Disturbo ossessivo-compulsivo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Disturbo ossessivo-compulsivo
Pavimentazione interna 3.jpg
Evitare di calpestare le fughe di un pavimento (o al contrario farlo sempre) può essere un sintomo sia lieve sia grave di DOC
Specialità psichiatria
Eziologia Psichica
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 300.3
ICD-10 F42
MeSH D009771
MedlinePlus 000929
eMedicine 287681
Sinonimi
Nevrosi ossessiva
Disturbo ossessivo-coattivo
Sindrome ossessivo-compulsiva

Il disturbo ossessivo-compulsivo o DOC (in inglese obsessive-compulsive disorder o OCD) viene chiamato anche sindrome ossessivo-compulsiva o SOC (in inglese obsessive-compulsive syndrome o OCS). In alcuni testi è conosciuto come disturbo ossessivo-coattivo, sindrome ossessivo-coattiva o semplicemente come disturbo ossessivo e sindrome ossessiva e, prima dell'uscita della terza edizione rivisitata del Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM-III-R), come (psico)nevrosi ossessivo-compulsiva, (psico)nevrosi ossessivo-coattiva o semplicemente come (psico)nevrosi ossessiva e (psico)nevrosi coatta. In psicoanalisi è tuttora definito nevrosi ossessiva.

Tale disturbo consiste in un disordine psichiatrico che si manifesta in una gran varietà di forme, ma è principalmente caratterizzato dall'anancasmo[1], una sintomatologia costituita da pensieri ossessivi associati a compulsioni (azioni particolari o rituali da eseguire) che tentano di neutralizzare l'ossessione.

Il disturbo ossessivo-compulsivo, pur essendo classificato tra i disturbi d'ansia dal DSM-IV-TR[2], dal 2010 ICD-9-CM[3], dall'ICD-10[4] e dal Manuale Merck di diagnosi e terapia[5], è da molti considerato invece, in virtù della sua incerta rispondenza al trattamento con farmaci ansiolitici, come entità nosografica autonoma, con un definito nucleo psicopatologico, con un decorso e una sintomatologia peculiari e con dei correlati biologici che vanno a poco a poco delineandosi[6].

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

Disability-adjusted life year stimato per disturbo ossessivo-compulsivo per 100.000 abitanti nel 2004.

     nessun dato

     <45

     45–52.5

     52.5–60

     60–67.5

     67.5–75

     75–82.5

     82.5–90

     90–97.5

     97.5–105

     105–112.5

     112.5–120

     >120

Le ricerche hanno dimostrato che il DOC è molto più comune di quanto si pensasse. Circa un individuo su 50 tra adolescenti e adulti è affetto da disturbo ossessivo-compulsivo. A causa della natura molto personale di questo disordine, e anche per via della paura di essere giudicati, potrebbero esistere molte persone afflitte da DOC che lo nascondono, e la percentuale quindi potrebbe essere più alta. Si stima che il 2-3% della popolazione di molti stati ne sia affetto;[7] negli Stati Uniti pare che ne soffrano cinque milioni di individui.

I nuovi casi in un determinato anno coinvolgono circa l'1,2% della popolazione e si riscontra in tutto il mondo.[8] I sintomi esordiscano dopo l'età di trentacinque anni e la metà delle persone li sviluppa prima dei venti.[9][8] I maschi e le femmine sono colpite circa in ugual modo.[9] Spesso i sintomi si manifestano per più di un'ora al giorno.[8]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

In Europa, dal XIV al XVI secolo, si riteneva che le persone che presentavano comportamenti o pensieri ossessivi fossero posseduti dal demonio.[10] In base a queste credenze, il trattamento consisteva nel bandire il "male" dalla persona "posseduta", attraverso un esorcismo.[11][12] Nei primi anni del 1910, Sigmund Freud attribuì il comportamento ossessivo-compulsivo a conflitti inconsci che si manifestano come sintomi.[11] Freud descrive la storia clinica di un tipico caso di "fobia nel toccare" che parte dalla prima infanzia, quando la persona ha un forte desiderio di toccare un oggetto. In risposta, la persona sviluppa una "proibizione esterna" contro questo tipo di azione. Tuttavia, questo "divieto non si riesce ad abolire" il desiderio di toccare; tutto ciò che può fare è reprimere il desiderio e "forzarlo nell'inconscio".[13]

Comorbilità[modifica | modifica wikitesto]

Il DOC ha comorbilità, cioè può convivere come disturbo nella psiche del paziente con diverse patologie quali[14]: fobia sociale, attacchi di panico, depressione, disturbi dell'umore, disturbi di personalità, disturbo ossessivo-compulsivo di personalità, sindrome di Asperger, sindrome di Tourette, altri disturbi d'ansia, altre fobie (misofobia, ipocondria, agorafobia, ecc.) e patologie psichiatriche.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Il DOC è riconosciuto come un disordine psichico serotoninergico, in quanto è stato dimostrato che nei pazienti affetti da tale patologia è evidenziata una disfunzione nella trasmissione della serotonina tra i neuroni cerebrali[15].

Ciò può avere una causa esclusivamente biologica oppure essere anche accentuata da comportamenti acquisiti (i quali hanno riflesso anche nella struttura dell'SNC, se appresi come abitudini) in persone geneticamente predisposte[16].

Base genetica[modifica | modifica wikitesto]

L'origine genetica, pur presente[17], spiega solo alcuni dei casi: studi sui gemelli monozigoti hanno dimostrato, infatti, che se essi vengono separati e posti in condizioni diverse, possono non contrarre tutti il DOC ma, ad esempio, può esserne affetto solo uno dei due o più fratelli.

Ipotesi autoimmune e di connessione con la sindrome di Tourette[modifica | modifica wikitesto]

Secondo qualche studio, ancora in fase iniziale, ci potrebbe anche essere un'origine autoimmune, in seguito ad un'infezione che ha generato una malattia fisica (come in altri disturbi della sfera ansiosa). La causa potrebbe derivare dalla reazione eccessiva allo streptococco B-emolitico di gruppo A. Tale sindrome, detta PANDAS, che a volte si manifesta con la Corea di Sydenham, una manifestazione neurologica della febbre reumatica, provocherebbe invece in alcuni soggetti la predisposizione al DOC. Il DOC presenterebbe comparsa precoce, prima dei 14 anni, tic e alterazione motorie, e spesso permane anche dopo la fine dell'infezione[18].

Altri studi (Rauch, Rapoport) porterebbero a ipotizzare disfunzioni localizzate nel nucleo caudato, specialmente nei gangli della base (in quanto anche possibile causa della sindrome di Tourette che è spesso associata al DOC) e nei lobi frontali.

Sviluppo comportamentale[modifica | modifica wikitesto]

Comunque, il fatto di avere genitori o figure importanti durante l'infanzia e l'adolescenza affetti da DOC o da tratti di personalità ossessiva, influisce in modo decisivo sullo sviluppo del disturbo ossessivo-compulsivo; solitamente è determinante la predisposizione genetica, legata allo squilibrio biochimico già detto[19]. Come molti disturbi d'ansia (tra cui le fobie), che possono comparire prima, durante e dopo il DOC e le sue prime manifestazioni stabilendo un rapporto tra essi, pare che il DOC sia scatenato dall'aver avuto genitori assenti, cioè ipoprotettivi, o, soprattutto, iperprotettivi e insicuri nei confronti del mondo.

Inoltre i sintomi possono scatenarsi la prima volta o acutizzarsi, anche temporaneamente, in condizioni di stress eccessivo o a causa di uno shock emotivo o evento traumatico.

Secondo la psicoanalisi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Fasi dello sviluppo psicosessuale secondo Freud.

Per la psicoanalisi il disturbo rientra tra le varie nevrosi sviluppabili con le diverse "fissazioni" nelle varie fasi di sviluppo, specialmente nella seconda fase.[20]

Sigmund Freud ammise la difficoltà di curare la "nevrosi ossessiva" con il metodo psicoanalitico dopo averlo studiato su un suo paziente, noto negli scritti freudiani come "l'Uomo dei topi" o "l'Uomo dei ratti", un avvocato il cui vero nome era Ernst Lanzer.[20] Nella fase di sviluppo sadico-anale si possono sviluppare anche contemporaneamente, come nella scissione dell'Io, per fissazione di libido o mancanza di superamento del complesso di Edipo e regressione dalla terza fase alla seconda, varie nevrosi: una di queste è il DOC, chiamato in psicoanalisi "nevrosi ossessiva".[20] In particolare se al bambino è stata data un'educazione rigida al momento di passare al vasino, egli, come limita la funzione dell'escrezione, maturerà una personalità rigida e ordinata, spesso perfezionista.[20] Il contenuto ossessivo spesso è derivato da esperienze varie, molto spesso da trasfigurazione di aspetti infantili. Nel caso dell'Edipo non risolto, il paziente teme di uccidere il padre e aggredire sessualmente la madre (o di ucciderla) e poi autocastrarsi per punizione (la tipica situazione edipica, dove Edipo si castra simbolicamente, accecandosi).[20] Ci sono molti esempi (paura della propria sessualità che viene vissuta a volte come ribellione e a volte con senso di colpa, paura dello sporco, pensiero magico, coazioni/compulsioni varie; Freud li paragona ai rituali della religione, in quanto entrambi servono ad ottenere il perdono e la benevolenza di un'autorità superiore amata ed odiata, ossia del genitore umano e divino), che emergono dall'analisi, e compito dell'analista è identificarli tramite i sogni e il dialogo aperto col nevrotico, sublimare il tutto e liberare i traumi e la libido fissata. Talvolta anche la psicoterapia può integrare l'analisi classica freudiana.[20]

Altre cause[modifica | modifica wikitesto]

L'ipotesi di un deficit nutrizionale a carico di alcuni nutrienti, come l'avitaminosi[21], in alcune forme di DOC è tuttora discussa, così come l'influenza ormonale, specie derivante da malattie endocrine come l'ipotiroidismo o l'ipertiroidismo.[22] Taluni sintomi ossessivo-compulsivi o la presenza della malattia (o di altri disturbi mentali) sono stati evidenziati anche in soggetti affetti da celiachia (difetto di assorbimento delle vitamine nei villi intestinali, dovuto all'intolleranza al glutine dei cereali).[23] Anche la carenza di magnesio che causa ipocalcemia e spasmofilia può dare origine a sintomi ansiosi e ossessivi.[24]

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

Considerazioni generali[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il DSM-IV, il DOC è caratterizzato da sintomi ossessivi e/o compulsivi che siano fonte di marcata sofferenza per il paziente, comportino spreco di tempo (più di un'ora al giorno) e interferiscano con le normali attività quotidiane.

Il disturbo viene riconosciuto come tale solo se compromette il normale ritmo delle attività quotidiane e il funzionamento sociale e lavorativo del soggetto e se non può essere meglio giustificato da altri disturbi d'ansia o da malattie psichiatriche dovute a condizioni mediche generali.

Affinché venga diagnosticato un disturbo ossessivo-compulsivo devono essere presenti o soltanto ossessioni, oppure ossessioni e compulsioni[25].

Definizione di "ossessione"[modifica | modifica wikitesto]

  • Pensieri, dubbi, immagini o impulsi ricorrenti e persistenti che affliggono l'individuo e che da questo vengono percepite come invasive e inappropriate (o comunque fastidiose) e che provocano una marcata sofferenza. La differenza con i disordini della personalità risiede proprio in questo fatto: mentre nel DOC le ossessioni sono avvertite come intrusive, nel disturbo ossessivo-compulsivo di personalità (o OCPD) hanno carattere egosintonico.
  • L'individuo si rende conto che i pensieri, le immagini o gli impulsi sono frutto della propria mente. Se le ossessioni venissero ritenute reali, allora si cadrebbe nel campo della schizofrenia (cfr. "disturbo schizotipico di personalità" che, a volte, è connesso col DOC). Tuttavia, nei rari casi di scarso o nullo insight (consapevolezza) in pazienti con OCD, si usa solitamente il termine di psicosi ossessivo-compulsiva[26], tenendo separata la diagnosi di schizofrenia, entità patologica di origine diversa. Nel caso di presenza di deliri e sintomi psicotici che inducano la persona affetta da DOC a ritenere sensate le proprie ossessioni, anche per lungo tempo e in assenza di ansia, occorre un intervento terapeutico più massiccio.[27]
  • L'individuo tenta (inutilmente) di ignorare o sopprimere tali pensieri, immagini o impulsi, o di neutralizzarli (altrettanto inutilmente) con altri pensieri e comportamenti ("compulsioni", in alcuni testi chiamati anche "psichismo da difesa"[28] e più anticamente "coazioni").

Definizione di "compulsione"[modifica | modifica wikitesto]

  • Comportamenti o azioni mentali ripetitivi che l'individuo si sente obbligato a eseguire, come una sorta di rituale stereotipato (che può servire a "riparare" un "danno" oppure a diminuire l'ansia causata da un pensiero), per difendersi da una certa ossessione.
  • I comportamenti o le azioni mentali sono mirate a combattere le ossessioni; spesso questi comportamenti o queste azioni mentali sono chiaramente eccessivi e/o non sembrano, da parte di un osservatore esterno, essere realmente connessi con l'ossessione che cercano di neutralizzare.
  • Le compulsioni possono riguardare diverse tematiche come la contaminazione, il perfezionismo, l'ordine, il controllo.

Sintomi e manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Rituali anancastici[modifica | modifica wikitesto]

Lavarsi le mani frequentemente è uno dei rituali ossessivo-compulsivo.

Il paziente affetto da DOC non si lamenta in particolare dell'ansia, ma piuttosto delle ossessioni e delle coazioni. L'ansia si manifesta solamente se si interferisce nei rituali messi in atto per difendersi dalle ossessioni. Le ossessioni sono idee e pensieri cui il malato non può smettere di pensare. Comuni ossessioni includono la paura di provare disagio, di essere feriti o di causare dolore a qualcun altro. Le ossessioni sono tipicamente automatiche, frequenti e difficili da controllare o da eliminare di per sé.

Le compulsioni si riferiscono ad azioni eseguite dalla persona, normalmente in modo ripetitivo, al fine di opporsi (inutilmente) al pensiero o ai pensieri ossessivi. Nella maggior parte dei casi questo comportamento diventa talmente regolare che l'individuo non lo ritiene un problema degno di nota. Le comuni compulsioni includono, in modo eccessivo, comportamenti come il lavarsi, il controllare, toccare, contare o sistemare e ordinare; altre possono essere comportamenti rituali che l'individuo esegue in quanto convinto che abbasseranno le probabilità che una ossessione si manifesti. Le compulsioni possono essere osservabili (come il lavarsi le mani), ma possono anche essere riti mentali come la ripetizione di parole e frasi o il conto.

Per gli altri, questi rituali, detti rituali anancastici, appaiono strani e non necessari, ma per l'individuo tali azioni sono profondamente importanti e devono essere eseguite in particolari modi per evitare conseguenze negative e per impedire all'ansia di prendere il sopravvento. Esempi di queste azioni sono:

  • controllare ripetutamente che la macchina parcheggiata sia ben chiusa a chiave prima di lasciarla;
  • accendere e spegnere le luci un certo numero di volte prima di uscire da una stanza;
  • salire una scala o entrare in una stanza sempre e solo con un determinato piede, ad esempio il destro;
  • alzare e abbassare continuamente il volume di una radio o del televisore perché si è convinti che nessuna intensità sia adatta;
  • lavarsi reiteratamente le mani a intervalli regolari durante il giorno o non riuscire a smettere di lavarsele una volta insaponate.

I sintomi esatti possono includere, più specificamente, tutti o solo alcuni dei seguenti[26]:

  • la ripetizione continua di azioni "riparatrici" (lavarsi le mani);
  • un sistema di conto specifico (contare in gruppi di quattro, sistemare le cose in gruppi di tre, sistemare gli oggetti in insiemi pari o dispari);
  • controlli protratti e ripetuti, volti a riparare o prevenire gravi disgrazie o incidenti;
  • impostare limiti specifici ad azioni in corso, ad esempio raggiungere la propria auto compiendo esattamente dodici passi;
  • allineare perfettamente gli oggetti nel loro insieme, in angolazioni perfette (questo sintomo si ha anche nel disordine della personalità e può essere confuso con questa condizione);
  • puntare lo sguardo o gli oggetti in direzione degli angoli della stanza;
  • in pavimentazioni composite, evitare il calpestio delle fughe di separazione, ossia poggiare il piede solo al centro delle piastrelle;
  • voler "provare" o ripetere mentalmente e continuamente l'amore per il partner (DOC da relazione), o l'attrazione per il sesso opposto (DOC omosessuale, evitando al contempo situazioni con persone dello stesso sesso) o le persone adulte (DOC pedofilo, in cui si tende anche ad evitare ogni contatto con bambini, avendo l'ossessione infondata di essere pedofili);
  • ricerca di simmetria (calpestare un pezzo di carta con il piede sinistro può indurre il bisogno di calpestarne un altro con il piede destro, o di tornare indietro e pestarlo nuovamente);
  • paura di contaminazione fisica (come la paura delle secrezioni del corpo umano quali saliva, sudore, lacrime, muco, urina e feci: alcuni casi di DOC hanno anche dimostrato la paura che il sapone che viene usato dal soggetto per detergersi, sia esso stesso contaminato), o anche metafisica (contaminazione da pensiero);
  • paura ossessiva delle malattie (cfr. ipocondria);
  • sostituire i "cattivi pensieri" con "buoni pensieri" (la visione di un bambino malato può costringere a pensare ad un bambino che gioca felice); ricerca della "giusta sensazione";
  • superstizione eccessiva o pensiero "magico": nel caso di persone molto credenti prende la forma del cosiddetto "DOC religioso" ovvero uno scrupolo eccessivo nel seguire ogni dettame della propria fede o ripetere mentalmente preghiere, mentre in persone mediamente credenti o non religiose sono messi in atto comportamenti scaramantici e ritualizzati in maniera magica e precisa, che la persona, in genere, mette in atto solo quando è in ansia a causa di eventi che considera nefasti, mentre quando è in fase di calma spesso li considera esagerati o assurdi. Il paziente è convinto che questi rituali preservino da sfortune o "riparino" ad errori compiuti. Inoltre tende ad evitare numeri od oggetti che ritiene portino sfortuna;[29]
  • DOC da accumulo: il paziente colleziona enormi quantità di oggetti inutili e non riesce a disfarsene.

Molte delle ossessioni e compulsioni relative sono come visto di tipo dubitativo: dal timore di non aver eseguito correttamente atti comuni della vita quotidiana (ad esempio chiudere il gas, la luce elettrica, l'acqua, ecc.) a preoccupazioni morali, esistenziali, religiose. Nel primo caso le ossessioni sono spesso associate a rituali di controllo, nel secondo si manifestano in forma isolata, compulsioni mentali e "riparazioni".[26]

Sono ossessioni dubitative anche il timore di commettere atti aggressivi verso sé o gli altri (ferire, uccidere, violentare, bestemmiare, suicidarsi, impazzire, ecc.); queste forme si associano all'evitamento di situazioni che vengono ritenute "rischiose" dal paziente, come coltelli o altri oggetti offensivi, guidare l'automobile, affacciarsi alla finestra, entrare nei luoghi di culto religioso, tenere in braccio il proprio bambino e molti altri, o si collegano a rimuginazioni eccessive e ricerca del "sintomo" o della spia che indicherebbe tali pericoli (ad esempio, ritenere un'immagine mentale, in realtà innocua, come il preludio ad una malattia psichica più grave o il segno della propria tendenza omicida, con notevole aumento dell'ansia).[26]

Ci sono molti altri sintomi. Tutti possono portare ad evitare le situazioni di "pericolo" o disagio e quindi influire sulla vita del soggetto che ne è affetto, attraverso gli evitamenti in misura pari ai sintomi stessi. È importante ricordare che possedere qualcuno dei sintomi elencati non è un segno assoluto di DOC e viceversa, e che la diagnosi di DOC deve essere fatta da uno psichiatra per essere certi di soffrire di questo disturbo.

Anche se il paziente è convinto che i rituali siano solo un effetto del disturbo non riesce comunque ad ignorarli. Considerato che quasi tutti gli individui che soffrono di DOC sono consci del fatto che tali pensieri e comportamenti non sono razionali e che, pur lottando contro di essi con tutte le proprie forze razionali (e spesso vergognandosi della propria condizione e non parlandone con altri tranne gli stretti famigliari, fino a sentirsi colpevolizzati[30]), non riescono in alcun modo a liberarsene, i casi non trattati, o trattati non adeguatamente, di DOC costituiscono uno dei più frustranti e irritanti disordini da ansia. I pazienti con DOC possono avere notevoli difficoltà nella vita quotidiana, famigliare e relazionale, problemi lavorativi (quali disoccupazione, perdita del lavoro, sotto-occupazione) e problemi di studio (pur avendo spesso un'intelligenza superiore alla media). Spesso le persone con DOC impiegano molto più tempo a diplomarsi o laurearsi, o rinunciano; nel lavoro svolgono spesso mansioni di bassa responsabilità, e raramente questa invalidità viene riconosciuta a livello legale. Il disturbo, se non prontamente curato, riduce le possibilità di realizzazione sociale ed esistenziale del paziente (specie se presente in comorbilità con altre patologie psicologiche o fisiche), riflettendosi negativamente anche sulla qualità e sulla durata delle relazioni affettive (il 50% dei pazienti non è in grado di mantenere un rapporto di coppia).[31]

Altre manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Talvolta il paziente presenta una depressione agitata non riconosciuta che inasprisce la sua sintomatologia ossessivo-compulsiva e uno stato simile alla tensione meditativa.

In considerazione del fatto che spesso il paziente ossessivo-compulsivo si impone una severa morale ed è fortemente preoccupato della contaminazione, la sessualità è spesso ostacolata o, comunque, fortemente caricata e conflittuale.

Decorso[modifica | modifica wikitesto]

In assenza di terapia appropriata vi sono quattro tipi di decorso[19]:

  • episodico: con sintomi presenti solo in alcuni periodi della vita di una persona, o anche un solo episodio in tutta una vita. In alcuni casi può non essere nemmeno diagnosticato un disturbo;
  • cronico fluttuante: i sintomi sono scostanti nel tempo, con miglioramenti e peggioramenti, tuttavia non scompaiono mai completamente, a seconda del livello generale dello stress;
  • cronico stabile: i sintomi si manifestano in maniera graduale ma, poi, rimangono stabili nel tempo;
  • cronico ingravescente: è il più grave e comune. Generalmente i sintomi iniziano in modo graduale; vi sono periodi di peggioramento e periodi di stabilità, seguiti da nuovi peggioramenti.

Con la terapia si possono far scomparire i sintomi oppure farli regredire ad uno stadio più lieve, che si manifesta come un DOC con decorso più leggero (e soprattutto stabile). Il Disturbo ossessivo-compulsivo in sé non pregiudica l'intelligenza del soggetto ma solo il suo comportamento. Le persone affette hanno in genere un quoziente intellettivo più alto della media degli altri individui.[32]

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Generalità[modifica | modifica wikitesto]

Il DOC è tradizionalmente considerato un disturbo a decorso cronico e invalidante, spesso refrattario ad ogni tipo di intervento terapeutico[33] (in particolare quando la malattia giunge al trattamento in soggetti con oltre i 35 anni di età[34]). Bisogna anche dire, però, che oggi la prognosi è sicuramente migliorata in quanto l'approccio terapeutico al disturbo è radicalmente mutato: la psicoanalisi classica non è più considerata la cura-tipo per questi pazienti, mentre risultano attualmente di prima scelta forme differenti di trattamento, più efficaci e applicabili su scala più ampia[35]. Tra queste, in particolare, la farmacoterapia e la psicoterapia cognitivo-comportamentale hanno messo a punto sia dei protocolli specifici di intervento per il DOC, sia delle metodiche di valutazione dei risultati che consentono una verifica clinica e sperimentale[35].

Farmacoterapia[modifica | modifica wikitesto]

Un blister di pastiglie di clomipramina con il nome commerciale di "Anafranil".

Prima dell'avvento della clomipramina, l'accostamento psicofarmacologico al disturbo ossessivo-compulsivo era risultato deludente. In pratica, si era affermata l'efficacia di qualsiasi agente in questa situazione. La ragione di questa peculiarità risiede nel fatto che la sintomatologia del DOC è spesso fortemente inasprita dal sopravvenire di una "depressione agitata" non riconosciuta. In virtù di ciò, capita che si produca una notevole accentuazione delle compulsioni nel paziente (tanto è vero che il diagnostico può erroneamente considerare tale inasprimento come la questione psicopatologica centrale, tralasciando così il disordine dell'"affettività di base") e quindi tutto quanto può alleviarla o guarirla, come per esempio le fenotiazine o gli antidepressivi triciclici, riduce la sintomatologia coattiva acuta. Tuttavia, il paziente non torna altro che alla dominante ossessiva di base[36].

Successivi rapporti hanno invece dimostrato che la clomipramina ha un valore specifico negli stati ossessivo-compulsivi al di là del suo effetto antidepressivo[37]. E che questa azione anti ossessiva è presente anche negli SSRI (Selective Serotonin Reuptake Inhibitors, lett. "inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina", detti anche antidepressivi di nuova generazione o atipici)[38], in particolare fluoxetina, fluvoxamina, paroxetina e sertralina[39], se usati a dosaggi vicini o uguali a quelli massimali[19] (es. 60 mg/die per la fluoxetina, 300 mg/die per la fluvoxamina, 60 mg/die per la paroxetina e 200 mg/die per la sertralina[39]). Il tempo di latenza dell'effetto antiossessivo degli SSRI è di circa dieci/dodici settimane contro le tre o quattro di quello antidepressivo[19]. La percentuale di non-responder a questo tipo di trattamento è di circa il 30-40%[19].

Formula chimica di una molecola di fluoxetina, un SSRI che può essere usato nel trattamento del disturbo ossessivo-compulsivo.

Non è ancora accertato invece se l'efficacia degli SSRI nei disturbi ossessivo-compulsivi sia maggiore delle benzodiazepine (o più in generale di tutto il gruppo degli ansiolitici, anche non benzodiazepinici) per cui spesso vengono prescritti in abbinamento[39][40]. Alcuni autori sconsigliano però il loro uso in quanto, pur dando un'attenuazione dell'ansia, creano altresì dipendenza e tolleranza e ostacolano la psicoterapia cognitivo-comportamentale[19]. Secondo alcuni autori, l'associazione dell'ansiolitico non benzodiazepinico buspirone agli SSRI può aiutare i pazienti affetti da DOC ad affrontare con maggiore successo la terapia cognitivo-comportamentale alleviando le resistenze ansiose.[41] Sono utilizzabili secondo alcuni studi anche il triptofano o, nel DOC resistente, gli inibitori della ricaptazione della noradrelina.[41]

L'associazione di SSRI con antipsicotici incisivi quali l'aloperidolo e il clopentixolo (e anche quella con i neurolettici atipici di seconda generazione, quali il risperidone, l'olanzapina e la quetiapina), sostenuta da alcuni psichiatri[34], non è di solito considerata una pratica razionale tranne che in presenza di DOC di notevole gravità, spesso con personalità borderline, a esordio precoce[42] oppure in quei pazienti affetti anche da un disturbo da tic[19]. In caso di DOC in comorbilità con il disturbo bipolare, è possibile l'utilizzo dei sali di litio.[26]

Gli interventi di psicochirurgia e l'elettroshock sono considerati poco utili, venendo riservati a pochissimi casi. Alcuni pazienti hanno tratto giovamento dalla stimolazione elettrica profonda.[43][44][45][46]

Terapie sperimentali in fase di sviluppo studiano invece l'utilizzo di vitamine e zuccheri particolari (inositolo) [47][48]. Il myo-inositolo (poliolo carbociclico presente in cereali, noci, meloni e aranci) somministrato come farmaco in studi a doppio cieco è risultato efficace nel trattamento del DOC. La sua efficacia sarebbe equiparabile a quella degli SSRI ed è virtualmente privo di effetti collaterali.[49] Tuttavia la quantità impiegata era di 18 grammi al giorno per 6 settimane non vi sono ancora studi sui possibili effetti per periodi più prolungati.

In casi di DOC secondario ad altri disturbi, come le carenze o la celiachia, andrà primariamente curato il disturbo originario.

Altre sperimentazioni cliniche riguardano la somministrazione di oppioidi[50] (quali l'idrocodone, solitamente usato come antidolorofico) e di sostanze che riducono il neutrasmettitore glutammato, come il riluzolo.[51]

Alcuni studi sperimentali indicano anche un'efficacia dei cannabinoidi (sostanze presenti nella pianta della Cannabis e nelle droghe leggere da essa derivate) nel DOC e in vari disturbi d'ansia, sotto controllo medico.[52][53]

Psicoterapia cognitivo-comportamentale[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ambito della psicoterapia comportamentale si utilizza in particolare la tecnica di esposizione e prevenzione della risposta ma anche quelle di arresto (sospensione) dei pensieri, imitazione di modelli, desensibilizzazione sistematica e intenzione paradossale[54].

La psicoterapia cognitiva per questo disturbo invece centra la sua attenzione sulla modificazione in particolare dei seguenti processi di pensiero automatici e disfunzionali: eccessivo senso di responsabilità, eccessiva importanza attribuita ai pensieri, sovrastima della possibilità di controllare i propri pensieri e sovrastima della pericolosità dell'ansia[19].

Prognosi[modifica | modifica wikitesto]

Interventi psicologici, come la terapia comportamentale e la terapia cognitivo-comportamentale, così come il trattamento farmacologico, possono portare a una riduzione dei sintomi del disturbo ossessivo-compulsivi in un certo numero di pazienti. Tuttavia, i sintomi possono persistere a livelli moderati, anche a seguito di cicli di trattamento adeguati.[55]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cf. Anancasmo - Nuovi Dizionari Online Simone - Dizionario di Scienze Psicologiche.
  2. ^ (EN) DSM-IV & DSM-IV-TR, 300.3 Obsessive Compulsive Disorder (OCD).
  3. ^ (EN) OMS, 2010 ICD-9-CM, 300.3 Obsessive-compulsive disorders.
  4. ^ (EN) OMS, ICD-10, F42 Obsessive-compulsive disorder.
  5. ^ MSD, Manuale Merck di diagnosi e terapia, Disturbo ossessivo compulsivo.
  6. ^ Cf. Dizionario Simone online.
  7. ^ WK Goodman, DE Grice, KA Lapidus e BJ Coffey, Obsessive-compulsive disorder., in The Psychiatric clinics of North America, vol. 37, nº 3, September 2014, pp. 257–67, DOI:10.1016/j.psc.2014.06.004, PMID 25150561.
  8. ^ a b c Diagnostic and statistical manual of mental disorders : DSM-5, 5ª ed., Washington, American Psychiatric Publishing, 2013, pp. 237–242, ISBN 978-0-89042-555-8.
  9. ^ a b What is Obsessive-Compulsive Disorder (OCD)?, nimh.nih.gov. URL consultato il 27 maggio 2015.
  10. ^ Aardema F., O'Connor, The menace within: obsessions and the self, in International Journal of Cognitive Therapy, vol. 21, 2007, pp. 182–197.
  11. ^ a b M. A. Jenike; Baer, L.; & W. E. Minichiello. Obsessive Compulsive Disorders: Theory and Management. Littleton, MA: PSG Publishing, 1986.
  12. ^ Berrios G E, Obsessive Compulsive Disorder: Its conceptual history in France during the 19th Century, in Comprehensive Psychiatry, vol. 30, 1989, pp. 283–95, DOI:10.1016/0010-440x(89)90052-7.
  13. ^ Freud S, Totem and Taboo:Some Points of Agreement between the Mental Lives of Savages and Neurotics, trans. Strachey, New York, W. W. Norton & Company, 1950, ISBN 0-393-00143-1. p. 29.
  14. ^ P. Vaschetto; S. Bellino; S. Colla; F. Bogetto. Disturbo Ossessivo-Compulsivo e Disturbi Fobici: comorbilità e codiagnosi di Asse II, Giornale Italiano di Psicopatologia.
  15. ^ Finenberg e Montgomery, 1992.
  16. ^ Gerald C. Davinson e John M. Neale. Psicologia Clinica. 2ª ed. Bologna, Zanichelli, 2000.
  17. ^ Salute, scoperto gene alla base del disturbo ossessivo-compulsivo
  18. ^ Pandas.
  19. ^ a b c d e f g h Gabriele Melli. Vincere le ossessioni. 2ª ed. Salerno, Editore Ecomind, 2006. ISBN 978-88-87795-18-9.
  20. ^ a b c d e f La nevrosi ossessiva
  21. ^ Camfield DA, Sarris J, Berk M, Nutraceuticals in the treatment of obsessive compulsive disorder (OCD): a review of mechanistic and clinical evidence, in Progress in neuro-psychopharmacology & biological psychiatry, vol. 35, nº 4, 1º giugno 2011, pp. 887–95, DOI:10.1016/j.pnpbp.2011.02.011, PMID 21352883.
  22. ^ [1]
  23. ^ Sharma TR, Kline DB, Shreeve DF, Hartman DW, Psychiatric comorbidities in patients with celiac disease: Is there any concrete biological association?
  24. ^ Battisti E., Albanese A., Bianciardi L., Rigato M., Piazza E., Capperucci C., Giordano N., La spasmofilia: patologia poco conosciuta, Centro TAMMEF- Università degli Studi di Siena.
  25. ^ K. Carter. PSYC 210 lecture, 14 febbraio 2006.
  26. ^ a b c d e Salvatore Anello, Disturbo ossessivo-compulsivo
  27. ^ Altri disturbi - AIDOC
  28. ^ Umberto Galimberti. Lemma "Psichismo da difesa", in Dizionario di psicologia. Torino, UTET, 1992. p. 709. ISBN 88-02-04613-1.
  29. ^ AIDOC Cosa è il DOC
  30. ^ IL PAZIENTE OSSESSIVO: RAPPRESENTAZIONI RELATIVE ALL'INTERVENTO DI AIUTO E IMPASSE TERAPEUTICHE
  31. ^ Disturbo Ossessivo Compulsivo – Cosa è, Sintomi, Causa e Cura
  32. ^ (EN) Bradley S. Peterson, Daniel S. Pine, Patricia Cohen e Judith S. Brook, Prospective, longitudinal study of tic, obsessive-compulsive, and attention-deficit/hyperactivity disorders in an epidemiological sample, in Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry, vol. 40, nº 6, giugno 2001, pp. 685-695, DOI:10.1097/00004583-200106000-00014, PMID 11392347. (archiviato il 28 aprile 2016).
  33. ^ Cesare Bellantuomo; Mirella Ruggeri; Marco Piccinelli. Parte seconda - Cap. 8. Gli psicofarmaci nella terapia delle sindromi ansiose, in Cesare Bellantuomo e Michele Tansella. Gli psicofarmaci nella pratica terapeutica. 3ª ed. Roma, Il Pensiero Scientifico Editore (collana "Temi di neurologia, psicologia e psicopatologia"), 1993. ISBN 88-7002-576-4.
  34. ^ a b Carlo Lorenzo Cazzullo. Vol. 2 - Cap. 1 Nevrosi e psiconevrosi - Par. 1.7. Nevrosi ossessivo-compulsiva (NOC) o psiconevrosi ossessiva, in Trattato di psichiatria. Roma, Micarelli, 1993. p. 521.
  35. ^ a b Luigi Ravizza; Filippo Bogetto; Giuseppe Maina. Il disturbo ossessivo-compulsivo. 1ª ed. Milano, Masson, 1997. ISBN 88-214-2341-7.
  36. ^ Donald F. Klein. Cap. 4 Disordini sessuali e rispettivi farmaci - Par. Sindromi con sintomi di ansia - Sez. Disordine ossessivo-coattivo, in Helen Kaplan (a cura di). Come curare le fobie sessuali. Studi Bompiani. pp. 96-97.
  37. ^ Cesare Bellantuomo; Mirella Ruggeri; Marco Piccinelli. Parte seconda - Cap. 8. Gli psicofarmaci nella terapia delle sindromi ansiose, op cit., p. 272.
  38. ^ Cesare Bellantuomo; Mirella Ruggeri; Marco Piccinelli. Parte seconda - Cap. 8. Gli psicofarmaci nella terapia delle sindromi ansiose, op. cit., pp. 315-316.
  39. ^ a b c Agenzia Italiana del Farmaco. Cap. 5. Psichiatria - Par. Ansia Cronica, in Guida all'uso dei farmaci sulla base del British National Formulary. 5ª ed. Milano, Elsevier, 2008. pp. 87-88. ISBN 978-88-214-3142-5.
  40. ^ Cesare Bellantuomo; Mirella Ruggeri; Marco Piccinelli. Parte seconda - Cap. 8. Gli psicofarmaci nella terapia delle sindromi ansiose, op. cit., p. 273.
  41. ^ a b Bruno Pacciardi, Il disturbo ossessivo compulsivo resistente, le opzioni per il trattamento
  42. ^ Cesare Bellantuomo; Mirella Ruggeri; Marco Piccinelli. Parte seconda - Cap. 8. Gli psicofarmaci nella terapia delle sindromi ansiose, op. cit., p. 316.
  43. ^ Cybulska Eva M, Obsessive Compulsive disorder, the brain and electroconvulsive therapy, in British Journal of Hospital Medicine, vol. 67, nº 2, 2006, pp. 77–82, DOI:10.12968/hmed.2006.67.2.20466.
  44. ^ Barlow, D. H. and V. M. Durand. Essentials of Abnormal Psychology. California: Thomson Wadsworth, 2006.
  45. ^ Barlas S, FDA Approves Pioneering Treatment for Obsessive- Compulsive Disorder, in Psychiatric Times, vol. 26, nº 4, 8 aprile 2009.
  46. ^ Surgical Procedures for Obsessive–Compulsive Disorder, by M. Jahn and M. Williams, Ph.D,. BrainPhysics OCD Resource, Accessed 6 July 2008.
  47. ^ Camfield DA, Sarris J, Berk M, Nutraceuticals in the treatment of obsessive compulsive disorder (OCD): a review of mechanistic and clinical evidence, in Progress in neuro-psychopharmacology & biological psychiatry, vol. 35, nº 4, 1º giugno 2011, pp. 887–95, DOI:10.1016/j.pnpbp.2011.02.011, PMID 21352883.
  48. ^ Lakhan SE, Vieira KF, Nutritional therapies for mental disorders, in Nutr J, vol. 7, 2008, p. 2, DOI:10.1186/1475-2891-7-2, PMC 2248201, PMID 18208598.
  49. ^ Fux M, Levine J, Aviv A, Belmaker RH, Inositol treatment of obsessive-compulsive disorder, in American Journal of Psychiatry, vol. 153, nº 9, 1996, pp. 1219–21, PMID 8780431.
  50. ^ Davidson J, Bjorgvinsson T, Current and potential pharmacological treatments for obsessive-compulsive disorder, in Expert Opinion on Investigational Drugs, vol. 12, nº 6, June 2003, pp. 993–1001, DOI:10.1517/13543784.12.6.993, PMID 12783603.
  51. ^ Wu K, Hanna GL, Rosenberg DR, Arnold PD (2012). "The role of glutamate signaling in the pathogenesis and treatment of obsessive–compulsive disorder". Pharmacology Biochemistry and Behavior 100 (4): 726–735.
  52. ^ Cannabis e disturbi ossessivo-compulsivi e d'ansia
  53. ^ Schindler F, Anghelescu I, Regen F, Jockers-Scherubl M., Improvement in refractory obsessive compulsive disorder with dronabinol. Am J Psychiatry. 2008 Apr;165(4):536-7
  54. ^ Laurent Samuel. Ossessioni, in Come risolvere da soli i problemi psicologici. 1ª ed. Milano, R.C.S. Libri & Grandi Opere, 1993. pp. 140-141. ISBN 88-454-0603-2 (pubblicato nel periodico mensile "Tascabili Sonzogno" - Anno V - Numero 67).
  55. ^ Eddy KT, Dutra L, Bradley R, Westen D, A multidimensional meta-analysis of psychotherapy and pharmacotherapy for obsessive-compulsive disorder, in Clin Psychol Rev, vol. 24, nº 8, 2004, pp. 1011–30, DOI:10.1016/j.cpr.2004.08.004, PMID 15533282.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Monografie[modifica | modifica wikitesto]

  • Gabriele Melli. Vincere le ossessioni. 3ª ed. Firenze, Editore Eclipsi, 2011. ISBN 978-88-89627-15-0.
  • Davide Dettore. Il disturbo ossessivo-compulsivo. 2ª ed. Milano, Mc Graw-Hill Companies, 2003.
  • Paolo Pancheri. Ossessioni, compulsioni e continuum ossessivo. Roma, Il Pensiero Scientifico Editore, 1992.
  • Judith L. Rapoport. Il ragazzo che si lavava in continuazione e altri disturbi ossessivi. Torino, Bollati Boringhieri, 1994
  • Luigi Ravizza; Filippo Bogetto; Giuseppe Maina. Il disturbo ossessivo-compulsivo. 1ª ed. Milano, Masson, 1997. ISBN 88-214-2341-7.
  • Tortora Pato e Zohar. Terapia dei disturbi ossessivo-compulsivi. Roma, Il Pensiero Scientifico Editore.
  • R.P. Swinson; M.M. Antony; S. Rachman; M.A. Richter. Obsessive-compulsive disorder. (in inglese) 1998.
  • Jeffrey M. Schwartz con Beverly Beyette. Il cervello bloccato Longanesi, 1997 ISBN 88-304-1419-0
  • Lee Baer. Come raggiungere la padronanza e il controllo di sé Editore Bompiani, 2002 ISBN 8845251039, 9788845251030
  • Alain Sauteraud. Non riesco a fare a meno di... verificare, contare, lavare, controllare. Come riconoscere e liberarsi dalle ossessioni, manie, fissazioni e compulsioni Editore TEA, 2006 ISBN 8850204531, 9788850204533
  • Susanne Fricke, Iver Hand. Avrò chiuso la porta di casa? Affrontare le proprie ossessioni Editore Centro Studi Erickson, 2007 ISBN 8861370233, 9788861370234

Psichiatria generale[modifica | modifica wikitesto]

  • American Psychiatric Association (a cura di). DSM-IV - Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali. Milano, Masson.
  • Giovanni Battista Cassano; Paolo Pancheri; Luigi Pavan (a cura di). Trattato italiano di psichiatria. Milano, Masson, 2002.
  • Carlo Lorenzo Cazzullo. Vol. 2 - Cap. 1 Nevrosi e psiconevrosi - Par. 1.7. Nevrosi ossessivo-compulsiva (NOC) o psiconevrosi ossessiva, in Trattato di psichiatria. Roma, Micarelli, 1993. pp. 506–521.
  • H. Ey; P. Bernard; Ch. Brisset. Manuale di psichiatria. 4ª ed. Milano, Masson.
  • P. Sarteschi e C. Maggini. Manuale di psichiatria. Bologna, SDM, 1989.

Farmacoterapia[modifica | modifica wikitesto]

  • Agenzia Italiana del Farmaco. Cap. 5. Psichiatria - Par. Ansia Cronica, in Guida all'uso dei farmaci sulla base del British National Formulary. 5ª ed. Milano, Elsevier, 2008. pp. 87–88. ISBN 978-88-214-3142-5.
  • S. Caccia; T. Cottatellucci; R. Samanin; B. Saraceno (a cura di). Tavole degli psicofarmaci. 2ª ed. Ciba-Geigy Edizioni, 1989. ISBN 88-7645-070-X.
  • Cesare Bellantuomo; Mirella Ruggeri; Marco Piccinelli. Parte seconda - Cap. 8. Gli psicofarmaci nella terapia delle sindromi ansiose, in Cesare Bellantuomo e Michele Tansella. Gli psicofarmaci nella pratica terapeutica. 3ª ed. Roma, Il Pensiero Scientifico Editore (collana "Temi di neurologia, psicologia e psicopatologia"), 1993. pp. 255–320. ISBN 88-7002-576-4.
  • Donald F. Klein. Cap. 4 Disordini sessuali e rispettivi farmaci - Par. Sindromi con sintomi di ansia - Sez. Disordine ossessivo-coattivo, in Helen Kaplan (a cura di). Come curare le fobie sessuali. Studi Bompiani. pp. 96–97.
  • L. Ravizza; G. Barzega; S. Bellino; F. Bogetto; G. Maina. La terapia farmacologica del disturbo ossessivo-compulsivo, in Atti del Congresso "Il disturbo ossessivo-compulsivo e i disturbi alimentari psicogeni" (Torino, 26-27 giugno 1993). Torino, Libreria Cortina, 1995.

Psicologia clinica[modifica | modifica wikitesto]

  • Gerald C. Davinson e John M. Neale. Psicologia Clinica. 2ª ed. Bologna, Zanichelli, 2000.
  • Andrea Castiello d'Antonio, Malati di lavoro. Cos'è e come si manifesta il Workaholism. Roma, Cooper, 2010.

Psicoterapia comportamentale[modifica | modifica wikitesto]

  • Laurent Samuel. Ossessioni, in Come risolvere da soli i problemi psicologici. 1ª ed. Milano, R.C.S. Libri & Grandi Opere, 1993. pp. 140–141. ISBN 88-454-0603-2. (pubblicato nel periodico mensile "Tascabili Sonzogno" - Anno V - Numero 67)

Psicoanalisi[modifica | modifica wikitesto]

  • Savo Spaçal. Vol. 2 Clinica - Cap. 5 La nevrosi ossessiva, in Antonio Alberto Semi (a cura di). Trattato di psicoanalisi. Milano, Raffaello Cortina Editore (collana "Biblioteca di Psicoanalisi"), 1989. pp. 217–254. ISBN 88-7078-075-9.

Dizionari[modifica | modifica wikitesto]

  • Umberto Galimberti. Lemma "Ossessione", in Dizionario di psicologia. 1ª ed. Torino, UTET, 1992. pp. 648–650. ISBN 88-02-04613-1.
  • Michel Godfryd. Lemma "Ossessiva", in Dizionario di psicologia e psichiatria. 1ª ed. Roma, Newton Compton editori (collana Il sapere - Enciclopedia tascabile Newton - Sezione di scienze umane - 18), 1994. p. 63. ISBN 88-7983-487-8 (pubblicato nel periodico settimanale "Tascabili Economici Newton" del 4 giugno 1994).
  • L.E. Hinsie e R.J. Campbell. Dizionario di psichiatria. Astrolabio, 1979.
  • Jean Laplanche e Jean-Bertrand Pontalis. Lemmi "Compulsion" e "Compulsive", in The language of psycho-analysis. (in inglese) Karnac Books, 1988. ISBN 978-0-946439-49-2 (testo).

Periodici[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudette Portelli. Terapia breve strategica avanzata per disturbi ossessivo-compulsivi, Rivista Europea di Terapia Breve Strategica e Sistemica, n. 1 - 2004.
  • P. Vaschetto; S. Bellino; S. Colla; F. Bogetto. Disturbo Ossessivo-Compulsivo e Disturbi Fobici: comorbilità e codiagnosi di Asse II, Giornale Italiano di Psicopatologia.
  • K. Carter. PSYC 210 lecture, 14 febbraio 2006.

Relazioni congressuali[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Ravizza. La terapia psicofarmacologica del disturbo ossessivo-compulsivo. Relazione presentata al XXXIX Congresso della Società Italiana di Psichiatria (Riccione, 23-28 ottobre 1994).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]