Tumore del fegato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Tumore del fegato
CT cholangioca.jpg
Tomografia computerizzata del fegato con un colangiocarcinoma
Specialitàoncologia
Classificazione e risorse esterne (EN)

Il tumore del fegato o tumore epatico (dal greco Hepar, che significa fegato) è una neoplasia che ha origine nel fegato. I tumori del fegato vengono generalmente diagnosticati grazie ad apparecchiature di imaging biomedico (spesso per caso) o si presentano con sintomi quali una massa addominale, dolore addominale, ittero, nausea o disfunzione epatica. Il tipo più frequente è il carcinoma epatocellulare.

La causa principale è la cirrosi a seguito di epatite B, epatite C o alcolismo.[1] Si conta che l'epatite B sia resposanbile di 300.000 morti, l'epatite C di 343.000 morti e l'alcol di 92.000 morti per tumore del fegato.[1] I tumori del fegato sono diversi dalle metastasi epatiche che, invece di avere origine nel fegato, provengono da altre parti del corpo e si diffondono nel parenchima epatico. I tumori epatici colpiscono sia il fegato stesso o le strutture all'interno di esso, compresi vasi sanguigni o dotti biliari.

Il tumore al fegato primario è il sesto tumore più frequente a livello mondiale e la seconda causa di morte per neoplasia.[2] Nel 2012 si sono registrati 782.000 casi e 746.000 decessi.[2] I tassi più elevati si sono registrati dove l'epatite B e C sono più comuni, come nell'asia orientale e nell'Africa sub-sahariana.[3] I tassi di sopravvivenza a cinque anni sono, negli Stati Uniti, del 17%.[4]

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Il tumore del fegato più frequente, e che rappresenta circa il 75% di tutte le neoplasie epatiche primarie, è il carcinoma epatocellulare (HCC). L'HCC è un tumore che ha origine dalle cellule del fegato, note come epatociti, che in seguito a mutazione genetica diventano maligne. Un altro tipo di tumore, sempre con origine gli epatociti, è l'epatoblastoma, che è specificamente formato da cellule epatiche immature.[5] Si tratta di un raro tumore maligno che si sviluppa soprattutto nei bambini e rappresenta circa l'1% di tutti i tumori dell'età pediatrica e il 79% dei tutti i tumori primari del fegato in pazienti di età inferiore a 15 anni. La maggior parte degli epatoblastomi si forma nel lobo destro.[6]

Il tumore epatico può anche formarsi a partire da altre strutture all'interno del fegato, come il dotto biliare, i vasi sanguigni e le cellule immunitarie. I tumori del dotto biliare (colangiocarcinoma e cistoadenocarcinoma) rappresentano circa il 6% dei tumori epatici primari.[5] Vi è anche una variante dell'HCC che consiste nella presenza concomitante di HCC e colangiocarcinoma.[7] I tumori dei vasi sanguigni (angiosarcoma e emangioendotelioma, sarcoma embrionale e fibrosarcoma) hanno origine da un tipo di tessuto connettivo noto come mesenchima. I tumori con origine il tessuto muscolare epatico sono il leiomiosarcoma e il rabdomiosarcoma. Altri tumori del fegato meno comuni includono il carcinosarcoma, i teratomi, i tumori carcinoidi e i linfomi.[5] I linfomi di solito presentano una infiltrazione diffusa del fegato ma, in rari casi, possono anche costituire una massa epatica.

Molti tumori che vengono trovati nel fegato in realtà non sono veri tumori epatici ma hanno origine in altre parti del corpo che poi si sono diffusi al fegato (processo noto come metastasi). Spesso, l'anatomia di origine è il tratto gastrointestinale, ma può essere anche la metastizzazione del tumore alla mammella, del tumore ovarico, del tumore al polmone e della prostata.

Cause[modifica | modifica wikitesto]

Infezione virale[modifica | modifica wikitesto]

Micrografia che mostra dei virus dell'epatite B.

Nel mondo odierno, la principale causa del tumore epatico è l'infezione da virus dell'epatite C (HCV) o dell'epatite B (HBV) che rappresenta, per eziologia, l'80% dei casi.[8][9][10] I virus sono responsabili del tumore poiché danno origine ad una infiammazione massiva, alla conseguente fibrosi e all'eventuale cirrosi che si verifica all'interno del fegato. Il tumore, solitamente, insorge in seguito alla cirrosi, con un'incidenza annuale dell'1,7% nei soggetti cirrotici con infezione da HCV.[11] Tra il circa 5% e 10% degli individui con infezione da HBV diventa portatore cronico e circa il 30% di questi va incontro alla malattia epatica cronica, che può portare a sviluppare una tumore.[8] L'infezione da HBV è correlato anche al colangiocarcinoma.[12] Il ruolo dei virus diversi dall'HCV o dall'HBV nel tumore al fegato è molto meno evidente, anche se vi è qualche evidenza che la co-infezione da HBV e il virus dell'epatite D possano aumentare il rischio di neoplasisa.[13]

In seguito all'infezione da HCV e HBV si verificano molti cambiamenti genetici ed epigenetici nelle cellule del fegato e questo è un fattore importate nello sviluppo dei tumori epatici. I virus inducono variazioni maligne nelle cellule alterando la metilazione del DNA e ciò compromette la corretta espressione genica e la trasduzione del segnale. In questo modo, i virus possono impedire alle cellule di andare incontro alla morte cellulare programmata (apoptosi) al fine di promuovere la replicazione virale e la persistenza.[8][11]

Cirrosi[modifica | modifica wikitesto]

Immagine istologica con colorazione tricromica che mostra un tipico quadro di cirrosi del fegato.

Oltre a cirrosi virus legati sopra descritto, altre cause di cirrosi possono portare a HCC. L'assunzione di alcool correlata con il rischio di HCC, e il rischio è molto maggiore nei soggetti con un fegato cirrotico alcol-indotta. Ci sono alcuni disturbi che sono noti causare cirrosi e portano al cancro, tra cui emocromatosi ereditaria e la cirrosi biliare primaria.[14]

Aflatossina[modifica | modifica wikitesto]

L'esposizione all'aflatossina può portare allo sviluppo di tumore epatico. Le aflatossine sono un gruppo di sostanze chimiche prodotte dal fungo Aspergillus flavus e Aspergillus parasiticus. La contaminazione alimentare da funghi conduce all'ingestione di sostanze chimiche che sono molto tossiche per il fegato. Alimenti comuni contaminati con le tossine sono i cereali, le arachidi e le altre verdure. La contaminazione degli alimenti è comune in Africa, nel Sud-Est asiatico e in Cina. La concomitante infezione da HBV e l'esposizione alle aflatossine aumenta il rischio di tumore rispetto a coloro che presentano indipendentemente le condizioni. Il meccanismo con cui l'aflatossina causa il tumore è attraverso la mutazione genetica di un gene necessario per la prevenzione del cancro: il P53.[15][16]

Altre possibili cause negli adulti[modifica | modifica wikitesto]

  • Noduli displatici ad alto grado, sono lesioni precancerose del fegato. Entro 2 anni, vi è un rischio del 30-40% di sviluppare un tumore derivante da tali noduli.[17]
  • Si ritiene che l'obesità sia un importante fattore di rischio in quanto può portare a steatoepatite.[10][16]
  • Il diabete aumenta il rischio di tumore del fegato.[16]
  • Il fumo aumenta il rischio di HCC rispetto ai non fumatori e ai fumatori che hanno smesso.[16]
  • Vi è di circa il 5-10% del rischio di incorrere in un colangiocarcinoma, durante la propria vita, nei pazienti con colangite sclerosante primitiva.[18]
  • La fascioliasi aumenta il rischio di colangiocarcinoma ed è il motivo perché la Thailandia presenti tassi particolarmente alti di questo tipo di tumore.[19]

Fattori di rischio nei bambini[modifica | modifica wikitesto]

L'aumento del rischio di tumore del fegato nei bambini, può essere causato dalla sindrome di Beckwith-Wiedemann,[20][21] dalla poliposi adenomatosa familiare,[21] basso peso alla nascita,[6] colestasi familiare intraepatica progressiva[21] e trisomia 18. Tutte condizioni associate con epatoblastoma.[21]

Segni e sintomi[modifica | modifica wikitesto]

Poiché "tumore del fegato" è un termine generico che racchiude molti tipi di tumore, i segni e i sintomi dipendono dal tipo di neoplasia effettivamente presente. Il colangiocarcinoma è associato a sudorazione, ittero, dolore addominale, perdita di peso e epatomegalia,[22] mentre il carcinoma epatocellulare alla presenza di una massa addominale, al dolore addominale, al vomito, all'anemia, al mal di schiena, all'ittero, al prurito, alla perdita di peso e alla febbre.[23]

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

Molte tecniche di imaging biomedico sono disponibili per aiutare nella diagnosi del tumore primario del fegato. Nei casi di sospetto HCC questi esami includono l'ecografia, la tomografia computerizzata (TC) e la risonanza magnetica (RM). Quando per mezzo dell'ecografia si riscontra una massa nel fegato superiore ai 2 cm, vi sono oltre il 95% di probabilità che essa sia un carcinoma epatocellulare. La maggior parte dei colangiocarcinomi si verifica nella regione ilare del fegato e spesso si presentano come una ostruzione del dotto biliare. Per indagare sull'ostruzione possono essere utilizzate la colangio-pancreatografia endoscopica retrograda (ERCP), l'ecografia, la TC, la risonanza magnetica e la risonanza magnetica colangiopancreatografica (CPRM).[24]

La ricerca dei marcatori tumorali, ovvero i prodotti chimici a volte presenti nel sangue delle persone con un tumore, può essere utile nella diagnosi e nel monitoraggio del decorso della malattia. Alti livelli di alfa-fetoproteina (AFP) nel sangue possono essere riscontrati in molti casi di HCC e colangiocarcinoma intraepatico. Il colangiocarcinoma può essere rilevato anche grazie a questi marker tumorali: l'antigene carboidrato 19-9 (CA 19-9), l'antigene carcino-embrionale (CEA) e l'antigene de cancro 125 (CA125). Questi marcatori tumorali si trovano nei tumori primari del fegato, così come in altri tumori e in alcune altre condizioni mediche.[25][26]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Collaborators GBD 2013 Mortality and Causes of Death, Global, regional, and national age-sex specific all-cause and cause-specific mortality for 240 causes of death, 1990-2013: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2013., in Lancet, 17 dicembre 2014, DOI:10.1016/S0140-6736(14)61682-2, PMID 25530442.
  2. ^ a b World Cancer Report 2014, World Health Organization, 2014, pp. Chapter 1.1, ISBN 92-832-0429-8.
  3. ^ A Jemal, Bray, F, Center, MM, Ferlay, J, Ward, E e Forman, D, Global cancer statistics., in CA: a cancer journal for clinicians, vol. 61, nº 2, Mar–Apr 2011, pp. 69–90, DOI:10.3322/caac.20107, PMID 21296855.
  4. ^ SEER Stat Fact Sheets: Liver and Intrahepatic Bile Duct Cancer, su NCI. URL consultato il 18 giugno 2014.
  5. ^ a b c Ahmed, I; Lobo D.N. Ahmed e Dileep N. Lobo, Malignant tumours of the liver, in Surgery (Oxford), vol. 27, nº 1, January 2009, pp. 30–37, DOI:10.1016/j.mpsur.2008.12.005.
  6. ^ a b S Emre e McKenna, GJ, Liver tumors in children., in Pediatric transplantation, vol. 8, nº 6, December 2004, pp. 632–8, DOI:10.1111/j.1399-3046.2004.00268.x, PMID 15598339.
  7. ^ SA Khan e Davidson, BR; Goldin, RD; Heaton, N; Karani, J; Pereira, SP; Rosenberg, WM; Tait, P; Taylor-Robinson, SD; Thillainayagam, AV; Thomas, HC; Wasan, H; British Society of, Gastroenterology, Guidelines for the diagnosis and treatment of cholangiocarcinoma: an update, in Gut, vol. 61, nº 12, December 2012, pp. 1657–69, DOI:10.1136/gutjnl-2011-301748, PMID 22895392.
  8. ^ a b c A Arzumanyan, Reis, HM e Feitelson, MA, Pathogenic mechanisms in HBV- and HCV-associated hepatocellular carcinoma., in Nature reviews. Cancer, vol. 13, nº 2, February 2013, pp. 123–35, DOI:10.1038/nrc3449, PMID 23344543.
  9. ^ HR Rosen, Clinical practice. Chronic hepatitis C infection., in The New England Journal of Medicine, vol. 364, nº 25, 23 giugno 2011, pp. 2429–38, DOI:10.1056/NEJMcp1006613, PMID 21696309.
  10. ^ a b General Information About Adult Primary Liver Cancer, National Cancer Institute. URL consultato il 13 gennaio 2013.
  11. ^ a b SW Jeong, Jang, JY e Chung, RT, Hepatitis C virus and hepatocarcinogenesis., in Clinical and molecular hepatology, vol. 18, nº 4, December 2012, pp. 347–56, DOI:10.3350/cmh.2012.18.4.347, PMID 23323249.
  12. ^ S Ralphs e Khan, SA, The role of the hepatitis viruses in cholangiocarcinoma., in Journal of viral hepatitis, vol. 20, nº 5, May 2013, pp. 297–305, DOI:10.1111/jvh.12093, PMID 23565610.
  13. ^ MC Kew, Hepatitis viruses (other than hepatitis B and C viruses) as causes of hepatocellular carcinoma: an update., in Journal of viral hepatitis, vol. 20, nº 3, March 2013, pp. 149–57, DOI:10.1111/jvh.12043, PMID 23383653.
  14. ^ G Fattovich, Stroffolini, T, Zagni, I e Donato, F, Hepatocellular carcinoma in cirrhosis: incidence and risk factors., in Gastroenterology, vol. 127, 5 Suppl 1, November 2004, pp. S35–50, DOI:10.1053/j.gastro.2004.09.014, PMID 15508101.
  15. ^ TW Kensler, Roebuck, BD, Wogan, GN e Groopman, JD, Aflatoxin: a 50-year odyssey of mechanistic and translational toxicology, in Toxicological sciences : an official journal of the Society of Toxicology, 120 Suppl 1, March 2011, pp. S28–48, DOI:10.1093/toxsci/kfq283, PMC 3043084, PMID 20881231.
  16. ^ a b c d SC Chuang e La Vecchia, C; Boffetta, P, Liver cancer: descriptive epidemiology and risk factors other than HBV and HCV infection, in Cancer letters, vol. 286, nº 1, 1º dicembre 2009, pp. 9–14, DOI:10.1016/j.canlet.2008.10.040, PMID 19091458.
  17. ^ L Di Tommaso, Sangiovanni, A, Borzio, M, Park, YN, Farinati, F e Roncalli, M, Advanced precancerous lesions in the liver., in Best practice & research. Clinical gastroenterology, vol. 27, nº 2, April 2013, pp. 269–84, DOI:10.1016/j.bpg.2013.03.015, PMID 23809245.
  18. ^ N Razumilava e Gores, GJ, Classification, diagnosis, and management of cholangiocarcinoma., in Clinical gastroenterology and hepatology : the official clinical practice journal of the American Gastroenterological Association, vol. 11, nº 1, January 2013, pp. 13–21.e1; quiz e3–4, DOI:10.1016/j.cgh.2012.09.009, PMID 22982100.
  19. ^ A Davit-Spraul, Gonzales, E, Baussan, C e Jacquemin, E, Progressive familial intrahepatic cholestasis, in Orphanet journal of rare diseases, vol. 4, 8 gennaio 2009, pp. 1, DOI:10.1186/1750-1172-4-1, PMC 2647530, PMID 19133130.
  20. ^ MR DeBaun e Tucker, MA, Risk of cancer during the first four years of life in children from The Beckwith-Wiedemann Syndrome Registry., in The Journal of pediatrics, vol. 132, 3 Pt 1, March 1998, pp. 398–400, DOI:10.1016/S0022-3476(98)70008-3, PMID 9544889.
  21. ^ a b c d LG Spector e Birch, J, The epidemiology of hepatoblastoma., in Pediatric blood & cancer, vol. 59, nº 5, November 2012, pp. 776–9, DOI:10.1002/pbc.24215, PMID 22692949.
  22. ^ eMedicine
  23. ^ Liver tumors | Boston Children's Hospital, su childrenshospital.org. URL consultato l'8 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2011).
  24. ^ B Ariff, Lloyd, CR, Khan, S, Shariff, M, Thillainayagam, AV, Bansi, DS, Khan, SA, Taylor-Robinson, SD e Lim, AK, Imaging of liver cancer, in World journal of gastroenterology : WJG, vol. 15, nº 11, 21 marzo 2009, pp. 1289–300, DOI:10.3748/wjg.15.1289, PMC 2658841, PMID 19294758.
  25. ^ G Malaguarnera, Paladina, I, Giordano, M, Malaguarnera, M, Bertino, G e Berretta, M, Serum markers of intrahepatic cholangiocarcinoma, in Disease markers, vol. 34, nº 4, 2013, pp. 219–28, DOI:10.3233/DMA-130964 (inattivo 2015-01-14), PMID 23396291.
  26. ^ Guan-Cheng Zhao, Y; Qiang, J; Li, C, Q Ju e G. C. Li, Tumor markers for hepatocellular carcinoma (Review), in Molecular and Clinical Oncology, vol. 1, nº 4, 2013, pp. 593–598, DOI:10.3892/mco.2013.119, PMC 3915636, PMID 24649215.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85077753 · NDL (ENJA00565013
Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina