Planetologia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Per planetologia (chiamata anche scienza planetaria, geologia planetaria o astronomia planetaria) si intende lo studio delle proprietà fisiche dei corpi planetari, spesso non limitato ai soli pianeti ma esteso a tutti i corpi celesti non stellari, interni ed esterni al sistema solare; in genere si annoverano tra gli studi di planetologia anche quelli riguardanti le origini dei sistemi planetari e la loro evoluzione dinamica.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Per quanto si possano far risalire le sue origini al riconoscimento, da parte di Galileo, di strutture assimilabili a montagne sul suolo lunare, la planetologia è una scienza il cui sviluppo è soprattutto recente. Lo studio dell'ambiente planetario richiede accuratezza di informazioni e precisione.

Alla seconda metà dell'Ottocento risalgono i contributi pionieristici di astronomi come Schiaparelli, con le sue osservazioni dei "canali" di Marte, e Antoniadi.

Ma è l'avvio dell'astronautica e delle prime missioni planetarie degli anni sessanta a consentire il susseguirsi delle scoperte. La faccia nascosta della Luna, la superficie rossa di Marte, l'atmosfera di Venere. Sono poi le missioni Pioneer e Voyager a completare il quadro generale sui pianeti esterni del sistema solare.

Negli ultimi anni il successo delle missioni dirette su Giove, dei rover teleguidati su Marte, del primo contatto con Titano, a chiarire ancor più la meteorologia e l'origine dei pianeti.

Aree di ricerca[modifica | modifica sorgente]

Pianeti del sistema solare[modifica | modifica sorgente]

Lo studio sistematico dei pianeti e della loro evoluzione si è arricchito negli ultimi anni di strumenti sempre più precisi. Dalle osservazioni da terra tramite telescopi, si è giunti negli ultimi anni ad uno studio accurato in loco. Le sonde interplanetarie (Elenco delle sonde spaziali), veri e propri laboratori vaganti, consentono la rilevazione di dati fondamentali per la conoscenza dei pianeti e dei loro ambienti. Grazie ad esse si è compresa l'atmosfera di Venere, le antiche tracce d'acqua su Marte, la complessa struttura atmosferica dei pianeti gassosi.

Negli ultimi anni, l'esigenza di un costante monitoraggio delle attività atmosferiche dei pianeti, ha risvegliato l'interesse degli astrofili avvantaggiati dalla riduzione dei costi delle attrezzature consentendo in tal modo un aumento notevole della qualità e della quantità delle osservazioni anche con piccoli telescopi.

Pianeti extrasolari[modifica | modifica sorgente]

La recente scoperta di pianeti extrasolari, ovvero di pianeti orbitanti attorno a stelle diverse dal Sole, ha aperto un campo di studi completamente nuovo, trasformando quella che sino ad un decennio fa era solo una speculazione in una evidenza osservativa. L'attuale disponibilità di dati, non certo esenti da effetti di selezione ma in quantità sufficiente per ricerca di regolarità, richiede la formulazione di modelli teorici che li giustifichino rendendo quest'area una delle più fertili dell'astrofisica contemporanea.

Terminologia[modifica | modifica sorgente]

Le branche della planetologia che si occupano dei singoli corpi celesti hanno nomi specifici:

Corpo celeste Disciplina Origine del termine
Sole Eliologia Helios, dalla lingua greca
Mercurio Ermeologia Hermes, dalla lingua greca
Venere Citerologia Cythera, dalla lingua greca
Terra Geologia Gea, dalla lingua greca
Luna Selenologia Selene, dalla lingua greca
Marte Areologia Ares, dalla lingua greca
Giove Zenologia Zeus, dalla lingua greca
Saturno Kronologia Chronos, dalla lingua greca
Urano Uranologia Urano, dalla lingua greca
Nettuno Poseidologia Poseidone, dalla lingua greca
Plutone Adeologia Ade, dalla lingua greca

Il Sole e la Luna sono inclusi qui per completezza, pur non essendo pianeti. Lo stesso Plutone è in verità un pianeta nano, alla stregua di Cerere ed Eris.

Letteratura fantascientifica[modifica | modifica sorgente]

Come si può immaginare, la planetologia è molto citata nella narrativa di fantascienza. Nel celebre romanzo Dune di Frank Herbert riveste un ruolo rilevante il planetologo imperiale Liet-Kynes, che studia l'ecosistema del pianeta desertico Arrakis (Dune) e ne progetta una radicale mutazione. Nell'altrettanto celebre Solaris di Stanislaw Lem viene descritta un'intera disciplina scientifica, la solaristica, che si prefigge specificamente di studiare l'enigmatico pianeta su cui è ambientato il romanzo.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Astronomia
Hubble2005-01-barred-spiral-galaxy-NGC1300.jpg Astrofisica | Cosmologia | Evoluzione stellare | Astronomia a raggi gamma | Astronomia a raggi X | Astronomia dell'ultravioletto | Astronomia dell'infrarosso | Radioastronomia | Planetologia | Astrometria | Esobiologia | Archeoastronomia | Astronautica Saturn (planet) large rotated.jpg
Astronomia Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica