Ureterocele

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Ureterocele
Ultrasound Scan ND 459.jpg
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 593.89, 753.23
ICD-10 (EN) N28.8

Per ureterocele, in campo medico, si intende un'anomalia congenita a carico dell'apparato urinario, caratterizzata dal rigonfiamento dell'uretere nella porzione distale, in corrispondenza dell'apertura dell'uretere nella vescica. È frequentemente associato alla duplicazione del sistema collettore, in cui due ureteri drenano l'urina prodotta dal rene omolaterale. La prevalenza del disturbo è 1:4000, quattro quinti dei quali sono femmine di razza caucasica.

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

L'ureterocele deriva da una errata embriogenesi della porzione intravescicale dell'uretere (ovvero quella che penetra nella vescica), che può essere associata ad anomalie del rene e del restante apparato urinario. Sono state formulate numerose teorie sull'eziologia dell'anomalia: l'ostruzione dell'orifizio ureterale (per la mancata caduta della membrana del Chwalla che rappresenta il cul de sac dell'uretere primitivo[1] ) è considerata la più probabile, ma sono chiamate in causa anche l'incompleta formazione della tonaca muscolare dell'uretere nella porzione intramurale o la dilatazione eccessiva della porzione intramurale dell'uretere durante lo sviluppo della vescica.

Presentazione clinica[modifica | modifica sorgente]

I sintomi e i segni clinici sono aspecifici, perciò possono essere facilmente confusi con altre condizioni mediche. Frequentemente si riscontrano:

Diagnosi[modifica | modifica sorgente]

La prassi di eseguire l'ecografia morfologica intorno alla XX settimana di gestazione ha fatto sì che la maggior parte degli ureteroceli siano diagnosticati durante la vita intrauterina. Molte diagnosi sono reperti occasionali in corso di ecografie eseguite per altri motivi.

Complicanze[modifica | modifica sorgente]

La patologia lasciata a sé stessa può evolvere in idronefrosi.


Terapia[modifica | modifica sorgente]

La terapia è chirurgica, si opera attraverso incisione transuretrale condotta in via endoscopica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Remigio Dominoni, Roberto De Castro, Cap.11 "Megauretere primitivo" in Chirurgia delle malformazioni urinarie e genitali, Padova, Piccin, 1998, pag.176. ISBN 978-88-299-1493-7.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006. ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Research Laboratories Merck, The Merck Manual quinta edizione, Milano, Springer-Verlag, 2008. ISBN 978-88-470-0707-9.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina