Edward Witten

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Edward Witten
Medaglia Fields Medaglia Fields nel 1990

Edward Witten (Baltimora, 26 agosto 1951) è un matematico e fisico statunitense.

Vincitore della Medaglia Fields nel 1990, professore all'Institute for Advanced Study, è il fondatore della Teoria M. Ha dato contributi essenziali alla teoria delle stringhe e alla teoria quantistica dei campi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Witten è nato a Baltimora, nel Maryland, in una famiglia di origini ebraiche, figlio di Lorraine W. Witten e di Louis Witten, un fisico specializzato in gravitazione e relatività generale. Inizialmente la sua carriera sembra più indirizzata verso materie di tipo umanistico: infatti ottiene un diploma in storia alla Brandeis University. La sua intenzione iniziale era quella di diventare un giornalista politico, perciò pubblicò articoli sul New Republic e sul Nation.

Ha anche lavorato brevemente per la campagna presidenziale di George McGovern, ritornando poi però all'università, dove nel 1976 conseguì il dottorato in fisica alla Princeton University: proprio qui cominciò l'attività di insegnante universitario, dopo un periodo trascorso alla Università di Harvard. Dopo due anni (1999-2001) spesi al California Institute of Technology, è attualmente professore di fisica matematica all'Institute for Advanced Study di Princeton.

L'attività di Witten unisce alla fisica pura una straordinaria conoscenza della matematica moderna. È stato inizialmente attivo nella teoria quantistica dei campi e in teoria delle stringhe, oltre che nelle aree matematiche collegate di topologia e geometria. Tra i suoi numerosi contributi vi sono la dimostrazione del teorema dell'energia positiva nell'ambito della relatività generale, il suo lavoro sulla supersimmetria e la teoria di Morse, l'introduzione ad una teoria quantistica dei campi topologici, gli studi sulla simmetria speculare e le teorie di gauge supersimmetriche, nonché la congettura riguardo all'esistenza della teoria M.

Sir Michael Atiyah ha detto di lui:[1]

(EN)

«Although he is definitely a physicist (as his list of publications clearly shows) his command of mathematics is rivaled by few mathematicians, and his ability to interpret physical ideas in mathematical form is quite unique. Time and again he has surprised the mathematical community by a brilliant application of physical insight leading to new and deep mathematical theorems... He has made a profound impact on contemporary mathematics. In his hands physics is once again providing a rich source of inspiration and insight in mathematics.»

(IT)

«Sebbene egli sia certamente un fisico (come mostra chiaramente la sua lista di pubblicazioni), la sua padronanza della matematica è posseduta da pochi matematici... Più di una volta ha sorpreso la comunità matematica con le sue brillanti applicazioni dei principi fisici portando a nuovi e profondi teoremi matematici... ha avuto un profondo impatto sulla matematica contemporanea. Nelle sue mani la fisica è tornata ancora ad essere una fonte di ispirazione e comprensione per la matematica»

La sua prolifica produzione è stata premiata da numerosi riconoscimenti, tra cui una borsa di studio della MacArthur, una medaglia Fields, la National Medal of Science (2004) e la Medaglia Isaac Newton (2009).

Papa Benedetto XVI ha nominato Witten membro della Pontificia Accademia delle Scienze (2006). È anche comparso sulla rivista TIME, che lo ha incluso nella lista delle cento persone più influenti del mondo del 2004. È stato citato in un episodio del 1999 della serie a cartoni animati Futurama. Witten ha il più alto h-index di qualunque altro fisico vivente.

È sposato con Chiara Nappi, professoressa di fisica alla Princeton University, di origini napoletane.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michael Atiyah, On the Work of Edward Witten (PDF), su mathunion.org (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2017).

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Premio Kyōto per le scienze di base - nastrino per uniforme ordinaria Premio Kyōto per le scienze di base
— 2014

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN93348818 · ISNI (EN0000 0001 1775 5563 · LCCN (ENn85180832 · ORCID (EN0000-0002-7752-6073 · GND (DE113972682X · BNF (FRcb12284463d (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n85180832