James Rothman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Consegna del premio Nobel il 10 dicembre 2013
Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per la medicina 2013

James Rothman (Haverhill, 3 novembre 1950) è un biologo statunitense.

James E. Rothman è professore di Scienze Biomediche dell'Università di Yale ed anche professore alla UCL di Londra ed è divenuto famoso per essere stato insignito del premio Nobel per la medicina nel 2013 assieme a Randy Schekman e Thomas Südhof, per la scoperta del complesso proteico che permette alle vescicole di fondersi con le membrane cellulari, processo coinvolto nella comunicazione cellulare. [1][2][3][4][5]
Merito di Rothman e dei colleghi insigniti del Premio Nobel è stata la ricerca che ha permesso loro, a partire dalla fine degli anni Ottanta, di clonare e sequenziare i geni contenenti le "istruzioni" per sintetizzare le proteine che controllano e regolano il funzionamento delle vescicole contenenti diversi neurotrasmettitori nonché le modalità con le quali gli stessi vengono rilasciati dalle cellule. Negli ultimi anni si annoverano tra i suoi interessi di ricerca le sinaptopatie, ed in tale ambito di ricerca Rothman ha collaborato con diversi ricercatori, tra cui il neurogenetista Henry Houlden ed il neuropediatra Vincenzo Salpietro, nella caratterizzazione di geni associati a patologie della trasmissione sinaptica [6].

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Rothman ha ricevuto il suo Bachelor of Arts alla Yale University nel 1971, e il dottorato di ricerca in biochimica ad Harvard. È stato assegnista di ricerca (Postdoctoral fellow) presso il Massachusetts Institute of Technology, tra il 1976 ed il 1978.[7]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Rothman ha iniziato la sua carriera presso il Dipartimento di Biochimica presso la Stanford University nel 1978. È stato alla Princeton University tra il 1988 ed il 1991: Successivamente, a New York, ha fondato il Dipartimento di Biochimica e Biofisica Cellulare presso il Memorial Sloan-Kettering Cancer Center, dove è stato anche vice presidente del Sloan-Kettering Institute.
Nel 2003 ha lasciato lo Sloan-Kettering ed è quindi diventato professore di fisiologia presso il Collegio dei Medici e Chirurghi della Columbia University e capo del Columbia Center di Biologia Chimica. Rothman è un membro dell'Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti ed il suo Istituto di Medicina.[8]

Nel 1995, Rothman si è unito al comitato di consulenza scientifica della compagnia farmaceutica del Regno Unito, Amersham plc (che successivamente prese il nome di Amersham Biosciences e Amersham Health). Quando nel 2003 la Amersham è stata acquisita dalla GE Healthcare, una compagnia che si occupa di imaging medicale, diagnostica medica, sistemi di monitoraggio paziente, nuovi farmaci e tecnologie di produzione biofarmaceutica, Rothman è stato nominato capo consigliere scientifico.

Ricerca e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

A Rothman nel 2010 è stato assegnato il Kavli Prize in neuroscienze insieme a Richard Scheller (della società specializzata in attività biotecnologiche Genentech) e Thomas C. Südhof (della Stanford University School of Medicine) per le sue scoperte inerenti alle "basi molecolari del rilascio di neurotrasmettitori", Nel 2013, insieme al connazionale Randy Schekman ed al tedesco Thomas Südhof, è stato insignito del Premio Nobel per la medicina grazie alle scoperte sui meccanismi che regolano il sistema di trasporto all'interno delle cellule.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ James E Rothman, PhD - Cell Biology - Yale School of Medicine, su medicine.yale.edu. URL consultato il 7 ottobre 2013.
  2. ^ (EN) The Nobel Prize in Physiology or Medicine 2013, Nobelprize.org, 7 ottobre 2013. URL consultato il 7 ottobre 2012.
  3. ^ Vincenzo Salpietro, Weichun Lin e Andrea Delle Vedove, Homozygous mutations in VAMP1 cause a presynaptic congenital myasthenic syndrome, in Annals of Neurology, vol. 81, nº 4, 04 2017, pp. 597–603, DOI:10.1002/ana.24905. URL consultato il 27 febbraio 2018.
  4. ^ Redazione Salute Online, Nobel per la medicina agli scopritori del sistema di trasporto cellulare, in Corriere della Sera, 7 ottobre 2013. URL consultato il 7 ottobre 2013.
  5. ^ Elena Dusi, Nobel per la Medicina a tre biologi per il sistema "postale" delle cellule, in La Repubblica, 7 ottobre 2013. URL consultato il 7 ottobre 2013.
  6. ^ Vincenzo Salpietro, Weichun Lin e Andrea Delle Vedove, Homozygous mutations in VAMP1 cause a presynaptic congenital myasthenic syndrome, in Annals of Neurology, vol. 81, nº 4, 04 2017, pp. 597–603, DOI:10.1002/ana.24905. URL consultato il 27 febbraio 2018.
  7. ^ James E. Rothman, Faculty: Yale Department of Chemistry, su chem.yale.edu. URL consultato il 7-10-2013 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2012).
  8. ^ YaleNews - Yale’s James Rothman shares 2013 Nobel Prize in Physiology or Medicine, su news.yale.edu. URL consultato il 7 ottobre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN92128625 · ISNI (EN0000 0000 8164 7076 · LCCN (ENnr93000602 · ORCID (EN0000-0003-4822-4161 · BNF (FRcb124533659 (data) · NLA (EN35329272