Megacolon tossico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Megacolon tossico
Colonic pseudomembranes low mag.jpg
Microfotografia di Colite pseudomembranosa, una delle cause del megacolon tossico (colorazione con EE).
Specialitàgastroenterologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM556.9
MeSHD008532 e D008532
MedlinePlus000248
eMedicine374048

Il megacolon tossico è la complicanza più importante della rettocolite ulcerosa, una malattia infiammatoria cronica intestinale, caratterizzata da un'abnorme distensione del colon che causa il danneggiamento del plesso mioenterico di Auerbach. Con il danno dei plessi nervosi collocati nella parete dell'organo questo perde la coordinazione motoria con accumulo e ristagno di feci e metaboliti tossici, nonché aumento della flora microbica. Il colon in questa condizione patologica può raggiungere dimensioni considerevoli.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Come già specificato, il megacolon tossico è l'evoluzione di un quadro di rettocolite ulcerosa (2-13% dei casi di RCU) o, più raramente, della malattia di Crohn (2-6%). Nei paesi in via di sviluppo, è a volte complicanza di dissenteria bacillare o di colite pseudomembranosa. Le cause principali, sebbene non ancora ben note alla medicina, sembrano risiedere in una diffusione del processo infiammatorio a tutti gli strati della parete intestinale, oltre che in un calo della potassiemia e dei tassi di altri elettroliti presenti nel flusso ematico.

Clinica[modifica | modifica wikitesto]

L'esordio può avvenire in maniera rapida o lenta ed è sempre accompagnato da diarrea ematica ingravescente, dolore addominale, nausea, vomito, tossicosi, febbre, tachicardia, disidratazione e possibile stato confusionale.

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

La diagnosi è prettamente radiologica, segnalata da un aumento del diametro del colon e spesso dalla presenza di aria libera nel peritoneo, derivata da una perforazione intestinale silente. È sempre sconsigliabile in questi casi l'utilizzo della colonscopia come mezzo di diagnosi, al fine di scongiurare la perforazione del viscere (la cui parete, a causa della patologia, è ovviamente fragile), evento che potrebbe provocare uno pneumoperitoneo e/o peritonite.

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Nelle prime 48 ore la terapia è esclusivamente medica. Anche in caso di miglioramento temporaneo, viene quasi sempre eseguita una colectomia totale, con un'ileostomia definitiva o, alternativamente, un'anastomosi ileo-rettale o ileo-anale con pouch.

Prognosi[modifica | modifica wikitesto]

Se il megacolon tossico si perfora, il quadro generale degenera in una peritonite. In questo caso la prognosi può essere infausta, con una mortalità che raggiunge il 30% dei casi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dispense del CDL in Infermieristica, Corsi Integrati di Medicina D'Urgenza, Chirurgia Generale e Specialistica, Croce Rossa, Bologna.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina