Ematemesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Ematemesi
Specialitàgastroenterologia
EziologiaEmorragia gastrointestinale
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM578.0
ICD-10K92.0
MeSHD006396
MedlinePlus003118
eMedicine187857

Il termine Ematemesi indica il vomito di sangue e può essere dovuto a diverse cause.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Le cause si possono far risalire a[1]:

  • tumore maligno/benigno all esofago
  • ernia iatale
  • emorragia gastrointestinale
  • tumore maligno/benigno allo stomaco
  • tumore maligno(solo) al duodeno

Clinica[modifica | modifica wikitesto]

Qualora l'emorragia riguardi la porzione più alta del canale alimentare e il sanguinamento sia di una entità tale da venire espulso con l'emesi prima di venire ossidato dal pH acido dello stomaco, il sangue appare di colore rosso vivo, come avviene in corso di varici esofagee, ulcera peptica, esofagite con ulcerazioni, carcinomi come l'adenocarcinoma duodenale, gastrico ed esofageo e del carcinoma squamocellulare dell'esofago.[2]

Se il tempo di emorragia si prolunga e la perdita non è di entità tale da stimolare immediatamente l'emesi per stiramento delle pareti gastriche, l'emoglobina presente nello stomaco viene degradata ad ematina ad opera dell'acido cloridrico e il sangue assume un colorito più scuro, simile alla colorazione del caffè (vomito caffeano).

Segni associati a ematèmesi possono essere enterorragia (il sangue stimola la peristalsi intestinale) e melena. La melena associata ad ematemesi indica un sanguinamento che si protrae anche da diverse ore, tenendo conto che il tempo medio di transito intestinale è 72 ore.

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Dizionario dei sintomi", di Giancarlo De Mattia, Editori Riuniti, Roma, 1997, p. 54.
  2. ^ Ematemesi

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Harrison, Principi di medicina interna, 16ª ed., Milano, McGraw-Hill, 2005, ISBN 88-386-2999-4.
  • Nuti, Caniggia, Metodologia clinica, Torino, Minerva Medica, 2005, ISBN 88-7711-410-X.
Controllo di autoritàThesaurus BNCF 42232 · NDL (ENJA00573184
Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina