Esofago di Barrett

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Esofago di Barrett
Barretts esophagus.jpg
Immagine endoscopica dell'esofago di Barrett, la zona rossa che si estende a partire dal cardias. La biopsia ha mostrato una metaplasia intestinale.
Specialità gastroenterologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 530.85
ICD-10 K22.7 e K22.70
OMIM 109350
MeSH D001471
MedlinePlus 001143
eMedicine 364050

L'epitelio di Barrett oppure esofago di Barrett è una metaplasia, un cambiamento anomalo, delle cellule della parte inferiore dell'esofago. Esso è caratterizzata dalla sostituzione del normale rivestimento dell'epitelio squamoso stratificato dell'esofago da epitelio cilindrico semplice con cellule mucipare caliciformi (che si trovano di solito nel tratto gastrointestinale). Il significato medico dell'esofago di Barrett è la chiara correlazione (circa 0,5% per anno-paziente) con l'adenocarcinoma esofageo, un tumore molto spesso mortale,[1][2] per cui è considerata una condizione precancerosa.

Si ritiene che la principale causa dell'esofago di Barrett sia un adattamento alla cronica esposizione all'acido da esofagite da reflusso.[3] Negli ultimi anni, l'incidenza dell'adenocarcinoma esofageo è aumentata notevolmente nel mondo occidentale.[1] La condizione si riscontra tra il 5% e il 15% di pazienti che cercano cure mediche per i bruciori di stomaco (malattia da reflusso gastroesofageo), tuttavia un vasto sottogruppo di pazienti con esofago di Barrett non presentano sintomi.[1] La diagnosi prevede l'esecuzione di una endoscopia (più precisamente, una esofagogastroduodenoscopia, una procedura in cui viene inserito un cavo a fibre ottiche attraverso la bocca per esaminare l'esofago, lo stomaco e il duodeno) e una biopsia. Le cellule dell'esofago di Barrett, in seguito alla biopsia vengono classificate in quattro categorie principali: nondisplastiche, displasia di basso grado, displasia di alto grado e carcinoma franco. Una displasia ad alto grado e le prime fasi dell'adenocarcinoma possono essere trattati con la resezione endoscopica e nuove terapie endoscopiche, come l'ablazione a radiofrequenza; mentre stadi avanzati (che coinvolgono la sottomucosa) sono generalmente sottoposti a trattamento chirurgico. Ai pazienti con una condizione nondisplastica e basso grado, viene solitamente consigliato di sottoporsi osservazione endoscopiche annuali con l'ablazione a radiofrequenza come opzione terapeutica. Si stima che nella displasia ad alto grado, il rischio di sviluppare un tumore potrebbe essere del 10% per paziente-anno o maggiore.[1]

La condizione prende il nome dal chirurgo di origine australiana Norman Barrett (1903-1979), che la descrisse nel 1950.[4]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1950 Norman Barrett fu il primo a descrivere la condizione.[4] Una correlazione con la malattia da reflusso gastroesofageo è stata fatta nel 1953,[5] mentre l'associazione all'adenocarcinoma è stata formulata nel 1975.[6]

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

Si calcola che sia presente fin nel 5-15% dei pazienti con malattia da reflusso gastroesofageo sintomatica, più frequente nella razza caucasica; la prevalenza aumenta con l'età. Negli Stati Uniti, l'incidenza tra gli uomini caucasici è di otto volte rispetto alle donne caucasiche e cinque volte maggiore rispetto agli uomini afro-americani. Nel complesso, il rapporto maschi-femmine è di 10:1.[7] Diversi studi hanno stimato che la prevalenza dell'esofago di Barrett nella popolazione generale possa essere tra l'1,3% al 1,6% in due popolazioni europee (italiano[8] e svedese[9]) e il 3,6% in una popolazione coreana.[10]

Meccanismo d'azione[modifica | modifica wikitesto]

Microfotografia in un caso di esofago di Barret.

In seguito al rilasciamento del cardias, il succo gastrico acido, a contatto prolungato con l'esofago, origina una modificazione dell'epitelio che tenta di difendersi dall'acido.

Le cellule che sostituiscono il tratto di epitelio esofageo che viene a contatto con il reflusso acido hanno caratteristiche molto simili a quelle intestinali e costituiscono l'esofago di Barrett. Questo cambiamento nel programma di differenziamento delle cellule staminali (non si sa ancora l'esatta natura ed origine di questi elementi staminali) della mucosa esofagea viene definito metaplasia, cioè una modificazione per cui un tipo cellulare differenziato viene sostituito da un altro tipo cellulare differenziato. Posta per buona la definizione di esofago di Barrett inteso come metaplasia intestinale, è possibile classificarlo in tre sotto-istotipi: "tipo I" o metaplasia intestinale completa, contenente cellule di Paneth, caliciformi e cellule assorbenti (è un tipo raro); "tipo II", quadro ghiandolare misto con cellule foveolari gastriche e cellule caliciformi mucipare; "tipo III", fatto da sole cellule caliciformi. L'epitelio cilindrico così originatosi è più resistente al danno indotto dalla pepsina e dall'acido di quanto lo sia quello squamoso.

Tale patologia è spesso pre-cancerosa (lesione pre-neoplastica), poiché questo epitelio può andare incontro a incontrollata replicazione; questo succede circa nel 2-5% dei casi; infatti i pazienti portatori di esofago di Barrett presentano un rischio aumentato di circa 30-40 volte di sviluppare adenocarcinoma esofageo rispetto ai pazienti con mucosa normale. In genere la modificazione neoplastica è preceduta da una displasia, ossia da una alterata crescita tissutale, che si manifesta con il venire meno delle strutture ghiandolari dell'esofago di Barrett e con la presenza di alterazioni nucleari e citoplasmatiche tipiche (per esempio i nuclei sono più grossi e occupano gran parte del volume della cellula e l'epitelio colonnare può diventare patologicamente pluristratificato); si ritrova anche positività immunoistochimica per Ki67. Fattori che aumentano il rischio di sviluppo di adenocarcinoma in un soggetto portatore di esofago di Barrett sono: razza caucasica, sesso maschile, consumo di alcool e tabacco, obesità e lunghezza della lesione metaplastica. Tale condizione può essere associata a fibrosi cistica ed è sostanzialmente molto rara in età pediatrica.

Segni e sintomi[modifica | modifica wikitesto]

Il passaggio da cellule normali a cellule precancerose, indice dell'esofago di Barrett, non provoca alcun sintomo particolare. La condizione, tuttavia, è associata a questi sintomi:

  • frequenti e duraturi bruciori di stomaco
  • difficoltà a deglutire (disfagia)
  • vomito di sangue (ematemesi)
  • dolore sotto lo sterno, nel punto in cui l'esofago incontra lo stomaco
  • perdita di peso non intenzionale, poiché mangiare risulta doloroso

Il rischio di sviluppare un esofago di Barrett aumenta nel caso di obesità centrale (a differenza dell'obesità periferica).[11] L'esatto meccanismo non è chiaro. La differenza nella distribuzione del grasso tra gli uomini (più centrale) e le donne (più periferico) potrebbe spiegare l'aumento del rischio nei maschi.[12]

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

Micrografia di un esofago di Barrett (sinistra dell'immagine) e un normale epitelio stratificato squamoso (destra dell'immagine).

Per poter porre diagnosi di esofago di Barrett devono venir soddisfatti due requisiti: evidenza endoscopica di epitelio cilindrico al di sopra della giunzione gastroesofagea ed evidenza istologica di metaplasia intestinale nei campioni bioptici di tale epitelio.[13]

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

L'esofago di Barrett può venire suddiviso in due tipi principali: a "segmento lungo" o a "segmento corto" (più frequente), a seconda che la sua estensione sia rispettivamente pari o superiore ai 3 cm, o sia inferiore.

Complicanze[modifica | modifica wikitesto]

Possono essere la prima manifestazione della patologia e sono principalmente rappresentate da: ulcerazioni locali sanguinanti, stenosi, neoplasie non invasive (displasia) ed adenocarcinoma.

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Molte persone con esofago di Barrett non presentano displasia. Le società mediche raccomandano che se un paziente ha l'esofago di Barrett, e se gli ultimi due esami endoscopici e bioptici hanno confermato l'assenza di displasia, egli non dovrebbe effettuare ulteriori endoscopie per tre anni.[14][15][16]

Spesso viene consigliato uno screening per le persone con esofago di Barrett traminte indagine endoscopica, tuttavia vi sono poche prove dirette a supporto di tale pratica.[1] Le opzioni terapeutiche per la displasia ad alto grado comprendono la rimozione chirurgica dell'esofago (esofagectomia) o trattamenti endoscopici, come la dissezione endoscopica della sottomucosa o l'ablazione (distruzione).[1]

I risultati dimostrano che l'ablazione a radiofrequenza ha un'efficacia del 90% o superiore rispetto alla completa rimozione dell'esofago e anche una maggior sicurezza durante la procedura.[17][18][19][20]

I farmaci inibitori della pompa protonica non hanno dimostrato di essere in grado di prevenire il tumore esofageo. Il trattamento laser viene utilizzato nei casi di grave displasia, mentre la malignità conclamata può richiedere un intervento chirurgico, radioterapia o chemioterapia sistemica. Inoltre, un recente studio durato cinque anni ha dimostrato che la terapia fotodinamica con Photofrin è statisticamente più efficace per eliminare aree di crescita displasiche rispetto all'uso esclusivo di un inibitore della pompa protonica.[21] Non vi è attualmente alcun modo affidabile per determinare quali pazienti con esofago di Barrett potranno sviluppareun tumore esofageo, anche se un recente studio ha rilevato che vi possono essere tre diverse anomalie genetiche associabili ad una probabilità del 79% di sviluppare un tumore entro sei anni.[22]

La resezione endoscopica della mucosa è stata considerata come una tecnica di gestione.[23] Inoltre un'operazione nota come fundoplicatio secondo Nissen-Rossetti può ridurre il reflusso di acido dallo stomaco nell'esofago.[24]

In una serie di studi, i farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), come l'aspirina, hanno dato prova di prevenire il cancro esofageo in soggetti con esofago di Barrett.[25][26] Tuttavia, nessuno di questi studi sono stati randomizzati, controllati con placebo e con controprove, che sono considerati il gold standard per la valutazione di un intervento medico. Inoltre, la dose migliore di FANS per la prevenzione di un tumore non è ancora noto.

Prognosi[modifica | modifica wikitesto]

L'esofago di Barrett è una condizione precancerosa. La sua conseguenza maligna, l'adenocarcinoma esofagogastrico giunzionale, ha un tasso di mortalità di oltre l'85%.[27] Il rischio di sviluppare adenocarcinoma esofageo nelle persone con esofago di Barrett è stato stimato di essere 6-7 per 1000 anni-persona,[28][29] tuttavia uno studio di coorte su 11.028 pazienti della Danimarca, pubblicato nel 2011, ha mostrato un'incidenza di solo l'1,2 per 1000 anni-persona (5,1 per 1000 persone-anno in pazienti con displasia, 1,0 per 1000 persone-anno in pazienti senza displasia).[30] Il rischio relativo di adenocarcinoma esofageo è di circa 10 volte maggiore in quelli con esofago di Barret, rispetto alla popolazione generale.[31] La maggior parte dei pazienti con carcinoma esofageo sopravvive meno di 1 anno.[32]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Shaheen NJ, Richter JE, Barrett oesophagus, in Lancet, vol. 373, nº 9666, March 2009, pp. 850–61, DOI:10.1016/S0140-6736(09)60487-6, PMID 19269522.
  2. ^ Koppert LB, Wijnhoven BP, van Dekken H, Tilanus HW, Dinjens WN, The molecular biology of esophageal adenocarcinoma, in J Surg Oncol, vol. 92, nº 3, 2005, pp. 169–90, DOI:10.1002/jso.20359, PMID 16299787.
  3. ^ Stein HJ, Siewert JR, Barrett's esophagus: pathogenesis, epidemiology, functional abnormalities, malignant degeneration, and surgical management, in Dysphagia, vol. 8, nº 3, 1993, pp. 276–88, DOI:10.1007/BF01354551, PMID 8359051.
  4. ^ a b Barrett NR, Chronic peptic ulcer of the oesophagus and 'oesophagitis', in Br J Surg, vol. 38, nº 150, October 1950, pp. 175–82, DOI:10.1002/bjs.18003815005, PMID 14791960.
  5. ^ Allison PR, Johnstone AS, The oesophagus lined with gastric mucous membrane, in Thorax, vol. 8, nº 2, June 1953, pp. 87–101, DOI:10.1136/thx.8.2.87, PMC 1019247, PMID 13077502.
  6. ^ Naef AP, Savary M, Ozzello L, Columnar-lined lower esophagus: an acquired lesion with malignant predisposition. Report on 140 cases of Barrett esophagus with 12 adenocarcinomas, in J. Thorac. Cardiovasc. Surg., vol. 70, nº 5, November 1975, pp. 826–35, PMID 1186274.
  7. ^ P Zajac, A Holbrook, ME Super e M Vogt, An overview: Current clinical guidelines for the evaluation, diagnosis, treatment, and management of dyspepsia, in Osteopathic Family Physician, vol. 5, nº 2, March–April 2013, pp. 79–85, DOI:10.1016/j.osfp.2012.10.005.
  8. ^ Zagari RM, Fuccio L, Wallander MA, Johansson S, Fiocca R, Casanova S, Farahmand BY, Winchester CC, Roda E, Bazzoli F, Gastro-oesophageal reflux symptoms, oesophagitis and Barrett's oesophagus in the general population: the Loiano-Monghidoro study, in Gut, vol. 57, nº 10, October 2008, pp. 1354–9, DOI:10.1136/gut.2007.145177, PMID 18424568.
  9. ^ Ronkainen J, Aro P, Storskrubb T, Johansson SE, Lind T, Bolling-Sternevald E, Vieth M, Stolte M, Talley NJ, Agréus L, Prevalence of Barrett esophagus in the general population: an endoscopic study, in Gastroenterology, vol. 129, nº 6, December 2005, pp. 1825–31, DOI:10.1053/j.gastro.2005.08.053, PMID 16344051.
  10. ^ Kim JY, Kim YS, Jung MK, Park JJ, Kang DH, Kim JS, Song CW, Lee SW, Bak YT, Prevalence of Barrett's esophagus in Korea, in J. Gastroenterol. Hepatol., vol. 20, nº 4, April 2005, pp. 633–6, DOI:10.1111/j.1440-1746.2005.03749.x, PMID 15836715.
  11. ^ Edelstein ZR, Farrow DC, Bronner MP, Rosen SN, Vaughan TL, Central adiposity and risk of Barrett esophagus, in Gastroenterology, vol. 133, nº 2, August 2007, pp. 403–11, DOI:10.1053/j.gastro.2007.05.026, PMID 17681161.
  12. ^ Reid BJ, Li X, Galipeau PC, Vaughan TL, Barrett oesophagus and oesophageal adenocarcinoma: time for a new synthesis, in Nature Reviews Cancer, vol. 10, nº 2, February 2010, pp. 87–101, DOI:10.1038/nrc2773, PMC 2879265, PMID 20094044.
  13. ^ Fléjou JF, Barrett's oesophagus: from metaplasia to dysplasia and cancer, in Gut, 54 Suppl 1, 2005, pp. i6–12, DOI:10.1136/gut.2004.041525, PMC 1867794, PMID 15711008.
  14. ^ American Gastroenterological Association, Five Things Physicians and Patients Should Question (PDF), in Choosing Wisely: an initiative of the ABIM Foundation, American Gastroenterological Association. URL consultato il 17 agosto 2012.
  15. ^ Spechler SJ, Sharma P, Souza RF, Inadomi JM, Shaheen NJ, American Gastroenterological Association Medical Position Statement on the Management of Barrett's Esophagus, in Gastroenterology, vol. 140, nº 3, 2011, pp. 1084–1091, DOI:10.1053/j.gastro.2011.01.030, PMID 21376940.
  16. ^ Wang KK, Sampliner RE, Practice Parameters Committee of the American College of Gastroenterology, Updated Guidelines 2008 for the Diagnosis, Surveillance and Therapy of Barrett's Esophagus, in The American Journal of Gastroenterology, vol. 103, nº 3, 2008, pp. 788–797, DOI:10.1111/j.1572-0241.2008.01835.x, PMID 18341497.
  17. ^ Fleischer DE, Overholt BF, Sharma VK, Reymunde A, Kimmey MB, Chuttani R, Chang KJ, Muthasamy R, Lightdale CJ, Santiago N, Pleskow DK, Dean PJ, Wang KK, Endoscopic radiofrequency ablation for Barrett's esophagus: 5-year outcomes from a prospective multicenter trial, in Endoscopy, vol. 42, nº 10, 2010, pp. 781–9, DOI:10.1055/s-0030-1255779, PMID 20857372.
  18. ^ Shaheen NJ, Sharma P, Overholt BF, Wolfsen HC, Sampliner RE, Wang KK, Galanko JA, Bronner MP, Goldblum JR, Bennett AE, Jobe BA, Eisen GM, Fennerty MB, Hunter JG, Fleischer DE, Sharma VK, Hawes RH, Hoffman BJ, Rothstein RI, Gordon SR, Mashimo H, Chang KJ, Muthusamy VR, Edmundowicz SA, Spechler SJ, Siddiqui AA, Souza RF, Infantolino A, Falk GW, Kimmey MB, Madanick RD, Chak A, Lightdale CJ, Radiofrequency Ablation in Barrett's Esophagus with Dysplasia, in New England Journal of Medicine, vol. 360, nº 22, 2009, pp. 2277–88, DOI:10.1056/NEJMoa0808145, PMID 19474425.
  19. ^ Shaheen NJ, Overholt BF, Sampliner RE, Wolfsen HC, Wang KK, Fleischer DE, Sharma VK, Eisen GM, Fennerty MB, Hunter JG, Bronner MP, Goldblum JR, Bennett AE, Mashimo H, Rothstein RI, Gordon SR, Edmundowicz SA, Madanick RD, Peery AF, Muthusamy VR, Chang KJ, Kimmey MB, Spechler SJ, Siddiqui AA, Souza RF, Infantolino A, Dumot JA, Falk GW, Galanko JA, Jobe BA, Hawes RH, Hoffman BJ, Sharma P, Chak A, Lightdale CJ, Durability of Ablation in Barrett's Esophagus with Dysplasia, in Gastroenterology, vol. 141, nº 2, 2011, pp. 460–8, DOI:10.1053/j.gastro.2011.04.061, PMC 3152658, PMID 21679712.
  20. ^ van Vilsteren FG, Pouw RE, Seewald S, Alvarez Herrero L, Sondermeijer CM, Visser M, Ten Kate FJ, Yu Kim Teng KC, Soehendra N, Rösch T, Weusten BL, Bergman JJ, Stepwise radical endoscopic resection versus radiofrequency ablation for Barrett's oesophagus with high-grade dysplasia or early cancer: a multicentre randomised trial, in Gut, vol. 60, nº 6, June 2011, pp. 765–73, DOI:10.1136/gut.2010.229310, PMID 21209124.
  21. ^ Overholt BF, Wang KK, Burdick JS, Lightdale CJ, Kimmey M, Nava HR, Sivak MV, Nishioka N, Barr H, Marcon N, Pedrosa M, Bronner MP, Grace M, Depot M, Five-year efficacy and safety of photodynamic therapy with Photofrin in Barrett high-grade dysplasia., in Gastrointestinal endoscopy, vol. 66, nº 3, 2007, pp. 460–8, DOI:10.1016/j.gie.2006.12.037, PMID 17643436.
  22. ^ Galipeau PC, Li X, Blount PL, Maley CC, Sanchez CA, Odze RD, Ayub K, Rabinovitch PS, Vaughan TL, Reid BJ, NSAIDs modulate CDKN2A, TP53, and DNA content risk for progression to esophageal adenocarcinoma, in PLoS Medicine, vol. 4, nº 2, 2007, pp. e67, DOI:10.1371/journal.pmed.0040067, PMC 1808095, PMID 17326708.
  23. ^ Reshamwala PA, Darwin PE, Endoscopic management of early gastric cancer, in Current Opinion in Gastroenterology, vol. 22, nº 5, 2006, pp. 541–5, DOI:10.1097/01.mog.0000239870.04457.80, PMID 16891887.
  24. ^ Abbas AE, Deschamps C, Cassivi SD, Allen MS, Nichols FC, Miller DL, Pairolero PC, The role of laparoscopic fundoplication in Barrett’s esophagus, in Annals of Thoracic Surgery, vol. 77, nº 2, 2004, pp. 393–396, DOI:10.1016/S0003-4975(03)01352-3, PMID 14759403.
  25. ^ Corley DA, Kerlikowske K, Verma R, Buffler P, Protective association of aspirin/NSAIDs and esophageal cancer: a systematic review and meta-analysis., in Gastroenterology, vol. 124, nº 1, 2003, pp. 47–56, DOI:10.1053/gast.2003.50008, PMID 12512029.
  26. ^ Vaughan TL, Dong LM, Blount PL, Ayub K, Odze RD, Sanchez CA, Rabinovitch PS, Reid BJ, Non-steroidal anti-inflammatory drugs and risk of neoplastic progression in Barrett's oesophagus: a prospective study, in Lancet Oncol, vol. 6, nº 12, 2005, pp. 945–52, DOI:10.1016/S1470-2045(05)70431-9, PMID 16321762.
  27. ^ Holmes RS, Vaughan TL, Epidemiology and pathogenesis of esophageal cancer, in Semin Radiat Oncol, vol. 17, nº 1, January 2007, pp. 2–9, DOI:10.1016/j.semradonc.2006.09.003, PMID 17185192.
  28. ^ Thomas T, Abrams KR, De Caestecker JS, Robinson RJ, Meta analysis: Cancer risk in Barrett's oesophagus, in Aliment. Pharmacol. Ther., vol. 26, 11–12, December 2007, pp. 1465–77, DOI:10.1111/j.1365-2036.2007.03528.x, PMID 17900269.
  29. ^ Yousef F, Cardwell C, Cantwell MM, Galway K, Johnston BT, Murray L, The incidence of esophageal cancer and high-grade dysplasia in Barrett esophagus: a systematic review and meta-analysis, in Am. J. Epidemiol., vol. 168, nº 3, August 2008, pp. 237––49, DOI:10.1093/aje/kwn121, PMID 18550563.
  30. ^ Hvid-Jensen F, Incidence of adenocarcinoma among patients with Barrett's esophagus, in N Engl J Med, vol. 365, 2011, pp. 1375–383, DOI:10.1056/NEJMoa1103042, PMID 21995385.
  31. ^ Hvid-Jensen F, Pedersen L, Drewes AM, Sørensen HT, Funch-Jensen P, Incidence of adenocarcinoma among patients with Barrett's esophagus, in N. Engl. J. Med., vol. 365, nº 15, 2011, pp. 1375–83, DOI:10.1056/NEJMoa1103042, PMID 21995385.
  32. ^ Polednak AP, Trends in survival for both histologic types of esophageal cancer in US surveillance, epidemiology and end results areas, in Int. J. Cancer, vol. 105, nº 1, May 2003, pp. 98–100, DOI:10.1002/ijc.11029, PMID 12672037.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina