Disturbo specifico dello sviluppo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Disturbo specifico dello sviluppo
Specialitàpsichiatria e psicologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM307 e 315
ICD-10F80, F83 e F81

Per disturbi specifici dello sviluppo (specific developmental disorders, SDD) s'intende una classificazione dei disturbi caratterizzati da uno sviluppo ritardato in una o più aree specifiche.[1][2][3][4] I disturbi dello sviluppo specifici erano posti in contrapposizione ai disturbi dello sviluppo pervasivi, invece caratterizzati da ritardi nello sviluppo di molteplici funzioni di base tra cui la socializzazione e la comunicazione.[5]

Tassonomia ICD-10[modifica | modifica wikitesto]

La decima revisione della Classificazione internazionale delle malattie (ICD-10) presenta quattro categorie di disturbi dello sviluppo: disturbi specifici dello sviluppo della parola e del linguaggio, disturbi specifici dello sviluppo delle abilità scolastiche, disturbo dello sviluppo specifico della funzione motoria e disturbo dello sviluppo specifico.[2][6]

Tassonomia DSM-III[modifica | modifica wikitesto]

Nella terza edizione del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-III),[7] i SDD erano posti in contrapposizione ai disturbi pervasivi dello sviluppo (PDD). C'erano due fattori che venivano considerati:

  • La specificità della menomazione: nel SDD è interessato un singolo dominio, mentre nel PDD sono interessate più aree di funzionamento.[8]
  • La natura della compromissione: lo sviluppo nel SDD è ritardato ma non anormale, mentre nel PDD ci sono deviazioni comportamentali che non sono tipiche di nessuna fase di sviluppo.

Nel DSM-IV, i disturbi specifici dello sviluppo non erano più raggruppati insieme[9] ma sono stati riclassificati come disturbi della comunicazione, disturbi dell'apprendimento e disturbi delle capacità motorie.[3]

Tabella comparativa[modifica | modifica wikitesto]

ICD-10[10] DSM-IV-TR[11] ICD-11[12]
Disturbi evolutivi specifici della parola e del linguaggio (F80):
  • Disturbo specifico dell'articolazione del linguaggio (F80.0)
  • Disturbo del linguaggio espressivo (F80.1)
  • Disturbo del linguaggio ricettivo (F80.2)
  • Afasia acquisita con epilessia/sindrome di Landau-Kleffner (F80.3)
  • Altri disturbi dello sviluppo della parola e del linguaggio (F80.8)
  • Disturbo dello sviluppo della parola e del linguaggio, non specificato (F80.9)
Disturbi della comunicazione :
  • Disturbo del linguaggio espressivo (315.31)
  • Disturbo misto del linguaggio ricettivo-espressivo (315.32)
  • Disturbo fonologico (315.39)
  • Balbuzie (307.0)
  • Disturbo della comunicazione non altrimenti specificato (307.9)
Discorso dello sviluppo e disturbi del linguaggio (6A01):
  • Disturbo del suono del linguaggio dello sviluppo (6A01.0)
  • Disturbo evolutivo della fluidità del linguaggio (6A01.1)
  • Disturbo dello sviluppo del linguaggio (6A01.2)
    • Disturbo dello sviluppo del linguaggio con compromissione del linguaggio ricettivo ed espressivo (6A01.20)
    • Disturbo dello sviluppo del linguaggio con compromissione del linguaggio principalmente espressivo (6A01.21)
    • Disturbo dello sviluppo del linguaggio con compromissione del linguaggio principalmente pragmatico (6A01.22)
    • Disturbo del linguaggio dello sviluppo, con altro disturbo del linguaggio specificato (6A01.23)
  • Altri disturbi specifici dello sviluppo del linguaggio o del linguaggio (6A01. Y)
  • Disturbi dello sviluppo del linguaggio o del linguaggio, non specificati (6A01. Z)
Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche (F81): Disturbi dell'apprendimento : Disturbo dell'apprendimento dello sviluppo (6A03):
Disturbi delle capacità motorie: Disturbo della coordinazione motoria dello sviluppo (6A04)
  • Disturbo evolutivo specifico misto (F83)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Fifth Edition, Arlington, VA, American Psychiatric Association, 2013.
  2. ^ a b The Icd-10 Classification of Mental and Behavioural Disorders: Clinical Descriptions and Diagnostic Guidelines., Geneva, World Health Organization, 1992.
  3. ^ a b Ahuja Vyas: Textbook of Postgraduate Psychiatry (2 Vols.), 2nd ed. 1999
  4. ^ http://www.medterms.com/script/main/art.asp?articlekey=11249
  5. ^ Copia archiviata, su ninds.nih.gov. URL consultato il 12 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 15 dicembre 2016).
  6. ^ apps.who.int, http://apps.who.int/classifications/icd10/browse/2010/en#/F80.
  7. ^ Dennis Cantwell & Lorian Baker: Developmental Speech and Language Disorders, 1987, page 4
  8. ^ Sir Michael Rutter, Eric A. Taylor: Child and Adolescent Psychiatry, 4th ed. 2005
  9. ^ Robert Jean Campbell, III: Campbell's Psychiatric Dictionary, 2003, page 184
  10. ^ http://apps.who.int/classifications/icd10/browse/2010/en#/F80 Riferimento per tutti i disordini nell'ICD-10 e menzionati nella tabella.
  11. ^ http://behavenet.com/apa-diagnostic-classification-dsm-iv-tr#301 Riferimento per tutti i disordini nel DSM-IV-TR menzionati nella tabella.
  12. ^ https://icd.who.int/browse11/l-m/en#/http%3a%2f%2fid.who.int%2ficd%2fentity%2f334423054 Riferimento per tutti i disordini nell'ICD-11 menzionati nella tabella.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione
e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM: 315.8; ICD-10: F80, F83 e F81;