Disturbo dell'adattamento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Disturbo dell'adattamento
Specialitàpsichiatria e psicologia clinica
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-10F43.2
MeSHD000275
MedlinePlus000932
eMedicine292759
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Un disturbo dell'adattamento (Adjustment Disorder, AjD) si verifica quando un individuo ha difficoltà significative ad adattarsi o ad affrontare un fattore di stress psicosociale significativo. La risposta disadattiva di solito comporta reazioni emotive e comportamentali altrimenti normali che si manifestano più intensamente del solito (tenendo conto dei fattori contestuali e culturali), causando un forte disagio, preoccupazione per il fattore di stress e le sue conseguenze, e compromissione funzionale.[1][2][3][4]

La diagnosi di AjD è abbastanza comune; c'è un'incidenza stimata del 5–21% nei servizi di consulenza psichiatrica per adulti. Le donne adulte ricevono questa diagnosi due volte più spesso degli uomini adulti. Tra i bambini e gli adolescenti, ragazze e ragazzi hanno la stessa probabilità di ricevere questa diagnosi.[5] Il AjD è stato introdotto nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali nel 1980. In precedenza, era chiamato "disturbo situazionale transitorio".[6]

Sintomatologia[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni segni emotivi di disturbo dell'adattamento sono: tristezza, disperazione, mancanza di divertimento, pianto, nervosismo, ansia, sentirsi sopraffatti e pensieri suicidi, prestazioni scadenti a scuola/al lavoro ecc.

Le caratteristiche comuni dell'AjD includono sintomi depressivi lievi, sintomi di ansia e sintomi di stress traumatico o una combinazione dei tre. Secondo il DSM-5, ci sono sei tipi di AjD, che sono caratterizzati dai seguenti sintomi predominanti: umore depresso, ansia, depressione mista ad ansia, disturbo della condotta, disturbo misto di emozioni e condotta, e "non specificato". Tuttavia, i criteri per questi quadri clinici non sono specificati in maggiore dettaglio.[7] Il AjD può essere acuto o cronico, a seconda che duri più o meno di sei mesi. Secondo il DSM-5, se il AjD dura meno di sei mesi, può essere considerato acuto. Se dura più di sei mesi, può essere considerato cronico. Inoltre, i sintomi non possono durare più di sei mesi dopo che i fattori di stress o le sue conseguenze sono terminati.[5] Tuttavia, il disturbo correlato allo stress non esiste solo come esacerbazione di un disturbo mentale preesistente.[8]

A differenza della depressione maggiore, il disturbo è causato da un fattore di stress esterno e generalmente si risolve una volta che l'individuo è in grado di adattarsi alla situazione. La condizione è diversa dal disturbo d'ansia, che manca della presenza di un fattore di stress, o dal disturbo da stress post-traumatico e dal disturbo acuto da stress, che di solito sono associati a un fattore di stress più intenso.

Il comportamento suicidario è prominente tra le persone con AjD di tutte le età e fino a un quinto degli adolescenti vittime di suicidio può avere un disturbo dell'adattamento. Bronish e Hecht (1989) hanno scoperto che il 70% di una serie di pazienti con AjD ha tentato il suicidio immediatamente prima della loro accettazione e si sono rimessi più velocemente di un gruppo di confronto con depressione maggiore.[9] Asnis et al. (1993) hanno scoperto che i pazienti affetti da AjD riferiscono di ideazione persistente o tentativi di suicidio meno frequentemente di quelli a cui è stata diagnosticata la depressione maggiore.[10] Secondo uno studio su 82 pazienti affetti da AjD in una clinica, Bolu et al. (2012) hanno scoperto che 22 (26,8%) di questi pazienti erano stati ammessi a causa di un tentativo di suicidio, in linea con i risultati precedenti. Inoltre, è stato riscontrato che 15 di questi pazienti (su 22) avevano scelto metodi di suicidio che comportavano alte possibilità di essere salvati.[11] Henriksson et al. (2005) afferma statisticamente che i fattori di stress sono per metà correlati a problemi con i genitori e per un terzo a problemi tra pari.[12]

Un'ipotesi sul AjD è che possa rappresentare una sindrome clinica sotto la soglia.[8]

Fattori di rischio[modifica | modifica wikitesto]

Le persone esposte a traumi ripetuti sono maggiormente a rischio, anche se quel trauma è in un lontano passato. L'età può essere un fattore perché i bambini piccoli hanno meno risorse per il coping; i bambini hanno anche meno probabilità di valutare le conseguenze di un potenziale fattore di stress.

Un fattore di stress è generalmente un evento di natura grave e insolita che un individuo o un gruppo di individui sperimenta. I fattori di stress che causano disturbi dell'adattamento possono essere gravemente traumatici o relativamente minori, come la perdita di un partner, una pagella scadente o il trasferimento in un nuovo quartiere. Si pensa che più il fattore di stress è cronico o ricorrente, più è probabile che produca un disturbo. La natura oggettiva del fattore di stress è di secondaria importanza. Il legame più cruciale dei fattori di stress con il loro potenziale patogeno è la loro percezione da parte del paziente come stressante. La presenza di un fattore di stress causale è essenziale prima di poter fare una diagnosi di disturbo dell'adattamento.[13]

Ci sono alcuni fattori di stress che sono più comuni nei diversi gruppi di età.[14]

In età adulta:

  • conflitto coniugale;
  • conflitto finanziario;
  • problemi di salute per se stessi, partner o figli a carico;
  • tragedie personali come la morte o la perdita personale;
  • perdita del lavoro o condizioni di lavoro instabili, ad esempio acquisizione o licenziamento di un'azienda.

Nell'infanzia e nell'adolescenza:

In uno studio condotto dal 1990 al 1994 su 89 adolescenti psichiatrici ambulatoriali, il 25% aveva tentato il suicidio, di cui il 37,5% aveva abusato di alcol, l'87,5% mostrava un comportamento aggressivo, il 12,5% aveva difficoltà di apprendimento e l'87,5% aveva sintomi di ansia.[12]

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione secondo il DSM-5[modifica | modifica wikitesto]

La base della diagnosi è la presenza di un fattore di stress precipitante e una valutazione clinica della possibilità di risoluzione dei sintomi alla rimozione del fattore di stress a causa delle limitazioni nei criteri per la diagnosi di AjD. Inoltre, la diagnosi di AjD è meno chiara quando i pazienti sono esposti a fattori di stress a lungo termine, perché questo tipo di esposizione è associato ad AjD e disturbo depressivo maggiore (MDD) e disturbo d'ansia generalizzato (GAD).[15]

Alcuni segni e criteri utilizzati per stabilire una diagnosi sono importanti. In primo luogo, i sintomi devono seguire chiaramente un fattore di stress. I sintomi dovrebbero essere più gravi di quanto ci si aspetterebbe. Non dovrebbero apparire altri disturbi sottostanti. I sintomi che sono presenti non fanno parte di un normale lutto per la morte di un membro della famiglia o di un'altra persona cara.

I disturbi dell'adattamento hanno la capacità di essere autolimitanti. Entro cinque anni dalla diagnosi iniziale, circa il 20-50% dei malati riceve la diagnosi di disturbi psichiatrici più gravi.[8]

Classificazione secondo il ICD-11[modifica | modifica wikitesto]

L'undicesima revisione della Classificazione statistica internazionale delle malattie e dei problemi di salute correlati (ICD-11) classifica il disturbo dell'adattamento (6B43) in "Disturbi specificamente associati allo stress".[4]

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono state poche ricerche sistematiche sul modo migliore per gestire gli individui con un disturbo dell'adattamento. Poiché il recupero naturale è la norma, è stato affermato che non è necessario intervenire a meno che i livelli di rischio o di angoscia non siano elevati.[16] Tuttavia, per alcuni individui il trattamento può essere utile. I malati di AjD con sintomi depressivi o ansiosi possono trarre beneficio dai trattamenti solitamente utilizzati per i disturbi depressivi o d'ansia. Uno studio ha scoperto che i malati di AjD hanno ricevuto interventi simili a quelli con altre diagnosi psichiatriche, tra cui terapia psicologica e farmaci.[17]

Oltre all'aiuto professionale, i genitori e gli operatori sanitari possono aiutare i loro figli con le loro difficoltà di adattamento:[18]

  • incoraggiare a parlare delle proprie emozioni;
  • offrire supporto e comprensione;
  • rassicurare il figlio/la figlia che le sue reazioni sono normali;
  • coinvolgere gli insegnanti del figlio/a per verificare i progressi a scuola;
  • lasciare che il figlio/a prenda decisioni semplici a casa, come cosa mangiare per cena o quale programma guardare in TV;
  • fare in modo che il figlio/a si impegni in un hobby o in un'attività che gli piace.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Come molti degli item del DSM, il disturbo dell'adattamento riceve critiche da una minoranza della comunità professionale e da coloro che svolgono professioni semi-correlate al di fuori del campo sanitario. In primo luogo, sono state mosse critiche alla sua classificazione. È stato criticato per la mancanza di specificità dei suoi sintomi, per i parametri comportamentali e per gli stretti legami con fattori ambientali. Su questa condizione è stata fatta relativamente poca ricerca.[16]

Un editoriale del British Journal of Psychiatry descriveva il disturbo dell'adattamento come "così vago e onnicomprensivo... da essere inutile",[19][20] ma è stato mantenuto nel DSM-5 a causa della convinzione che serva a scopo clinico per i medici che cercano un'etichetta temporanea, lieve, non stigmatizzante, in particolare per i pazienti che necessitano di una diagnosi per la copertura assicurativa della terapia.[21]

Nell'esercito americano c'è stata preoccupazione per la sua diagnosi nel personale militare in servizio attivo.[22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Heide Glaesmer, Matthias Romppel e Elmar Brähler, Adjustment disorder as proposed for ICD-11: Dimensionality and symptom differentiation, in Psychiatry Research, vol. 229, n. 3, 2015, pp. 940–948, DOI:10.1016/j.psychres.2015.07.010, PMID 26272020.
  2. ^ (EN) Meaghan L. O’Donnell, James A. Agathos e Olivia Metcalf, Adjustment Disorder: Current Developments and Future Directions, in International Journal of Environmental Research and Public Health, vol. 16, n. 14, 16 Jul 2019, DOI:10.3390/ijerph16142537, ISSN 1660-4601 (WC · ACNP), PMID 31315203.
  3. ^ (EN) Andreas Maercker e Louisa Lorenz, Adjustment disorder diagnosis: Improving clinical utility, in The World Journal of Biological Psychiatry, vol. 19, sup1, 2018, pp. S3–S13, DOI:10.1080/15622975.2018.1449967, ISSN 1562-2975 (WC · ACNP), PMID 30204562.
  4. ^ a b icd.who.int, https://icd.who.int/browse11/l-m/en#/http://id.who.int/icd/entity/264310751. URL consultato il 28 agosto 2019.
  5. ^ a b American Psychiatric Association, Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, 5thª ed., pp. 271–281.
  6. ^ P. Casey e S. Bailey, Adjustment disorders: The state of the art, in World Psychiatry, vol. 10, n. 1, 2011, pp. 11–18.
  7. ^ Casey, P. (2009). Adjustment Disorder: Epidemiology, Diagnosis and Treatment. CNS drugs, 23(11), 927-938.
  8. ^ a b c J. I. Bisson e D. Sakhuja, Adjustment disorders, in Psychiatry, vol. 5, n. 7, July 2006, pp. 240–242, DOI:10.1053/j.mppsy.2006.04.004.
  9. ^ Bronish, T., & Hecht, H. (1989). Validity of adjustment disorder, comparison with major depression. Journal of Affective Disorders, 17, 229–236.
  10. ^ G.M. Asnis, T.A. Friedman e W.C. Sanderson, Suicidal behavior in adult psychiatric outpatients, I: Description and prevalence, in American Journal of Psychiatry, vol. 150, n. 1, January 1993, pp. 108–112, DOI:10.1176/ajp.150.1.108, PMID 8417551.
  11. ^ Bolu, A., Doruk, A., Ak, M., Özdemir, B., & Özgen, F. (2012). Suicidal behavior in adjustment disorder patients. Dusunen Adam, 25(1), 58–62.
  12. ^ a b Mirjami Pelkonen, Mauri Marttunen e Markus Henriksson, Suicidality in adjustment disorder: Clinical characteristics of adolescent outpatients, in European Child & Adolescent Psychiatry, vol. 14, n. 3, May 2005, pp. 174–180, DOI:10.1007/s00787-005-0457-8, PMID 15959663.
  13. ^ Strain, J. J. (2015). Adjustment disorders. Encyclopedia of Psychopharmacology, 36-39.
  14. ^ Alicia D. Powell, Grief, Bereavement, and Adjustment Disorders, in Stern (a cura di), Massachusetts General Hospital Comprehensive Clinical Psychiatry, 2ndª ed., Elsevier, 2015, pp. 428–32, ISBN 978-0-323-32899-9.
  15. ^ Patricia Casey e Anne Doherty, Adjustment disorder: Diagnostic and treatment issues, in Psychiatric Times, vol. 29, 2012, pp. 43–6.
  16. ^ a b Patricia Casey, Adult adjustment disorder: a review of its current diagnostic status, in Journal of Psychiatric Practice, vol. 7, n. 1, January 2001, pp. 32–40, DOI:10.1097/00131746-200101000-00004, PMID 15990499.
  17. ^ J.J. Strain, G.C. Smith e J.S. Hammer, Adjustment disorder: a multisite study of its utilization and interventions in the consultation-liaison psychiatry setting, in General Hospital Psychiatry, vol. 20, n. 3, May 1998, pp. 139–49, DOI:10.1016/S0163-8343(98)00020-6, PMID 9650031.
  18. ^ mayoclinic.org, http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/adjustment-disorders/basics/lifestyle-home-remedies/con-20031704.
  19. ^ Patricia Casey, Christopher Dowrick e Greg Wilkinson, Adjustment disorders: fault line in the psychiatric glossary, in British Journal of Psychiatry, vol. 179, n. 6, December 2001, pp. 479–81, DOI:10.1192/bjp.179.6.479, PMID 11731347.
  20. ^ Kayoumars Fard, Richard W. Hudgens e Amos Welner, Undiagnosed psychiatric illness in adolescents: A prospective study and seven-year follow-up, in Archives of General Psychiatry, vol. 35, n. 3, March 1978, pp. 279–82, DOI:10.1001/archpsyc.1978.01770270029002, PMID 727886.
  21. ^ Baumeister, H., & Kufner, K. (2009). It is time to adjust the adjustment disorder category. Current Opinion in Psychiatry, 22(4), 409-412.
  22. ^ Discharges for adjustment disorder soar, 29 March 2013. URL consultato il 31 July 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione
e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM: 309 e 309.9; ICD-10: F43.2; MeSH: D000275; DiseasesDB: 33765;

MedlinePlus: 000932; eMedicine: 292759;