Miocardite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Miocardite
Immagine istologica di miocardite in paziente deceduto - Microscopio ottico
Immagine istologica di miocardite in paziente deceduto - Microscopio ottico
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 391.2 422 429.0
ICD-10 I09.0 I51.4
MeSH D009205
MedlinePlus 000149
eMedicine 156330

La miocardite è una malattia infiammatoria acquisita che coinvolge il muscolo cardiaco e che riconosce diversi agenti causali, più spesso virus, ma anche altri microrganismi come batteri, funghi e protozoi, malattie autoimmuni (sclerodermia, vasculiti) e sostanze tossiche.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Le caratteristiche delle malattia (morfologiche, eziologiche e il decorso clinico) determinano la classificazione attraverso i criteri di Dallas.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Criterio anatomo-patologico attraverso il quale si può effettuare una classificazione in funzione del tipo d'inflitrato presente (criterio qualitativo). Si possono dividere in oltre a seconda dell'entità (criterio quantitativo) e della distribuzione.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Criterio di tipo laboratoristico-strumentale che prevede la distinzione in:

Decorso clinico[modifica | modifica wikitesto]

Criterio di tipo clinico o cronologico che distingue le seguenti forme:

  • Persistente: permanenza del quadro clinico;
  • In regressione: riduzione della sintomatologia;
  • Regredita: scomparsa dei sintomi.

Anatomia Patologica[modifica | modifica wikitesto]

La miocardite non trova riscontro a livello macroscopico: è necessario distinguere il tipo di infiltrato infiammatorio per effettuare una diagnosi. Troviamo un infiltrato linfocitario nelle infezioni virali e batteriche, mentre nelle miocarditi acute a veloce progressione troviamo neutrofili o cellule giganti. Può esserci un infiltrato di eosinofili nell'ipereosinofilia idiopatica o sindrome di Loeffler. La presenza di fibrosi può indicare una miocardite in stato borderline o di guarigione. È importante fare diagnosi differenziale con la malattia ischemica del miocardio: solitamente l'interessamento necrotico a focolaio del miocardio è suggestivo di miocardite, a differenza della necrosi "a ventaglio" (con apice a livello del vaso occluso e necrosi nel territorio d'irrorazione) tipica dell'infarto.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina