Estranei (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Estranei
Harry (Paul Mescal) ed Adam (Andrew Scott) in una scena del film
Titolo originaleAll of Us Strangers
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneRegno Unito, Stati Uniti d'America
Anno2023
Durata105 min
Generesentimentale, fantastico, drammatico
RegiaAndrew Haigh
Soggettodal romanzo Estranei di Taichi Yamada
storia di Andrew Haigh
SceneggiaturaAndrew Haigh
ProduttoreGraham Broadbent, Peter Czernin, Sarah Harvey
Casa di produzioneFilm4 Productions, TSG Entertainment, Blueprint Pictures
Distribuzione in italianoSearchlight Pictures
FotografiaJamie D. Ramsay
MontaggioJonathan Alberts
MusicheEmilie Levienaise-Farrouch
ScenografiaSarah Finlay
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Estranei (All of Us Strangers) è un film del 2023 scritto e diretto da Andrew Haigh.

La pellicola è liberamente tratta dal romanzo omonimo di Taichi Yamada (1987), già adattato per il grande schermo da Nobuhiko Obayashi nel film The Discarnates del 1988.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Adam è uno sceneggiatore col blocco dello scrittore che vive in un nuovo condominio praticamente disabitato a nord di Londra. Una sera gli bussa alla porta Harry, un giovane vicino che si sente solo e vorrebbe trascorrere la notte in compagnia. Ma per timidezza Adam rifiuta e gli chiude la porta in faccia.

Per cercare di superare il blocco che lo affligge, Adam decide di tornare a Croydon per vedere la casa dove aveva vissuto coi genitori prima che morissero entrambi in un incidente stradale quand'aveva dodici anni. Stranamente, viene accolto in casa proprio dalla madre, identica all'ultima volta che l'aveva vista una trentina d'anni prima. Nel corso di alcune visite, Adam ricostruisce il rapporto coi genitori, aggiornandoli sulla sua vita e facendo coming out con loro. Mentre la madre inizialmente fatica ad accettare la notizia, il padre confessa di averlo sempre saputo e di averlo sentito piangere spesso di notte a causa del bullismo omofobico, ma di non aver mai avuto il coraggio di entrare in camera sua a confortarlo.

Intanto, Adam intraprende una relazione intima e appassionata con Harry, con cui condivide il senso di estraneamento e non appartenza che lo ha accompagnato per tutta la vita. Una sera Adam invita Harry a Croydon per fargli conoscere i genitori, ma la casa si presenta vuota e abbandonata. Nonostante Harry cerchi di dissuaderlo, Adam chiama i genitori ad alta voce e bussa alla finestra finché non sviene.

Al suo risveglio, Adam è in casa, amorevolmente accudito dai genitori. I due gli comunicano che quella sarà l'ultima volta che potrà rivederli e Adam, disperato, supplica di avere più tempo insieme. I genitori decidono allora di fare un'ultima cena insieme in un centro commerciale e, durante il pasto, il padre gli chiede se la loro morte è stata rapida e indolore. Adam, mentendo, afferma che entrambi sono morti sul colpo senza accorgersi di niente e mentre narra l'evento i genitori sembrano riviverlo, morendo ancora una volta.

Dopo aver perso nuovamente il padre e la madre, Adam torna a casa deciso a seguire il loro consiglio di vivere la propria vita e accettare e ricambiare l'amore di Harry. Tuttavia, entrato nell'appartamento del giovane, Adam trova il cadavere di Harry e si rende conto che l'amato si era suicidato la sera in cui lui gli aveva chiuso la porta in faccia: così come i genitori, anche l'Harry che ha frequentato era un fantasma. Il fantasma di Harry gli appare confuso e spaventato, chiedendosi come mai nessuno lo sia venuto a cercare prima. Adam lo stringe a sé e lo conforta.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 giugno 2022, a riprese già avviate, è stato annunciato che Andrew Haigh avrebbe diretto un nuovo adattamento cinematografico del libro di Yamada con Andrew Scott nella parte del protagonista e Paul Mescal in un ruolo che era stato originariamente femminile sia nel romanzo originale che nel film di Obayashi.[1][2]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film è stato pubblicato il 22 settembre 2023.[3]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in anteprima mondiale il 31 agosto 2023 in occasione del Telluride Film Festival.[4][5] Nell'autunno dello stesso anno il film è stato presentato anche nel corso del New York Film Festival e del BFI London Film Festival, prima di essere distribuito nelle sale statunitensi dal 22 dicembre dello stesso anno.[6][7] In Italia il film è stato distribuito nelle sale dal 29 febbraio 2024.[8] Inizialmente come film "6+", viene vietato ai minori di 14 anni.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha incassato globalmente 19174045 $,[9] di cui 569934  in Italia, con 83121 presenze.[10]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

L'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes riporta il 96% di recensioni positive, basato sull'opinione di 254 critici, con un punteggio medio di 8,8 su 10,[11] Metacritic un punteggio di 90 su 100 basato su 53 critiche.[12]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) John Hazelton, Mona Tabbara2022-06-30T17:30:00+01:00, Andrew Haigh sets new feature ‘Strangers’ with Andrew Scott, Paul Mescal, Claire Foy and Jamie Bell, su Screen. URL consultato il 31 agosto 2023.
  2. ^ (EN) Andrew Haigh’s new feature, Strangers, now in production, su Cineuropa - the best of european cinema, 1º luglio 2022. URL consultato il 31 agosto 2023.
  3. ^ (EN) Nick Romano September 21, 2023 at 09:00 AM EDT, Paul Mescal, Andrew Scott find love in 'All of Us Strangers' trailer, su EW.com. URL consultato il 21 settembre 2023.
  4. ^ (EN) Twitter, Instagram, Email, Facebook, Heading into its 50th edition muted but unbowed, Telluride Film Festival reveals lineup, su Los Angeles Times, 30 agosto 2023. URL consultato il 31 agosto 2023.
  5. ^ (EN) Britta DeVore, Paul Mescal and Andrew Scott Pine for One Another in New 'All of Us Strangers' Poster, su Collider, 29 agosto 2023. URL consultato il 31 agosto 2023.
  6. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, Searchlight Dates ‘All Of Us Strangers’ During Pre-Christmas Frame, su Deadline, 7 agosto 2023. URL consultato il 31 agosto 2023.
  7. ^ (EN) 61st New York Film Festival Main Slate Announced, su Film at Lincoln Center, 8 agosto 2023. URL consultato il 31 agosto 2023.
  8. ^ Redazione Il Libraio, "Estranei": in uscita a febbraio il film tratto dal romanzo di Taichi Yamada, su ilLibraio.it, 1º dicembre 2023. URL consultato il 4 dicembre 2023.
  9. ^ All of Us Strangers, su Box Office Mojo. URL consultato il 4 aprile 2024.
  10. ^ Cinetel - BoxOffice, su www.cinetel.it. URL consultato il 17 marzo 2024.
  11. ^ (EN) All of Us Strangers, su www.rottentomatoes.com. URL consultato il 4 aprile 2024.
  12. ^ (EN) All of Us Strangers, su www.metacritic.com. URL consultato il 4 aprile 2024.
  13. ^ Sky TG24, Bafta 2024, tutte le nomination. 13 a Oppenheimer, su tg24.sky.it, 18 gennaio 2024. URL consultato il 18 gennaio 2024.
  14. ^ (EN) Georg Szalai, British Independent Film Awards: ‘Rye Lane,’ ‘Scrapper,’ ‘All of Us Strangers’ Lead Nominations, su The Hollywood Reporter, 2 novembre 2023. URL consultato il 2 novembre 2023.
  15. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, Film Independent Spirit Awards Nominations: Best Feature ‘American Fiction’, ‘May December’, ‘All Of Us Strangers’, ‘Passages’, ‘Past Lives’ & ‘We Grown Now’ — Live, su Deadline, 5 dicembre 2023. URL consultato il 5 dicembre 2023.
  16. ^ (EN) Naman Ramachandran, ‘Barbie,’ ‘Oppenheimer’ Shut Out as ‘The Zone of Interest,’ ‘All of Us Strangers’ Lead London Critics’ Circle Awards, su Variety, 4 febbraio 2024. URL consultato il 5 febbraio 2024.
  17. ^ (EN) Clayton Davis, ‘Killers of the Flower Moon’ Named Best Picture by National Board of Review, Lily Gladstone and Paul Giamatti Nab Top Acting Honors, su Variety, 6 dicembre 2023. URL consultato il 6 dicembre 2023.
  18. ^ (EN) Valerie Wu, ‘Past Lives’ Wins Best Picture From National Society of Film Critics (Full Winners List), su Variety, 6 gennaio 2024. URL consultato il 7 gennaio 2024.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]