Memantina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Memantina
Memantine.svg
Memantine-3d-sticks.png
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC12H21N
Massa molecolare (u)179.3 g/mol
Numero CAS19982-08-2
Codice ATCN06DX01
PubChem4054
DrugBankDB01043
SMILESCC12CC3CC(C1)(CC(C3)(C2)N)C
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
orale
Dati farmacocinetici
Biodisponibilità~100%
Metabolismoepatico (<10%)
Emivita60–100h
Escrezionerenale
Indicazioni di sicurezza
Frasi H---
Consigli P--- [1]

La memantina è un farmaco che agisce sul sistema glutamatergico.

Questa molecola, secondo gli esiti di uno studio randomizzato placebo-controllato[2], ha dimostrato di avere una moderata azione di riduzione temporanea del deterioramento cognitivo nella malattia di Alzheimer.

Il glutammato è il principale neurotrasmettitore eccitatorio nell'encefalo. Un'eccessiva stimolazione glutamergica può però causare un danno neuronale, che porta ad una condizione patologica di neurotossicità. Tale condizione di eccitotossicità favorisce quindi un accumulo di calcio all'interno del neurone, fenomeno che si osserva in numerosi processi neurodegenerativi.

In particolare, il glutammato stimola i recettori post-sinaptici, inclusi quelli per l'N-Metil-D-Aspartato (NMDA), che è particolarmente implicato nei processi di memorizzazione, e quindi nella demenza.

La memantina, antagonista non competitivo NMDA recettoriale, può avere pertanto un certo ruolo terapeutico nel contesto delle demenze tipo Alzheimer.

Una successiva ricerca clinica placebo-controllata sull'efficacia della memantina anche in altri contesti clinici caratterizzati da demenza, come nel Parkinson e nella demenza da corpi di Lewy, ha indicato un suo possibile ruolo terapeutico per quest'ultima, ma non per il Parkinson[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 02.08.2013, riferita al cloridrato
  2. ^ Reisberg, B. et al. Memantine in Moderate-to-Severe Alzheimer's Disease. N Engl J Med 2003; 348:1333-1341 [1]
  3. ^ Murat Emre, Magda Tsolaki, Ubaldo Bonuccelli, Alain Destée, Eduardo Tolosa, Alexandra Kutzelnigg, Andrés Ceballos-Baumann, Slobodan Zdravkovic, Anna Bladström, Roy Jones. Memantine for patients with Parkinson's disease dementia or dementia with Lewy bodies: a randomised, double-blind, placebo-controlled trial. Lancet Neurology, Volume 9 Issue 10 Pages 969-977. [2]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]