Epatite B

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Epatite B
Hepatitis B virus 01.jpg
Virus dell'epatite B
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 070.2-070.3
ICD-10 (EN) B16,
B18.0-B18.1

L'epatite B è una malattia infettiva, causata dal virus HBV, appartenente alla famiglia Hepadnaviridae, che colpisce il fegato degli hominoidea, compreso l'uomo, e provoca un'infiammazione chiamata epatite.

Originariamente nota come "epatite da siero"[1], la malattia è causa di epidemie in alcune parti dell'Asia e in Africa ed è a carattere endemico in Cina[2]. Circa un quarto della popolazione mondiale, più di due miliardi di persone, è stato contagiato dal virus dell'epatite B[3] ed esistono circa 350 milioni di portatori cronici del virus[4].

La trasmissione di epatite B avviene tramite esposizione a sangue infetto o a fluidi corporei come sperma e liquidi vaginali, mentre il DNA virale è stato rilevato anche nella saliva, nelle lacrime e nell'urina di portatori cronici con alto titolo nel siero sanguigno[3][5]. Il virus dell'epatite B non può essere però trasmesso attraverso il contatto casuale, come per esempio il tocco delle mani, la condivisione di posate o bicchieri, l'allattamento, baci, abbracci, tosse o starnuti[6]. Il virus è comunque in grado di sopravvivere fino a 7 giorni nell'ambiente.

La malattia provoca un'infiammazione acuta del fegato, vomito, ittero e, raramente, porta alla morte. L'epatite B cronica può causare cirrosi epatica e cancro al fegato, una malattia mortale con una scarsa risposta alla chemioterapia[7]. L'infezione si può prevenire con la vaccinazione[8].

Si calcola che ogni anno muoiano 600.000 persone per le conseguenze dell'epatite B.

Nel caso l'infezione coinvolga un bambino non vaccinato, evento possibile per varie cause (alla nascita, dalla madre infetta anche se asintomatica; per contatto con tagli o ferite aperte di adulti o altri bambini infetti, ecc.), lo sviluppo di condizioni croniche avviene con una frequenza variabile tra l'80-90% dei casi (in caso di infezione nel primo anno di vita) e il 50-60% (nel caso di infezione prima dei 6 anni).[3]

Per prevenire questi rischi, la posizione ufficiale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità è che tutti i neonati dovrebbero ricevere la loro prima dose di vaccino entro le prime 24 ore dalla nascita[9]; il Vaccino antiepatite B è efficace nel 95% dei casi nel prevenire l'infezione e le sue conseguenze croniche, ed è stato il primo vaccino ad essere sviluppato come forma di prevenzione contro gravi tumori.

Il vaccino antiepatite B è considerato particolarmente sicuro[3]; gli effetti collaterali sono, come per gli altri vaccini, rari e molto blandi (arrossamento della pelle nel punto dell'iniezione, febbre leggera di breve durata); nonostante numerosi studi a lungo termine, non è mai emersa evidenza di gravi eventi avversi causalmente connessi alla vaccinazione [10].

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

La prima testimonianza di una epidemia provocata dal virus dell'epatite B è stata fatta da Lurman nel 1885[11]. Un'epidemia di vaiolo si è verificata a Brema nel 1883 e 1.289 dipendenti di un cantiere erano stati vaccinati con il siero di altre persone. Dopo diverse settimane, e fino a otto mesi più tardi, 191 dei lavoratori vaccinati si ammalò di itterizia e gli fu diagnosticata epatite siero. Gli altri dipendenti che erano stati inoculati con differenti lotti di linfa rimasero sani. Uno scritto di Lurman, ora considerato come un classico esempio di uno studio epidemiologico, ha dimostrato che il siero contaminato è stato l'origine del focolaio. In seguito, numerosi focolai simili sono stati riportati a seguito dell'introduzione, nel 1909, di aghi ipodermici che venivano riutilizzati per il trattamento della sifilide. Il virus non è stato comunque scoperto fino al 1965, quando Baruch Blumberg, che allora lavorava presso il National Institutes of Health, ha scoperto l'antigene Australia (più tardi conosciuto per essere antigene di superficie dell'epatite B, o HBsAg) nel sangue di australiani aborigeni[12]. Un virus era comunque stato sospettato a partire dallo studio pubblicato da MacCallum nel 1947[13]. Nel 1970, grazie al microscopio elettronico venne visualizzato il virus e nei primi anni ottanta il genoma del virus è stato sequenziato[14] e furono testati i primi vaccini[15].

Epidemiologia[modifica | modifica sorgente]

Diffusione dell'epatite B nel mondo (2005):

██ Alta: prevalenza superiore a 8%

██ Moderata: tra il 2 e il 7%

██ Bassa: inferiore al 2%

Nel 2004, si stima che ci siano 350-400 milioni di portatori cronici dell'epatite B in tutto il mondo e che un terzo della popolazione mondiale sia portatrice di anticorpi specifici del virus (e che quindi abbia contratto il virus nel corso della propria vita). La prevalenza di malati varia da oltre il 10% in Asia allo 0,5% negli Stati Uniti e in Europa settentrionale. Si stima che ogni anno 4,5 milioni di soggetti contraggano il virus e che solo una parte di essi vada incontro ad epatite cronica, cirrosi ed epatocarcinoma cellulare; secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, l'epatite B provoca oltre 600 000 decessi annui per le conseguenze croniche della malattia[16].

Le vie di infezione includono la trasmissione verticale (ad esempio attraverso il parto), la trasmissione orizzontale nei primi anni di vita (morsi, lesioni e le abitudini sanitarie) e da adulti (contatto sessuale, uso di droghe per via endovenosa)[17]. In zone a bassa prevalenza, come i territori continentali degli Stati Uniti e l'Europa occidentale, l'iniezione di droghe e i rapporti sessuali non protetti sono le vie principali di infezione, anche se altri fattori possono risultare importanti[18]. In aree di prevalenza moderata, che comprendono l'Europa orientale, Russia e Giappone, in cui 2-7% della popolazione è cronicamente infetta, la malattia è diffusa soprattutto tra i bambini. Nelle zone di alta prevalenza come la Cina e Sud Est Asiatico, la trasmissione durante il parto è la modalità più frequente[19]. La prevalenza dell'infezione cronica da HBV nelle aree di alta endemicità è almeno l'8%. Nel 2010, la Cina aveva 120 milioni di persone infette, seguita da India e Indonesia con 40 milioni e 12 milioni rispettivamente.[20]

La maggioranza dei soggetti infetti nei paesi dell'Europa Occidentale, ha un'infezione di lunga durata, sostenuta dal ceppo mutante sull'"e" o e-minus, questo poiché l'introduzione capillare della vaccinazione ha notevolmente ridotto i nuovi casi di infezione. Nei paesi dell'Europa dell'Est, in Asia ed Africa, dove invece la frequenza di nuove infezioni è ancora alta, la maggioranza dei soggetti è infetta dal ceppo selvatico o wild-type[21][22][23].

Meccanismi[modifica | modifica sorgente]

Patogenesi[modifica | modifica sorgente]

Il virus dell'epatite B interferisce principalmente con le funzioni del fegato replicandosi nelle sue cellule, note come epatociti. Il recettore non è ancora noto[24][25]. I virioni di HBV si legano alla cellula ospite tramite l'antigene di superficie e successivamente vengono interiorizzati per endocitosi. Recettori specifici HBV sono presenti principalmente sugli epatociti, tuttavia il DNA virale e le proteine sono state rilevate anche in siti extraepatici, suggerendo che i recettori cellulari per l'HBV possano esistere anche su cellule extraepatiche[26].

Durante l'infezione da HBV la risposta immunitaria causa sia il danno epatocellulare che la clearance virale. Anche se la risposta immunitaria innata non gioca un ruolo significativo in questi processi, la risposta immunitaria, con i linfociti citotossici in particolare, contribuisce alla maggior parte dei danni al fegato associati con l'infezione da HBV[27].

Trasmissione[modifica | modifica sorgente]

La trasmissione di epatite da virus B deriva da esposizione a sangue infetto o fluidi corporei contenenti sangue. Si può trasmettere:[28]:

  • via parenterale (dal greco parà ènteron, ovvero "al di fuori dell'intestino"), ossia con il contatto su mucose o ferite di sangue infetto, con lesioni accidentali da aghi o altri taglienti infetti, strumentario medico chirurgico non opportunamente sterilizzato ed infine, evenienza assai rara oggi dal momento che si fanno controlli sierologici, con la pratica delle emotrasfusioni;
  • via parenterale inapparente, ossia tramite l'uso di oggetti che possono creare microtraumi cutanei, per esempio rasoi e forbici da unghie infetti;
  • transplacentare e perinatale, al neonato da parte di madre infetta;
  • via sessuale
  • stando a contatto o convivendo con animali di fogna (blatte) che si trovano soprattutto in Paesi poveri come l'Africa, l'India o la Cina.

L'HBV può essere trasmesso tra familiari all'interno delle famiglie, prevalentemente per il contatto di pelle non intatta o delle mucose con secrezioni o saliva contenente HBV[29][30]. Tuttavia, almeno il 30% delle segnalazioni di epatite B tra gli adulti non può essere associato ad alcun fattore di rischio identificabile[31].

Virologia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Hepatitis B virus.

Il virus dell'epatite B appartiene alla famiglia degli Hepadnaviridae e presenta un genoma a DNA a doppio filamento circolare e un virione icosaedrico rivestito. Per la replicazione sfrutta la trascrittasi inversa, fa perciò parte dei virus a DNA a trascrizione inversa (detti anche retrovirus a DNA), del gruppo VII della Classificazione di Baltimore, attraverso una forma intermedia ad RNA e l'uso di una trascrittasi inversa che lo fa assomigliare ai retrovirus[32].Se ne conoscono quattro sierotipi: adr, ADW, Ayr, ayw[33][34][35].

Anche se la replicazione avviene nel fegato, il virus si diffonde nel sangue dove, nelle persone infette, si possono trovare le proteine specifiche del virus e i suoi corrispondenti anticorpi. Esami del sangue per queste proteine e anticorpi sono utilizzati per diagnosticare l'infezione[36].

Sintomatologia[modifica | modifica sorgente]

I quadri clinici di infezione da HBV sono abbastanza variegati:

L'infezione acuta da virus dell'epatite B è associata a epatite virale acuta, una malattia che esordisce con un malessere generalizzato, perdita di appetito, nausea, vomito, dolori muscolari, febbre lieve, urine scure, e procede quindi allo sviluppo di ittero (dovuto ad un aumento della bilirubina nel sangue). È stato notato che il prurito può essere un possibile sintomo di tutti i tipi di virus dell'epatite. La malattia si protrae per un paio di settimane e poi migliora gradualmente nella maggior parte delle persone colpite.

Alcuni pazienti possono avere una malattia più grave del fegato (insufficienza epatica fulminante) e possono morire a causa di essa. In altri casi l'infezione può essere anche del tutto asintomatica e può non essere riconosciuta[37].

L'infezione cronica da virus dell'epatite B può essere asintomatica o può essere associata ad una infiammazione cronica del fegato (epatite cronica), che può condurre alla cirrosi dopo un periodo di diversi anni.

Questo tipo di infezione aumenta drammaticamente l'incidenza di carcinoma epatocellulare (tumore del fegato).

I portatori cronici sono incoraggiati ad evitare di consumare alcol, in quanto aumenta il rischio di cirrosi e cancro del fegato.

Il virus dell'epatite B è stato collegato allo sviluppo di glomerulonefrite membranosa[38]. Il portatore asintomatico è in grado di trasmettere la malattia anche per molti anni.

Storia naturale della malattia[modifica | modifica sorgente]

La storia naturale dell'infezione è completamente diversa a seconda che l'infezione venga contratta nella prima infanzia, nel qual caso si assiste ad una percentuale di cronicizzazione in oltre il 90% dei casi, o in età adulta[39]. In quest'ultimo caso la guarigione avviene in oltre il 90% dei casi. La guarigione si manifesta dal punto di vista laboratoristico con la scomparsa della proteina HBsAg e con la comparsa di un livello di anticorpi contro questa proteina, detti HBsAb, protettivo, cioè maggiore di 10 U. La persistenza dell'HBsAg, e quindi dell'infezione, oltre 6 mesi definisce lo stato di epatite B cronica[40].

La presenza dell'anticorpo HBeAb e di una bassa carica virale nel sangue trasforma il soggetto da un paziente con epatite B attiva ad un "portatore inattivo", capace di infettare altri soggetti, ma comunque a rischio di possibile futura riattivazione virale, e in una situazione minimamente evolutiva se non per nulla evolutiva. A questo punto, dopo la comparsa dell'HBeAb e lo spegnimento del processo epatitico si possono verificare due circostanze:

  • Nel primo caso il soggetto può sviluppare anche l'anticorpo contro la proteina HBsAg (HBsAb) e quindi guarire. Questo avviene soprattutto entro i primi 6 mesi dall'infezione (ma non solo) ed è il meccanismo attraverso cui la maggior parte dei soggetti affetti guarisce.
  • Nel secondo caso il soggetto può restare anni nello stato di portatore cronico inattivo. Tuttavia la pressione selettiva esercitata dal sistema immunitario attraverso l'HBeAb può indurre il virus a mutare. Il nuovo ceppo virale mutante impara a replicare senza esprimere l'HBeAg ma attraverso altre vie non ancora note. Questo ceppo, detto mutante sull'"e" o e-minus, è responsabile del ritorno del soggetto dallo stato di portatore inattivo allo stato di soggetto epatitico cronico con epatite attiva, caratterizzata dal nuovo incremento della viremia, cioè dell'HBV-DNA nel sangue, nonostante la permanenza dell'anticorpo antiHBe[41].

Diagnosi[modifica | modifica sorgente]

Antigeni del virus dell'epatite B e anticorpi rilevabili nel sangue in un individuo affetto cronicamente.

Solitamente l'epatite B, come altre malattie che provocano danno alle cellule epatiche, può essere sospettata nella fase acuta a seguito della presenza di ittero, bilirubinuria (color marsala delle urine) e feci acoliche o ipocromiche (per deficit di stercobilina). Tuttavia questi segni evidenti di danno epatico possono mancare per tutta la lunga fase cronica di malattia, che può durare anche 20-30 anni; questo fa sì che né il medico né il paziente sospettino l'infezione e quindi ritardino le cure necessarie. Spesso si riscontra invece l'innalzamento delle transaminasi, riscontrabile dopo prelievo ematico con aumenti di ALT e AST che può essere superiore a 2000-3000 UI/l nelle fasi acute iniziali ma in seguito, nella fase cronica, può essere solo lievemente superiore ai valori normali (fino a 30-35 UI/l). Altro valore alterato è quello della bilirubina sia nella sua forma diretta che indiretta.

La corretta diagnosi di epatite B può però essere fatta solamente studiando il dosaggio dei markers virali specifici. Le prove per la rilevazione di infezione da virus dell'epatite B prevedono analisi del siero o del sangue che rilevano entrambi gli antigeni virali (proteine prodotte dal virus) o anticorpi prodotti dal soggetto ospitante. L'interpretazione di questi test è complessa[36].

L'antigene di superficie dell'epatite B (HBsAg) è il più frequentemente usato per individuare la presenza di questa infezione essendo il primo antigene virale rilevabile ad apparire. Tuttavia, all'inizio di un'infezione, questo antigene può non essere presente e può essere rilevabile soltanto più tardi. Il virione infettivo contiene al suo interno una "particella core" che racchiude il genoma virale. La particella core icosaedrica è fatta di 180 o 240 copie della proteina del core, conosciuta come antigene core dell'epatite B o HBcAg. Durante il periodo finestra in cui l'ospite è infettivo gli anticorpi IgM dell'antigene core (anti-HBc IgM) possono essere l'unica prova sierologica della malattia.

Poco dopo la comparsa di HBsAg, un altro antigene chiamato antigene dell'epatite B (HBeAg) può essere rilevato. Solitamente, la presenza di HBeAg nel siero è associata a tassi molto più alti della replicazione virale ed infettività maggiore, tuttavia esistono varianti del virus dell'epatite B che non producono antigene "e" e quindi questa regola non risulta sempre vera. Durante il corso naturale di un'infezione, l'HBeAg può essere eliminato, questa conversione è di solito associata con un netto declino della replicazione virale.

Se il portatore è in grado di eliminare l'infezione, alla fine l'HBsAg diventa inosservabile e saranno invece presenti gli anticorpi IgG per l'antigene di superficie dell'epatite B e l'antigene core (anti-HBs e anti HBc IgG)[33]. Il tempo tra la rimozione di HBsAg e la comparsa di anti-HBs è chiamato periodo finestra. Una persona negativa per HBsAg ma positiva per anti-HBs o ha superato un'infezione o è stata vaccinata in precedenza.

Epatociti con citoplasma a vetro smerigliato visualizzati in una biopsia di un paziente affetto da epatite B cronica.

Le persone che rimangono HBsAg positivi per almeno sei mesi sono considerate portatori di epatite B[42]. I portatori del virus potrebbero avere l'epatite B cronica, che si rifletterebbe in elevati livelli serici di alanina aminotransferasi (ALT) ed infiammazione al fegato, rilevabile con una biopsia. I portatori che presentano sieroconversione HBeAg negativa, in particolare quelli che hanno acquisito l'infezione da adulti, hanno assai poca moltiplicazione virale e, quindi, possono essere a rischio di complicanze a lungo termine o di trasmettere l'infezione ad altri[43].

la tecnica della PCR può essere utilizzata per rilevare e misurare la quantità di DNA del virus HBV, chiamata carica virale, in campioni clinici. Questi test sono usati per valutare lo stato infettivo di una persona e per monitorarne il trattamento[44]. Gli individui con elevata carica virale, tipicamente presentano "epatociti con citoplasma a vetro smerigliato".

Riassumendo, i marker virologici infettivi sono:

  • HBsAg: antigene Australia o di superficie, positivo al contatto col virus anche nel periodo antecedente alla manifestazione dei segni e sintomi della malattia;
  • HBsAb: anticorpi contro l'antigene di superficie prodotti dai linfociti B, positivo dopo la guarigione della malattia o nei soggetti vaccinati;
  • HBcAb: anticorpi contro l'antigene del core virale (HBcAg), può esistere di due diverse classi di immunoglobuline: la classe IgM è dosabile in fase acuta mentre la classe IgG lo è per tutta la vita;
  • HBeAg: antigene non corpuscolato del core virale; indica attività della malattia e della replicazione virale, è presente in fase acuta e in alcuni tipi di portatore cronico attivo;
  • HBeAb: anticorpo contro l'antigene non corpuscolato del core virale, compare nell'epatite acuta quando comincia a risolversi; è presente anche nel portatore cronico sia attivo che inattivo.

La tabella riassume la diagnosi in base alla presenza dei marker virologici nel siero:

Diagnosi virologica
HBsAg anti-HBc IgM anti-HBc IgG HBV-DNA HBeAg anti-HBe anti-HBs
Epatite acuta + + + +/- +/- - -
Termine dell'epatite acuta - + + - - + +
Epatite cronica attiva + - + + + - -
Portatore sano + - + - - + -
Vaccinazione - - - - - - +

Trattamento[modifica | modifica sorgente]

L'infezione acuta da epatite B generalmente non richiede un trattamento poiché la maggior parte degli adulti è in grado di eliminare l'infezione spontaneamente[45]. Il precoce trattamento antivirale può essere utile solo per meno dell'1% dei pazienti, il cui contagio avviene con un decorso molto aggressivo (epatite fulminante) oppure per soggetti immunocompromessi. In caso di presunta infezione, il prima possibile e preferibilmente entro 24-72 ore si può eseguire una profilassi passiva con iniezioni di immunoglobuline anti-HBV ovvero anticorpi diretti contro il virus ed iniziare la vaccinazione completa. D'altra parte, il trattamento dell'infezione cronica può rendersi necessario per ridurre il rischio di cirrosi e cancro al fegato. Gli individui con infezione cronica che presentano elevati valori di alanina transaminasi, un marker di danno epatico, sono candidati alla terapia[46]. Nei pazienti che presentano elevata carica virale e malattia epatica grave il trattamento farmacologico è raccomandato anche se i livelli di ALT rientrano nella norma[47].

Anche se nessuno dei farmaci attualmente disponibili può eliminare l'infezione, alcuni possono bloccare la replicazione del virus, riducendo così al minimo i danni al fegato. Attualmente, ci sono sette farmaci autorizzati per il trattamento dell'infezione da virus dell'epatite B. Questi includono i farmaci antivirali: lamivudina (Epivir), adefovir-dipivoxil (Hepsera), tenofovir (Viread), la telbivudina (Sebivo), entecavir (Baraclude) e i modulatori del sistema immunitario interferone α-2a e peginterferone α-2a (Pegasys). L'uso di interferone, che richiede iniezioni giornaliere o almeno di tre volte alla settimana, è stato soppiantato dall'azione prolungata dell'interferone pegilato che viene iniettato una sola volta alla settimana[48]. Tuttavia, alcuni individui risultano essere molto più propensi a rispondere rispetto ad altri alla terapia e questo potrebbe essere dovuto al diverso genotipo del virus o alla storia del paziente. Il trattamento riduce significativamente la replicazione virale nel fegato e riduce così la quantità di particelle virali misurate nel sangue[49].

I bambini nati da madri malate di epatite B possono essere trattati con anticorpi del virus dell'epatite B (HBIg). Se gli anticorpi vengono somministrati entro dodici ore dalla nascita, il rischio di contrarre l'epatite B viene ridotta del 90%[50]. La terapia consente inoltre a una madre di allattare il suo bambino in modo sicuro.

Nel luglio 2005, alcuni ricercatori hanno identificato un'associazione tra una proteina che lega il DNA e la capacità di replicazione dell'HBV nel fegato. Il controllo del livello di produzione di questa proteina potrebbe essere utilizzato per il trattamento dell'infezione[51].

Il trattamento dura da 6 mesi a un anno, a seconda del farmaco e del genotipo del virus[52].

Prognosi[modifica | modifica sorgente]

L'infezione da virus dell'epatite B può essere acuta o cronica. I pazienti con infezione acuta possono eliminare il virus spontaneamente nel giro di settimane o mesi.

I bambini hanno meno probabilità degli adulti di eliminare l'infezione. Più del 95% delle persone che si infettano da adulti sono in grado di guarire completamente e sviluppare l'immunità al virus. Questo dato, tuttavia, scende al 30% per i bambini più piccoli e solo il 5% dei neonati che acquisiscono l'infezione dalla madre al momento della nascita sono in grado di eliminare l'infezione[53]. Questi presenteranno un rischio del 40% di morte, cirrosi o carcinoma epatocellulare[48].

L'epatite D (HDV) può avvenire solo in concomitanza con l'infezione da epatite B, poiché l'HDV utilizza l'antigene di superficie dell'HBV per formare il capside[54]. La co-infezione con virus dell'epatite D aumenta il rischio di cirrosi epatica e tumore del fegato[55]. La poliarterite nodosa risulta essere più comune nelle persone con infezione da epatite B.

Riassumendo, l'infezione da virus dell'epatite B evolve in quattro situazioni correlate con la risposta immunitaria del soggetto infetto:

  • Decorso acuto (ma spesso asintomatico) con completo recupero e acquisizione della immunità dall'infezione (89% dei casi);
  • Epatite fulminante con mortalità del 90%: può richiedere il trapianto di fegato (1% dei casi);
  • Infezione cronica: persistenza del virus nell'organismo con danno epatico (5-10% dei casi); in questo caso la malattia ha un andamento cronico e può compromettere la funzionalità epatica nel giro di 10-30 anni con l'insorgenza di cirrosi epatica o di carcinoma epatocellulare primitivo (di solito dopo che è già presente la cirrosi);
  • Stato di portatore inattivo (5% dei casi): il virus persiste nel fegato ma non provoca danno epatico; può rimanere in questo stato anche tutta la vita, senza arrecare danni nemmeno a lungo termine. Risulta essere poco contagioso.

Prevenzione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Vaccino antiepatite B.
HBsAg

Per la prevenzione dell'infezione da virus dell'epatite B sono stati sviluppati diversi vaccini a partire dagli anni 80. Questi si basano sull'uso di una delle proteine dell'involucro del virus (antigene di superficie dell'epatite B o HBsAg). Il vaccino è stato originariamente ottenuto dal plasma di pazienti che avevano contratto da lungo tempo l'infezione da virus dell'epatite B. Tuttavia, dal 1996, viene realizzato grazie a una tecnologia di sintesi del DNA ricombinante che non contiene derivati del sangue. Non si può essere infettati con il virus dell'epatite B da questo vaccino[56].

Il rischio di trasmissione verticale al neonato può essere drasticamente ridotto dal 20% - 90% al 5% -10% con la somministrazione del vaccino dell'epatite B (HBV 1) e le immunoglobuline (HBIG) entro 12 ore dalla nascita, seguite da una seconda dose di vaccino anti-epatite B (HBV 2) a 1-2 mesi e una terza dose non prima di 6 mesi (24 settimane).

In seguito alla vaccinazione, l'antigene di superficie dell'epatite B può essere rilevato nel siero per più giorni. Questo fenomeno è noto come antigenemia del vaccino[57]. Il vaccino somministrato che fornisce protezione per l'85-90% degli individui[58]. La protezione è stata osservata per 12 anni in soggetti che presentano un'adeguata risposta iniziale al ciclo primario di vaccinazioni, l'immunità prevista è di almeno 25 anni[59]. L'efficacia della vaccinazione deve essere comprovata da un apposito esame del sangue.

A differenza dell'epatite A, l'epatite B non è generalmente diffusa attraverso acqua e cibo. Invece essa si trasmette attraverso i fluidi del corpo. La prevenzione è quindi focalizzata ad evitare questo tipo di trasmissione: rapporti sessuali non protetti, trasfusioni di sangue, il riutilizzo di aghi e siringhe contaminate e la trasmissione verticale durante il parto, sono alcune delle situazioni più a rischio. I neonati possono essere vaccinati alla nascita[60].

Uno studio ha dimostrato che iniezioni multiple di piccole dosi di immunoglobuline anti epatite B (HBIg, 200-400 UI al mese)[61][62], o di lamivudina orale (100 mg al giorno) in madri portatrici di HBV con un alto grado di contagiosità (> 106 copie / ml) nella gravidanza avanzata (gli ultimi tre mesi di gravidanza)[63][64], è una metodologia efficace e sicura prevenire la trasmissione intrauterina di HBV.

Avvertenze[modifica | modifica sorgente]

In caso di infezione è necessario sottoporre i familiari e i partner sessuali ai test sierologici per la ricerca del virus HBV (HBsAg, HBsAb e HBcAb). Se i test danno esito negativo, la vaccinazione anti-epatite B evita il rischio che l’infezione possa diffondersi. L’infezione del virus per l’epatite B può coesistere con altre infezioni virali che rappresentano possibili concause di malattia epatica cronica. Queste infezioni comprendono l’epatite A, l’epatite C, l’epatite D e la sindrome da immunodeficienza acquisita AIDS. Nei pazienti con epatite B, quindi è importante verificare la presenza di eventuali co-infezioni con i virus HAV, HCV, HDV e HIV. Nei pazienti con epatite B cronica che non hanno contratto l’epatite A, la vaccinazione anti-epatite A protegge dall’eventuale co-infezione HBV/HAV. Poiché l’epatite B cronica è una malattia a rischio di complicanze sul lungo periodo (fibrosi, cirrosi e carcinoma epatico), i pazienti devono essere costantemente monitorati per seguire l’evoluzione della malattia. Inoltre, la presenza di malattie del fegato di origine alcolica, autoimmunitaria o metabolica possono indurre un peggioramento del quadro clinico del paziente. L’ecografia del fegato permette di evidenziare la formazione di eventuali lesioni sospette riconducibili a tumore epatico. A differenza infatti di quanto si verifica in caso di epatite C, il carcinoma epatico da virus dell’epatite B si può manifestare anche in un fegato senza cirrosi[47].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Barker LF, et al., Transmission of serum hepatitis. 1970 in Journal of the American Medical Association, vol. 276, nº 10, 1996, pp. 841–844, DOI:10.1001/jama.276.10.841, PMID 8769597.
  2. ^ Williams R, Global challenges in liver disease in Hepatology (Baltimore, Md.), vol. 44, nº 3, 2006, pp. 521–526, DOI:10.1002/hep.21347, PMID 16941687.
  3. ^ a b c d Hepatitis B, World Health Organization. URL consultato il 24 aprile 2014.
  4. ^ FAQ about Hepatitis B, Stanford School of Medicine, 10 luglio 2008. URL consultato il 19 settembre 2009.
  5. ^ Kidd-Ljunggren K, Holmberg A, Bläckberg J, Lindqvist B, High levels of hepatitis B virus DNA in bodynm fluids from chronic carriers in The Journal of Hospital Infection, vol. 64, nº 4, dicembre 2006, pp. 352–7, DOI:10.1016/j.jhin.2006.06.029, PMID 17046105.
  6. ^ Hepatitis B, National Institute of Health. URL consultato il 23 novembre 2010.
  7. ^ Chang M, Hepatitis B virus infection in Seminars in fetal & neonatal medicine, vol. 12, nº 3, 2007, pp. 160–167, DOI:10.1016/j.siny.2007.01.013, PMID 17336170.
  8. ^ Pungpapong S, Kim WR, Poterucha JJ, Natural History of Hepatitis B Virus Infection: an Update for Clinicians in Mayo Clinic Proceedings, vol. 82, nº 8, 2007, p. 967, DOI:10.4065/82.8.967, PMID 17673066.
  9. ^ ("All infants should receive their first dose of hepatitis B vaccine as soon as possible after birth, preferably within 24 hours" - WHO Hepatitis B Vaccines Position Paper)
  10. ^ (EN) World Health Organization - Hepatitis B Vaccines Position Paper. URL consultato il 24 aprile 2014.
  11. ^ (DE) Lurman A, Eine icterus epidemic in Berl Klin Woschenschr, vol. 22, 1885, pp. 20–3.
  12. ^ Alter H, Blumberg, Further studies on a "new" human isoprecipitin system (Australia antigen) in Blood, vol. 27, nº 3, 1966, pp. 297–309, PMID 5930797.
  13. ^ MacCallum, F.O., Homologous serum hepatitis in Lancet, vol. 2, 1947, p. 691.
  14. ^ Galibert F, Mandart E, Fitoussi F, Tiollais P, Charnay P, Nucleotide sequence of the hepatitis B virus genome (subtype ayw) cloned in E. Coli in Nature, vol. 281, nº 5733, 1979, p. 646, Bibcode:1979Natur.281..646G, DOI:10.1038/281646a0, PMID 399327.
  15. ^ Hepatitis B vaccine in Lancet, vol. 2, nº 8206, 1980, pp. 1229–1230, PMID 6108398.
  16. ^ (EN) World Health Organization - Epatite B. URL consultato il 4 giugno 2011.
  17. ^ Custer, Sullivan S, Hazlet T, Kowdley U, Veenstra D, Iloeje K, Global epidemiology of hepatitis B virus in Journal of Clinical Gastroenterology, vol. 38, 10 Suppl 3, 2004, pp. S158–S168, DOI:10.1097/00004836-200411003-00008, PMID 15602165.
  18. ^ Redd J, Baumbach J, Kohn W, Nainan O, Khristova M, Williams I, Patient-to-patient transmission of hepatitis B virus associated with oral surgery in The Journal of infectious diseases, vol. 195, nº 9, 2007, pp. 1311–1314, DOI:10.1086/513435, PMID 17397000.
  19. ^ Alter M, Epidemiology and prevention of hepatitis B in Seminars in liver disease, vol. 23, nº 1, 2003, pp. 39–46, DOI:10.1055/s-2003-37583, PMID 12616449.
  20. ^ (EN) Healthcare stumbling in RI's Hepatitis fight in The Jakarta Post, 13 gennaio 2011.
  21. ^ Gaeta GB, Stornaiuolo G, Precone DF, Type B and D viral hepatitis: epidemiological changes in Southern Europe, PMID 11948358.
  22. ^ Marcelo El Khouri e Vera Aparecida dos Santos, Hepatis B: epidemiological, immunological and serological considerations emphasizing mutation, PMID 15361988.
  23. ^ Hadziyannis SJ, Papatheodoridis GV, Vassilopoulos D, Precore mutant chronic hepatitis B - approach to management, ottobre 2003, PMID 14745348.
  24. ^ Shuping Tong, Jisu Li, Jack R. Wands, Carboxypeptidase D Is an Avian Hepatitis B Virus Receptor in Journal of Virology, vol. 73, nº 10, 1999, pp. 8696–8702, PMC 112890, PMID 10482623. URL consultato il 19 settembre 2009.
  25. ^ Glebe D, Urban S, Viral and cellular determinants involved in hepadnaviral entry in World Journal of Gastroenterology, vol. 13, nº 1, 2007, pp. 22–38, PMID 17206752.
  26. ^ Coffin CS, Mulrooney-Cousins PM, van Marle G, Roberts JP, Michalak TI, Terrault NA, Hepatitis B virus (HBV) quasispecies in hepatic and extrahepatic viral reservoirs in liver transplant recipients on prophylactic therapy in Liver Transpl, aprile 2011, pp. n/a–n/a, DOI:10.1002/lt.22312, PMID 21462295.
  27. ^ Iannacone M, Sitia G, Isogawa M, Marchese P, Castro M, Lowenstein P, Chisari F, Ruggeri Z et al, Platelets mediate cytotoxic T lymphocyte-induced liver damage in Nature medicine, vol. 11, nº 11, 2005, pp. 1167–1169, DOI:10.1038/nm1317, PMC 2908083, PMID 16258538.
  28. ^ (EN) Hepatitis B - the facts, Department of Health, Victoria, Australia. URL consultato il 3 aprile 2012.
  29. ^ Petersen N, Barrett, Bond, Berquist, Favero, Bender, Maynard, Hepatitis B surface antigen in saliva, impetiginous lesions, and the environment in two remote Alaskan villages in Applied and environmental microbiology, vol. 32, nº 4, 1976, pp. 572–574, PMC 170308, PMID 791124.
  30. ^ Hepatitis B – the facts: IDEAS – Victorian Government Health Information, Australia, State of Victoria, 28 luglio 2009. URL consultato il 19 settembre 2009.
  31. ^ Shapiro CN, Epidemiology of hepatitis B in The Pediatric infectious disease journal, vol. 12, nº 5, 1993, pp. 433–437, DOI:10.1097/00006454-199305000-00036, PMID 8392167.
  32. ^ Locarnini S, Molecular virology of hepatitis B virus in Seminars in liver disease, 24, Suppl 1, 2004, pp. 3–10, DOI:10.1055/s-2004-828672, PMID 15192795.
  33. ^ a b Zuckerman AJ, Hepatitis Viruses. In: Baron's Medical Microbiology (Baron S et al, eds.), 4th, Univ of Texas Medical Branch, 1996, ISBN 0-9631172-1-1.
  34. ^ S. Locarnini, Molecular virology of hepatitis B virus in Seminars in liver disease, 24, Suppl 1, 2004, pp. 3–10, DOI:10.1055/s-2004-828672, PMID 15192795.
  35. ^ A. Kramvis, M. Kew e G. François, Hepatitis B virus genotypes in Vaccine, vol. 23, nº 19, 2005, pp. 2409–2423, DOI:10.1016/j.vaccine.2004.10.045, PMID 15752827.
  36. ^ a b Bonino F, Chiaberge E, Maran E, Piantino P, Serological markers of HBV infectivity in Annali dell'Istituto superiore di sanità, vol. 24, nº 2, 1987, pp. 217–223, PMID 3331068.
  37. ^ Terrault N, Roche B, Samuel D, Management of the hepatitis B virus in the liver transplantation setting: a European and an American perspective in Liver Transpl, 11(7), 2005, pp. 716-732, PMID 15973718.
  38. ^ (EN) Gan SI, Devlin SM, Scott-Douglas NW, Burak KW, Lamivudine for the treatment of membranous glomerulopathy secondary to chronic Hepatitis B infection, PMID 16247526.
  39. ^ levaccinazioni.it. URL consultato il 4 giugno 2011.
  40. ^ Epatite B. URL consultato il 4 giugno 2011.
  41. ^ Le epatiti virali. URL consultato il 4 giugno 2011.
  42. ^ Lok A, Mcmahon B, Chronic hepatitis B in Hepatology (Baltimore, Md.), vol. 45, nº 2, 2007, pp. 507–539, DOI:10.1002/hep.21513, PMID 17256718.
  43. ^ Chu CM, Liaw YF, Predictive factors for reactivation of hepatitis B following hepatitis B e antigen seroconversion in chronic hepatitis B in Gastroenterology, vol. 133, nº 5, 2007, pp. 1458–1465, DOI:10.1053/j.gastro.2007.08.039, PMID 17935720.
  44. ^ Zoulim F, New nucleic acid diagnostic tests in viral hepatitis in Seminars in liver disease, vol. 26, nº 4, 2006, pp. 309–317, DOI:10.1055/s-2006-951602, PMID 17051445.
  45. ^ Hollinger FB, Lau DT, Hepatitis B: the pathway to recovery through treatment in Gastroenterology Clinics of North America, vol. 35, nº 4, dicembre 2006, pp. 895–931, DOI:10.1016/j.gtc.2006.10.002, PMID 17129820.
  46. ^ Lai CL, Yuen MF, The natural history and treatment of chronic hepatitis B: a critical evaluation of standard treatment criteria and end points in Annals of Internal Medicine, vol. 147, nº 1, luglio 2007, pp. 58–61, PMID 17606962.
  47. ^ a b Pharmamedix: Epatite B http://www.pharmamedix.com/patologiavoce.php?pat=Epatite+B&vo=Avvertenze
  48. ^ a b Dienstag JL, Hepatitis B virus infection in The New England journal of medicine, vol. 359, nº 14, 2008, pp. 1486–1500, DOI:10.1056/NEJMra0801644, PMID 18832247.
  49. ^ Pramoolsinsup C, Management of viral hepatitis B in Journal of Gastroenterology and Hepatology, vol. 17, Suppl, febbraio 2002, pp. S125–45, PMID 12000599.
  50. ^ Libbus MK, Phillips LM, Public health management of perinatal hepatitis B virus in Public Health Nursing (Boston, Mass.), vol. 26, nº 4, 2009, pp. 353–61, DOI:10.1111/j.1525-1446.2009.00790.x, PMID 19573214.
  51. ^ Ng LF, Chan M, Chan SH, Cheng PC, Leung EH, Chen WN, Ren EC, Host heterogeneous ribonucleoprotein K (hnRNP K) as a potential target to suppress hepatitis B virus replication in PLoS medicine, vol. 2, nº 7, luglio 2005, pp. e163, DOI:10.1371/journal.pmed.0020163, ISSN 1549-1277, PMC 1181871, PMID 16033304.
  52. ^ (EN) Hepatitis B Foundation: Approved Drugs for Adults. URL consultato il 4 giugno 2011.
  53. ^ Bell SJ, Nguyen T, The management of hepatitis B in Aust Prescr, vol. 23, nº 4, 2009, pp. 99–104.
  54. ^ Taylor J, Hepatitis delta virus in Virology, vol. 344, nº 1, 2006, pp. 71–76, DOI:10.1016/j.virol.2005.09.033, PMID 16364738.
  55. ^ Olivieri F, Brunetto MR, Bonino G, Actis GC, Pathobiology of chronic hepatitis virus infection and hepatocellular carcinoma (HCC) in The Italian journal of gastroenterology, vol. 23, nº 8, 1991, pp. 498–502, PMID 1661197.
  56. ^ Hepatitis B Vaccine, Doylestown, Pennsylvania, Hepatitis B Foundation, 31 gennaio 2009. URL consultato il 13 marzo 2010.
  57. ^ Martín-Ancel A, Casas M, Bonet B, Implications of postvaccination hepatitis B surface antigenemia in the management of exposures to body fluids in Infection control and hospital epidemiology : the official journal of the Society of Hospital Epidemiologists of America, vol. 25, nº 7, 2004, pp. 611–613, DOI:10.1086/502449, PMID 15301037.
  58. ^ Joint Committee on Vaccination and Immunisation, Chapter 18 Hepatitis B (PDF) in Immunisation Against Infectious Disease 2006 ("The Green Book"), 3rd edition (Chapter 18 revised 10 October 2007), Edinburgh, Stationery Office, 2006, p. 164, ISBN 0-11-322528-8.
  59. ^ Vandamme K, Van Herck K, A review of the long-term protection after hepatitis a and B vaccination in Travel Medicine and Infectious Disease, vol. 5, nº 2, 2007, pp. 79–84, DOI:10.1016/j.tmaid.2006.04.004, PMID 17298912.
  60. ^ John O'Connor, Hepatitis B Prevention – The Body, Body Health Resources Corporation, 3 ottobre 2008. URL consultato il 30 gennaio 2009.
  61. ^ Shi Z, Li X, Ma L, Yang Y, Hepatitis B immunoglobulin injection in pregnancy to interrupt hepatitis B virus mother-to-child transmission-a meta-analysis in International Journal of Infectious Diseases : IJID : Official Publication of the International Society for Infectious Diseases, vol. 14, nº 7, luglio 2010, pp. e622–34, DOI:10.1016/j.ijid.2009.09.008, PMID 20106694.
  62. ^ Li XM, Shi MF, Yang YB, Shi ZJ, Hou HY, Shen HM, Teng BQ, Effect of hepatitis B immunoglobulin on interruption of HBV intrauterine infection in World J Gastroenterol, vol. 10, nº 21, novembre 2004, pp. 3215–7, PMID 15457579.
  63. ^ Li XM, Yang YB, Hou HY, Shi ZJ, Shen HM, Teng BQ, Li AM, Shi MF, Zou L, Interruption of HBV intrauterine transmission: a clinical study in World J Gastroenterol, vol. 9, nº 7, luglio 2003, pp. 1501–3, PMID 12854150.
  64. ^ Shi Z, Yang Y, Ma L, Li X, Schreiber A, Lamivudine in late pregnancy to interrupt in utero transmission of hepatitis B virus: a systematic review and meta-analysis in Obstet Gynecol, vol. 116, nº 1, luglio 2010, pp. 147–59, DOI:10.1097/AOG.0b013e3181e45951, PMID 20567182.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina
Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 11 aprile 2012vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Criteri di ammissione  ·  Segnalazioni  ·  Voci di qualità in altre lingue