This Beautiful Fantastic

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
This Beautiful Fantastic
This Beautiful Fantastic.png
Jessica Brown Findlay e Jeremy Irvine in una scena del film
Titolo originaleThis Beautiful Fantastic
Lingua originaleInglese
Paese di produzioneRegno Unito
Anno2016
Durata92 min
Rapporto2,35:1
Generesentimentale, commedia
RegiaSimon Aboud
SceneggiaturaSimon Aboud
ProduttoreAndrea Iervolino, Monika Bacardi, Christine Alderson, Kami Naghdi
Produttore esecutivoIliane Ogilvie Thompson, Jennifer Levine, Phil Hunt, Norman Merry, Peter Hampden, Compton Ross
Casa di produzioneIpso Facto Productions, Smudge Films, Constance Media
FotografiaMike Eley
MontaggioDavid Charap
MusicheAnne Nikitin
ScenografiaAlexandra Walker
CostumiIan Fulcher
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

This Beautiful Fantastic è un film del 2016 diretto da Simon Aboud.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Bella Brown è un'eccentrica ragazza londinese che, appassionata di letteratura, lavora in una nota libreria della città sognando un giorno di scrivere e illustrare un libro per bambini. Ritrovata abbandonata nel cuore di Hyde Park da neonata, Bella è cresciuta sviluppando una serie di manie compulsive e altre fobie che l'hanno portata, tra le altre cose, a non curare minimamente il giardino sul retro della sua abitazione. La sua routine quotidiana, spesso sconnessa dal resto del mondo, è interrotta bruscamente proprio quando il padrone di casa, dando seguito alle lamentele di un suo anziano vicino, le impone di rimediare al grave stato di degrado in cui ha lasciato il giardino minacciandola di sfratto. Ad aiutare Bella a superare le sue paure e a far rivivere fiori e piante abbandonate da tempo, è lo stesso vicino di casa, Alfie Stephenson, che accetta di condividere con lei le sue conoscenze da orticoltore grazie all'intercessione del suo maggiordomo e cuoco personale Vernon, facendole quindi da mentore e fonte d'ispirazione. Nel frattempo, in libreria Bella fa la conoscenza di un inventore quasi altrettanto eccentrico, il costruttore di "animali meccanici stravaganti" Billy, tra le cui un uccello che riesce a volare alimentato dal chiaro di luna. Tra i due si svilupperà presto una forte intesa romantica.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta del secondo film di Simon Aboud, girato a Londra nell'estate del 2015.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere stato presentato in alcuni festival, tra cui al BBC First British Film Festival in Australia e al New British Film Festival Russia, entrambi tenuti da ottobre 2016,[2][3], e al Palm Springs International Film Festival a gennaio 2017,[4] il film sarà distribuito nelle sale statunitensi e online dal 10 marzo 2017.[5]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il critico di Variety Dennis Harvey, come diversi altri, sottolineò le similarità tra il personaggio protagonista del film e Amélie interpretata da Audrey Tautou nel noto film del 2001 di Jean-Pierre Jeunet, presentandolo come un'opera progettata per affascinare il cui successo dipende dalla sensibilità dello spettatore alle sdolcinatezze.[4] Il critico ha anche apprezzato le interpretazioni mettendo tuttavia in evidenza come i personaggi "monodimensionali" non abbiano richiesto particolare impegno.[4] Anche per Sheri Linden del The Hollywood Reporter il film non si distingue per le sue profondità, ma l'autore e regista, senza forzare troppo le peculiarità dei personaggi, è riuscito comunque a rappresentare una storia sulla nascita di amicizie e di amori che risulta «deliziosa».[6] Georgina Smerd di Glam Adelaide presentò la pellicola come una romantica favola moderna incentrata sulla storia di un'eccentrica ragazza che riesce a superare le sue paure grazie all'incontro con improbabili personaggi, apprezzando lo stile fotografico e la stravagante ma delicata colonna sonora, e criticando invece forzati «abbellimenti» scenografici per esaltare l'ambientazione favolistica della storia.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ali Jaafar, Simon Aboud’s ‘This Beautiful Fantastic’ Adds Jessica Brown Findlay, Tom Wilkinson & Others, in Deadline, 13 luglio 2015. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  2. ^ a b (EN) Georgina Smerd, British Film Festival Review: This Beautiful Fantastic, in Glam Adelaide, 6 novembre 2016. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  3. ^ (RU) Фантастическая любовь и где её найти – This Beautiful Fantastic (2016), in CoolConnections, 13 luglio 2015. URL consultato il 3 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2017).
  4. ^ a b c (EN) Dennis Harvey, Film Review: ‘This Beautiful Fantastic’, in Variety, 18 gennaio 2017. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  5. ^ (EN) Thom Geier, Abbie Cornish Thriller ‘Lavender’ Goes to Samuel Goldwyn, AMBI Group, in The Wrap, 26 gennaio 2017. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  6. ^ (EN) Sheri Linden, ‘This Beautiful Fantastic’: Film Review, in The Hollywood Reporter, 15 gennaio 2017. URL consultato il 3 febbraio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema