Tricotillomania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Tricotillomania
Tricotillomania.png
Alopecia causata da tricotillomania.
Specialità psichiatria
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 312.39
ICD-10 F63.3
OMIM 613229
MedlinePlus 001517
eMedicine 1071854 e 915057

La tricotillomania (o tricomania[1]) è un disturbo ossessivo compulsivo caratterizzato dal bisogno compulsivo di strappare i capelli, che spesso porta alla presenza di calvizie, ma all'ansia e alla compromissione dei rapporti sociali. Appare nel quinto capitolo dell'ICD sui disturbi mentali e comportamentali, è spesso cronica e difficile da curare.

Questo disturbo può essere presente nei bambini, ma l'età in cui si verifica un picco di insorgenza è compresa tra i nove ed i tredici anni. La tricotillomania può essere causata dalla depressione o dallo stress. A causa delle implicazioni sociali spesso il disturbo non è dichiarato da parte dei malati ed è quindi difficile prevederne la prevalenza, stimata tra lo 0,6% ed il 4,0% della popolazione mondiale.

Il nome fu coniato dal dermatologo francese François Henri Hallopeau e deriva dal greco θρίξ/τριχ- thrix/trich- ("capelli"), τίλλειν tíllein ("tirare"), e μανία ("mania, ossessione").

Manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Le persone afflitte da questo disturbo arrivano a strapparsi i capelli o i peli, sino a procurarsi dermatiti o alopecia. Nei casi molto gravi alla tricotillomania si accompagna la tricofagia, ovvero l'ingestione dei capelli o peli strappati. Può essere messa in relazione con il disturbo ossessivo-compulsivo, con il quale condivide talune caratteristiche. I comportamenti compulsivi hanno un'origine multifattoriale, su una predisposizione personale agiscono anche fattori ambientali.

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

La tricotillomania colpisce in modo particolare i bambini di entrambi i sessi, da 2 a 6 anni, ma può protrarsi anche nell'adolescenza e nell'età adulta: il numero di persone colpite da questo disturbo è cresciuto negli anni e si stima che sia fra lo 0,6% e il 3,4% della popolazione[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ glossariomedico.it.
  2. ^ Update on Trichotillomania. Psychiatric Times, 14-05-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]