Infezione delle vie urinarie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Infezione delle vie urinarie
Pyuria.JPG
Numerosi globuli bianchi visibili al microscopio nelle urine di un soggetto con una infezione del tratto urinario.
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 599.0
ICD-10 (EN) N39.0

Una infezione delle vie urinarie, anche chiamata infezione del tratto urinario, è una infezione che colpisce una parte del tratto o via urinaria.

Quando l'infezione è a carico delle basse vie urinarie è anche conosciuta con il nome di cistite semplice (ovvero infezione della vescica) mentre nel caso colpisca le vie urinarie superiori è anche conosciuta con il nome di pielonefrite (ovvero un'infezione del parenchima, dei calici e della pelvi renale). I sintomi di una infezione a carico delle vie urinarie inferiori includono una minzione dolorosa, la necessità frequente e ripetuta di mingere (pollachiuria) e l'urgenza di mingere, ovvero l'impossibilità di procrastinare la minzione. I sintomi della pielonefrite includono invece la febbre e dolore addominale al fianco, oltre ai sintomi di infezione delle basse vie urinarie. Nell'anziano e nei soggetti molto giovani i sintomi possono essere vaghi o non specifici. L'agente che più spesso è in causa in entrambi i tipi di infezione è Escherichia coli, anche se, con minore frequenza, possono essere chiamati in causa altri batteri, virus o funghi. L'infezione delle vie urinarie si verifica più comunemente nelle donne rispetto agli uomini.

È stato calcolato che una percentuale variabile tra il 30% ed il 50% delle donne avrà una infezione del tratto urinario nel corso della sua vita. Le recidive sono estremamente comuni. I fattori di rischio sono molto vari ed includono le caratteristiche anatomiche delle femmine, la cui uretra è decisamente più corta rispetto a quella maschile, i trascorsi sessuali ed una storia di familiarità. Le pielonefriti, quando si verificano, in genere sono conseguenti ad una infezione della vescica e delle basse vie urinarie, ma possono anche derivare da una infezione ematica.

La diagnosi per una giovane donna precedentemente sana può semplicemente basarsi sulla sintomatologia riferita. Nei soggetti con sintomatologia vaga la diagnosi può invece essere difficile poiché i batteri possono essere riscontrati nelle urine anche senza che sia in atto una infezione del tratto urinario. Nei casi più complicati oppure in quei soggetti in cui il trattamento è fallito, l'esecuzione di una urinocoltura può essere dirimente. Nei soggetti che presentano infezioni frequenti e ricorrenti, basse dosi di antibiotici e cicli di antibioticoterapia possono costituire una valida misura preventiva. Nei casi non complicati,le infezioni del tratto urinario sono trattate facilmente con un breve ciclo di antibiotici, talvolta semplicemente con chinoloni di prima generazione, quali ad esempio l'acido nalidixico. Si deve tuttavia tenere presente che la resistenza agli antibiotici utilizzati per trattare questo tipo di problemi è in rapido aumento e che pertanto si potrebbe dover ricorrere a farmaci più potenti e gravati da una minore resistenza.

Nei casi più complicati può essere necessario ricorrere ad un ciclo di antibioticoterapia di più lunga durata, oppure all'utilizzo di antibiotici per via endovenosa. In questi casi se i sintomi non migliorano nel giro di due o tre giorni, può essere necessario ricorrere ad ulteriori accertamenti diagnostici. Nelle donne le infezioni delle vie urinarie sono il tipo più comune di infezioni batteriche. Ogni anno circa il 10% delle donne sviluppa un'infezione delle vie urinarie.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Una pagina del papiro Ebers (1550 a.C.) nel quale si ritrova una delle più antiche descrizioni di infezione delle vie urinarie.

Le infezioni del tratto urinario sono state descritte fin dai tempi antichi. La prima descrizione documentata risale al 1550 a.C. nel cosiddetto Papiro Ebers, un papiro egizio scritto in ieratico contenente un grande numero di prescrizioni mediche.[1] Nel papiro viene citato un rimedio per "eliminare l'urina che è troppo abbondante" ma il termine ieratico significa anche "spesso" e perciò molti studiosi ritengono che si faccia riferimento alla cistite con conseguente aumentata frequenza di minzioni. In un altro passaggio del papiro egiziano viene citata una condizione che comporta "emissione di calore dalla vescica" ed il riferimento al bruciore minzionale appare molto chiaro.[2]

Ippocrate riteneva che la malattia fosse causata dalla disarmonia dei 4 umori mentre la medicina degli antichi Romani ampliava ulteriormente l'approccio conservativo sostenuto dai medici greci: riposo a letto, dieta, narcotici e ricorso alle erbe. Questi rimedi naturali per coloro che soffrivano di cistite si basavano in particolare sull'assunzione di tisane di ortica od equiseto, oppure sull'utilizzo di agrimonia e sedano.
Il medico bizantino Aëtius di Amida, vissuto intorno al 6º secolo raffinò le prime rudimentali tecniche di uroscopia e creò una classificazione dettagliata delle malattie urinarie basata sulle osservazioni derivanti da questa tecnica.
Durante il Medioevo non si verificarono importanti progressi, anche se i trattamenti preesistenti furono ulteriormente migliorati. È necessario attendere il 19º secolo per avere le prime descrizioni precise e dettagliate di IVU, mancando tuttavia la consapevolezza che esse erano causate da microrganismi. Nell'approccio empirico alla malattia non mancava il ricorso a clisteri a base di erbe, irrigazioni, salassi diretti, scarificazioni con coppa e salassi con utilizzo di sanguisughe.

A partire dal ventesimo secolo la scoperta dei microrganismi ed il loro ruolo nel processo infiammatorio, associato all'invenzione dei primi antibiotici, cambiò completamente l'approccio e la gestione della malattia.[3]

Epidemiologia[modifica | modifica sorgente]

Le infezioni delle vie urinarie sono in assoluto l'infezione batterica più frequente nel sesso femminile.[4] Il picco di incidenza si verifica nella fascia d'età compresa tra i 16 ed i 35 anni. Circa il 10% delle donne sviluppa almeno una infezione ogni anno ed il 50-60% è destinato a presentare un episodio nell'arco della loro vita.[5][6]

La maggior parte degli uomini che sviluppa una infezione delle vie urinarie presenta una anomalia funzionale oppure anatomica del tratto genito-urinario. L'iperplasia benigna della prostatica così come interventi invasivi diagnostico-terapeutici sul tratto genitourinario (cateterismo vescicale, uroscopia ed altri) rappresentano le principali cause di infezione nel sesso maschile.[7] L'infezione delle vie urinarie associata all'uso di catetere vescicale, in tutto il mondo rappresenta la causa più frequente di infezione correlata ad un trattamento sanitario.[8]

Le recidive sono così frequenti da rappresentare quasi la regola. Quasi la metà dei soggetti svilupperà una seconda infezione nell'arco di un anno. Le infezioni del tratto urinario si verificano con una frequenza che è quattro volte più elevata nelle femmine rispetto ai maschi.[4]

Le infezioni, sia pure in genere autolimitanti, tendono a recidivare anche in soggetti che non presentano anomalie anatomiche o funzionali.[9]

La pielonefrite è una complicanza dell'infezione che si verifica con una frequenza inferiore di 20-30 volte rispetto all'infezione di base. Le infezioni delle vie urinarie sono la causa più comune di infezioni acquisite in ospedale, e rappresentano circa il 40% del totale.[10] La frequenza di batteriuria asintomatica aumenta progressivamente con l'età, circa del 2-7 per cento nelle donne in età fertile, fino ad un massimo del 50% nelle donne anziane ricoverate negli ospizi, case di cura, residenze sanitarie assistenziali.[11] La frequenza di batteriuria asintomatica negli uomini con più di 75 anni di età varia tra il 7 ed il 10%.[12] Le infezioni delle vie urinarie possono interessare circa il 10% dei soggetti in età pediatrica.[6] All'interno della popolazione pediatrica le infezioni delle vie urinarie sono più comuni nei maschi non circoncisi con meno di tre mesi di età, ed a seguire nelle femmine con meno di un anno.[13] Bisogna comunque considerare che le stime della frequenza dell'infezione tra i bambini variano ampiamente da casistica a casistica. Considerato un gruppo di bambini con febbre alta, di età compresa tra pochi giorni ed i 2 anni, è stata diagnosticata una infezione delle vie urinarie variabile tra il 2% ed il 20%.[13]

Cause[modifica | modifica sorgente]

Bacilli di Escherichia coli osservati al microscopio elettronico

Escherichia coli è la causa di circa l' 80-85% delle infezioni del tratto urinario. Un ulteriore 5-10% è causato da Staphylococcus saprophyticus.[5] In rari casi l'infezione può essere sostenuta da virus oppure funghi,[14] come ad esempio la Candida,[15] in particolare in soggetti immunodepressi o ricoverati in unità di cure intensive.[16]

Altri batteri possono essere in causa in una infezione del tratto urinario. Fra questi: Klebsiella, Proteus, Pseudomonas, e Enterobacter. Questi batteri vengono identificati raramente e le infezioni da essi sostenute sono in genere legate ad anomalie del sistema urinario oppure a cateterismo urinario.[6] Le infezioni delle vie urinarie dovute a Staphylococcus aureus in genere si verificano secondariamente ad invasione del torrente ematico.[17]

Sesso[modifica | modifica sorgente]

Nelle giovani donne sessualmente attive, l'attività sessuale risulta essere la causa del 75-90% delle infezioni della vescica, con un rischio di infezione correlato alla frequenza dei rapporti sessuali.[5]

Il termine "cistite della luna di miele" è stato applicato a questo fenomeno di IVU frequenti durante i primi giorni e settimane del matrimonio. Al contrario nella post-menopausa, l'attività sessuale non sembra influire sul rischio di sviluppare una IVU.[18] L'uso di spermicida o di condom trattati con spermicida, ed in particolare nonoxinolo-9, indipendentemente dalla frequenza dei rapporti sessuali, aumenta invece il rischio di IVU.[5][19][20] Le donne sono molto più inclini a sviluppare un'infezione del tratto urinario rispetto agli uomini, perché nelle femmine l'uretra è molto più breve e posta più vicina all'ano.[11] Va inoltre ricordato che la diminuzione dei livelli ematici di estrogeni che nelle donne si verifica con la menopausa, comporta un aumentato rischio di infezioni del tratto urinario a causa della perdita del valore protettivo della normale flora batterica vaginale.[21][22][23]

Cateterismo delle vie urinarie[modifica | modifica sorgente]

Il cateterismo urinario aumenta in modo marcato la possibilità che si verifichino infezioni a carico delle vie urinarie. Il rischio di batteriuria (la semplice presenza di batteri nelle urine, da non confondere con il concetto di urosepsi) sembra collocarsi tra il 3% ed il 6% al giorno. Per ridurre questo rischio è stata proposta la profilassi antibiotica, che tuttavia non appare efficace nel ridurre le infezioni sintomatiche.[11] In uno studio del 1997 è emerso che praticamente il 100 % dei soggetti cateterizzati sviluppa una infezione del tratto urinario entro 30 giorni dalla procedura.[24] Il rischio che alla procedura si associno delle infezione può essere diminuito considerevolmente se si procede alla cateterizzazione solo quando è effettivamente necessario, usando una tecnica asettica per l'inserimento, mantenendo l'estremità di drenaggio del catetere pulita e chiusa cambiando periodicamente i dispositivi, ed infine scollegando la sacca di drenaggio dal catetere il più raramente possibile.[25][26][27][28]

Altri fattori[modifica | modifica sorgente]

In alcune famiglie è stata accertata una predisposizione per le infezioni della vescica. Altri fattori di rischio includono il diabete mellito,[5] una marcata iperplasia della prostata,[17] il non essere circoncisi. Fattori associati a complicazioni non sono stati ben determinati e restano piuttosto vaghi. Tra questi si segnalano la predisposizione anatomica, anomalie funzionali, anomalie metaboliche. Una infezione delle vie urinarie complicata è più difficile da trattare e di solito richiede più una valutazione, trattamento e follow-up decisamente più aggressivi.[29] Nei bambini le infezioni delle vie urinarie sono associate a reflusso vescico-ureterale (una malattia che si caratterizza per il reflusso di urina dalla vescica all'uretere ed alla pelvi renale) e costipazione.[13] I soggetti con lesione del midollo spinale sono ad aumentato rischio di infezioni del tratto urinario, in parte per un uso cronico del catetere, e in parte a causa di alterazioni dello svuotamento vescicale.[30] In questa popolazione è in assoluto la causa più comune di infezione, così come la causa più comune di ricovero ospedaliero.[30] In passato a questi soggetti è stato consigliato l'utilizzo di succo di mirtillo o di integratori di mirtillo. Tuttavia queste sostanze sembrano del tutto inefficaci sia nella prevenzione che nel trattamento.[31]

Patogenesi[modifica | modifica sorgente]

I batteri che causano infezioni delle vie urinarie in genere penetrano nella vescica attraverso l'uretra. Tuttavia, l'infezione può avvenire anche tramite il sangue o linfa. Si ritiene che i batteri che colonizzano l'uretra provengano dall'intestino. Le femmine sono decisamente più a rischio a causa della loro anatomia: la breve uretra e la maggiore vicinanza dell'ano favoriscono infatti l'infezione. Dopo essere penetrati in vescica alcuni batteri, ed in particolare Escherichia coli, sono in grado di attaccarsi alla parete della vescica e formare un biofilm che è in grado di resistere alla risposta immunitaria dell'organismo ospite.[6]

Segni e sintomi[modifica | modifica sorgente]

Le urine possono contenere pus (una condizione conosciuta come piuria), come si può vedere in questo campione prelevato da un soggetto con sepsi secondaria ad infezione delle vie urinarie.

Una infezione delle vie urinarie inferiori prende anche il nome di cistite od infezione vescicale. In questo caso i più comuni sintomi sono il bruciore con la minzione e la necessità di urinare frequentemente (pollachiuria), oppure l'urgenza di dover urinare, in assenza di perdite vaginali e di un dolore significativo.[5] Questi sintomi possono variare da moderati a severi,[17] ed in donne precedentemente in buona salute perdurano in media 6-7 giorni.[4] Talvolta il paziente riferisce dolore subito al di sopra dell'osso pubico od in regione lombare. Chi soffre di una infezione delle vie urinarie o di pielonefrite, può lamentarsi di dolore al fianco, febbre, nausea e vomito, oltre ai classici sintomi di una infezione delle vie urinarie inferiori.[17] In rari casi l'urina può apparire sanguinosa (condizione nota con il nome di ematuria macroscopica)[6] oppure avere un aspetto visibilmente torbido, con evidente presenza di materiale purulento nelle urine (in questo caso si verifica la condizione nota con il termine di piuria). Quando le urine contengono del pus (cioè in caso di piuria) è necessario avere presente che questo segno è decisamente più frequente in soggetti con sepsi dovuta ad una grave infezione del tratto urinario. Molti autori si riferiscono a questa condizione parlando di urosepsi. Inoltre da un punto di vista pratico, la misura dell'entità della piuria è il mezzo più facilmente disponibile per stabilire la presenza di lesioni nell'organismo ospite, cioè per differenziare la semplice colonizzazione (batteriuria) dall'infezione (una batteriuria cui si associa l'evidenza clinica, immunologica od istologica di lesioni nell'organismo ospite).[32]

Bambini[modifica | modifica sorgente]

Nei bambini piccoli, l'unico sintomo di una infezione delle vie urinarie (IVU) potrebbe essere la febbre. A causa della mancanza di sintomi più evidenti, quando le femmine di età inferiore ai due anni oppure maschi non circonci di meno di un anno di età presentano febbre, molti medici consigliano una coltura delle urine. I neonati possono invece presentare altri sintomi sospetti, come la perdita d'appetito, il vomito, la tendenza a dormire più del normale (letargia), oppure la comparsa di segni d'ittero.[33] Nei bambini più grandi un sintomo sospetto può essere l'insorgenza improvvisa di incontinenza urinaria, cioè di una perdita di controllo della vescica.[13]

Anziano[modifica | modifica sorgente]

Nell'anziano la sintomatologia è spesso lieve e poco appariscente.[12] La presentazione può essere molto vaga e gli unici sintomi caratterizzati da incontinenza urinaria, alterazioni dello stato mentale, oppure una inspiegabile stanchezza.[17]

Alcuni pazienti anziani si presentano invece per la prima volta al loro medico oppure ad una struttura sanitaria già in stato di sepsi, cioè con un'infezione del sangue generalizzata ed una risposta infiammatoria di tipo sistemico.[6]

Una corretta diagnosi può essere resa estremamente difficile dal fatto che molti anziani sono già affetti da una preesistente incontinenza (ad esempio per problemi alla prostata) e che un più o meno marcato stato di decadimento cognitivo, talvolta una demenza franca, rende estremamente inaffidabile la raccolta della storia clinica.[12]

Diagnosi[modifica | modifica sorgente]

Numerose società scientifiche raccomandano di eseguire un'urinocoltura con antibiogramma (vale a dire un test in vitro attraverso il quale è possibile stabilire la sensibilità di un batterio ad un determinato antibiotico) in ogni paziente nel quale si sospetti un'infezione del tratto urinario. Nei casi più semplici, nella pratica clinica, la diagnosi può essere fatta semplicemente basandosi sulla sola sintomatologia, senza ulteriore conferma di laboratorio. Il clinico può quindi procedere ad una terapia antibiotica empirica. In casi dubbi può risultare più agevole ed efficace, in un'ottica di rapporto costi/benefici, ricorrere all'analisi delle urine, ricercando la presenza di nitriti urinari, globuli bianchi (leucociti), o esterasi leucocitaria (un enzima sintetizzato dai globuli bianchi, noto anche con il nome di elastasi granulocitaria, che degrada le proteine della matrice connettivale) per confermare la diagnosi. Il test dell'esterasi leucocitaria si basa su un semplice esame colorimetrico. La prova può infatti essere effettuata, facilmente e rapidamente, utilizzando delle striscette reattive che, poste a contatto con l'urina, variano il proprio colore in presenza dell'enzima leucocitario. Esiste una scala di lettura basata sulla tonalità di colore assunta dalla striscia reattiva. La tonalità è tanto più scura quanto maggiore è la concentrazione dell'enzima. È anche possibile procedere ad un esame microscopico delle urine, grazie al quale si determina la presenza ed il numero di globuli rossi, globuli bianchi, o batteri. In presenza di una clinica indicativa se l'esame microscopico delle urine è positivo, cioè se conferma la presenza di piuria, ematuria o batteriuria, nella gran parte dei casi è più che sufficiente per permettere al clinico di procedere con la terapia empirica, omettendo di procedere all'urinocoltura ed all'antibiogramma. L'urinocoltura diviene invece imperativa in tutti quei soggetti in cui la diagnosi resta dubbia, nonostante gli esami già descritti. Minime quantità di batteri possono essere presenti in condizioni 'normali' nel tratto terminale dell'uretra maschile. Se la concentrazione dei batteri (espressa in UFC, acronimo per unità formanti colonie, per millilitro di urine) supera il valore di 100.000 (105) UCF per mL, l'esame è considerato certamente positivo. Valori inferiori a 10.000 UCF (104) per mL fanno considerare l'esame negativo. Valori compresi tra 104 UCF e 105 UCF per mL debbono essere considerati dubbi. Nelle donne anche in presenza di un primo esame positivo, è bene procedere ad una ulteriore urinocoltura di conferma, data l'estrema facilità di contaminazione del campione.

Queste colture permettono inoltre la valutazione del profilo di sensibilità batterica, in vitro, a diversi tipi di antibiotici. L'esame, chiamato antibiogramma, risulta molto importante per indirizzare il clinico nella scelta del farmaco più efficace. Si ricorda ancora una volta che la diagnosi nel paziente anziano può risultare molto difficile in quanto la clinica non è quasi mai dirimente ed i test per le infezioni urinari non sempre possono essere considerati attendibili,[12] e talvolta portano a diagnosi errate.[34]

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Una infezione del tratto urinario può coinvolgere il solo tratto urinario inferiore, nel qual caso viene anche chiamata infezione della vescica o cistite. Se l'infezione colpisce altri tratti specifici delle vie urinarie oppure organi in stretta relazione con esse possiamo trovarci di fronte alle condizioni cliniche note con i termini di uretrite (cioè una infezione dell'uretra, ovvero della struttura anatomica che permette il passaggio dell'urina dalla vescica all'esterno), prostatite (una infezione della prostata, cioè di una ghiandola che fa parte dell'apparato riproduttivo maschile ma è in strettissima relazione con le vie urinarie, a causa del decorso al suo interno dell'uretra prostatica). Quando invece vi è un coinvolgimento del tratto urinario superiore, ed in particolare un'infezione focale, in genere coinvolgente uno o più segmenti di rene, con un interessamento microascessuale, a chiazze, oppure a forma di cuneo, si parla di pielonefrite. È anche possibile che nell'urina del paziente venga identificato un numero significativo di batteri, ma il paziente non presenti sintomi. Questa condizione è nota come batteriuria asintomatica.[17] Nel caso di una infezione del tratto urinario che veda coinvolto il parenchima renale, oppure in caso di comparsa di infezione in un soggetto di sesso maschile, oppure affetto da diabete mellito, od una donna in stato di gravidanza, od in un soggetto immunocompromesso (affetto da AIDS, una qualche forma tumorale maligna, trapiantato oppure in trattamento con farmaci immunosoppressori), l'infezione deve essere considerata complicata.[4][6] Al contrario una infezione di un soggetto di sesso femminile, sano ed in pre-menopausa, deve essere considerata una infezione semplice o nonn complicata.[4] Nei bambini una infezione del tratto urinario che si associa a febbre, fino a prova contraria deve essere ritenuta una infezione del tratto urinario superiore, e perciò complicata.[13]

In età pediatrica[modifica | modifica sorgente]

Per poter fare una diagnosi corretta di infezione delle vie urinarie nei bambini, è necessario avere il riscontro di un'urinocoltura positiva. In questa fascia d'età la contaminazione del campione rappresenta una sfida ed un problema reale, che richiede un comportamento ed una valutazione diversa, a seconda del metodo di raccolta utilizzato. Nel caso di una raccolta di un campione di urine dal flusso intermedio della minzione si fa riferimento ad un "cutoff" di 105 CFU/mL. Nel caso invece di campioni ottenuti mediante prelievo da catetere vescicale il "cutoff" è di 104 CFU/ml. Un "cutoff" ancora più basso e pari a 102 CFU/mL viene utilizzato per un campione ottenuto tramite puntura vescicale sovrapubica, vale a dire un campione prelevato direttamente dalla vescica con un ago inserito per via percutanea al di sopra dell'osso pubico. Si ricorda che in medicina il "cutoff" è un valore di soglia, in genere minimo, associato ad un determinato esame o procedura, tale per cui risultati inferiori al valore di cut-off debbono essere ignorati. Da un punto di vista pratico significa che un'urinocoltura con presenza di 103 CFU/mL in un campione d'urine dal flusso intermedio equivale ad un esame negativo, con germi verosimilmente derivanti da contaminazione. L'uso di "sacche d'urina pediatrica" (dei sacchetti in materiale plastico generalmente dotati di un'area autoadesiva con una pellicola protettiva ed anelli in gomma piuma od altro materiale da applicarsi sulle aree genitali ed adattabili a neonati di entrambi i sessi) per la raccolta dei campioni è scoraggiato dalla Organizzazione Mondiale della Sanità e da numerose società scientifiche,[35] a causa del tasso elevato di contaminazione. In questi casi nei bambini non addestrati all'uso della toilette è preferibile ricorrere alla cateterizzazione. Alcune società scientifiche, come l'American Academy of Pediatrics, raccomandano di completare lo studio dei piccoli pazienti (meno di due anni di età) che non abbiano ricevuto giovamento da due o tre giorni di adeguata terapia antibiotica con un'ecotomografia renale ed una cistouretrografia minzionale.[35] La cistouretrografia minzionale è un particolare tipo di esame radiologico che studia l'uretra e la vescica urinaria (precedentemente riempita con un mezzo di contrasto iodato) attraverso lo scatto di alcune lastre mentre il paziente urina. Tuttavia il riscontrare anomalie delle vie urinarie od altri reperti insoliti in questa fascia d'età, sfortunatamente non permette al clinico di instaurare alcun trattamento realmente efficace. Per questo motivo altre società scientifiche ed organizzazioni, come ad esempio il National Institute for Clinical Excellence, raccomanda solo l'imaging di routine nei soggetti con meno di sei mesi d'età con anomalie già note.[13]

Diagnosi differenziale[modifica | modifica sorgente]

Nelle donne con urinocolture negative, i responsabili di gran parte dei sintomi urinari possono essere processi infiammatorio a carico del collo dell'utero (cervicite) oppure l'infiammazione della vagina (vaginite). Nella gran parte dei casi gli agenti infettivi che possono essere la causa dell'infezione sono Chlamydia trachomatis, Candida albicans, Trichomonas vaginalis o Neisseria gonorrhoeae.[36] Talvolta gli stessi agenti sono responsabili della sintomatologia manifestata da giovani uomini affetti da uretriti.[37] La cistite interstiziale (una forma di dolore cronico nella vescica) deve essere considerata tra le diagnosi possibili in soggetti che soffrono di episodi multipli di sintomi di IVU, ma le cui urinocolture restano persistentemente negative e nei quali la sintomatologia non è migliorata dal trattamento antibiotico.[38] Sempre nel sesso femminile è necessario pensare alle comuni infezioni genitali che sono in grado di provocare disuria, in particolare alle vulvovaginiti oppure a malattie trasmesse per via sessuale che interessano la cervice o l'uretra. Oltre ai già citati agenti eziologici questi processi possono essere sostenuti da miceti od agenti virali, in particolare herpes simplex virus. Negli uomini la prostatite (il processo infiammatorio a carico della prostata) deve rientrare nella diagnosi differenziale.[39]

Trattamento[modifica | modifica sorgente]

Gli antibiotici sono il perno del trattamento. La fenazopiridina viene talvolta prescritta durante i primi giorni, oltre agli antibiotici, per alleviare il dolore urinario, il senso di bruciore e l'urgenza di mingere che spesso viene avvertita durante un'infezione della vescica.[40] Tuttavia questo farmaco non è raccomandato nel trattamento di routine, principalmente a causa dei problemi di sicurezza legati al suo utilizzo. In particolare vi è un rischio elevato di metemoglobinemia (cioè la presenza di metemoglobina nel sangue a concentrazioni superiori rispetto a quelli normali, circa l'1% dell'emoglobina totale).[41] Per il controllo della febbre possono essere utilizzati il paracetamolo (acetaminofene) oppure ibuprofene.[42]

Le donne con episodi ricorrenti di infezioni non complicate delle vie urinarie possono beneficiare di un trattamento gestito autonomamente al verificarsi dei primi sintomi. La consultazione di un medico può rendersi necessaria solo se il trattamento iniziale ha dato esito negativo.

Infezioni non complicate[modifica | modifica sorgente]

Le infezioni non complicate possono essere diagnosticate e trattate sulla base della sola sintomatologia.[5] Gli antibiotici somministrabili per via orale, come il trimetoprim/sulfametossazolo (TMP/SMX), le cefalosporine, la nitrofurantoina,oppure un fluorochinolone sostanzialmente riducono il tempo di recupero ed hanno un'efficacia equivalente.[43] Un trattamento di tre giorni con trimetoprim, TMP/SMX, oppure un fluorochinolone di solito è sufficiente. La nitrofurantoina può richiedere un periodo di trattamento di 5-7 giorni.[5][44] In corso di trattamento, i sintomi dovrebbero migliorare entro 36 ore.[4] Circa il 50% dei pazienti è comunque in grado di riprendersi anche senza trattamento entro pochi giorni o settimane.[5] Alcune società scientifiche, come ad esempio la Infectious Diseases Society of America, non raccomandano i fluorochinoloni come primo trattamento per il timore di generare resistenza a questa classe di farmaci. Nonostante questa precauzione, a seguito dell'uso di questi farmaci si è assistito ad una certa resistenza.[5] In alcuni paesi trimetoprim da solo è considerato equivalente a TMP/SMX. I bambini affetti da infezioni semplici delle vie urinarie spesso rispondono ad un ciclo antibiotico di soli tre giorni.

Pielonefriti[modifica | modifica sorgente]

La pielonefrite deve essere trattata in modo più aggressivo rispetto ad un'infezione semplice della vescica e per un periodo di tempo più lungo, utilizzando antibiotici per via orale o per via endovenosa. Un trattamento di una settimana con ciprofloxacina può essere utilizzato in aree geografiche in cui il tasso di resistenza all'antibiotico è inferiore al 10%.

Prevenzione[modifica | modifica sorgente]

I soggetti che possono ottenere beneficio da misure volte a prevenire le infezioni del tratto urinario sono, in particolare, le donne con frequenti episodi recidivanti di infezioni esogene oppure che si trovino in stato di gravidanza, gli uomini affetti da prostatite batterica cronica o che debbono essere sottoposti ad interventi di chirurgia urologica, i pazienti ricoverati che necessitano di un breve periodo di cateterismo vescicale, i soggetti con vescica neurogena che ricorrono a cateterismo intermittente oppure portatori di catetere a permanenza. Tutta una serie di misure precedentemente proposte non sembrano in grado di ridurre o comunque influenzare la frequenza con cui si sviluppa un'infezione delle vie urinarie. Alcune tra queste misure sono: urinare subito dopo il rapporto sessuale, il tipo di biancheria intima usata, i metodi utilizzati per l'igiene personale dopo aver urinato o defecato, o la preferenza di un soggetto a lavarsi tramite una doccia ed un bagno completo.[5] Similmente non sembra influire in alcun modo l'abitudine di alcuni soggetti a trattenere lo stimolo della minzione, l'utilizzo di assorbenti e tamponi mestruali, e le irrigazioni vaginali.[11]

Alcuni pazienti che presentano frequenti infezioni del tratto urinario utilizzano spermicida oppure un diaframma come metodo di contraccezione. Costoro possono avere beneficio nel ricorrere ad un metodo contraccettivo alternativo. Il ricorrere a preservativi non trattati con sostanze spermicide, oppure l'utilizzo della pillola anticoncezionale non aumenta il rischio di infezione non complicata delle vie urinarie.[45][5]

Farmaci[modifica | modifica sorgente]

I soggetti con tendenza alle infezioni ricorrenti, cioè 3 episodi in un anno oppure 2 o più episodi nell'arco di 6 mesi, così come pazienti che manifestano episodi recidivanti entro 30 giorni dall'interruzione di un precedente trattamento, dovrebbero essere avviati ad un trattamento antibiotico profilattico. La profilassi si basa sulla sommnistrazione di un antibiotico a basso dosaggio, alla sera e prima di mettersi a letto. Tra i farmaci utilizzati più frequentemente per questo scopo vi sono, a titolo d'esempio, la nitrofurantoina al dosaggio di 50 mg, l'associazione trimetoprim/sulfametossazolo al dosaggio di 40mg oppure una dose di 100 mg del solo trimetoprim, 500 mg di cinoxacina od altro chinolone, 250 mg di cefalexina.[46][47]

In particolare le donne con tendenza ad infezioni recidivanti ed una stretta correlazione con il rapporto sessuale, possono beneficiare di un trattamento che prevede l'assunzione di uno dei farmaci citati il mattino successivo ad un amplesso (trattamento postcoitale).[23][48]

La metenamina, un antisettico delle vie urinarie prodotto tramite condensazione dell'ammoniaca e della formaldeide, è un altro agente frequentemente usato a scopo profilattico. Assunta per via orale, a livello della vescica (dove l'acidità è bassa) si decompone liberando formaldeide alla quale risultano sensibili gran parte dei batteri, senza che si evidenzi sviluppo di resistenza.[49][50][51]

Nelle donne in post-menopausa, è stato proposto l'uso di estrogeni per via topica vaginale al fine di ridurre le recidive.[18][52]

Al contrario di quanto avviene per le creme, l'uso di ovuli vaginali contenenti estrogeni non si è dimostrato utile come il ricorso ad antibiotici a basso dosaggio.[53]

Vaccino[modifica | modifica sorgente]

A partire dall'anno 2001 è iniziato un approccio alternativo al problema, con lo sviluppo di un certo numero di vaccini prodotti a partire da batteri inattivati o preparati che fanno uso di componenti strutturali di questi microrganismi patogeni.[54] Un vaccino formato da componenti batterici estratti da 18 ceppi di Escherichia coli uropatogeni, si è dimostrato in grado di stimolare il sistema immunitario del corpo attraverso diversi meccanismi. Questo vaccino viene commercializzato nella forma farmaceutica di capsule e viene somministrato per via orale.[55][56] Questi preparati sembrano in grado di indurre la produzione del fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-α), gamma interferone ed interleuchine 1 e 6 da parte di monociti presenti nel sangue periferico. Inoltre stimolano i linfociti B alla produzione di anticorpi contro E. coli facilitando l'attività fagocitaria dei macrofagi e delle cellule natural killer.[57] I risultati sembrano supportare il ricorso a queste terapie alternative nelle infezioni ricorrenti in donne giovani e in quelle in post-menopausa. L'utilizzo nelle donne gravide, nell'età pediatrica e nei soggetti portatori di catetere vescicale necessita certamente di ulteriori valutazioni e studi.[58]

Bambini[modifica | modifica sorgente]

È stato suggerito che i bambini con infezione delle vie urinarie e reflusso vescico-ureterale dovrebbero ricevere la profilassi antibiotica continua fino all'età di 6-8 anni o fino alla risoluzione del reflusso.[59] La prevenzione di un possibile danno renale (pielonefrite) merita certamente una grande attenzione, ma va ricordato che infezioni ricorrenti del tratto urinario inferiore comportano un basso rischio di danno renale. Se un breve ciclo di antibioticoterapia eradica facilmente la maggior parte di tali infezioni, tuttavia non sortisce alcun effetto sui meccanismi alla base della suscettibilità alla recidiva.[60] Per tale motivo la profilassi antibiotica a lungo termine è indicata unicamente nei bambini ad alto rischio di danni renali. In questi piccoli pazienti la principale conseguenza di infezioni ricorrenti trascurate è la comparsa di cicatrici e fibrosi renale che può portare ad ipertensione arteriosa ed insufficienza renale.[61] Fortunatamente le IVU ricorrenti sono una causa rara di problemi renali ulteriori se non ci sono anomalie sottostanti delle vie urinarie. Esse risultano la causa di meno di un terzo di punto percentuale (0,33% ) della malattia renale cronica nell'adulto.[62]

In ogni caso l'evidenza che un trattamento antibiotico preventivo sia davvero efficace nel diminuire le infezioni del tratto urinario in questa fascia d'età è povera, e molti degli studi pubblicati risultavano mal progettati e con evidenti distorsioni atte a sovrastimare la reale efficacia della terapia.[33]

Farmaci alternativi[modifica | modifica sorgente]

Alcune ricerche suggeriscono che il mirtillo (sia in succo che in capsule) possa diminuire l'incidenza delle infezioni sintomatiche del tratto urinario nelle donne soggette ad episodi di IVU ricorrenti. L'efficacia negli altri gruppi di pazienti sembra meno evidente.[63][64] Recentemente una revisione Cochrane del 2012 basata su 24 ricerche disponibili in letteratura, per un totale di 4473 partecipanti, ha concluso che un benefico effetto del mirtillo, se esiste, è di piccole dimensioni, e pertanto, allo stato attuale, il succo di mirtillo non può più essere raccomandato come trattamento preventivo.[65] Un ulteriore problema è rappresentato dalla tolleranza del trattamento a lungo termine[63] in particolare per la comparsa di disturbi gastrointestinali che si verificano in più del 30% dei soggetti in trattamento.[66]

Un modo alternativo per prevenire e limitare le infezioni ricorrenti del tratto urinario nelle donne consiste nel reintegro naturale della flora batterica vaginale. I probiotici sono stati utilizzati allo scopo di ripristinare l'ambiente naturale dei batteri saprofiti vaginali e rendere così più improbabile un'infezione sostenuta da batteri patogeni.[67]
In particolare Lactobacillus acidophilus sembra determinare benefiche reazioni antagoniste e cooperative che interferiscono con l'attività di numerosi agenti patogeni, sia tramite un'azione di esclusione competitiva, sia tramite la produzione di sostanze inibenti, tra cui le batteriocine.
Alcuni studi indicano che una terapia settimanale con lactobacilli per via intravaginale è in grado di ridurre le recidive di infezioni non complicate delle basse vie urinarie nelle donne. L'impiego di ceppi resistenti al nonoxinolo-9, spermicida, troverebbe inoltre una particolare indicazione nelle donne con cistiti ricorrenti legate a questo agente contraccettivo.[68]

Ancora oggi, nel 2012, nonostante i tassi di guarigione vantati da alcuni studi, i pochi dati disponibili sull'uso dei probiotici nelle infezioni delle vie urinarie precludono raccomandazioni definitive. Ulteriori ricerche e studi con popolazioni più ampie, comprendenti diversi tipi di ceppi di lattobacilli, e la ricerca di dosaggi ottimali sono necessari per stabilire una gestione ottimale ed il migliore veicolo di somministrazione.[69][70]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Al-Achi Antoine, An introduction to botanical medicines : history, science, uses, and dangers, Praeger Publishers, Westport, Conn., 2008, p. 126. ISBN 978-0-313-35009-2.
  2. ^ William Whiteman Carlton Topley, Sir Graham Selby Wilson, Sir Arnold Ashley Miles, Topley and Wilson's Principles of bacteriology, virology and immunity : in 4 volumes, 8º ed, Arnold, London, 1990, p. 198. ISBN 0-7131-4591-9.
  3. ^ JC. Nickel, . Hippocrates, Management of urinary tract infections: historical perspective and current strategies: Part 1--Before antibiotics. in J Urol, vol. 173, n. 1, gennaio 2005, pp. 21-6. DOI:10.1097/01.ju.0000141496.59533.b2, PMID 15592018.
  4. ^ a b c d e f R. Colgan, M. Williams, Diagnosis and treatment of acute uncomplicated cystitis. in Am Fam Physician, vol. 84, n. 7, ottobre 2011, pp. 771-6. PMID 22010614.
  5. ^ a b c d e f g h i j k l LE. Nicolle, Uncomplicated urinary tract infection in adults including uncomplicated pyelonephritis. in Urol Clin North Am, vol. 35, n. 1, febbraio 2008, pp. 1-12, v. DOI:10.1016/j.ucl.2007.09.004, PMID 18061019.
  6. ^ a b c d e f g S. Salvatore, S. Salvatore; E. Cattoni; G. Siesto; M. Serati; P. Sorice; M. Torella, Urinary tract infections in women. in Eur J Obstet Gynecol Reprod Biol, vol. 156, n. 2, Giu 2011, pp. 131-6. DOI:10.1016/j.ejogrb.2011.01.028, PMID 21349630.
  7. ^ BA. Lipsky, Urinary tract infections in men. Epidemiology, pathophysiology, diagnosis, and treatment. in Ann Intern Med, vol. 110, n. 2, gennaio 1989, pp. 138-50. PMID 2462391.
  8. ^ PA. Tambyah, Catheter-associated urinary tract infections: diagnosis and prophylaxis. in Int J Antimicrob Agents, 24 Suppl 1, settembre 2004, pp. S44-8. DOI:10.1016/j.ijantimicag.2004.02.008, PMID 15364306.
  9. ^ B. Foxman, The epidemiology of urinary tract infection. in Nat Rev Urol, vol. 7, n. 12, Dic 2010, pp. 653-60. DOI:10.1038/nrurol.2010.190, PMID 21139641.
  10. ^ Brunner & Suddarth's textbook of medical-surgical nursing., 12th ed., Wolters Kluwer Health/Lippincott Williams & Wilkins, Philadelphia, 2010, p. 1359. ISBN 978-0-7817-8589-1.
  11. ^ a b c d EJ. Dielubanza, AJ. Schaeffer, Urinary tract infections in women. in Med Clin North Am, vol. 95, n. 1, gennaio 2011, pp. 27-41. DOI:10.1016/j.mcna.2010.08.023, PMID 21095409.
  12. ^ a b c d HJ. Woodford, J. George, Diagnosis and management of urinary infections in older people. in Clin Med, vol. 11, n. 1, febbraio 2011, pp. 80-3. PMID 21404794.
  13. ^ a b c d e f RG. Bhat, TA. Katy; FC. Place, Pediatric urinary tract infections. in Emerg Med Clin North Am, vol. 29, n. 3, agosto 2011, pp. 637-53. DOI:10.1016/j.emc.2011.04.004, PMID 21782079.
  14. ^ S. Amdekar, V. Singh; DD. Singh, Probiotic therapy: immunomodulating approach toward urinary tract infection. in Curr Microbiol, vol. 63, n. 5, novembre 2011, pp. 484-90. DOI:10.1007/s00284-011-0006-2, PMID 21901556.
  15. ^ CA. Kauffman, JF. Fisher; JD. Sobel; CA. Newman, Candida urinary tract infections--diagnosis. in Clin Infect Dis, 52 Suppl 6, maggio 2011, pp. S452-6. DOI:10.1093/cid/cir111, PMID 21498838.
  16. ^ FF. Tuon, VS. Amato; SR. Penteado Filho, Bladder irrigation with amphotericin B and fungal urinary tract infection--systematic review with meta-analysis. in Int J Infect Dis, vol. 13, n. 6, novembre 2009, pp. 701-6. DOI:10.1016/j.ijid.2008.10.012, PMID 19155184.
  17. ^ a b c d e f DR. Lane, SS. Takhar, Diagnosis and management of urinary tract infection and pyelonephritis. in Emerg Med Clin North Am, vol. 29, n. 3, agosto 2011, pp. 539-52. DOI:10.1016/j.emc.2011.04.001, PMID 21782073.
  18. ^ a b TM. Hooton, Recurrent urinary tract infection in women. in Int J Antimicrob Agents, vol. 17, n. 4, aprile 2001, pp. 259-68. PMID 11295405.
  19. ^ JA. McGroarty, G. Reid; AW. Bruce, The influence of nonoxynol-9-containing spermicides on urogenital infection. in J Urol, vol. 152, n. 3, settembre 1994, pp. 831-3. PMID 8051730.
  20. ^ SD. Fihn, EJ. Boyko; CL. Chen; EH. Normand; P. Yarbro; D. Scholes, Use of spermicide-coated condoms and other risk factors for urinary tract infection caused by Staphylococcus saprophyticus. in Arch Intern Med, vol. 158, n. 3, febbraio 1998, pp. 281-7. PMID 9472209.
  21. ^ A. Hextall, Oestrogens and lower urinary tract function. in Maturitas, vol. 36, n. 2, agosto 2000, pp. 83-92. PMID 11006496.
  22. ^ D. Robinson, L. Cardozo, Estrogens and the lower urinary tract. in Neurourol Urodyn, vol. 30, n. 5, giugno 2011, pp. 754-7. DOI:10.1002/nau.21106, PMID 21661025.
  23. ^ a b FM. Wagenlehner, W. Vahlensieck; HW. Bauer; W. Weidner; KG. Naber; HJ. Piechota, [Primary and secondary prevention of urinary tract infections]. in Urologe A, vol. 50, n. 10, ottobre 2011, pp. 1248, 1250-2, 1254-6. DOI:10.1007/s00120-011-2616-5, PMID 21927878.
  24. ^ L. Winson, Catheterization: a need for improved patient management. in Br J Nurs, vol. 6, n. 21, Nov-Dic 1997, pp. 1229-32, 1234, 1251-2. PMID 9431032.
  25. ^ JW. Warren, Catheter-associated urinary tract infections. in Infect Dis Clin North Am, vol. 11, n. 3, settembre 1997, pp. 609-22. PMID 9378926.
  26. ^ LE. Nicolle, The chronic indwelling catheter and urinary infection in long-term-care facility residents. in Infect Control Hosp Epidemiol, vol. 22, n. 5, maggio 2001, pp. 316-21. DOI:10.1086/501908, PMID 11428445.
  27. ^ S. Phipps, YN. Lim; S. McClinton; C. Barry; A. Rane; J. N'Dow, Short term urinary catheter policies following urogenital surgery in adults. in Cochrane Database Syst Rev, n. 2, 2006, pp. CD004374. DOI:10.1002/14651858.CD004374.pub2, PMID 16625600.
  28. ^ CV. Gould, CA. Umscheid; RK. Agarwal; G. Kuntz; DA. Pegues; PJ. Brennan; MR. Bell; LA. Burns; A. Elward; J. Engel; T. Lundstrom, Guideline for prevention of catheter-associated urinary tract infections 2009. in Infect Control Hosp Epidemiol, vol. 31, n. 4, aprile 2010, pp. 319-26. DOI:10.1086/651091, PMID 20156062.
  29. ^ Charles Bryan, MD. University of South Carolina, Infectious disease. Chapter Seven. Urinary Tract Infections; from Infectious Disease Section of Microbiology and Immunology On-line, 27 aprile 2011. URL consultato il 16 gennaio 2013..
  30. ^ a b FJ. Eves, N. Rivera, Prevention of urinary tract infections in persons with spinal cord injury in home health care. in Home Healthc Nurse, vol. 28, n. 4, aprile 2010, pp. 230-41. DOI:10.1097/NHH.0b013e3181dc1bcb, PMID 20520263.
  31. ^ EA. Opperman, Cranberry is not effective for the prevention or treatment of urinary tract infections in individuals with spinal cord injury. in Spinal Cord, vol. 48, n. 6, giugno 2010, pp. 451-6. DOI:10.1038/sc.2009.159, PMID 19935757.
  32. ^ WE. Stamm, Measurement of pyuria and its relation to bacteriuria. in Am J Med, vol. 75, n. 1B, Lug 1983, pp. 53-8. PMID 6349345.
  33. ^ a b GJ. Williams, A. Lee; JC. Craig, Long-term antibiotics for preventing recurrent urinary tract infection in children. in Cochrane Database Syst Rev, n. 4, 2001, pp. CD001534. DOI:10.1002/14651858.CD001534, PMID 11687116.
  34. ^ J. Hervé, A. Santin; E. Hinglais; JL. Lejonc; E. Roupie, [Urinary tract infections in the elderly]. in Presse Med, vol. 29, n. 39, dicembre 2000, pp. 2137-41. PMID 11195835.
  35. ^ a b KB. Roberts, The AAP practice parameter on urinary tract infections in febrile infants and young children. American Academy of Pediatrics. in Am Fam Physician, vol. 62, n. 8, ottobre 2000, pp. 1815-22. PMID 11057838.
  36. ^ Leung David Hui, Padwal, Raj, Approach to internal medicine: a resource book for clinical practice, 3ª, Springer, New York, p. 244. ISBN 978-1-4419-6504-2.
  37. ^ MC. Raynor, CC. Carson, Urinary infections in men. in Med Clin North Am, vol. 95, n. 1, gennaio 2011, pp. 43-54. DOI:10.1016/j.mcna.2010.08.015, PMID 21095410.
  38. ^ edited by Elroy D. Kursh, James C. Ulchaker, Office Urology: The Clinician's Guide, Humana Press, Totowa, N.J., 2000, p. 131. ISBN 978-0-89603-789-2.
  39. ^ Nathan W. Mick, Jessica Radin Peters, Daniel Egan, Blueprints emergency medicine, 2ª, Lippincott Williams & Wilkins, Baltimore, Md., 2006, p. 152. ISBN 978-1-4051-0461-6.
  40. ^ KK. Gaines, Phenazopyridine hydrochloride: the use and abuse of an old standby for UTI. in Urol Nurs, vol. 24, n. 3, Giu 2004, pp. 207-9. PMID 15311491.
  41. ^ edited by Jeffrey K. Aronson, Meyler's side effects of analgesics and anti-inflammatory drugs, Elsevier Science, Amsterdam, 2008, p. 219. ISBN 978-0-444-53273-2.
  42. ^ Glass, edited by Jill C. Cash, Cheryl A., Family practice guidelines, 2nd ed., Springer, New York, 2010, p. 271. ISBN 978-0-8261-1812-7.
  43. ^ A. Zalmanovici Trestioreanu, H. Green; M. Paul; J. Yaphe; L. Leibovici, Antimicrobial agents for treating uncomplicated urinary tract infection in women. in Cochrane Database Syst Rev, n. 10, 2010, pp. CD007182. DOI:10.1002/14651858.CD007182.pub2, PMID 20927755.
  44. ^ K. Gupta, TM. Hooton; KG. Naber; B. Wullt; R. Colgan; LG. Miller; GJ. Moran; LE. Nicolle; R. Raz; AJ. Schaeffer; DE. Soper, International clinical practice guidelines for the treatment of acute uncomplicated cystitis and pyelonephritis in women: A 2010 update by the Infectious Diseases Society of America and the European Society for Microbiology and Infectious Diseases. in Clin Infect Dis, vol. 52, n. 5, marzo 2011, pp. e103-20. DOI:10.1093/cid/ciq257, PMID 21292654.
  45. ^ Engleberg N C, DiRita V, Dermody T S, capitolo 63 in Schaechter's Mechanism of Microbial Disease, Lippincott Williams & Wilkins, Baltimore, 2007. ISBN 978-0-7817-5342-5.
  46. ^ WE. Stamm, Prevention of urinary tract infections. in Am J Med, vol. 76, n. 5A, maggio 1984, pp. 148-54. PMID 6372464.
  47. ^ TA. Stamey, Recurrent urinary tract infections in female patients: an overview of management and treatment. in Rev Infect Dis, 9 Suppl 2, pp. S195-210. PMID 3554458.
  48. ^ X. Albert, I. Huertas; II. Pereiró; J. Sanfélix; V. Gosalbes; C. Perrota, Antibiotics for preventing recurrent urinary tract infection in non-pregnant women. in Cochrane Database Syst Rev, n. 3, 2004, pp. CD001209. DOI:10.1002/14651858.CD001209.pub2, PMID 15266443.
  49. ^ S. Saint, BA. Lipsky, Preventing catheter-related bacteriuria: should we? Can we? How? in Arch Intern Med, vol. 159, n. 8, aprile 1999, pp. 800-8. PMID 10219925.
  50. ^ BS. Lee, T. Bhuta; JM. Simpson; JC. Craig, Methenamine hippurate for preventing urinary tract infections. in Cochrane Database Syst Rev, vol. 10, 2012, pp. CD003265. DOI:10.1002/14651858.CD003265.pub3, PMID 23076896.
  51. ^ Richard Finkel, Luigi X. Cubeddu, Michelle A. Clark, Pharmacology, 4th ed., Lippincott Williams & Wilkins, Philadelphia, 2009, p. 397. ISBN 978-0-7817-7155-9.
  52. ^ S. Rozenberg, A. Pastijn; R. Gevers; D. Murillo, Estrogen therapy in older patients with recurrent urinary tract infections: a review. in Int J Fertil Womens Med, vol. 49, n. 2, Mar-Apr 2004, pp. 71-4. PMID 15188831.
  53. ^ C. Perrotta, M. Aznar; R. Mejia; X. Albert; CW. Ng, Oestrogens for preventing recurrent urinary tract infection in postmenopausal women. in Cochrane Database Syst Rev, n. 2, 2008, pp. CD005131. DOI:10.1002/14651858.CD005131.pub2, PMID 18425910.
  54. ^ AR. Brumbaugh, HL. Mobley, Preventing urinary tract infection: progress toward an effective Escherichia coli vaccine. in Expert Rev Vaccines, vol. 11, n. 6, giugno 2012, pp. 663-76. DOI:10.1586/erv.12.36, PMID 22873125.
  55. ^ HW. Bauer, S. Alloussi; G. Egger; HM. Blümlein; G. Cozma; CC. Schulman, A long-term, multicenter, double-blind study of an Escherichia coli extract (OM-89) in female patients with recurrent urinary tract infections. in Eur Urol, vol. 47, n. 4, aprile 2005, pp. 542-8; discussion 548. DOI:10.1016/j.eururo.2004.12.009, PMID 15774256.
  56. ^ KG. Naber, YH. Cho; T. Matsumoto; AJ. Schaeffer, Immunoactive prophylaxis of recurrent urinary tract infections: a meta-analysis. in Int J Antimicrob Agents, vol. 33, n. 2, febbraio 2009, pp. 111-9. DOI:10.1016/j.ijantimicag.2008.08.011, PMID 18963856.
  57. ^ HW. Bauer, VW. Rahlfs; PA. Lauener; GS. Blessmann, Prevention of recurrent urinary tract infections with immuno-active E. coli fractions: a meta-analysis of five placebo-controlled double-blind studies. in Int J Antimicrob Agents, vol. 19, n. 6, giugno 2002, pp. 451-6. PMID 12135831.
  58. ^ JC. Carraro-Eduardo, IA. Gava, [Use of vaccines for prophylaxis of urinary tract infections]. in J Bras Nefrol, vol. 34, n. 2, giugno 2012, pp. 178-83. PMID 22850920.
  59. ^ JE. Stork, Urinary tract infection in children. in Adv Pediatr Infect Dis, vol. 2, 1987, pp. 115-34. PMID 3331280.
  60. ^ U. Jodal, J. Winberg, Management of children with unobstructed urinary tract infection. in Pediatr Nephrol, vol. 1, n. 4, ottobre 1987, pp. 647-56. PMID 3153346.
  61. ^ TA. Schlager, Urinary tract infections in children younger than 5 years of age: epidemiology, diagnosis, treatment, outcomes and prevention. in Paediatr Drugs, vol. 3, n. 3, 2001, pp. 219-27. PMID 11310718.
  62. ^ J. Salo, R. Ikäheimo; T. Tapiainen; M. Uhari, Childhood urinary tract infections as a cause of chronic kidney disease. in Pediatrics, vol. 128, n. 5, novembre 2011, pp. 840-7. DOI:10.1542/peds.2010-3520, PMID 21987701.
  63. ^ a b RG. Jepson, JC. Craig, Cranberries for preventing urinary tract infections. in Cochrane Database Syst Rev, n. 1, 2008, pp. CD001321. DOI:10.1002/14651858.CD001321.pub4, PMID 18253990.
  64. ^ CH. Wang, CC. Fang; NC. Chen; SS. Liu; PH. Yu; TY. Wu; WT. Chen; CC. Lee; SC. Chen, Cranberry-containing products for prevention of urinary tract infections in susceptible populations: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. in Arch Intern Med, vol. 172, n. 13, Lug 2012, pp. 988-96. DOI:10.1001/archinternmed.2012.3004, PMID 22777630.
  65. ^ RG. Jepson, G. Williams; JC. Craig, Cranberries for preventing urinary tract infections. in Cochrane Database Syst Rev, vol. 10, 2012, pp. CD001321. DOI:10.1002/14651858.CD001321.pub5, PMID 23076891.
  66. ^ R. Rossi, S. Porta; B. Canovi, Overview on cranberry and urinary tract infections in females. in J Clin Gastroenterol, 44 Suppl 1, settembre 2010, pp. S61-2. DOI:10.1097/MCG.0b013e3181d2dc8e, PMID 20495471.
  67. ^ G. Reid, AW. Bruce, Urogenital infections in women: can probiotics help? in Postgrad Med J, vol. 79, n. 934, agosto 2003, pp. 428-32. PMID 12954951.
  68. ^ G. Reid, AW. Bruce; JA. McGroarty; KJ. Cheng; JW. Costerton, Is there a role for lactobacilli in prevention of urogenital and intestinal infections? in Clin Microbiol Rev, vol. 3, n. 4, ottobre 1990, pp. 335-44. PMID 2224835.
  69. ^ CL. Abad, N. Safdar, The role of lactobacillus probiotics in the treatment or prevention of urogenital infections--a systematic review. in J Chemother, vol. 21, n. 3, giugno 2009, pp. 243-52. PMID 19567343.
  70. ^ R. Barrons, D. Tassone, Use of Lactobacillus probiotics for bacterial genitourinary infections in women: a review. in Clin Ther, vol. 30, n. 3, marzo 2008, pp. 453-68. DOI:10.1016/j.clinthera.2008.03.013, PMID 18405785.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Al-Achi Antoine, An introduction to botanical medicines : history, science, uses, and dangers, Praeger Publishers, Westport, Conn., 2008. ISBN 978-0-313-35009-2.
  • (EN) William Whiteman Carlton Topley, Sir Graham Selby Wilson, Sir Arnold Ashley Miles, Topley and Wilson's Principles of bacteriology, virology and immunity : in 4 volumes, 8º ed, Arnold, London, 1990. ISBN 0-7131-4591-9.
  • (EN) Brunner & Suddarth's textbook of medical-surgical nursing., 12th ed., Wolters Kluwer Health/Lippincott Williams & Wilkins, Philadelphia, 2010. ISBN 978-0-7817-8589-1.
  • (EN) Leung David Hui, Padwal, Raj, Approach to internal medicine: a resource book for clinical practice, 3ª, Springer, New York. ISBN 978-1-4419-6504-2.
  • (EN) edited by Elroy D. Kursh, James C. Ulchaker, Office Urology: The Clinician's Guide, Humana Press, Totowa, N.J., 2000. ISBN 978-0-89603-789-2.
  • (EN) Nathan W. Mick, Jessica Radin Peters, Daniel Egan, Blueprints emergency medicine, 2ª, Lippincott Williams & Wilkins, Baltimore, Md., 2006. ISBN 978-1-4051-0461-6.
  • (EN) Jeffrey K. Aronson, Meyler's side effects of analgesics and anti-inflammatory drugs, Elsevier Science, Amsterdam, 2008. ISBN 978-0-444-53273-2.
  • (EN) Glass, edited by Jill C. Cash, Cheryl A., Family practice guidelines, 2nd ed., Springer, New York, 2010. ISBN 978-0-8261-1812-7.
  • (EN) Engleberg N C, DiRita V, Dermody T S, Schaechter's Mechanism of Microbial Disease, Lippincott Williams & Wilkins, Baltimore, 2007. ISBN 978-0-7817-5342-5.
  • (EN) Richard Finkel, Luigi X. Cubeddu, Michelle A. Clark, Pharmacology, 4th ed., Lippincott Williams & Wilkins, Philadelphia, 2009. ISBN 978-0-7817-7155-9.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina