Malattia cronica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Malattia.

Una malattia cronica è una malattia che presenta sintomi che non si risolvono nel tempo né generalmente giungono a miglioramento. Secondo la definizione del National Commission on Chronic Illness, sono croniche tutte quelle patologie "caratterizzate da un lento e progressivo declino delle normali funzioni fisiologiche".[1]

In un malatto cronico si possono alternare periodi di remissione, nei quali i sintomi diminiuscono o sono maggiormente sopportati, e periodi di riacutizzazione o peggioramento. Pur con marcate differenze fra ciascuna patologia, in genere è possibile trattare i sintomi ma non guarire.

Le patologie croniche vanno dalle cardiopatie, ai tumori, alle patologie gastriche o intestinali, neurologiche, muscolo-scheletriche, e così via. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, le malattie croniche costituiscono la principale causa di morte in quasi tutto il mondo, in Europa sono causa di circa l'86% dei decessi.[2][3]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Costantino Cipolla, Manuale di sociologia della salute, Franco Angeli, 2005. P. 76
  2. ^ [1]
  3. ^ [2]
Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina