Epatite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Epatite
Alcoholic hepatitis.jpg
Steatoepatite alcolica
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 573.3
ICD-10 (EN) K75.9

L'epatite (dal greco ἥπαρ, ἥπατος) è l'infiammazione del fegato, può essere dovuta a cause diverse: virus, farmaci, alcool ecc.

Tipologia[modifica | modifica sorgente]

Le epatiti possono essere:

  • piecemal necrosis (necrosi della lamina limitante)
  • infiltrati linfocitari lobulari e spotty necrosis
  • necrosi confluenti
  • rigenerazione epatocitaria
  • croniche con possibilità di evoluzione in cirrosi epatica

Accanto a questi aspetti preponderanti, nelle epatiti acute, si possono ritrovare epatociti in apoptosi, detti Corpi di Councilman.Possono presentarsi anche ittero, inappetenza, vomito, febbre, diarrea, rash cutanei, artralgie.

Distribuzione dell'Epatite A

Epatiti virali[modifica | modifica sorgente]

Distribuzione dell'Epatite B
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Epatite virale.

Molti virus possono modificare la morfologia del fegato nel contesto di infezioni che possono diventare anche di carattere sistemico. Tuttavia solo una minoranza di virus è epatotropa, cioè capace di portare come manifestazione clinica principale l'epatite. Alcuni (HAV e HEV) sono virus a trasmissione prevalentemente enterale, non cronicizzano o infezione; altri (HCV, HBV e HDV) sono virus a trasmissione prevalentemente parenterale e possono persistere nel tempo e quindi dare infezione e malattia di carattere cronico.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina