Young Justice (serie animata)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Young Justice
serie TV cartone
Young Justice Title.jpg
Logo della serie
Titolo orig. Young Justice
Lingua orig. inglese
Paese Stati Uniti
Autore Greg Weisman, Brandon Vietti
Regia Brandon Vietti [1]
Produttore Greg Weisman, Brandon Vietti, Sam Register (produttore esecutivo), Jay Bastian (produttore esecutivo)
Soggetto Jay Olvia (11 episodi)[1], Micheal Chang (10 episodi)[1], Sam Lieu (1 episodio)[1]
Musiche Kristopher Carter, Michael McCuistion, Lolita Ritmanis
Studio Warner Bros. Animation, DC Entertainment
Rete Cartoon Network
1ª TV 26 novembre 2010 – in corso
Episodi 46 (completa)
Aspect ratio 16:9
Durata ep. 22 min
Rete it. Cartoon Network
1ª TV it. 30 aprile 2012 – in corso
Episodi it. 46 (completa)
Durata ep. it. 22 min
Dialoghi it. Studio EMME studio di doppiaggio, Vittorio Guerrieri direttore e dialoghista
Genere azione, fantascienza, avventura, drammatico

Young Justice è una serie televisiva statunitense a cartoni animati, creata da Greg Weisman (già autore di Gargoyles - Il risveglio degli eroi e The Spectacular Spider-Man) e Brandon Vietti per Cartoon Network. Non si tratta di un adattamento del fumetto omonimo di Peter David, Todd Dezago e Todd Nauck, bensì di un adattamento dell'universo DC che si focalizza sui giovani supereroi[2][3].

La serie narra le avventure di un gruppo di giovani supereroi adolescenti (in prevalenza sidekicks, ossia spalle come Robin, Kid Flash o Aqualad) denominato "La Squadra" che porta a termine delle operazioni clandestine per conto della Justice League, di cui rappresenta la controparte giovanile[4] e si svolge sulla Terra-16 del nuovo multiverso DC[5][6].

Young Justice ha debuttato negli Stati Uniti il 7 gennaio 2011 con un doppio episodio speciale, comprendente i primi due episodi, su Cartoon Network USA, mentre in Italia la prima stagione è stata trasmessa su Cartoon Network Italia a partire dal 30 aprile 2012. Al termine della sua seconda stagione, intitolata Young Justice: Invasion, la serie è stata cancellata insieme a Green Lantern: The Animated Series. Il 7 novembre 2016, Warner Bros. Animation ha annunciato che sarebbe stata prodotta una terza stagione[7], intitolata Young Justice: Outsiders[8].

La serie ha ricevuto il plauso della critica, vincendo anche numerosi premi. Il sito IGN l'ha inserita al 20º posto nella Top 25 delle più grandi serie di tutti i tempi tratti da un fumetto[9]. Grazie al successo conseguito da Young Justice, sono stati realizzati diversi fumetti che hanno contribuito ad espandere l'universo della serie.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Prima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo doppio episodio introduce i personaggi di Robin (Dick Grayson), Aqualad, Kid Flash e Speedy/Freccia Rossa, ansiosi di essere riconosciuti non più come semplici spalle ma come veri e propri supereroi. Il rifiuto dei loro mentori (Flash, Batman, Aquaman e Freccia Verde) li porta a reagire in maniera diversa: Speedy, il più anziano del gruppo, abbandona il suo maestro e comincia a lavorare in proprio come Freccia Rossa, mentre gli altri approfittano dell'assenza della Lega per investigare su un incendio avvenuto nei laboratori Cadmus, dove scoprono che sono stati creati segretamente un giovane clone di Superman (Superboy) e un gruppo di armi viventi denominate Genomorph.

L'episodio prosegue con la scoperta da parte dello spettatore che il Cadmus e le origini di Superboy sono connesse con un misterioso gruppo denominato "La Luce" e con Robin, Aqualad e Kid Flash che riescono a convincere Batman a formare una squadra, in cui viene inserito anche Superboy, che possa occuparsi delle operazioni che la Justice League avrebbe difficoltà a tenere segrete data la celebrità dei suoi membri.

La base della Squadra viene dunque stabilita in una caverna del monte Justice, vicino a Bay Harbor, e al team iniziale si uniranno nel corso della prima stagione anche Miss Martian (un attraente e avvenenente aliena umanoide, nonché nipote di Martian Manhunter), Artemis, Zatanna e (sul finale) Rocket.

Seconda stagione[modifica | modifica wikitesto]

La seconda stagione (nota come Young Justice: Invasion) è ambientata cinque anni dopo la precedente e vede la Squadra, a cui sono stati aggiunti nuovi elementi come Beast Boy e Bumblebee, indagare sul collegamento fra "La Luce" e una razza di alieni che ha invaso la Terra sostituendosi a personalità importanti (tra cui il Segretario dell'ONU) a seguito di un attacco sul loro pianeta perpetrato da sei membri della Lega (Batman, Superman, Martian Manhunter, Wonder Woman, Alata e John Stewart) durante il periodo in cui essi erano sotto il controllo della stessa organizzazione nell'ultimo episodio.

Contemporaneamente Freccia Rossa, dopo aver scoperto di essere un clone del Cadmus alla fine della prima stagione, viaggia per il mondo con la compagna Cheshire alla ricerca del vero Roy Harper, mentre Aqualad s'infiltra fra gli uomini di suo padre Black Manta (succeduto ad Ocean Master come membro della "Luce") per indagare sull'identità del misterioso partner alieno dell'organizzazione.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

La serie ha debuttato il 7 gennaio 2011 con con un doppio episodio speciale. In origine, il 26 novembre 2010 vennero trasmesso uno speciale di un'ora comprendente i primi due episodi[10][11]. La seconda stagione, intitolata Young Justice: Invasion e di sei episodi in meno rispetto alla precedente, è iniziata il 28 aprile 2012[12]. Dopo la fine della seconda stagione nel 2013, la Warner Bros. Animation ne ha annunciata una terza il 7 novembre 2016, intitolata Young Justice: Outsiders[7].

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 26 2010-2012 2012-2013
Seconda stagione 20 2012-2013 2013-2014
Terza stagione 26 2018-2019 TBA

Personaggi e doppiatori[modifica | modifica wikitesto]

La Squadra originale[modifica | modifica wikitesto]

Introdotti nella seconda stagione[modifica | modifica wikitesto]

La Luce[modifica | modifica wikitesto]

I Nemici della Luce

Lega dell'ingiustizia[modifica | modifica wikitesto]

Altri Nemici[modifica | modifica wikitesto]

Justice League[modifica | modifica wikitesto]

Lega degli assassini[modifica | modifica wikitesto]

Gli Stregoni[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Concezione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il fumettista Peter David, che ha lavorato ai fumetti di Young Justice, ha collaborato alla scrittura di alcuni episodi della serie[13].

La serie è entrata in fase di sviluppo nel marzo 2009 quando Sam Register, vice-presidente esecutivo degli affari creativi della Warner Bros. Animation (anche collegato a prodotti esecutivi)[14], voleva uno spettacolo basato sull'idea di un insieme dei Giovani Titani e la serie a fumetti Young Justice, e non l'adattamento di uno o dell'altro[2]. Il titolo scelto per lo show di Register era Young Justice in quanto esprimeva in modo chiaro ciò che la serie avrebbe dovuto mostrare[15]. Greg Weisman, che Register contattò immediatamente dopo la cancellazione della serie televisiva animata The Spectacular Spider-Man e Brandon Vietti, il cui lavoro con Batman: Under the Red Hood è stato apprezzato da Register, è stato assunto alla produzione[16]. Register scherzava sul fatto che i due fossero apparentemente simili, oltre a essere simili nel modo di pensare[4]. Peter David, che ha scritto numerosi fumetti di Young Justice, è stato assunto per poter scrivere alcuni episodi[13]. Erano coinvolti nella scrittura anche Greg Weisman, Kevin Hopps, Andrew Robinson, Nicole Dubuc, Jon Weisman e Tom Pugsley, con Vietti fortemente coinvolto nel processo di scrittura del libro[17]. La produzione dello spettacolo è stata avviata dopo la cancellazione di progetto che prevedeva una serie su Nightwing, che è stata scartata in favore di questa serie[18].

Animazione[modifica | modifica wikitesto]

La MOI Animation Inc. ha animato Young Justice[19]. Warner Bros. ha subappaltato la produzione allo studio internazionale situato a Seoul, in Corea del Sud. Gli artisti dello studio americano di animazione di Los Angeles[20], la Warner Bros. Animation, hanno disegnato gli storyboard; progettato nuovi personaggi, sfondim scenografia e realizzato animatic. Gli studi d'oltremare in Corea del Sud, la MOI Animation, Inc. e Lotto Animation, hanno disegnato in animazione tradizionale e tweening[20][21]. Tuttavia, Greg Weisman ha fatto notare come alcuni storyboard sono stati realizzati a Seoul[20]. Nelle fasi finali, la colorazione digitale e il montaggio sono stati fatti dalla Warner Bros. Animation[21][22].

Casting[modifica | modifica wikitesto]

I primi sei personaggi principali sono stati scelti dai produttori, attraverso un elenco di 50-60 supereroi adolescenti della DC Comics che potevano essere potenziali candidati[2]. I criteri consistevano in età, poteri, personalità, status dell'icona culturale e dinamiche[23]. Un personaggio aggiuntivo, Zatanna, è stata introdotta in parte nella prima stagione, mentre Rocket è stato aggiunto alla fine della stagione[2].

Design[modifica | modifica wikitesto]

I produttori hanno voluto creare costumi più realistici possibili pur mantenendosi coerenti con la continuità tradizionale dell'Universo DC[24]. La maggior parte della direzione artistica è stata guidata da Vietti, che ha stabilito che i disegni dei costumi non avrebbero dovuto solo riflettere i bisogni fisici di chi li indossa, ma anche la sua personalità, con Bourassa che ha incorpora queste idee nei suoi disegni[24]. Nel caso del vestito di Kid Flash, ad esempio, l'imbottitura serve a ridurre la forza d'urto sperimentata durante gli sbandamenti e le collisioni e la struttura in cuoio stabilizza la sua forza d'urto[24].

Cancellazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre del 2013, Kevin Smith e Paul Dini hanno avuto una conversazione in un episodio del podcast di "Fat Man on Batman" di Smith sul tema della cancellazione di Tower Prep (creata da Dini), Young Justice e Green Lantern: The Animated Series del 2013, sostenendo che i dirigenti del network non volevano che le ragazze guardassero i programmi perché "non acquistano giocattoli", e volevano fossero più ragazzi a guardarlo[25]. Ciò ha portato ad una credenza ampiamente diffusa che lo spettacolo sia stato cancellato a causa delle troppe ragazze che lo guardavano, ma Greg Weisman ha negato il fatto che la visione femminile alla serie sia stato un fattore che ne abbia decretato la cancellazione[26].

Nel gennaio del 2016 Weisman ha finalmente ha rivelato il motivo della cancellazione del programma sul podcast "The Hip-Hop Nerd"[27]. Il finanziamento dello spettacolo era basato su un accordo fatto con la Mattel per la realizzazione di action-figure. I giocattoli non stavano vendendo abbastanza, così l'azienda annullò la linea, e senza fonti di reddito abbastanza grandi da sostituire i soldi della Mattel, lo show non è stato rinnovato per una terza stagione.

Revival[modifica | modifica wikitesto]

Logo della terza stagione

Nel febbraio 2016, in risposta alla messa in onda della seconda stagione della serie su Netflix, Greg Weisman pubblicò un tweet per informare i fan che le possibilità di una terza stagione potrebbero essere favorite guardando la stagione su Netflix o acquistando i cofanetti in Blu-ray[28].

Poco più tardi, cominciarono a circolare delle voci che Netflix stava pensando di rilanciare Young Justice per una terza stagione in base all'audience[29]. Quando gli venne chiesto se ha pensato che una terza stagione fosse possibile, il produttore Brandon Vietti ha risposto: "Non lo so, questa è la migliore risposta che posso darti. Sarei felice di farne un'altra"[30]. Weisman chiarì nei tweet successivi che mentre Warner Bros. (o Netflix) non avevano mostrato interesse per una terza stagione, solo gli ottimi ascolti su Netflix potrebbero motivare la WB a realizzare una terza stagione[31]. Alcuni doppiatori dello spettacolo, tra cui Jason Spisak[32], Eric Lopez[33], Khary Payton[34], Yuri Lowenthal[35], Nolan North[36], Stephanie Lemelin[37], Danica McKellar[38], Crispin Freeman[39], Vanessa Marshall[40], Kelly Hu[41], e Jason Marsden[42] hanno tutti espresso il loro interesse per tornare per una terza stagione, così come il giovane fumettista Christopher Jones sul suo blog[43], e Susan Eisenberg, la doppiatrice di Wonder Woman in Justice League e Justice League Unlimited[44].

Il 7 febbraio 2017, Khary Payton, che interpreta Aqualad nella serie, ha confermato a Comicbook.com che tornerà a doppiare il personaggio nella terza stagione[45]. Il 27 febbraio 2017, Phil Bourassa, character designer della serie, ha rivelato, tramite Instagram, che aveva iniziato a lavorare sulla terza stagione[46] e una settimana dopo, ha anche rivelato che alcuni script sono stati completati[47].

Il 25 aprile 2017, la Warner Bros. annunciò che la terza stagione sarà intitolata Young Justice: Outsiders[7], e che debutterà in un nuovo servizio digitale della DC Comics nel 2018. Al San Diego Comic-Con International del 2017 è stato rivelato che la formazione del gruppo sarebbe costituita da Wonder Girl, Robin (Tim Drake), Beetle Blue, Impulse, Beast Boy, Arsenal e nuovi personaggi come Static, Spoiler, Arrowette e Thirteen[48].

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

DVD[modifica | modifica wikitesto]

Tre cofanetti da quattro episodi ciascuno sono stati rilasciati individualmente per coprire la prima metà della prima stagione e successivamente venduti insieme come "fun-pack"[49]. Il resto della prima stagione è stato rilasciato in un singolo cofanetto con tutti i restanti 14 episodi. La seconda stagione è stata rilasciata come due diversi cofanetti da due dischi contenenti 10 episodi ciascuno: la prima parte della seconda stagione è chiamata Young Justice: Invasion Destiny Calling, ed è stata rilasciata il 22 gennaio 2013 mentre la seconda parte è intitolata Young Justice: Invasion Game of Illusions ed è stata messa in vendita il 16 luglio 2013.

Blu-ray[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 agosto 2014 la prima stagione in Blu-ray è stata pubblicata tramite Warner Archive[50]. La seconda stagione, Invasion, è uscita sempre il 18 novembre 2014[51]. La Warner Brothers ha pubblicato anche il volume 1 come parte del cofanetto Justice League: 3-Pack Fun, che comprende anche i due episodi della serie Justice League The Brave and The Bold e Injustice For All e For The Man Who Has Everything, The Return, e The Greatest Story Never Told della serie Justice League Unlimited[52].

Titoli DVD Data d'uscita Episodi Numeri di dischi
Young Justice: Season One, Volume One 19 luglio 2011[53] 1-4
1
Young Justice: Season One, Volume Two 25 ottobre 2011 5-8
Young Justice: Season One, Volume Three 21 febbraio 2012[54] 9-12
Young Justice: Dangerous Secrets (prima stagione, parte 2) 31 luglio 2012[55] 13-26
2
Young Justice Invasion: Destiny Calling (seconda stagione, parte 1) 22 gennaio 2013 1-10
Young Justice Invasion: Game of Illusions (seconda stagione, parte 2) 16 luglio 2013 11-20
Young Justice (Blu-ray) 12 agosto 2014 1-26
Young Justice: Invasion (Blu-ray) 18 novembre 2014 1-20

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Sin dalla prima trasmissione originale, Young Justice è stata acclamata dalla critica per la sua originalità e per la storia matura e complessa. Nel dicembre 2011, IGN ha inserito la serie al 20º posto nella Top 25 dei migliori show di tutti i tempi tratti da un fumetto[9]. Nel marzo 2012, DC Nation ha ottenuto indici d'ascolto in doppia e tripla cifra rispetto all'anno precedente per Cartoon Network[56]. Young Justice: Invasion ha totalizzato in media un pubblico di 1,9 milioni di spettatori ogni sabato sin dal ritorno a Cartoon Network con l'episodio finale di serie Endgame che è il più votato per Cartoon Network per la settimana dall'11 al 17 marzo 2013, avendo la meglio su altre reti come Regular Show, Adventure Time, e Dragons: Riders of Berk[57]. Dopo la cancellazione, l'intero spettacolo è stato definito "maturo, intelligente... ha avuto una forte risonanza con gli spettatori... incredibile"[58].

Molti attori hanno anche ottenuto riconoscimenti per i loro ruoli come Jason Spisak che, secondo il critico Ava Dordi, "cattura l'essenza spensierata di Kid Flash"[59] e Nolan North che, secondo il produttore Greg Weisman, interpreta bene il doppi ruoli di Superman e Superboy.

Al programma Conan, il conduttore Conan O'Brien ha intervistato l'animatore Bruce Timm (creatore del DC Animated Universe) e i due hanno ideato un super eroe chiamato "The Flaming C"[60]. Tuttavia, in diverse occasioni, la loro creazione originale sarebbe stata animata da alcune scene già esistenti in Young Justice, prese dall'episodio Fuochi d'artificio[61], Benvenuti nel Happy Harbour[62], A scuola[63], e Diniego[64].

Nel 2014, il sito WatchMojo.com ha classificato Young Justice al quarto posto tra i migliori cartoni cancellati[65], e al settimo nella loro "Top 10" delle serie animate dei supereroi[66].

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Anno Premio Categoria Note Risultato
2011 Emmy Awards Miglior interpretazione in un programma animato Phillip Bourassa premiato per il suo lavoro in Independence Day Vinto
2013 Daytime Emmy Awards Miglior mix sonoro - Animazione Carlos Sanches e Eric Lewis Candidatura
2014 Daytime Emmy Awards Miglior mix sonoro - Animazione Eric Lewis e Carlos Sanches Candidatura
2014 Online Film & Television Association Award Miglior serie animata Vinto
2014 Online Film & Television Association Award Best Voice-Over Performance (twice) Mae Whitman For playing "Wonder Girl / Cassie Sandsmark" and Miguel Ferrer For playing "Vandal Savage" Candidatura

La serie ha anche conquistato il terzo posto (dopo My Little Pony - L'amicizia è magica e La leggenda di Korra) in un sondaggio dei lettori di TV.com per la "Miglior serie animata" del 2012[67] e il quinto posto nel 2013 anche dopo la cancellazione[68].

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati realizzati diversi fumetti all'infuori della trasmissione televisiva, espandendo così l'universo della serie in altri media[69]. I fumetti sono stati realizzati da Greg Weisman e Kevin Hopps, che fanno parte della squadra degli sceneggiatori di Young Justice. Mike Norton ha disegnato i primi quattro numeri e la cover-art dei primi sei numeri[70]. Christopher Jones ha realizzato i disegni dal numero 5 al 7. Art Baltazar e Franco Aureliani sostituirono Weisman e Hopps per i numeri 1-6, a causa degli impegni del duo con la serie televisiva[70]. Insieme a Brandon Vietti, Weisman e Hopps hanno supervisionato i numeri per il mantenimento della continuità[70]. Anche se è una serie a fumetti che possono leggere anche i bambini, è specificamente rivolta agli adolescenti[71].

La serie a fumetti si svolge in gran parte tra gli episodi della serie e spesso espande eventi solo menzionati nel cartone animato. Baltazar e Aureliani hanno confermato che gli è stato chiesto di introdurre il Joker nel fumetto per presentare il personaggio prima della sua eventuale apparizione nella serie[72].

A partire dal ventesimo numero, il fumetto è stato rinominato Young Justice: Invasion per far coincidere il titolo con quello della serie. È stata annullata nel novembre 2012, con il venticinquesimo e ultimo numero[73].

Titolo Numeri inclusi Anno ISBN
Young Justice Vol. 1 Young Justice #0-6 gennaio 2012 ISBN 978-1401233570
Young Justice Vol. 2: Training Day Young Justice #7-13 novembre 2012 ISBN 978-1401237486
Young Justice Vol. 3: Creature Features Young Justice #14-19 febbraio 2013 ISBN 978-1401238544
Young Justice Vol. 4: Invasion Young Justice: Invasion #20-25 dicembre 2013 ISBN 978-1401242886

Videogame[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2013 è stato rilasciato Young Justice: Legacy, gioco che si ambienta fra le 2 stagioni, sviluppato dalla Freedom Factory Studios e prodotto da Little Orbit per Nintendo 3DS, Windows, Playstation 3 e XBOX 360[74]. Originariamente il videogioco doveva essere pubblicato anche per console Wii e Wii U, ma è stato cancellato a causa di problemi di qualità[75]. Il gioco è stato pubblicato da Little Orbit e sviluppato da Freedom Factory Studios, e dispone di 12 personaggi giocabili e 12 cattivi.

Merchandising[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati realizzati numerosi prodotti e giocattoli basati sulla serie. La Mattel ha creato diverse action figure e playset[76]. Oltre ai giocattoli per i sei personaggi principali, sono stati confermati anche le action figure di Cheshire, Icicle Jr., Black Canary, Batman, Aquaman, Flash e Ra's al Ghul[77]. A partire dal 13 marzo 2011, la linea di ristoranti di fast food McDonald's hanno inserito negli Happy Meals alcuni personaggi come Robin, Aqualad, Kid Flash, Superboy, Superman, Batman e gli antagonisti Captain Cold e Black Manta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Ask to Greg (August 26, 2010) Suss2it Ask..., s8.org, 2 agosto 2012.
  2. ^ a b c d (EN) DC Animated Showcase: Greg Weisman Interview, Part 1, su YouTube, 30 luglio 2010.
  3. ^ (EN) Intervista a Weisman e Vieti sul sito comicbookmovie.com
  4. ^ a b Comic-Con: Brave and the Bold & Young Justice Panel sul sito Comic Vine
  5. ^ Ask to Greg (July 26, 2010) Grant Ask..., s8.org, 2 agosto 2012.
  6. ^ articolo su Young Justice su IGN
  7. ^ a b c (EN) Eric Goldman, Young Justice Returning For Season 3, su IGN, 7 novembre 2016. URL consultato il 7 novembre 2016.
  8. ^ (EN) Nellie Andreeva, DC Digital Service To Launch With ‘Titans’ Series From Greg Berlanti & Akiva Goldsman And ‘Young Justice: Outsiders’, su Deadline, 25 aprile 2017. URL consultato il 25 maggio 2017.
  9. ^ a b (EN) Eric Goldman, IGN's top 25 comic book shows of all time, su IGN, 14 dicembre 2011. URL consultato il 14 dicembre 2011.
  10. ^ (EN) NYCC 2010: Young Justice Animated, su Titanstower.com, 11 ottobre 2010. URL consultato il 3 novembre 2010.
  11. ^ (EN) James Harvey, Details For Upcoming New "Young Justice" Episodes Debuting In January 2011, su The World's Finest, 23 dicembre 2010. URL consultato il 24 dicembre 2010.
  12. ^ Greg Weisman, ASK GREG & YJ UPDATE, su Ask Greg, 29 agosto 2011. URL consultato il 13 settembre 2011.
  13. ^ a b (EN) Peter David, San Diego Con, Day 3, su PeterDavid.net, 25 luglio 2010. URL consultato il 25 luglio 2010.
  14. ^ (EN) Steve Weintraub, First Image from Cartoon Network's New Series YOUNG JUSTICE, su Collider.com, 22 aprile 2010. URL consultato il 26 luglio 2010.
  15. ^ (EN) Greg Weisman, What's in a name...?, su Ask Greg, 23 agosto 2010. URL consultato il 24 agosto 2010.
  16. ^ (EN) Eileen Cruz, Toonzone at the Cartoon Network 2010 Upfront (UPDATED 11:45 am), su Toon Zone, 21 aprile 2010. URL consultato il 9 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2012).
  17. ^ (EN) Greg Weisman, Young Justice Stats, su Ask Greg, 3 settembre 2010. URL consultato il 4 settembre 2010.
  18. ^ (EN) The World's Finest - The DC Animation Resource, worldsfinestonline.com. URL consultato il 3 luglio 2017.
  19. ^ (EN) Project List, su MOI Animation. URL consultato il 1º gennaio 2011.
  20. ^ a b c (EN) Greg Weisman, Javier asks..., su Ask Greg, 18 novembre 2010. URL consultato il 1º gennaio 2011.
  21. ^ a b (EN) Brandon Vietti, Production Update, su Brandon Vietti, 15 novembre 2010. URL consultato il 1º gennaio 2011.
  22. ^ (EN) Greg Weisman, Young Justice Pilot Movie Credits, su Ask Greg, 1º dicembre 2010. URL consultato il 4 febbraio 2011.
  23. ^ (EN) Greg Weisman, Greg responds..., su Ask Greg, 18 agosto 2010. URL consultato il 18 agosto 2010.
  24. ^ a b c Brandon Vietti, Costumes, su Brandon Vietti, 2 novembre 2010. URL consultato il 1º gennaio 2011.
  25. ^ (EN) Kevin Smith e Mark Bernardin, Fat Man on Batman #052: Paul Dini: Shadow of the Shadow of the Bat, su SoundCloud, 11 settembre 2014. URL consultato il 12 marzo 2016.
  26. ^ Greg Weisman [Greg_Weisman], “@elfaulkner84: @Greg_Weisman How much of the Young Justice was cancelled because of the huge female viewership is true?” ZERO! (Tweet), twitter.com, October 12, 2014. URL consultato il March 12, 2016.
  27. ^ (EN) Jonathan Thomas Jones, The Hip-Hop Nerd 01/28/2016: Greg Weisman!, su Stitcher, 28 gennaio 2016. URL consultato il 12 marzo 2016.
  28. ^ Greg Weisman [Greg_Weisman], RT! #YoungJustice S1 AND S2 now on Netflix! Want YJ S3? One of best things u can do is watch ALL eps over & over on Netflix. Or buy BluRays! (Tweet), twitter.com, February 1, 2016. URL consultato il March 12, 2016.
  29. ^ Mick Joest, Netflix is Currently Reviewing YOUNG JUSTICE Stats for a Potential Season 3!, su Geek Tyrant, 17 febbraio 2016. URL consultato il 12 marzo 2016.
  30. ^ ComicBook.com, Young Justice Showrunner Reveals Plans For Season 3 & Beyond, su YouTube, 27 febbraio 2016. URL consultato il 12 marzo 2016.
  31. ^ Christian Hoffer, Greg Weisman Teases Hope for Young Justice Season 3, su ComicBook.com, 3 febbraio 2016. URL consultato il 12 marzo 2016.
  32. ^ Jason Spisak [jason_spisak], Of course! #SpeedForce baby! (Tweet), twitter.com, February 18, 2016. URL consultato il March 12, 2016.
  33. ^ Eric Lopez [iamericlopez], Read that @netflix might bring back #YoungJustice for #youngjusticeseason3! Watch & tweet to #RenewYoungJustice (Tweet), twitter.com, February 19, 2016. URL consultato il March 12, 2016.
  34. ^ Khary Payton [kharypayton], I've heard absolutely nothing official, but for some reason, I have a REAL GOOD FEELING about #YoungJustice season 3!!! (Tweet), twitter.com, February 11, 2016. URL consultato il March 12, 2016.
  35. ^ Yuri Lowenthal on Twitter, twitter.com.
  36. ^ Greg Miller [GameOverGreggy], #RenewYoungJustice (Tweet), twitter.com, February 18, 2016. URL consultato il March 12, 2016. The tweet features a picture of Nolan North holding a sign labeled "Will Voice Superboy For Food".
  37. ^ Stephanie Lemelin [StephyLems], Let's do this!!! #RenewYoungJustice #GetTraught and #GetTrending ~Arty (Tweet), twitter.com, February 20, 2016. URL consultato il March 12, 2016.
  38. ^ Eric Curto, Young Justice Voice Actress Danica McKellar Joins Season 3 Campaign, su DC Comics Movie.com, 18 febbraio 2016. URL consultato il 12 marzo 2016.
  39. ^ Crispin Freeman on Twitter, twitter.com.
  40. ^ Vanessa Marshall on Twitter, twitter.com.
  41. ^ Florida Supercon, Kelly Hu Q&A at Magic City Comic Con Jan 2016, youtube.com, 16 febbraio 2016. via YouTube.
  42. ^ Jason Marsden on Twitter, twitter.com.
  43. ^ Christopher Jones, Young Justice: #KeepBingingYJ on Netflix, su Christopher Jones Art, 25 febbraio 2016. URL consultato il 12 marzo 2016.
  44. ^ Susan Eisenberg on Twitter, twitter.com.
  45. ^ Brandon Davis, Khary Payton Confirms Return As Aqualad For Young Justice Season 3, Comicbook.com, 7 febbraio 2017.
  46. ^ Phil Bourassa on Instagram, instagram.com.
  47. ^ Phil Bourassa on Instagram, instagram.com.
  48. ^ Kevin Melrose, SDCC: Young Justice: Outsiders Debuts New Character Designs, Comic Book Resources, 21 luglio 2017. URL consultato il 23 luglio 2017.
  49. ^ Young Justice DVD Pack 1, su The World's Finest. URL consultato il 14 aprile 2012.
  50. ^ Lambert, David, Young Justice – A High-Def Blu-ray Disc Release is Being Planned, Says the Studio, TVShowsOnDVD.com, 24 luglio 2014. URL consultato il 25 luglio 2014.
  51. ^ Young Justice Invasion (BD), WarnerArchive.com. URL consultato il 27 ottobre 2014.
  52. ^ James Harvey, Trade Ad, Episode Details For "Young Justice – Season One, Volume One" DVD Release, The World's Finest, 2011.
  53. ^ Young Justice: Season One V.1, su Amazon.com, 18 luglio 2011. URL consultato il 18 luglio 2011.
  54. ^ James Harvey, Initial Details Released For "Young Justice: Dangerous Secrets" Two-Disc DVD Collection, su News, The World's Finest, 2 novembre 2011. URL consultato il 2 novembre 2011.
  55. ^ James Harvey, Warner Home Video Announces "Young Justice – Season One, Volume Three" DVD, su News, The World's Finest, 5 aprile 2012. URL consultato il 1º maggio 2012.
  56. ^ (EN) Ratings Notes for Cartoon Network, Adult Swim, TBS, TNT: NCAA Basketball, ‘Conan’,’Southland’, ‘The Mentalist’, ‘Hardcore Pawn’, ‘Adventure Time’ & More - Ratings - TVbytheNumbers.Zap2it.com, su TVbytheNumbers.
  57. ^ (EN) "Young Justice" Finale Top-Rated Cartoon Network Show, "Green Lantern: The Animated Series" Cracks Top Five, su worldsfinestonline.com.
  58. ^ (EN) Warner Brothers Halts Kickstarter for Cancelled DC Fan Favorite Animated Shows, su sciencefiction.com.
  59. ^ Ava Dordi, Reviewing Young Justice, su The Paly Voice, Palo Alto High School. URL consultato il 3 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2012).
  60. ^ Conan Gets Animated, su Team Coco. URL consultato il 14 aprile 2012.
  61. ^ Flaming C Gets His Own Cartoon, teamcoco.com. URL consultato il 14 aprile 2012.
  62. ^ Josh Simpson, The Flaming C Returns To Defeat Andy Richter And His Evil Robot, su Team Coco, 21 luglio 2011. URL consultato il 14 aprile 2012.
  63. ^ Josh Simpson, The Flaming C Schools Superboy!, su Team Coco, 10 febbraio 2011. URL consultato il 14 aprile 2012.
  64. ^ Ruthie Wyatt, The Flaming C Returns To Kick Some Cat Ass, su Team Coco, 30 marzo 2011. URL consultato il 14 aprile 2012.
  65. ^ Top 10 Best Cartoons That Got Cancelled, su YouTube.
  66. ^ Series.https://www.youtube.com/watch?v=XdEoKYpFR9k
  67. ^ TV.com's Best of 2012: Best Animated Series, in TV.com, 4 gennaio 2013. URL consultato il 5 gennaio 2013.
  68. ^ TV.com's Best of 2013 – Best "Kid" Animated Series 2013, su TV.com, CBS Interactive.
  69. ^ Filmato audio Young Justice, su YouTube.
  70. ^ a b c Greg Weisman, Young Justice Comic Book, su Ask Greg, 1º dicembre 2010. URL consultato il 1º gennaio 2011.
  71. ^ Vaneta Rogers, Art and Franco Ready to say AW YEAH To YOUNG JUSTICE, Newsarama, 28 luglio 2010. URL consultato il 28 luglio 2010.
  72. ^ Erik Amaya, CCI: PRODUCERS TALK "YOUNG JUSTICE" CARTOON, Comic Book Resources, 6 agosto 2010. URL consultato il 6 agosto 2010.
  73. ^ BEYOND DC COMICS-THE NEW 52 Group Solicits, su DC Comics. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  74. ^ (EN) Young Justice: Legacy Announced, su IGN, 21 febbraio 2012.
  75. ^ Young Justice: Legacy canceled for Wii, Wii U, IGN, 28 ottobre 2013.
  76. ^ (EN) Warner Bros. Consumer Products, DC Comics and Mattel "Ring" in Intergalactic Offerings for Green Lantern, su MarketWatch, 4 luglio 2010. URL consultato il 13 agosto 2010 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2010).
  77. ^ (EN) PK, TOY FAIR 2011: DC Young Justice From Mattel, su InsidePulse.com, 13 febbraio 2011. URL consultato il 24 marzo 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]