Mario Capecchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«per le sue scoperte del principio per introdurre specifici geni nei topi tramite cellule staminali embrionali»

(Motivazione per il Premio Nobel per la medicina 2007)

Mario Renato Capecchi (Verona, 6 ottobre 1937) è un genetista italiano naturalizzato statunitense, premio Nobel per la medicina nel 2007.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Mario Capecchi nacque a Verona dalla relazione non coniugale tra il militare Luciano Capecchi e la poetessa e docente universitaria Lucy Ramberg[1] (nativa di Firenze, figlia di un archeologo tedesco, Walter Ramberg, e di una pittrice statunitense, Lucy Dodd)[2].

Nel 1940 il padre, inviato in Libia come mitragliere contraereo, rimase disperso durante le operazioni della campagna del Nordafrica. Un anno prima la madre (che si era trasferita col piccolo Mario a Costalovara di Renon, in Alto Adige[2]) aveva dato alla luce una seconda figlia, Marlene, avuta da una relazione con un altro uomo: non potendo tuttavia farsi carico del suo mantenimento, nel 1941 la diede in adozione ai coniugi Massimo Bonelli (di professione ferroviere) e Luigia Linder, i quali si trasferirono poi a Villaco, in Austria. Marlene Bonelli crebbe dunque come cittadina austriaca: i due fratellastri riuscirono a rintracciarsi solo nel 2007 grazie alle indagini dei giornalisti Stephan Pfeifhofer e Isabelle Hansen, redattori del quotidiano "Dolomiten", per poi incontrarsi un anno dopo sempre a Renon[3][4].

Nel mentre Lucy Ramberg, già solita intrattenere relazioni con circoli poetici francesi antifascisti, dopo l'emanazione delle leggi razziali aveva iniziato a scrivere e pubblicare opuscoli antifascisti e antitedeschi. Quando Mario aveva cinque anni, ella fu prelevata dalla Gestapo e trasferita nel Reich come prigioniera politica[5]. Le fonti sono discordi sui luoghi ove venne reclusa: è pressoché accertato che passò per Monaco di Baviera e Capecchi sostiene che venne internata nel lager di Dachau, laddove tuttavia mancano riscontri certi sulla veridicità del fatto[6]; Lucy Ramberg, dal canto suo, rifiutò sempre di parlare della sua prigionia[2].

Presentendo l'accaduto, poco prima della deportazione era riuscita ad affidare Mario ad una famiglia di contadini a sud di Bolzano, cui aveva dato i mezzi economici per mantenere suo figlio. Ma la guerra consumò rapidamente il denaro destinato al bambino, che venne quindi abbandonato dopo un anno dalla famiglia adottiva. Il piccolo Mario iniziò quindi a vagabondare tra Bolzano e Verona, fino ad entrare in una banda di ragazzini di strada, che sopravvivevano rubacchiando. Nel 1945 incominciò a stare male e contrasse il tifo: fu però raccolto da uno sconosciuto, che impietosito lo fece ricoverare in un sanatorio a Reggio Emilia. Qui, a guerra conclusa, riuscì a ricongiungersi alla madre, che a seguito della capitolazione tedesca era riuscita a rientrare in Italia[1].

In America[modifica | modifica wikitesto]

All'età di 8 anni Mario Capecchi si trasferì negli Stati Uniti insieme alla madre, grazie al fratello di lei, Henry, che insegnava fisica all'Università di Princeton ed era collega di Albert Einstein. Mentre la madre incominciava a lavorare come interprete negli ospedali del New Jersey e di New York, lui iniziò a studiare proprio nella "Grande Mela", per poi trasferirsi nell'Ohio, dove frequentò l'università presso il piccolo Antioch College e conseguì la laurea in chimica e fisica. Fu poi ammesso all'Università di Harvard, dove conseguì il PhD in Biofisica nel 1967 e, soprattutto, ebbe modo di incontrare uno degli scopritori della struttura del DNA, James Watson, vincitore del Premio Nobel per la medicina nel 1962, che fu suo supervisore per la tesi[5].

Nel 1969 divenne assistente alla cattedra presso il Dipartimento di Biochimica della Harvard School of Medicine. Nel 1971 fu nominato professore associato. Nel 1973 si spostò all'Università dello Utah. Dal 1988 Capecchi collabora anche con l'Howard Hughes Medical Institute. È inoltre membro della National Academy of Science, Distinguished Professor all'Università statale di Salt Lake City (città presso la quale si è stabilito) e fa parte della Fondazione Italia USA.

Gli studi[modifica | modifica wikitesto]

Capecchi, insieme ai colleghi Martin Evans e Oliver Smithies, è stato insignito del Premio Nobel per la Medicina del 2007 per la messa a punto di tecniche che, attraverso l'utilizzo di cellule staminali embrionali, permettono di generare animali caratterizzati dall'assenza di uno specifico gene. Queste tecniche, dette di gene targeting, hanno portato i tre biologi alla messa a punto del primo topo knockout, nel quale alcuni specifici geni sono stati resi inoperativi. L'assegnazione del Nobel non ha dunque colto di sorpresa la comunità scientifica, che già da tempo utilizzava la sua tecnica di gene targeting per "costruire" topi portatori di mutazioni genetiche. Tale approccio si è rivelato di fondamentale importanza per lo studio in vivo della funzione dei geni, ed ha avuto un grande successo nella comunità scientifica. Quindi il gene targeting sta contribuendo in modo significativo allo studio di molte malattie come il cancro, oltre che allo studio dei processi di embriogenesi, ed alle discipline dell'immunologia e della neurobiologia.

Capecchi ha anche svolto un'analisi sistematica della famiglia genica Hox nei topi. Tale famiglia genica gioca un ruolo chiave nel controllo dello sviluppo embrionale di tutti gli animali multicellulari.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b "Ero un ragazzo di strada, mia madre mi ha salvato", La Repubblica, 9 ottobre 2007. URL consultato il 25 aprile 2020.
  2. ^ a b c Mario R. Capecchi Biography, nobelprize.org. URL consultato il 25 aprile 2020.
  3. ^ Il fratello ritrovato grazie al Nobel, La Stampa, 17 ottobre 2007. URL consultato l'11 aprile 2020.
  4. ^ Capecchi abbraccia la sorella sconosciuta, Gazzetta di Modena, 26 maggio 2008. URL consultato l'11 aprile 2020.
  5. ^ a b Chi è Mario Capecchi, Corriere della Sera.it, 8 ottobre 2007. URL consultato il 27 marzo 2013.
  6. ^ Nobelist's tales of wartime have inconsistencies, deseret.com, 6 novembre 2007. URL consultato il 25 aprile 2020.
  7. ^ (EN) CURRICULUM VITAE Archiviato il 7 novembre 2014 in Internet Archive.
  8. ^ (EN) Mario R. Capecchi
  9. ^ (EN) 2002 John Scott Awards Mario Capecchi and Joseph DeSimone awarded the 2002 John Scott Awards

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN201366364 · ISNI (EN0000 0000 2989 7908 · LCCN (ENn90604233 · ORCID (EN0000-0002-9591-4993 · WorldCat Identities (ENlccn-n90604233