Sindrome di Tourette

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Sindrome di Tourette
Georges Gilles de la Tourette.png
Georges Gilles de la Tourette
(1859–1904)
Specialità psichiatria
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 307.23
ICD-10 F95.2
OMIM 137580
MeSH D005879
MedlinePlus 000733
eMedicine 289457 e 1182258
Sinonimi
Sindrome di Gilles de la Tourette
Eponimi
Gilles de la Tourette

La sindrome di Gilles de la Tourette (più semplicemente sindrome di Tourette) è un disordine neurologico che esordisce nell'infanzia e spesso sparisce durante l'adolescenza. È caratterizzato dalla presenza di tic motori e fonatori incostanti, talvolta fugaci, altre volte cronici, la cui gravità può variare da estremamente lievi a invalidanti.[1][2]

In molti pazienti, seguiti in cliniche specialistiche, emergono alcune comorbilità (diagnosi di patologie co-concorrenti diverse dalla sindrome di Tourette), come la sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) e il disturbo ossessivo compulsivo (DOC). Le altre condizioni sono spesso secondarie a peggioramento nel quadro clinico del paziente e quindi è fondamentale identificarle correttamente e trattarle.[3]

La sindrome prende il nome dal neurologo francese Georges Gilles de la Tourette, che la descrisse nell'800, anche se era già stata individuata e inquadrata sin dal '600; la sindrome in realtà non fu quasi considerata fino a pochi decenni dalla fine del XX secolo. La definizione di sindrome di Tourette non identifica una specifica malattia o un preciso vulnus neurologico, ma piuttosto un quadro comportamentale caratterizzato da diverse manifestazioni (anche cognitive) che sono presenti anche in altre sindromi: diversi fattori neuro-fisiologici possono portare infatti alle stesse manifestazioni.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

I tic sono movimenti improvvisi, ripetitivi, non ritmici (tic motori) e espressioni (tic fonici) che coinvolgono determinati gruppi muscolari.[4] I tic motori sono basati sul movimento, mentre quelli fonici su suoni involontari prodotti spostando l'aria attraverso il naso, la bocca o la gola.

La sindrome di Tourette è stata inserita nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali a partire dalla quarta edizione (DSM-IV-TR) come uno dei disordini "solitamente diagnosticati durante l'infanzia, o l'adolescenza" e veniva classificato in base al tipo di tic (motorio o fonico) e alla sua durata (transitorio o cronico): i tic transitori erano divisi in tic motori multipli, tic fonici o entrambi, con una durata compresa tra le quattro settimane e i dodici mesi. I disordini cronici potevano essere classificati come singoli o multipli, motori o fonici (ma non entrambi) e dovevano presentarsi per più di un anno.[5] La sindrome veniva diagnosticata quando i tic motori multipli e almeno un tic fonico erano presenti da più di un anno.[6] La quinta versione del DSM (DSM-5), pubblicata nel maggio 2013, riclassifica la sindrome di Tourette elencandola nella categoria dei disordini dello sviluppo neurologico, senza altre modifiche significative.[7][8][9]

I disturbi da tic sono definiti in modo leggermente diverso nella ICD-10 dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, dove gli è assegnato il codice F95.2.[10]

Sebbene la sindrome sia la più grave espressione dei vari disordini correlati ai tic,[11] la maggior parte dei casi appare di lieve entità.[12] La gravità dei sintomi varia molto tra diversi soggetti e le manifestazioni meno importanti possono anche passare inosservate.[5]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Antichità, letteratura e superstizione[modifica | modifica wikitesto]

Descrizioni di un disturbo compulsivo assimilabile a un tic,[13] sintomo della suddetta sindrome, sono rintracciabili già nella medicina antica, nelle opere di Aulo Cornelio Celso (De Medicina), Claudio Galeno (De locis affectis), Avicenna (Il canone della medicina) e di molti altri, senza che però ne siano chiare le cause.

Anche la letteratura iniziò ad annoverare personaggi affetti da manifestazioni ticcose: Domiziano, nelle Vite dei Cesari, il poeta e letterato Samuel Johnson, il signor Caton de Il giardiniere galante di Dancourt e Molière.

Il tic entra così nell’immaginario collettivo, oltre che in quello medico, ma la medicina del tempo non disponeva di conoscenze e di metodologie diagnostiche adeguate: ecco che l’impossibilità di comprensione delle cause della poi ribattezzata Sindrome di Tourette sfocia nella descrizione presente nel Malleus Maleficarum, in cui la sindrome è attribuita a qualche influsso demoniaco.[13]

Scoperta e studio[modifica | modifica wikitesto]

Jean-Martin Charcot (1825-1893) è stato un neurologo francese e professore di medicina che ha coniato l'eponimo di sindrome di Tourette dal nome di Gilles de la Tourette. Charcot è qui raffigurato durante una lezione con un donna "isterica" paziente dell'ospedale Salpêtrière.

Nella Francia dell'Ottocento, grazie a un nuovo approccio all'indagine medica e al neonato interesse per lo studio del cervello, la sindrome viene sottoposta a uno studio e un’analisi più rigorosi.

Nel 1825 Jean Marc Gaspard Itard pubblica un articolo sugli Archives générales de médicine, descrivendo il caso più emblematico allora conosciuto, quello della marchesa di Dampierre, assieme ad altri nove piuttosto simili. La marchesa ricompare poi nel 1847 nel Maladies de la volonté di Ernest Billod, tre anni dopo nel libro Histoire de la muscolation irrésistible ou de la chorée anormale di David-Didier Roth e nel 1851 il suo caso è analizzato dal medico parigino Claude-Marie-Stanislas Sandras.[14]

Ogni medico offriva ipotesi e teorie differenti, ignorando spesso le conclusioni dei propri predecessori, finché, in un articolo del 1884 e in una pubblicazione dell’anno successivo, un allievo del noto neurologo Jean-Martin Charcot, Gilles de la Tourette, non fornisce un nuovo e più rigoroso quadro clinico del disturbo.

Il primo a ipotizzarne l'origine neurologica fu nel 1927 uno psichiatra tedesco, Erwin Straus, ma furono Arthur Shapiro e sua moglie Elaine, quasi cinquant'anni dopo, a fornire un inquadramento esaustivo e una precisa eziologia organica della sindrome.[13]

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

I tic della sindrome di Tourette iniziano durante l'infanzia per poi diminuire con gli anni; in tal modo, negli adulti la diagnosi risulta difficoltosa e quindi la prevalenza risulta superiore nella popolazione pediatrica.[15] Con l'arrivo dell'adolescenza, circa un quarto dei bambini che prima presentavano i segni della condizione vedono ridursi o scomparire i tic: per quasi la metà di essi i tic si riducono ad un livello minimo o lieve, pur persistendo per meno di un quarto di loro. Gli adulti sperimentano un peggioramento dei tic rispetto all'età pediatrica in percentuale compresa tra il 5% e il 14% .[16][3]

La sindrome di Tourette si riscontra in tutti i gruppi sociali, razziali ed etnici e senza alcuna disuguaglianza geografica.[16][17] Tuttavia vi è una differenza basata sul sesso, infatti è tre o quattro volte più frequente tra i maschi rispetto alle femmine.[12] La prevalenza varia, per età e sesso del campione, a seconda delle procedure di accertamento e del sistema diagnostico scelto,[17] da un minimo dello 0,5% registrato in uno studio del 1993 ad un massimo del 2,9% come rilevato in una pubblicazione del 1998.[16]

Fino all'1% della popolazione generale sperimenta disturbi correlati ai tic, comprese le condizioni croniche e transitorie dell'infanzia.[18] I tic cronici interessano il 5% dei bambini, mentre quelli transitori fino al 20%.[19] Uno studio del 2011, ha suggerito che la prevalenza della sindrome di Tourette nella popolazione generale sia dell'1%, con un range dello 0,4%÷3,8% tra i bambini dai 5 ai 18 anni[12], mentre un'altra pubblicazione coeva ha riscontrato che la prevalenza complessiva sia tra lo 0,3% e l'1%.[20] Nel 2008 in uno studio si riportò che la percentuale dei bimbi affetti potesse aggirarsi tra lo 0,1% e l'1%[21] e successivamente altri studi ridusser l'intervallo tra lo 0,6% e lo 0,8%.[18]

Fino a qualche decennio dalla fine del XX secolo, si riteneva che i casi di sindrome di Tourette fossero molto più rari: nel 1972, lo statunitense National Institutes of Health riteneva che vi fossero negli Stati Uniti meno di 100 casi[22] e un registro dell'anno seguente elencava soltanto 485 casi in tutto il mondo.[23] Tuttavia, diversi studi pubblicati a partire dal 2000 hanno dimostrato che la prevalenza fosse molto più alta.[24] Si ritiene che queste discrepanze siano dovute alle diverse metodologie utilizzate per le stime e nei diversi criteri diagnostici e di soglia.[24] Gli individui con sintomi lievi spesso non ricorrono alle cure mediche e gli stessi medici tendono ad evitare di formulare una diagnosi certa sui bambini per il timore di farli incorrere in una forma di stigma sociale.[25]

La sindrome di Tourette è associata a diverse condizioni di comorbilità.[17][20] La maggior parte delle persone con tic non si rivolge al medico, ma tra quelli in cui viene individuata si presentano anche altre condizioni: fino al 50% di essi risulta soffrire di disturbo ossessivo-compulsivo e sindrome da deficit di attenzione e iperattività.[20] In effetti si evidenziò che solo circa il 40% dei pazienti con sindrome di Tourette soffra esclusivamente di questa condizione.[26][27] Nei bambini con tic, la presenza aggiuntiva di sindrome da deficit di attenzione e iperattività è associata alla compromissione funzionale, ad un comportamento dirompente e alla gravità dei tic. Altre condizioni di comorbidità comprendono comportamenti autolesionistici, ansiosi, alla depressione, ai disturbi della personalità, al disturbo oppositivo provocatorio e ai disturbi della condotta.[28]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Esempi di tic motori

I tic sono movimenti o suoni «che si verificano ad intermittenza e imprevedibilmente fuori di un contesto di attività normale»,[29] con la comparsa di «comportamenti normali non andati a buon fine».[30] I tic associati alla sindrome di Tourette sono caratterizzati per il numero, per la frequenza, per la gravità e per la posizione anatomica: la crescita e il calo, il continuo aumento e la diminuzione della gravità e della frequenza dei tic avviene in modo diverso per ogni individuo.[5]

La coprolalia (l'espressione involontaria di parole o frasi socialmente censurabili o tabù) è il sintomo più pubblicizzato della sindrome di Tourette, ma non è sufficiente e necessario per formulare la diagnosi, tanto che solo circa il 10% dei pazienti lo sperimentano.[16] Anche l'ecolalia (ripetere le parole di altri) e la palilalia (ripetere le proprie parole) si verificano in una ristretta minoranza di casi,[5] mentre il segno motorio e il tic iniziale più comuni sono, rispettivamente, chiudere gli occhi e schiarirsi la gola.[31]

Differentemente dai movimenti anormali degli altri disturbi del movimento (per esempio, coree, distonie, mioclono e discinesie), i tic di Tourette sono temporaneamente sopprimibili, non ritmici e spesso preceduti da un impulso premonitore non desiderato.[32] Subito prima dell'insorgenza del tic, la maggior parte delle persone con la sindrome sperimentano la necessità,[33][34] di starnutire o grattarsi per un prurito. Gli individui descrivono il tic come un accumulo di tensione, pressione o di energia[35][34] che scelgono di rilasciare consapevolmente, come se "fosse necessario farlo",[36] per alleviare la sensazione o fino a quando ci si sente a posto.[36][17] Alcuni esempi di impulso premonitore possono essere: la sensazione di avere qualcosa in gola o un disagio localizzato nelle spalle, che portano alla necessità di schiarirsi la gola o di alzare le spalle. Il tic può essere sentito come un modo per alleviare questa tensione o sensazione, simile alla sensazione che si ha dopo essersi grattati per un prurito.

Per via delle sollecitazioni premonitrici che li precedono, i tic sono descritti come semi-volontari,[29] piuttosto che specificamente involontari. Possono essere vissuti come una risposta volontariamente sopprimibile all'impulso premonitore indesiderato.[16] Le descrizioni pubblicate su i tic identificano i fenomeni sensoriali di Tourette come il sintomo principale della sindrome, anche se esse non sono incluse nei criteri diagnostici.[37][38]

Benché gli individui con tic siano a volte in grado di sopprimere i loro tic per periodi limitati di tempo, ciò comporta in loro tensione o stanchezza mentale.[16][3] Le persone con la sindrome di Tourette possono cercare un luogo appartato per rilasciare i loro sintomi o vi può essere un marcato aumento del tic dopo un periodo di soppressione.[30] Alcune persone con la sindrome non riescono a essere coscienti del desiderio premonitore. I bambini possono essere meno consapevoli del bisogno associato al tic rispetto agli adulti, ma la loro consapevolezza tende ad aumentare con il crescere degli anni.[29]

Anche se non esiste un caso "tipico",[39] la condizione segue un percorso abbastanza standard in termini di età di esordio e di gravità dei sintomi. I tic possono apparire fino all'età di diciotto anni, ma l'età più comune di insorgenza è tra i cinque e i sette.[5] Uno studio del 1998, pubblicato da Leckman et al. per lo Yale Child. Study Center[15] ha dimostrato che le età di massima severità dei tic sono tra gli otto e i dodici anni (con una media di dieci), con i tic in costante calo per la maggior parte dei pazienti che poi regrediscono attraverso l'adolescenza.[17] I tic iniziali si presentano più frequentemente nelle regioni del corpo della linea mediana in cui vi sono molti muscoli, di solito nella testa, nel collo e sulla regione facciale.[39] Questo può essere in contrasto con i movimenti stereotipati delle altre patologie (come le stereotipie dei disturbi dello spettro autistico), che in genere hanno una precedente età di insorgenza, sono più simmetrici, ritmici, bilaterali e coinvolgono le estremità (ad esempio, agitando le mani).[40] I tic che compaiono precocemente nel corso della malattia sono spesso confusi con altre condizioni, come le allergie, l'asma e i problemi alla vista. Pediatri, allergologi e oftalmologi sono in genere i primi a notare i tic in un bambino.[1]

Tra i pazienti i cui sintomi sono abbastanza gravi da giustificare il rinvio a terapia specifiche, la presenza del disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) e il sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) sono spesso presenti insieme alla sindrome di Tourette[17] e un'alta percentuale di coloro che necessitano di cure presentano l'ADHD.[17][41] Alcuni studi hanno rilevato che circa il 40% dei pazienti con sindrome di Tourette presenta solo questa condizione e non accusa ADHD o DOC[26][27], mentre altri riportano che sin al 57% dei pazienti studiati con disturbi da tic non ha avuto ulteriori complicanze, mentre il 43% ha sperimentato più condizioni di comorbidità.[30]

Eziopatogenesi[modifica | modifica wikitesto]

Le cause e origini della sindrome sono ancora incerte. L'eziologia è multifattoriale, fattori genetici e ambientali sono coinvolti.[42]

Sebbene l'esatta modalità di insorgenza della malattia sia ancora sconosciuta, studi genetici hanno dimostrato che la maggior parte dei casi sono ereditari.[43] Al momento non è stato identificato alcun gene la cui alterazione conduca con certezza allo sviluppo della sindrome.[39] Si ritiene, tuttavia, che i tic dipendano da una disfunzione del talamo, dei gangli della base e della corteccia frontale del cervello,[42] disfunzioni che comportano un'attività anomala della dopamina, un neurotrasmettitore.

Fattori non genetici possono influenzare la gravità della malattia: alcune forme della condizione possono essere geneticamente correlate al disturbo ossessivo compulsivo (DOC) mentre l'eventuale relazione fra Tourette e sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) non è ancora completamente dimostrato.

Fattori genetici[modifica | modifica wikitesto]

Studi di genetica, comprendenti anche dei gemelli,[44] hanno dimostrato che una consistente maggioranza dei casi sono ereditari, sebbene sia tuttora ignoto il modello secondo il quale la condizione viene ereditata.[43]

Per molto tempo si è ritenuto che si trattasse di un disturbo autosomico dominante, ma studi recenti hanno criticato tale teoria suggerendo il coinvolgimento di più geni.[45][11]

Talvolta i tic non si presentano all'interno di un contesto familiare e tali casi vengono identificati come "sporadici" o "turettismi".[46]

La probabilità di trasmettere il disturbo alla prole è di circa il 50%. Il sesso maschile sembra essere più predisposto a sviluppare i tic.[39] La sindrome Tourette è caratterizzata da penetranza incompleta, ovvero i segni e i sintomi della patologia non compaiono in tutti i soggetti portatori della vulnerabilità genetica. Anche l'espressività è variabile: persino familiari che condividono i medesimi marcatori genetici possono avere manifestazioni di gravità estremamente differente. I geni si possono esprimere con il quadro della sindrome completa, come tic transitori o come tic cronici o con sintomi ossessivi compulsivi senza alcun tic.[47] Solo una piccola percentuale dei bambini portatori dei geni sviluppano sintomi tanto severi da richiedere cure mediche.[48] Non è possibile predire se un soggetto svilupperà la sindrome nel corso della sua vita.

Fisiopatologia[modifica | modifica wikitesto]

Strutture cerebrali implicate nella Sindrome di Tourette

L'esatto meccanismo che sottende la sindrome non è ancora conosciuto. Si ritiene che i tic derivino da una disfunzione del sistema nervoso centrale.[42][11] Modelli neuroanatomici suggeriscono un'alterazione dei circuiti cortico-sottocorticali,[39] tecniche di diagnostica per immagini hanno permesso di supporre un coinvolgimento dei gangli della base e del lobo frontale.[49][50][51]

Le ricerche forniscono numerose prove di un'anomala attività del neurotrasmettitore dopamina[52]: un eccesso di dopamina o la super sensitività dei recettori dopaminergici postsinaptici, potrebbe rappresentare il meccanismo alla base della sindrome.[53][54][55][56] Tuttavia, altri neurotrasmettitori potrebbero essere coinvolti.[48]

Fattori non-genetici[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni studi suggeriscono che fattori ambientali, infettivi o psicosociali, pur non potendo causare la sindrome, possano influenzare la gravità del disordine.[39] Studi sui gemelli hanno messo in luce che il gemello con peso inferiore alla nascita tende a sviluppare sintomi più gravi.[57] Altri eventi perinatali, come lo stress materno,[58] il tabagismo della madre[59] e complicanze ostetriche[60], sebbene non siano causa di tic potrebbero essere fattori di rischio per una maggior gravità dei tic. Un processo autoimmune potrebbe essere implicato in alcuni casi. È dibattuta l'ipotesi autoimmune che prende il nome di Pediatric Autoimmune Neuropsychiatric Disorders Associated with Streptococcal infections, PANDAS.[61][62]

Relazioni con DOC e ADHD[modifica | modifica wikitesto]

Alcune forme di disturbo ossessivo compulsivo (DOC) possono essere geneticamente correlate alla sindrome di Tourette, rappresentandone forse una modalità alternativa di presentazione;[63] studi genetici mostrano un incremento di tic e comportamenti ossessivo compulsivi nei familiari di pazienti tourettiani.[22] Ulteriori elementi che sostengono l'ipotesi di una base comune indicano una maggior incidenza di sintomi tourettiani nei maschi e di sintomi ossessivo compulsivi nelle femmine.[11]

Il legame con la sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) è meno chiaro, alcuni elementi sostengono l'ipotesi di una correlazione, mentre altri la negano.[64] Sembra che negli Stati Uniti nelle cliniche in cui vengono trattati i casi più gravi, la percentuale di pazienti che presentano anche ADHD sembra essere elevata[11] ma i dati non paiono in alcun senso conclusivi.[64]

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la rivisitazione della quarta edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-IV-TR), la sindrome di Tourette può essere diagnosticata quando una persona presenta sia tic motori multipli o uno o più tic vocali, per il periodo di un anno, con non più di tre mesi consecutivi liberi dalla condizione. Il precedente DSM-IV prevedeva che si verificasse un "notevole disagio o significativa compromissione dell'area sociale, lavorativa o di altre aree importanti della vita dell'individuo", tuttavia questo requisito è stato rimosso nel più recente aggiornamento del manuale.[65] L'esordio deve avvenire prima dei 18 anni e non può essere attribuito agli "effetti fisiologici diretti di una sostanza o di una condizione medica generale".[66] Quindi, altre condizioni mediche che includono tic o movimenti simili, come nel caso dell'autismo o altre cause di tourettismo, devono essere escluse prima di formulare una diagnosi.

Non esistono test medici o di screening specifici che possono essere utilizzati nella diagnosi di sindrome di Tourette;[17] la condizione è spesso mal diagnosticata o sottodiagnosticata, in parte a causa della sua vasta espressione di gravità, che va da lieve (nella maggior parte dei casi) o moderata, a grave (casi rari ma più ampiamente riconosciuti e pubblicizzati).[15] Tosse e tic che imitano l'asma sono comunemente mal diagnosticati.[16]

La diagnosi viene fatta sulla base dell'osservazione dei sintomi della persona e della sua storia familiare[16] e dopo aver escluso le cause secondarie di disordini tic.[48] In pazienti con un esordio tipico e una storia familiare di tic e di disturbo ossessivo-compulsivo, un esame fisico e neurologico di base può essere sufficiente.[11]

Non è necessario che altre condizioni di comorbidità (come ADHD o OCD) siano presenti,[16] ma se un medico ritiene che vi possano essere altre condizioni in grado di spiegare i tic, possono essere richiesti dei test per la necessità di escludere tali condizioni. Un esempio di questo è quando vi è confusione diagnostica tra tic e convulsioni epilettiche, il che richiederebbe l'esecuzione di un elettroencefalogramma, o se vi sono altri sintomi, una risonanza magnetica, che escluda anomalie cerebrali.[67] I livelli di TSH possono essere misurati per escludere l'ipotiroidismo, che può essere una causa di tic. Studi di neuroimaging di solito non sono del tutto affidabili.[67] Negli adolescenti e negli adulti che si presentano con una improvvisa insorgenza di tic e altri sintomi comportamentali, è utile fare un esame delle urine per ricerca di droghe, come cocaina e altri stimolanti. Se vi è una storia familiare di malattia del al fegato, il controllo di valori di rame nel siero e di ceruloplasmina possono escludere la malattia di Wilson.[11] La maggior parte dei casi sono tuttavia diagnosticati con la semplice osservazione.[39]

Diagnosi differenziale[modifica | modifica wikitesto]

Cause secondarie di tic (non legate alla sindrome di Tourette ereditaria) sono comunemente note come tourettismo.[46] Distonie, coree e altre condizioni genetiche e cause secondarie di tic dovrebbero essere escluse nella diagnosi differenziale per la sindrome di Tourette.[11] Altre condizioni che possono manifestarsi con tic o movimenti stereotipati comprendono disturbi dello sviluppo, disturbi dello spettro autistico[68], e disturbi del movimento stereotipato, come[69][70]: la corea di Sydenham, la distonia idiopatica e condizioni genetiche come la malattia di Huntington, neuroacantocitosi, sindrome di Hallervorden-Spatz, distrofia muscolare di Duchenne, malattia di Wilson e la sclerosi tuberosa. Altre possibilità includono patologie cromosomiche come la sindrome di Down, la sindrome di Klinefelter, la sindrome XYY e la sindrome dell'X fragile. Cause acquisite di tic possono essere quelle indotte da farmaci, traumi cranici, encefaliti, ictus e avvelenamento da monossido di carbonio.[11][46] I sintomi della sindrome di Lesch-Nyhan possono essere confusi con la sindrome di Tourette.[40] La maggior parte di queste condizioni sono rare e una anamnesi completa e una visita medica possono essere sufficienti per escluderli, senza particolari indagini o screening.[39]

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

La clonidina è uno dei primi farmaci utilizzati quando vi è la necessità di un trattamento nei casi di sindrome di Tourette.
Modello tridimensionale di una molecola di aloperidolo. L'aloperidolo è un farmaco antipsicotico a volte prescritto per il trattamento dei casi più gravi di sindrome di Tourette.

Attualmente vi sono alcune delle cure con l'aloperidolo, la clonidina,[71][72][73] la clomipramina[74] ed i farmaci SSRI serotoninergici[75][76][77] (la serotonina è un modulatore della dopamina, che è il neurotrasmettitore maggiormente implicato nella sindrome) che possono essere utilizzati efficacemente nel ridurre gli effetti motori della sindrome (tic, movimenti incontrollati, vocalizzazioni e urla) e quelli ossessivi; la prescrizione medica si scontra contro l'assenza di farmaci registrati in modo elettivo per questa sindrome.

Allo studio vi sono i promettenti esiti dell'uso degli antiandrogeni come il finasteride (un modulatore della dopamina), che sembrano in grado di influire positivamente su tic ed ossessioni.[78][79][80]

Per questa sindrome vengono inoltre proposti per i casi più gravi, e con numerose ricadute polemiche, interventi di neurochirurgia come la stimolazione cerebrale profonda (o DBS, Deep Brain Stimulation), cioè innesto permanente di elettrodi nell’encefalo. Gli interventi di natura lesionale (l'asportazione selettiva di alcune aree cerebrali o una lesione volontariamente indotta dal neurochirurgo a scopo terapeutico) appartengono ad approcci ormai superati: non hanno dato risultati soddisfacenti ed inoltre sono irreversibili. Va sottolineato come la DBS sia una procedura da prendere in considerazione solo dopo attenta valutazione, solo in pazienti maggiorenni e solo quando ogni altra forma terapeutica (farmacologica e psicologica) praticata con piena collaborazione del paziente non abbia sortito effetto, e solo quando i tic rappresentino una oggettiva condizione di invalidità.[81][82][83][84][85][86]

Nell'ultimo decennio sono emerse evidenze scientifiche a favore dell'impiego della cannabis o dei cannabinoidi di sintesi per la cura di questa patologia.[87][88]

Anche le tecniche di habit reversal sono ampiamente citate in letteratura, e si stanno compiendo approfonditi studi sull'ipotesi di neuromodulazione e ristrutturazione della architettura neuronale della corteccia in risposta all'applicazione di tecniche comportamentali. La tecnica applicata da John Walkup negli Stati Uniti sta dando risultati interessanti, con adolescenti e giovani. L'intervento psicoeducativo è spesso necessario per aiutare l'intero nucleo familiare nel fronteggiare la sindrome, inoltre è fondamentale che i familiari ed il paziente vengano monitorati per la corretta assunzione delle cure e/o la corretta pratica riabilitativa quotidiana.[89][90][91][92]

Sulla sindrome sono state scritte, dal noto neuro-psicologo Aleksandr Lurija che si occupò degli studi sulle anomalie della corteccia pre-frontale, in una lettera ad Oliver Sacks, queste parole: "La comprensione di una tale sindrome amplierà necessariamente, e di molto, la nostra comprensione della natura umana in generale. Non conosco alcun'altra sindrome che abbia un interesse paragonabile."[93].

Prognosi[modifica | modifica wikitesto]

André Malraux (1901–1976) è stato uno scrittore francese, avventuriero e il Ministro della Cultura, che ebbe la sindrome di Tourette.[94][95][96] Il Presidente Kennedy, Marie-Madeleine Lioux, Malraux, Jackie Kennedy e il Vice Presidente Johnson sono fotografati allo scoprimento della Monna Lisa alla National Gallery of Art, Washington, DC, nel 1963.[97]

La sindrome di Tourette è un disturbo neurologico che può avere diversi livelli di gravità. La maggioranza dei casi si presenta in forma lieve e non richiede nessun trattamento.[48] In questi casi, l'impatto dei sintomi sulla vita della persona può essere lieve, al punto che osservatori casuali potrebbero non accorgersi nemmeno della loro condizione. La prognosi è positiva, ma una minoranza di bambini con la sindrome presentano tuttavia una serie di gravi sintomi che persistono in età adulta.[42] Uno studio effettuato su 46 soggetti a 19 anni di età, ha evidenziato che nell'80% dei casi i sintomi impattavano lievemente sulla loro vita, mentre nel restante 20% la influenzavano moderatamente.[5] La rara minoranza di casi gravi può inibire o impedire alle persone di avere un lavoro o di avere una vita sociale appagante. In uno studio di follow-up su trentuno adulti con la sindrome di Tourette, tutti i pazienti hanno completato le scuole superiori, il 52% aveva terminato almeno due anni di college e il 71% erano occupati a tempo pieno o frequentavano scuole di istruzione superiore.[98]

Indipendentemente dalla gravità dei sintomi, le persone con la sindrome di Tourette hanno una durata di vita normale. Anche se i sintomi possono essere permanenti e cronici per alcuni, la condizione non è degenerativa o pericolosa per la vita. L'intelligenza è normale, anche se ci possono essere difficoltà di apprendimento.[16] La gravità dei tic nei primi anni di vita non pregiudica la loro severità in età avanzata[16] e la prognosi è generalmente favorevole,[16] anche se non vi sono metodi affidabili per prevedere il decorso per un particolare individuo. Il gene, o i geni, associati alla sindrome di Tourette non sono stati ancora identificati, e non vi è alcun potenziale "cura".[16] È stato rilevato un più alto tasso di emicrania rispetto alla popolazione generale e di disturbi del sonno.[16]

Diversi studi hanno dimostrato che la condizione nella maggior parte dei bambini migliora con la maturità. Al momento della diagnosi i tic potrebbero essere al livello più alto della loro gravità e spesso migliorano in seguito. Statisticamente l'età di massima severità dei tic è di solito tra gli otto e i dodici anni, con la maggior parte delle persone che sperimentano una costante diminuzione della loro severità e che spesso terminano durante l'adolescenza. Uno studio non ha mostrato alcuna correlazione tra la severità dei tic e l'inizio della pubertà, in contrasto con la credenza popolare che i tic aumentassero alla pubertà. In molti casi, una remissione completa dei sintomi si verifica dopo l'adolescenza.[15][99] Tuttavia, uno studio ha evidenziato che, sebbene i tic fossero diminuiti in confronto con l'infanzia anche come severità, il 90% degli adulti li presentava ancora.[100]

Tim Howard, portiere del Everton F.C. affetto dalla sindrome di Tourette.[101]

I bambini con la sindrome di Tourette possono soffrire socialmente se i loro tic sono visti come "bizzarri". Se un bambino presenta tic invalidanti i che interferiscono con l'adattamento sociale o accademico, la psicoterapia o interventi educativi e scolastici di sostegno possono essere d'aiuto.[48] Poiché le condizioni di comorbidità (come sindrome da deficit di attenzione e iperattività o disturbo ossessivo-compulsivo) possono causare un maggiore impatto sulla manifestazione complessiva dei tic, viene richiesta un valutazione approfondita dello stato psichico del soggetto[11]

Un ambiente famigliare positivo, fornisce agli affetti dalla sindrome maggiori possibilità di gestire la malattia.[102][103] Le persone con la sindrome di Tourette possono imparare a camuffare i tic socialmente inappropriati o incanalare l'energia dei loro tic in uno sforzo funzionale. La sindrome è stata riscontrata in musicisti esperti, atleti, oratori e professionisti provenienti da tutti i ceti sociali. I risultati in età adulta sono associati più all'aver percepito una situazione di disagio durante la giovinezza, piuttosto che con la gravità dei tic. Un individuo che è stato frainteso, punito, o preso in giro a casa o a scuola, avrà una sequela peggiore rispetto a chi ha potuto godere di comprensione e di un ambiente di sostegno.[5]

Screening[modifica | modifica wikitesto]

Anche se non tutte le persone con la sindrome di Tourette presentano condizioni di comorbidità, la maggior parte dei pazienti che si presentano presso centri specializzati per la cura presentano altre condizioni.[27] Tra di esse si può include la sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD ), il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC), disturbi specifici di apprendimento e disturbi del sonno.[16] Comportamenti dirompenti e alterati o deterioramento cognitivo, possono essere riscontrati in pazienti con comorbidità di Tourette e ADHD, ciò mette in evidenza l'importanza di individuare e trattare le patologie concomitanti.[16][3][17][41] La presenza di tic, in assenza di ADHD, non sembrano essere associati ad un comportamento disturbato o a un danno funzionale[18] mentre la compromissione nella vita scolastica, famigliare o di relazioni sociali è maggiore in coloro che presentano una o più comorbidità e spesso ciò determina se sia necessaria una terapia.[30]

La valutazione iniziale di un paziente in cui vi è la presenza di un tic, dovrebbe includere una valutazione approfondita, compresa una storia familiare di tic, di ADHD, di sintomi ossessivo-compulsivi e altre condizioni mediche, psichiatriche e neurologiche croniche. Ai bambini e adolescenti con la sindrome e che hanno difficoltà di apprendimento, sono consigliati test psicoeducativo, in particolare se il bambino presenta anche ADHD.[67] Le comorbidità non diagnosticate possono causare compromissione funzionale ed è quindi necessario identificare e trattare queste condizioni per migliorare la propria vita. Le complicanze possono includere depressione, problemi di sonno, disagio sociale e l'autolesionismo.[11]

Società e cultura[modifica | modifica wikitesto]

Samuel Johnson (1709–1784), si ritiene che fosse affetto dalla sindrome di Tourette.

Non tutte le persone con la sindrome di Tourette accettano un trattamento o una "cura", soprattutto se ciò può significare "perdere" qualcosa.[104][102] I ricercatori Leckman e Cohen, e l'ex consigliere della Tourette Syndrome Association Kathryn Taubert, ritengono che vi possano essere vantaggi latenti associati alla vulnerabilità genetica di un individuo di sviluppare la sindrome di Tourette, come ad esempio una maggiore consapevolezza e una maggiore attenzione per i dettagli e che possono avere valore adattativo.[102] Vi sono prove che sostengono che i bambini con solo sindrome di Tourette e assenza di condizioni di comorbidità, siano particolarmente talentuosi.[26][105] Essi, tendenzialmente, risultano essere più veloci rispetto alla media della loro fascia di età su prove cronometrate di coordinazione motoria.[26][106]

Personalità notevoli con sindrome di Tourette si possono trovare in tutti i ceti sociali, compresi musicisti, atleti, personaggi dello spettacolo, insegnati, medici e scrittori.[107] L'esempio più noto di una persona che avrebbe tratto vantaggio da alcuni comportamenti ossessivi-compulsivi è Samuel Johnson, un letterato inglese del XVIII secolo che probabilmente aveva la sindrome di Tourette, come testimoniano gli scritti di James Boswell.[108][109] Johnson scrisse nel 1747 un dizionario della lingua inglese ed è stato un prolifico scrittore, poeta e critico letterario.

Nonostante sia stato ipotizzato che Mozart avesse la sindrome di Tourette, nessun esperto della condizione o organizzazione ha mai presentato prove credibili a sostegno di tale conclusione.[110][111]

Prima della pubblicazione da parte di Gilles de la Tourette dove veniva descritta la condizione, nella letteratura di fantasia vi sono dei probabili esempi di personaggi con caratteristiche riconducibili alla sindrome: il signor Pancks di La piccola Dorrit di Charles Dickens e Nikolai Levin in Anna Karenina di Leo Tolstoj.[112] I media sono stati spesso criticati per aver dipinto le persone con la sindrome di Tourette come disadattati sociali il cui unico tic fosse la coprolalia e ciò ha spesso portato alla stigmatizzazione e all'incomprensione da parte della popolazione in generale.

Stato della ricerca[modifica | modifica wikitesto]

I progressi nei settori della genetica, del neuroimaging, della neurofisiologia e della neuropatologia hanno permesso di migliorare le conoscenze della sindrome di Tourette. Tuttavia rimangono ancora molte domande riguardo al modo migliore per classificare la condizione e quanto essa sia correlata agli altri disturbi del movimento e psichiatrici. Al 2014 i dati epidemiologici sono ancora carenti e i trattamenti disponibili non sono privi di rischi e non sempre sono ben tollerati.[42] I media di alto profilo si sono concentrati soprattutto sui trattamenti di cui non è stato ben stabilita la sicurezza o l'efficacia, come la stimolazione cerebrale profonda e alcune terapie alternative.[61]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Black, K.J., Tourette Syndrome and Other Tic Disorders, eMedicine. URL consultato il 27 giugno 2006.
  2. ^ (EN) Evidente, G.H., Is it a tic or Tourette's? Clues for differentiating simple from more complex tic disorders, PostGraduate Medicine Online. URL consultato il 28 ottobre 2006.
  3. ^ a b c d (EN) J.C. Du et al., Tourette syndrome in children: an updated review. in Pediatr. Neonatol., vol. 51, nº 5, ottobre 2010, pp. 255-64, DOI:10.1016/S1875-9572(10)60050-2, PMID 20951354.
  4. ^ (EN) Leckman J.F. et al., Phenomenology of tics and natural history of tic disorders in Adv. Neurol., vol. 99, 2006, pp. 1–16, PMID 16536348.
  5. ^ a b c d e f g (EN) J.F. Leckman, M.H. Bloch; R.A. King; L. Scahill, Phenomenology of tics and natural history of tic disorders. in Adv. Neurol., vol. 99, 2006, pp. 1-16, PMID 16536348.
  6. ^ "Tourette's Disorder, 307.23 (F95.2)". Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, 2013, Fifth edition. American Psychiatric Association, p. 81.
  7. ^ (EN) Neurodevelopmental disorders, American Psychiatric Association. URL consultato il 29 dicembre 2011.
  8. ^ (EN) Moran, M., DSM-5 provides new take on neurodevelopment disorders, Psychiatric News. URL consultato il 18 gennaio 2013.
  9. ^ (EN) Highlights of changes from DSM-IV-TR to DSM-5 (PDF), American Psychiatric Association. URL consultato il 5 giugno 2013..
  10. ^ (EN) Du, Chiu Lee et al., ICD version 2007, World Health Organization, 2010. URL consultato il 29 dicembre 2011.
  11. ^ a b c d e f g h i j k (EN) Bagheri M.M., Kerbeshian J. e Burd L., Recognition and management of Tourette's syndrome and tic disorders in Am. Fam. Physician, vol. 59, nº 8, 1999, pp. 2263–72, 2274, PMID 10221310.
  12. ^ a b c (EN) Robertson M.M., Gilles de la Tourette syndrome: the complexities of phenotype and treatment in Br. J. Hosp. Med. (Lond), vol. 72, nº 2, febbraio 2011, pp. 100–7, PMID 21378617.
  13. ^ a b c Mauro Porta-Vittorio A. Sironi, Il cervello irriverente., Editori Laterza, 2009.
  14. ^ Saporiti, p. 173.
  15. ^ a b c d (EN) Leckman J.F., Zhang H., Vitale A., et al., Course of tic severity in Tourette syndrome: the first two decades in Pediatrics, vol. 102, 1 Pt 1, luglio 1998, pp. 14–9, PMID 9651407.
  16. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (EN) H.S. Singer, Tourette's syndrome: from behaviour to biology. in Lancet Neurol., vol. 4, nº 3, marzo 2005, pp. 149-59, DOI:10.1016/S1474-4422(05)01012-4, PMID 15721825.
  17. ^ a b c d e f g h i (EN) Swain J.E., Scahill L., Lombroso P.J., King R.A., Leckman J.F., Tourette syndrome and tic disorders: a decade of progress in J. Am. Acad. Child. Adolesc. Psychiatry, vol. 46, nº 8, agosto 2007, pp. 947–68, DOI:10.1097/chi.0b013e318068fbcc, PMID 17667475.
  18. ^ a b c (EN) Scahill L. et al., Disruptive behavior problems in a community sample of children with tic disorders in Adv. Neurol., vol. 99, 2006, pp. 184–90, PMID 16536365.
  19. ^ (EN) Bloch M.H., Leckman J.F., Clinical course of Tourette syndrome in J. Psychosom. Res., vol. 67, nº 6, dicembre 2009, pp. 497–501, DOI:10.1016/j.jpsychores.2009.09.002, PMC 3974606, PMID 19913654.
  20. ^ a b c (EN) Bloch M., State M., Pittenger C., Recent advances in Tourette syndrome in Curr. Opin. Neurol., vol. 24, nº 2, aprile 2011, pp. 119–25, DOI:10.1097/WCO.0b013e328344648c, PMC 4065550, PMID 21386676.
  21. ^ (EN) Lombroso P.J. e Scahill L., Tourette syndrome and obsessive-compulsive disorder in Brain Dev., vol. 30, nº 4, aprile 2008, pp. 231–7, DOI:10.1016/j.braindev.2007.09.001, PMC 2291145, PMID 17937978.
  22. ^ a b Cohen D.J., pp. 85:xvii.
  23. ^ (EN) Abuzzahab FE e Anderson F.O., Gilles de la Tourette's syndrome; international registry in Minn. Med., vol. 56, nº 6, giugno 1973, pp. 492–6, PMID 4514275.
  24. ^ a b (EN) Scahill, L., first page Epidemiology of Tic Disorders (PDF), Tourette Syndrome Association. The. URL consultato l'11 giugno 2007..
  25. ^ (EN) Knight T. et al., Prevalence of tic disorders: a systematic review and meta-analysis in Pediatr. Neurol., vol. 47, nº 2, agosto 2012, pp. 77–90, DOI:10.1016/j.pediatrneurol.2012.05.002, PMID 22759682.
  26. ^ a b c d (EN) Denckla MB, Attention-deficit hyperactivity disorder (ADHD) comorbidity: a case for "pure" Tourette syndrome? in J. Child. Neurol., vol. 21, nº 8, agosto 2006, pp. 701–3, PMID 16970871.
  27. ^ a b c (EN) Denckla M.B., Attention deficit hyperactivity disorder: the childhood co-morbidity that most influences the disability burden in Tourette syndrome in Adv. Neurol., vol. 99, 2006, pp. 17–21, PMID 16536349.
  28. ^ (EN) Robertson MM, The prevalence and epidemiology of Gilles de la Tourette syndrome. Part 2: tentative explanations for differing prevalence figures in GTS, including the possible effects of psychopathology, aetiology, cultural differences, and differing phenotypes in J. Psychosom. Res., vol. 65, nº 5, novembre 2008, pp. 473–86, DOI:10.1016/j.jpsychores.2008.03.007, PMID 18940378.
  29. ^ a b c (EN) Definitions and classification of tic disorders. The Tourette Syndrome Classification Study Group in Arch. Neurol., vol. 50, nº 10, ottobre 1993, pp. 1013–6, PMID 8215958.
  30. ^ a b c d (EN) Dure L.S., DeWolfe J., Treatment of tics in Adv. Neurol., vol. 99, 2006, pp. 191–6, PMID 16536366.
  31. ^ (EN) Malone D.A., Pandya M.M., Behavioral neurosurgery in Adv. Neurol., vol. 99, 2006, pp. 241–7, PMID 16536372.
  32. ^ (EN) Jankovic J, Differential diagnosis and etiology of tics in Adv. Neurol., vol. 85, 2001, pp. 15–29, PMID 11530424.
  33. ^ (EN) A.J. Cohen, J.F. Leckman, Sensory phenomena associated with Gilles de la Tourette's syndrome. in J. Clin. Psychiatry, vol. 53, nº 9, settembre 1992, pp. 319-23, PMID 1517194.
  34. ^ a b (EN) H.S. Prado et al., Sensory phenomena in obsessive-compulsive disorder and tic disorders: a review of the literature. in CNS Spectr., vol. 13, nº 5, maggio 2008, pp. 425-32, PMID 18496480.
  35. ^ (EN) J. Bliss, Sensory experiences of Gilles de la Tourette syndrome. in Arch. Gen. Psychiatry, vol. 37, nº 12, dicembre 1980, pp. 1343-7, PMID 6934713.
  36. ^ a b (EN) Kwak C., Dat Vuong K., Jankovic J., Premonitory sensory phenomenon in Tourette's syndrome in Mov. Disord., vol. 18, nº 12, dicembre 2003, pp. 1530–3, DOI:10.1002/mds.10618, PMID 14673893.
  37. ^ (EN) L.D. Scahill et al., Sensory phenomena in Tourette's syndrome. in Adv. Neurol., vol. 65, 1995, pp. 273-80, PMID 7872145.
  38. ^ (EN) E.C. Miguel et al., Sensory phenomena in obsessive-compulsive disorder and Tourette's disorder. in J. Clin. Psychiatry, vol. 61, nº 2, febbraio 2000, pp. 150-6; quiz 157, PMID 10732667.
  39. ^ a b c d e f g h (EN) Zinner S.H., Tourette disorder in Pediatr. Rev., vol. 21, nº 11, 2000, pp. 372–83, PMID 11077021.
  40. ^ a b (EN) I. Rapin, Autism spectrum disorders: relevance to Tourette syndrome. in Adv. Neurol., vol. 85, 2001, pp. 89-101, PMID 11530449.
  41. ^ a b (EN) Spencer T. et al., Disentangling the overlap between Tourette's disorder and ADHD in J Child Psychol Psychiatry, vol. 39, nº 7, ottobre 1998, pp. 1037–44, PMID 9804036.
  42. ^ a b c d e Walkup, p. 15.
  43. ^ a b (EN) M.M. Robertson, Tourette syndrome, associated conditions and the complexities of treatment. in Brain, 123 Pt 3, marzo 2000, pp. 425-62, PMID 10686169.
  44. ^ (EN) Deng H., Gao K., Jankovic J., The genetics of Tourette syndrome in Nat. Rev. Neurol., vol. 8, nº 4, 2012, pp. 203–13, DOI:10.1038/nrneurol.2012.26, PMID 22410579.
  45. ^ (EN) Zinner S.H., Tourette disorder in Pediatr. Rev., vol. 21, nº 11, novembre 2000, pp. 372–83, PMID 11077021.
  46. ^ a b c (EN) Mejia N.I. e Jankovic J., Secondary tics and tourettism in Rev. Bras. Psiquiatr., vol. 27, nº 1, marzo 2005, pp. 11–7, DOI:10.S1516-44462005000100006, PMID 15867978.
  47. ^ (EN) van de Wetering BJ e Heutink P., The genetics of the Gilles de la Tourette syndrome: a review in J. Lab. Clin. Med., vol. 121, nº 5, maggio 1993, pp. 638–45, PMID 8478592.
  48. ^ a b c d e (EN) Tourette Syndrome: Frequently Asked Questions, Tourette Syndrome Associatio. URL consultato l'8 febbraio 2005.
  49. ^ (EN) S.N. Haber e D. Wolfer, Basal ganglia peptidergic staining in Tourette syndrome. A follow-up study. in Adv. Neurol., vol. 58, 1992, pp. 145-50, PMID 1414617.
  50. ^ (EN) B. Peterson et al., Reduced basal ganglia volumes in Tourette's syndrome using three-dimensional reconstruction techniques from magnetic resonance images. in Neurology, vol. 43, nº 5, maggio 1993, pp. 941-9, PMID 8492950.
  51. ^ (EN) J. Moriarty et al., A volumetric MRI study of Gilles de la Tourette's syndrome. in Neurology, vol. 49, nº 2, agosto 1997, pp. 410-5, PMID 9270569.
  52. ^ (EN) H.S. Singer e J.T. Walkup, Tourette syndrome and other tic disorders. Diagnosis, pathophysiology, and treatment. in Medicine (Baltimore), vol. 70, nº 1, gennaio 1991, pp. 15-32, PMID 1988764.
  53. ^ (EN) H.S. Singer et al., Dopaminergic dsyfunction in Tourette syndrome. in Ann. Neurol., vol. 12, nº 4, ottobre 1982, pp. 361-6, DOI:10.1002/ana.410120408, PMID 6184010.
  54. ^ (EN) H.L. Klawans et al., Gilles de la Tourette syndrome after long-term chlorpromazine therapy. in Neurology, vol. 28, nº 10, ottobre 1978, pp. 1064-6, PMID 284201.
  55. ^ (EN) I.J. Butler et al., Biogenic amine metabolism in Tourette syndrome. in Ann. Neurol., vol. 6, nº 1, luglio 1979, pp. 37-9, DOI:10.1002/ana.410060109, PMID 292354.
  56. ^ (EN) H.S. Singer, Neurobiology of Tourette syndrome. in Neurol. Clin., vol. 15, nº 2, maggio 1997, pp. 357-79, PMID 9115467.
  57. ^ TM. Hyde, B.A. Aaronson; C. Randolph; K.C. Rickler; D.R. Weinberger, Relationship of birth weight to the phenotypic expression of Gilles de la Tourette's syndrome in monozygotic twins. in Neurology, vol. 42, 3 Pt 1, marzo 1992, pp. 652-8, PMID 1549232.
  58. ^ JF. Leckman, ES. Dolnansky; M.T. Hardin; M. Clubb; J.T. Walkup; J. Stevenson; D.L. Pauls, Perinatal factors in the expression of Tourette's syndrome: an exploratory study. in J. Am. Acad. Child. Adolesc. Psychiatry, vol. 29, nº 2, marzo 1990, pp. 220-6, DOI:10.1097/00004583-199003000-00010, PMID 1969861.
  59. ^ Mathews C.A, Bimson B., Lowe T.L., et al., Association between maternal smoking and increased symptom severity in Tourette's syndrome in Am. J. Psychiatry, vol. 163, nº 6, giugno 2006, pp. 1066–73, DOI:10.1176/ajp.2006.163.6.1066, PMID 16741208.
  60. ^ Santangelo SL, Pauls D.L., Goldstein J.M., Faraone S.V., Tsuang M.T., Leckman J.F., Tourette's syndrome: what are the influences of gender and comorbid obsessive-compulsive disorder? in J. Am. Acad. Child. Adolesc. Psychiatry, vol. 33, nº 6, 1994, pp. 795–804, DOI:10.1097/00004583-199407000-00004, PMID 8083136.
  61. ^ a b Swerdlow N.R., Tourette syndrome: current controversies and the battlefield landscape in Curr. Neurol. Neurosci. Rep., vol. 5, nº 5, settembre 2005, pp. 329–31, PMID 16131414.
  62. ^ R. Kurlan, E.L. Kaplan, The pediatric autoimmune neuropsychiatric disorders associated with streptococcal infection (PANDAS) etiology for tics and obsessive-compulsive symptoms: hypothesis or entity? Practical considerations for the clinician. in Pediatrics, vol. 113, nº 4, aprile 2004, pp. 883-6, PMID 15060240.
  63. ^ Pauls D.L., Towbin K.E., Leckman J.F., Zahner G.E., Cohen D.J., Gilles de la Tourette's syndrome and obsessive-compulsive disorder. Evidence supporting a genetic relationship in Arch. Gen. Psychiatry, vol. 43, nº 12, dicembre 1986, pp. 1180–2, PMID 3465280.
  64. ^ a b (EN) John Wiley & Sons, Inc., Tourette's Syndrome—Tics, Obsessions, Compulsions: Developmental Psychopathology and Clinical Care, New York, 1999..
  65. ^ (EN) Summary of Practice: Relevant changes to DSM-IV-TR., American Psychiatric Association.. URL consultato il 29 dicembre 2011..
  66. ^ American Psychiatric Association.
  67. ^ a b c (EN) Scahill L, Erenberg G., Berlin C.M., et al., Contemporary assessment and pharmacotherapy of Tourette syndrome in NeuroRx, vol. 3, nº 2, aprile 2006, pp. 192–206, PMC 3593444, PMID 16554257.
  68. ^ (EN) Ringman J.M., Jankovic J., Occurrence of tics in Asperger's syndrome and autistic disorder in J. Child. Neurol., vol. 15, nº 6, giugno 2000, pp. 394–400, PMID 10868783.
  69. ^ Jankovic J., Mejia N.I., Tics associated with other disorders in Adv. Neurol., vol. 99, 2006, pp. 61–8, PMID 16536352.
  70. ^ Freeman, RD, Tourette's Syndrome: minimizing confusion. URL consultato l'8 febbraio 2006..
  71. ^ T.J. Murray, Tourette syndrome. in Can. Fam. Physician, vol. 28, febbraio 1982, pp. 278-82, PMID 21286050.
  72. ^ (EN) L. Regeur et al., Clinical features and long-term treatment with pimozide in 65 patients with Gilles de la Tourette's syndrome. in J. Neurol. Neurosurg. Psychiatry, vol. 49, nº 7, luglio 1986, pp. 791-5, PMID 3462344.
  73. ^ (EN) H. Kang et al., Efficacy of clonidine transdermal patch for treatment of Tourette's syndrome in children in Zhongguo Dang Dai Er Ke Za Zhi, vol. 11, nº 7, luglio 2009, pp. 537-9, PMID 19650984.
  74. ^ (EN) H.S. Duggal, S. Dutta; V.K. Sinha, Clomipramine-induced affective psychosis and coprolalia in tourette syndrome. in Indian J. Psychiatry, vol. 43, nº 4, ottobre 2001, pp. 374-5, PMID 21407898.
  75. ^ (EN) N. Weintrob et al., Decreased growth during therapy with selective serotonin reuptake inhibitors. in Arch. Pediatr. Adolesc. Med., vol. 156, nº 7, luglio 2002, pp. 696-701, PMID 12090838.
  76. ^ E.A. Kastelic, M.J. Labellarte e M.A. Riddle, Selective serotonin reuptake inhibitors for children and adolescents. in Curr. Psychiatry Rep., vol. 2, nº 2, aprile 2000, pp. 117-23, PMID 11122943.
  77. ^ (EN) U. Rüth et al., [Tourette's syndrome and antidepressant therapy: exacerbation of nervous tics with paroxetine]. in Z. Kinder Jugendpsychiatr. Psychother., vol. 28, nº 2, maggio 2000, pp. 105-8, PMID 10863766.
  78. ^ A. Muroni et al., A preliminary study of finasteride in Tourette syndrome. in Mov. Disord., maggio 2011, DOI:10.1002/mds.23810, PMID 21618612.
  79. ^ (EN) S. Paba et al., Steroid 5a-reductase as a novel therapeutic target for schizophrenia and other neuropsychiatric disorders. in Curr Pharm Des, vol. 17, nº 2, 2011, pp. 151-67, PMID 21361868.
  80. ^ (EN) M. Bortolato, A. Muroni e F. Marrosu, Treatment of Tourette's syndrome with finasteride. in Am. J. Psychiatry, vol. 164, nº 12, dicembre 2007, pp. 1914-5, DOI:10.1176/appi.ajp.2007.07060978, PMID 18056252.
  81. ^ (EN) J. Guridi e G. Aldave, Surgical targets in Psychiatric disorders. From movement to emotions in Neurocirugia (Astur), vol. 22, nº 1, febbraio 2011, pp. 5-22, PMID 21384081.
  82. ^ (EN) J. Kuhn et al., Deep brain stimulation for psychiatric disorders. in Dtsch. Arztebl. Int., vol. 107, nº 7, febbraio 2010, pp. 105-13, DOI:10.3238/arztebl.2010.0105, PMID 20221269.
  83. ^ (EN) M. Porta et al., Issues related to deep brain stimulation for treatment-refractory Tourette's syndrome. in Eur. Neurol., vol. 62, nº 5, 2009, pp. 264-73, DOI:10.1159/000235595, PMID 19690419.
  84. ^ (EN) I. Martinez-Torres et al., Improvement of tics after subthalamic nucleus deep brain stimulation. in Neurology, vol. 72, nº 20, maggio 2009, pp. 1787-9, DOI:10.1212/WNL.0b013e3181a60a0c, PMID 19451536.
  85. ^ (EN) M.L. Welter et al., Internal pallidal and thalamic stimulation in patients with Tourette syndrome. in Arch. Neurol., vol. 65, nº 7, luglio 2008, pp. 952-7, DOI:10.1001/archneur.65.7.952, PMID 18625864.
  86. ^ (EN) J.L. Houeto et al., Tourette's syndrome and deep brain stimulation. in J. Neurol. Neurosurg. Psychiatry, vol. 76, nº 7, luglio 2005, pp. 992-5, DOI:10.1136/jnnp.2004.043273, PMID 15965209.
  87. ^ Müller-Vahl K.R. et al., Treatment of Tourette's syndrome with Delta 9-tetrahydrocannabinol (THC): a randomized crossover trial in Pharmacopsychiatry 2002 35(2): 57–61.
  88. ^ Kirsten R Müller-Vahl et al., Treatment of Tourette Syndrome with Delta-9-Tetrahydrocannabinol (Delta9-THC): No Influence on Neuropsychological Performance in Neuropsychopharmacology, nº 28, 2003, pp. 384–388.
  89. ^ (EN) C.A. Conelea et al., Exploring the impact of chronic tic disorders on youth: results from the Tourette Syndrome Impact Survey. in Child. Psychiatry Hum. Dev., vol. 42, nº 2, aprile 2011, pp. 219-42, DOI:10.1007/s10578-010-0211-4, PMID 21046225.
  90. ^ (EN) J. Piacentini et al., Behavior therapy for children with Tourette disorder: a randomized controlled trial. in JAMA, vol. 303, nº 19, maggio 2010, pp. 1929-37, DOI:10.1001/jama.2010.607, PMID 20483969.
  91. ^ (EN) M.B. Himle et al., Brief review of habit reversal training for Tourette syndrome. in J. Child. Neurol., vol. 21, nº 8, agosto 2006, pp. 719-25, PMID 16970874.
  92. ^ (EN) L. Scahill et al., Contemporary assessment and pharmacotherapy of Tourette syndrome. in NeuroRx, vol. 3, nº 2, aprile 2006, pp. 192-206, DOI:10.1016/j.nurx.2006.01.009, PMID 16554257.
  93. ^ (EN) Feuer L.S., Freud's ideas in the Soviet setting: a meeting with Aleksandr Luriia in Slavic Rev., vol. 46, nº 1, 1987, pp. 106–12, PMID 11618116.
  94. ^ (EN) Kammer T, Mozart in the neurological department - who has the tic? in Front Neurol Neurosci, vol. 22, 2007, pp. 184–92, DOI:10.1159/0000102880, PMID 17495512.
  95. ^ (EN) What is Tourette Syndrome?, Tourette Syndrome Foundation of Canada. URL consultato il 15 gennaio 2010.
  96. ^ (EN) Guidotti T.L., André Malraux: a medical interpretation in J. R. Soc. Med., vol. 78, nº 5, 1985, pp. 401–6, PMC 1289723, PMID 3886907.
  97. ^ (EN) Liebmann, Lisa, Lisa Liebmann on the Mona Lisa., Issue 6 / Spring 2006, TATEetc.. URL consultato il 1 marxo 2008.
  98. ^ (EN) E.J. Pappert, C.G. Goetz; E.D. Louis; L. Blasucci; S. Leurgans, Objective assessments of longitudinal outcome in Gilles de la Tourette's syndrome. in Neurology, vol. 61, nº 7, ottobre 2003, pp. 936-40, PMID 14557563.
  99. ^ (EN) L. Burd et al., Long-term follow-up of an epidemiologically defined cohort of patients with Tourette syndrome. in J. Child. Neurol., vol. 16, nº 6, giugno 2001, pp. 431-7, PMID 11417610.
  100. ^ (EN) E.J. Pappert et al., Objective assessments of longitudinal outcome in Gilles de la Tourette's syndrome. in Neurology, vol. 61, nº 7, ottobre 2003, pp. 936-40, PMID 14557563.
  101. ^ (EN) Soccer Goalie with Tourette Syndrome Gains International Attention as Role Model, Tourette Syndrome Association press release. URL consultato il 31 maggio 2009..
  102. ^ a b c Leckman.
  103. ^ (EN) Cohen DJ, Leckman J.F. e Pauls D., Neuropsychiatric disorders of childhood: Tourette's syndrome as a model in Acta Paediatr. Suppl., vol. 422, luglio 1997, pp. 106–11, PMID 9298805.
  104. ^ Sacks, pp.92–100.
  105. ^ (EN) Schuerholz L.J. et al., Neuropsychological status of children with Tourette's syndrome with and without attention deficit hyperactivity disorder in Neurology, vol. 46, nº 4, aprile 1996, pp. 958–65, PMID 8780072.
  106. ^ (EN) Schuerholz L.J. et al., Neuromotor functioning in children with Tourette syndrome with and without attention deficit hyperactivity disorder in J. Child. Neurol., vol. 12, nº 7, ottobre 1997, pp. 438–42, PMID 9373800.
  107. ^ (EN) Portraits of adults with TS, Tourette Syndrome Association. URL consultato il 16 luglio 2011.
  108. ^ Tourette Syndrome Association, Samuel Johnson http://web.archive.org/web/20050407083830/http://www.tsa-usa.org/what_is/johnson.html Samuel Johnson. URL consultato il 30 dicembre 2011. .
  109. ^ (EN) Pearce J.M., Doctor Samuel Johnson: 'the great convulsionary' a victim of Gilles de la Tourette's syndrome in J. R. Soc. Med., vol. 87, nº 7, luglio 1994, pp. 396–9, PMC 1294650, PMID 8046726.
  110. ^ (EN) Simkin B., Mozart's scatological disorder in BMJ, vol. 305, nº 6868, 1992, pp. 1563–7, PMC 1884718, PMID 1286388.
  111. ^ (EN) Tourette Syndrome Association, Did Mozart really have TS? http://web.archive.org/web/20050407060420/http://www.tsa-usa.org/what_is/Mozart.html Did Mozart really have TS?. URL consultato il 30 dicembre 2011. .
  112. ^ Voss H., The representation of movement disorders in fictional literature in J. Neurol. Neurosurg. Psychiatr., vol. 83, nº 10, ottobre 2012, pp. 994–9, DOI:10.1136/jnnp-2012-302716, PMID 22752692.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Oliver Sacks, The Man Who Mistook His Wife for a Hat, New York, Harper and Row, 1985, ISBN 0-684-85394-9.
  • (EN) James F. Leckman, Donald J. Cohen, Tourette's Syndrome-Tics, Obsessions, Compulsions: Developmental Psychopathology and Clinical Care, New York, John Wiley & Sons, Inc., 1999, ISBN 0-471-16037-7.
  • (EN) American Psychiatric Association, DSM-IV-TR: Tourette's Disorder in Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, 4th ed., 2000, ISBN 0-89042-025-4.
  • Marco Saporiti, La Sindrome delle Sindromi, Lulu.com, 2011, ISBN 978-88-96782-54-5.
  • (EN) Cohen DJ, Jankovic J e Goetz CG, Advances in neurology, Tourette syndrome, Filadelfia, Lippincott Williams & Wilkins, 2001, ISBN 0-7817-2405-8.
  • (EN) Walkup JT, Mink JW e Hollenback PJ, Advances in Neurology, Vol. 99, Filadelfia, Lippincott Williams & Wilkins, 2006, ISBN 0-7817-9970-8.
  • Mauro Porta e Vittorio A. Sironi, Il cervello irriverente. Storia della malattia dei mille tic, Editori Laterza, 2009, ISBN 978-88-420-8676-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]