter Berg
Soggetto Marcus Luttrell (romanzo autobiografico Lone Survivor)
Sceneggiatura Peter Berg
Produttore Mark Wahlberg, Peter Berg, Akiva Goldsman, Sarah Aubrey, Randall Emmett, Norton Herrick, Barry Spikings
Produttore esecutivo Brandt Andersen, Remington Chase, Grant Cramer, Simon Fawcett, Kerry Foster, Louis G. Friedman, George Furla, John Brooks Klingenbeck, Stepan Martirosyan, Jeff Rice, Lauren Selig, Adi Shankar, Jason Shuman, Spencer Silna, Tamara Stuparich de la Barra
Casa di produzione Envision Entertainment Corporation, Film 44, Herrick Entertainment, Hollywood Studios International, Spikings Entertainment, Weed Road Pictures
Distribuzione (Italia) Universal Pictures
Fotografia Tobias A. Schliessler
Montaggio Colby Parker Jr.
Effetti speciali Brett Cole, Damon Green, Joel Hobbie, Daniel Holt, Joseph Livolsi, Danny Maldanado, Geoffrey C. Martin
Musiche Steve Jablonsky, Explosions in the Sky
Scenografia Tom Duffield
Trucco Corey Welk
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Lone Survivor è un film del 2013, scritto e diretto da Peter Berg.

La pellicola è la trasposizione cinematografica dell'omonimo romanzo autobiografico Lone Survivor: The Eyewitness Account of Operation Redwing and the Lost Heroes of Seal Team 10 di Marcus Luttrell, ex-Navy SEAL in missione in Afghanistan, qui interpretato da Mark Wahlberg. Nelle prime sequenze si può notare la presenza dello stesso Marcus Luttrell (nella scena della colazione e durante il briefing sulla missione).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005, un gruppo di Navy SEALS capeggiato dall'ufficiale Murphy (Taylor Kitsch) e dal comandante Kristensen (Eric Bana), partono dalla base aerea di Bagram per l'operazione Red Wings, volta a fermare dei talebani in Afghanistan a cui capo vi è il cosiddetto Shah; dopo essere arrivati sul posto, i quattro SEALS -Murphy, Axelson (Ben Foster), Dietz (Emile Hirsch) e Luttrell (Mark Wahlberg)- trovano subito come ostacolo l'arrivo di un anziano con due bambini e delle capre.

Indeciso sul da farsi e valutando compromessa la missione, Murphy ordina al gruppo di lasciare vivi gli ostaggi e tornare a casa; non riuscendo però a stabilire un contatto con la base Spartan salgono sulla cima della montagna di Hindu Kush, ma trovano subito un esercito schierato probabilmente avvisato dagli ostaggi liberati.

Così si ritrovano costretti a combattere in svantaggiosa inferiorità e in carenza di armi; poco dopo l'inizio della controffensiva Dietz muore, seguito da Murphy ed Axelson, nonostante l'intervento di due Ch47 Chinook uno dei quali viene distrutto da missili e in cui muoiono lo stesso comandante Kristensen e il sottufficiale di marina Patton (Alexander Ludwig).

Luttrell, rimasto solo, teme il peggio, ma a salvarlo arriva Gulab, un capo tribù di una cittadina assediata dai talebani che lo custodisce e lo cura all'interno del suo villaggio.

Non appena la situazione migliora però, i terroristi, compreso l'accaduto, piombano nel villaggio e cercano di uccidere Luttrell, ma Gulab interviene in sua difesa e minaccia di ucciderli; così, dopo pochi giorni, i talebani ritornano con lo stesso Shah devastando il villaggio.

Grazie all'aiuto del figlio di Gulab, Luttrell si salva e uccide il capo terrorista; dopodiché sopravvengono le forze armate militari che pongono fine allo scontro e traggono in salvo il Navy SEAL con successo.

Pieno di ferite e in grave pericolo di vita, Luttrell viene operato e, dopo un'apparente morte, salvato; il film si conclude con le parole fuoricampo dello stesso militare che ringrazia i compagni per l'aiuto e raccomanda di non abbandonare mai la guerra, scena che precede i titoli di coda affiancati dalle vere foto dei SEALS coinvolti nell'Operazione Red Wings.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Berg scrisse la sceneggiatura del film molti anni prima di realizzarlo, quando venne integrato in una squadra Navy SEAL in Iraq, ma ottenne il supporto per dirigere questo film solo dando la disponibilità a girare prima il film Battleship[1].

Il budget del film è stato di circa 50 milioni di dollari[2].

Le riprese del film iniziarono il 2 ottobre 2012[3] e si svolsero nello stato del Nuovo Messico (Stati Uniti d'America), tra cui anche nella città di Albuquerque[4].

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora del film è realizzata dalla band post-rock Explosions in the sky in collaborazione con il compositore Steve Jablonsky.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film viene diffuso online il 31 luglio 2013[5], mentre la versione italiana il 20 dicembre.

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi in numero di copie limitato a partire dal 25 dicembre 2013[6] ed in tutta la nazione dal 10 gennaio 2014, mentre in Italia è arrivata il 20 febbraio 2014.

Divieto[modifica | modifica wikitesto]

Il film viene vietato ai minori di 18 anni per la presenza di linguaggio non adatto e forte violenza sanguinaria di guerra[7].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Regia di Berg, screenrant.com. URL consultato il 1º agosto 2013.
  2. ^ (EN) Budget, imdb.com. URL consultato il 1º agosto 2013.
  3. ^ (EN) Riprese, imdb.com. URL consultato il 1º agosto 2013.
  4. ^ (EN) Location, imdb.com. URL consultato il 1º agosto 2013.
  5. ^ (EN) Trailer, hd-trailers.net. URL consultato il 1º agosto 2013.
  6. ^ (IT) Release, badtaste.it. URL consultato il 1º agosto 2013.
  7. ^ (EN) Rating, imdb.com. URL consultato il 1º agosto 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]