Dipendenza fisica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Glossario della Dipendenza e Tossicodipendenza[1][2][3][4]
dipendenza
uno stato medico caratterizzato da ricerca compulsiva di stimoli gratificanti, nonostante le conseguenze negative
comportamento di dipendenza
un comportamento che è al tempo stesso gratificante e di rinforzo
farmaco dipendenza
un farmaco che è al tempo stesso gratificante e di rinforzo
la dipendenza
uno stato di adattamento associato a una sindrome di astinenza al momento della cessazione dell'esposizione ripetuta a uno stimolo (ad esempio, l'assunzione di farmaci)
tolleranza inversa o sensibilizzazione al farmaco
l'effetto crescente di un farmaco derivante dalla somministrazione ripetuta ad una data dose
sospensione del farmaco
sintomi che si verificano al momento della cessazione del consumo ripetuto di sostanze
dipendenza fisica
dipendenza che comprende i sintomi persistenti di astinenza fisica-somatico (ad esempio, la fatica e il delirium tremens)
dipendenza psicologica
dipendenza che comprende i sintomi di astinenza emotivo-motivazionali (ad esempio, disforia e anedonia)
rinforzo stimuli
stimoli che aumentano la probabilità di comportamenti ripetuti associati loro
gratificanti stimuli
stimoli che il cervello interpreta come intrinsecamente positivo o come qualcosa a cui avvicinarsi
sensibilizzazione
una risposta aumentata a uno stimolo derivante dalla ripetuta esposizione ad esso
disturbo da uso di sostanze
una condizione in cui l'uso di sostanze porta a una compromissione funzionale significativa o disagio
tolleranza
la diminuzione dell'effetto di un farmaco dovuto alla somministrazione ripetuta ad una data dose

La dipendenza fisica è una condizione causata dall'uso cronico di una sostanza che dà tolleranza, in cui un'improvvisa o graduale riduzione del farmaco provoca sintomi fisici spiacevoli.[5][6] La dipendenza fisica è in grado di svilupparsi da un uso terapeutico a basso dosaggio di alcuni farmaci come benzodiazepine, oppiacei, antiepilettici e antidepressivi, così come l'abuso delle stesse sostanze, ma a scopo ricreativo come appunto l'alcol, gli oppioidi, le benzodiazepine e altro.

Se maggiore è la dose utilizzata, maggiore è la durata dell'utilizzo e l'inizio è precoce, vi sono evidenze scientifiche che la dipendenza fisica peggiora e la sindrome da astinenza può essere più grave: sindromi acute di astinenza possono durare giorni, settimane o mesi. La sindrome da astinenza protratta, nota anche come sindrome post-acuta da sospensione (post-acute-withdrawal syndrome o "PAWS" in inglese), è una prosecuzione con sintomi più lievi dell'astinenza acuta, di solito si riflette in un modello remittente-recidivante, spesso con conseguente ricaduta e prolungata disabilità tanto da escludere la possibilità di occupazione regolare. La sindrome da astinenza protratta può durare per mesi, anni, o a seconda di fattori individuali, a tempo indeterminato.

La sindrome di astinenza protratta è nota per essere il più delle volte causata da benzodiazepine.[7] Per fugare l'associazione popolare con la dipendenza, la dipendenza fisica ai farmaci è talvolta paragonata alla dipendenza da insulina da parte di persone affette da diabete.[8]

Sintomi[modifica | modifica wikitesto]

La dipendenza fisica può manifestarsi con la comparsa di sintomi sia fisici che psicologici causati da adattamenti fisiologici del sistema nervoso centrale e del cervello, dovuti all'esposizione cronica a una sostanza. I sintomi che possono essere sperimentati durante l'interruzione o la riduzione del dosaggio includono l'aumento della frequenza cardiaca e/o della pressione sanguigna, sudorazione e tremori. I sintomi più gravi dell'astinenza come confusione, convulsioni e allucinazioni visive indicano uno stato di grave emergenza e la necessità di cure mediche immediate. Ipnotici sedativi come l'alcool, benzodiazepine e barbiturici sono le sostanze più facilmente reperibili che possono essere fatali a causa della loro propensione a indurre convulsioni da astinenza. La brusca sospensione di altri farmaci, come gli oppioidi può causare sintomi dolorosi sia fisiologicamente che psicologicamente, raramente fatali in pazienti con buona salute generale e sotto trattamento medico, ma più pericolosi per pazienti con sistema cardiovascolare indebolito. La tossicità è causata da aumenti estremi della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa (che può essere trattata con clonidina), oppure da aritmie causate da uno squilibrio elettrolitico dovuto all'incapacità di mangiare, e alla costante diarrea e vomito (che possono essere trattati con loperamide e ondansetron rispettivamente) associate all'interruzione degli oppiacei, in alcuni casi diarrea e vomito possono continuare senza sosta per settimane, anche se le complicanze potenzialmente letali sono estremamente rare, e quasi inesistenti con una corretta gestione medica.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Il trattamento della dipendenza fisica dipende dal farmaco interrotto e spesso comprende la somministrazione di un altro farmaco, in particolare nel caso di sostanze che possono essere pericolose se bruscamente interrotte o quando i precedenti tentativi sono falliti.[9] La dipendenza fisica è generalmente gestita con una riduzione lenta della dose nel corso di un periodo di settimane, mesi o talvolta più lungo a seconda del farmaco, la dose e l'individuo.[7] La dipendenza fisica da alcol è spesso gestita con farmaci come le benzodiazepine ad azione prolungata, utili per gestire i sintomi dell'astinenza da alcol.

Farmaci che causano dipendenza fisica[modifica | modifica wikitesto]

Effetto rebound[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Effetto rebound (medicina).

Una vasta gamma di farmaci pur non causando una vera e propria dipendenza fisica può causare astinenza o contraccolpi causati dalla riduzione del dosaggio o dall'interruzione totale, specialmente se improvvisa o rapida.[28] Questi farmaci includono la caffeina,[29] stimolanti,[30][31][32][33] farmaci steroidei e antiparkinsoniani.[34] Si discute se sia l'intera classe di farmaci antipsicotici a provocare la vera e propria dipendenza fisica, se è causata solo da un sottoinsieme, o da nessuno,[35] ma è certo che tutti, se interrotti troppo rapidamente, causano una sindrome da astinenza acuta.[36]

Alcune classi di farmaci, come gli anticonvulsivanti e gli antidepressivi, descrivono la categoria del farmaco e non il suo meccanismo di azione. I singoli agenti e classi di farmaci della categoria anticonvulsivante agiscono su recettori differenti e non è possibile tracciare un quadro generale sul loro potenziale di dipendenza fisica o sull'incidenza o la gravità dell'effetto rebound del gruppo quindi devono essere esaminati singolarmente. Tuttavia, gli anticonvulsivanti come gruppo sono noti per causare tolleranza.[37] Gli SSRI, usati come antidepressivi, generano una sindrome di sospensione che si manifesta con effetti collaterali fisici. Ad esempio, ci sono state segnalazioni di casi di sindrome da sospensione con venlafaxina (Effexor).[22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nestler EJ, Cellular basis of memory for addiction, in Dialogues Clin. Neurosci., vol. 15, nº 4, December 2013, pp. 431–443, PMC 3898681, PMID 24459410.
    «Despite the importance of numerous psychosocial factors, at its core, drug addiction involves a biological process: the ability of repeated exposure to a drug of abuse to induce changes in a vulnerable brain that drive the compulsive seeking and taking of drugs, and loss of control over drug use, that define a state of addiction. ... A large body of literature has demonstrated that such ΔFosB induction in D1-type [nucleus accumbens] neurons increases an animal's sensitivity to drug as well as natural rewards and promotes drug self-administration, presumably through a process of positive reinforcement ... Another ΔFosB target is cFos: as ΔFosB accumulates with repeated drug exposure it represses c-Fos and contributes to the molecular switch whereby ΔFosB is selectively induced in the chronic drug-treated state.41. ... Moreover, there is increasing evidence that, despite a range of genetic risks for addiction across the population, exposure to sufficiently high doses of a drug for long periods of time can transform someone who has relatively lower genetic loading into an addict.».
  2. ^ Malenka RC, Nestler EJ, Hyman SE, Chapter 15: Reinforcement and Addictive Disorders, in Molecular Neuropharmacology: A Foundation for Clinical Neuroscience, 2nd, New York, McGraw-Hill Medical, 2009, pp. 364–375, ISBN 978-0-07-148127-4.
  3. ^ Glossary of Terms, su Mount Sinai School of Medicine, Department of Neuroscience. URL consultato il 9 febbraio 2015.
  4. ^ Volkow ND, Koob GF, McLellan AT, Neurobiologic Advances from the Brain Disease Model of Addiction, in N. Engl. J. Med., vol. 374, nº 4, January 2016, pp. 363–371, DOI:10.1056/NEJMra1511480, PMID 26816013.
  5. ^ Definition of physical dependence - NCI Dictionary of Cancer Terms, cancer.gov. URL consultato il 18 febbraio 2015.
  6. ^ All about Addiction, Medical News Today. URL consultato il 18 febbraio 2015.
  7. ^ a b Landry MJ, Smith DE, McDuff DR, Baughman OL, Benzodiazepine dependence and withdrawal: identification and medical management, in J Am Board Fam Pract, vol. 5, nº 2, 1992, pp. 167–75, PMID 1575069.
  8. ^ (EN) Withdrawal From Antidepressants: Symptoms, Causes, Treatments, su WebMD. URL consultato il 20 febbraio 2016.
    «These symptoms are not technically the same thing as physical "withdrawal" from a drug.... Unlike drug withdrawal, antidepressant discontinuation effects are not related to addiction but can reflect physiological consequences of stopping a drug, just as when someone with diabetes stops insulin.».
  9. ^ Raka Jain, Pradipta Majumder e Tina Gupta, Pharmacological intervention of nicotine dependence, in BioMed Research International, vol. 2013, 2013, pp. 278392, DOI:10.1155/2013/278392. URL consultato il 20 giugno 2017.
  10. ^ Trang T, Sutak M, Quirion R, Jhamandas K, The role of spinal neuropeptides and prostaglandins in opioid physical dependence, in Br. J. Pharmacol., vol. 136, nº 1, May 2002, pp. 37–48, DOI:10.1038/sj.bjp.0704681, PMC 1762111, PMID 11976266.
  11. ^ Kozell L, Belknap JK, Hofstetter JR, Mayeda A, Buck KJ, Mapping a locus for alcohol physical dependence and associated withdrawal to a 1.1 Mb interval of mouse chromosome 1 syntenic with human chromosome 1q23.2-23.3, in Genes, Brain and Behavior, vol. 7, nº 5, July 2008, pp. 560–7, DOI:10.1111/j.1601-183X.2008.00391.x, PMID 18363856.
  12. ^ Sikdar S, O. Ayonrinde e E. Sampson, Physical dependence on zopiclone. Prescribing this drug to addicts may give rise to iatrogenic drug misuse, in BMJ, vol. 317, nº 7151, July 1998, p. 146, DOI:10.1136/bmj.317.7151.146, PMC 1113504, PMID 9657802.
  13. ^ Galloway GP, Frederick SL, Staggers FE, Gonzales M, Stalcup SA, Smith DE, Gamma-hydroxybutyrate: an emerging drug of abuse that causes physical dependence, in Addiction, vol. 92, nº 1, January 1997, pp. 89–96, DOI:10.1111/j.1360-0443.1997.tb03640.x, PMID 9060200.
  14. ^ Shingo Kawazoe e Takahiro Shinkai, [Nicotine dependence], in Nihon Rinsho. Japanese Journal of Clinical Medicine, vol. 73, nº 9, September 2015, pp. 1516–1521, ISSN 0047-1852, PMID 26394514.
  15. ^ Timothy B. Baker, Megan E. Piper, Tanya R. Schlam, Jessica W. Cook, Stevens S. Smith, Wei-Yin Loh e Daniel Bolt, Are Tobacco Dependence and Withdrawal Related Amongst Heavy Smokers? Relevance to Conceptualizations of Dependence, in Journal of abnormal psychology, vol. 121, nº 4, November 2012, pp. 909–921, DOI:10.1037/a0027889, ISSN 0021-843X, PMC 3560396, PMID 22642839.
  16. ^ a b Tran KT, Hranicky D, Lark T e Jacob Nj, Gabapentin withdrawal syndrome in the presence of a taper, in Bipolar Disord, vol. 7, nº 3, June 2005, pp. 302–4, DOI:10.1111/j.1399-5618.2005.00200.x, PMID 15898970.
  17. ^ Hennessy MJ, Tighe MG, Binnie CD, Nashef L, Sudden withdrawal of carbamazepine increases cardiac sympathetic activity in sleep, in Neurology, vol. 57, nº 9, November 2001, pp. 1650–4, DOI:10.1212/WNL.57.9.1650, PMID 11706106.
  18. ^ Lazarova M, Petkova B, Staneva-Stoycheva D, Effects of the calcium antagonists verapamil and nitrendipine on carbamazepine withdrawal, in Methods Find Exp Clin Pharmacol, vol. 21, nº 10, December 1999, pp. 669–71, DOI:10.1358/mf.1999.21.10.795757, PMID 10702963.
  19. ^ (EN) Jonathan M. Meyer, Pharmacotherapy of Psychosis and Mania, in Goodman and Gilman's The Pharmacological Basis of Therapeutics, Twelfth Edition, 12ª ed., McGraw-Hill Education / Medical, January 2011, p. 435, ISBN 978-0-07-162442-8.
  20. ^ (TR) Kora K, Kaplan P, [Hypomania/mania induced by cessation of antidepressant drugs], in Turk Psikiyatri Derg, vol. 19, nº 3, 2008, pp. 329–33, PMID 18791886.
  21. ^ Tint A, Haddad PM, Anderson IM, The effect of rate of antidepressant tapering on the incidence of discontinuation symptoms: a randomised study, in J. Psychopharmacol. (Oxford), vol. 22, nº 3, May 2008, pp. 330–2, DOI:10.1177/0269881107087488, PMID 18515448.
  22. ^ a b Quaglio G, Schifano F, Lugoboni F, Venlafaxine dependence in a patient with a history of alcohol and amineptine misuse, in Addiction, vol. 103, nº 9, September 2008, pp. 1572–4, DOI:10.1111/j.1360-0443.2008.02266.x, PMID 18636997.
  23. ^ MedlinePlus Medical Encyclopedia: Drug abuse and dependence, nlm.nih.gov. URL consultato il 21 dicembre 2008.
  24. ^ Karachalios GN, Charalabopoulos A, Papalimneou V, etal, Withdrawal syndrome following cessation of antihypertensive drug therapy, in Int. J. Clin. Pract., vol. 59, nº 5, May 2005, pp. 562–70, DOI:10.1111/j.1368-5031.2005.00520.x, PMID 15857353.
  25. ^ Trenton AJ, Currier GW, Behavioural manifestations of anabolic steroid use, in CNS Drugs, vol. 19, nº 7, 2005, pp. 571–95, DOI:10.2165/00023210-200519070-00002, PMID 15984895.
  26. ^ Hartgens F, Kuipers H, Effects of androgenic-anabolic steroids in athletes, in Sports Med, vol. 34, nº 8, 2004, pp. 513–54, DOI:10.2165/00007256-200434080-00003, PMID 15248788.
  27. ^ Doping substance
  28. ^ Exacerbation of psychosis after discontinuation of carbamazepine treatment, in American Journal of Psychiatry, vol. 145, nº 7, 1º luglio 1988, pp. 878–879, DOI:10.1176/ajp.145.7.878. URL consultato il 20 giugno 2017.
  29. ^ (EN) R. R. Griffiths, S. M. Evans e S. J. Heishman, Low-dose caffeine physical dependence in humans., in Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics, vol. 255, nº 3, 1º dicembre 1990, pp. 1123–1132. URL consultato il 20 giugno 2017.
  30. ^ C. R. Lake e R. S. Quirk, CNS stimulants and the look-alike drugs, in The Psychiatric Clinics of North America, vol. 7, nº 4, December 1984, pp. 689–701. URL consultato il 20 giugno 2017.
  31. ^ Christopher S. Sarampote, Lisa A. Efron e Adelaide S. Robb, Can Stimulant Rebound Mimic Pediatric Bipolar Disorder?, in Journal of Child and Adolescent Psychopharmacology, vol. 12, nº 1, 1º marzo 2002, pp. 63–67, DOI:10.1089/10445460252943588. URL consultato il 20 giugno 2017.
  32. ^ F. Danke, [Methylphenidate addiction--Reversal of effect on withdrawal], in Psychiatria Clinica, vol. 8, nº 4, 1975, pp. 201–211. URL consultato il 20 giugno 2017.
  33. ^ David Cohen, Jonathan Leo e Tony Stanton, A boy who stops taking stimulants for "ADHD": commentaries on a Pediatrics case study, in Ethical Human Sciences and Services: An International Journal of Critical Inquiry, vol. 4, nº 3, 2002 Fall-Winter, pp. 189–209. URL consultato il 20 giugno 2017.
  34. ^ R. M. Chichmanian, P. Gustovic e A. Spreux, [Risk related to withdrawal from non-psychotropic drugs], in Therapie, vol. 48, nº 5, September 1993, pp. 415–419. URL consultato il 20 giugno 2017.
  35. ^ Tierney, Lawrence M.; McPhee, Stephen J.; Papadakis, Maxine A. (2008). Current medical diagnosis & treatment, 2008. McGraw-Hill Medical. p. 916. ISBN 0-07-149430-8.
  36. ^ BNF; British Medical Journal (2008). "Antipsychotic drugs". UK: British National Formulary. Retrieved 22 December 2008.
  37. ^ Wolfgang Löscher e Dieter Schmidt, Experimental and clinical evidence for loss of effect (tolerance) during prolonged treatment with antiepileptic drugs, in Epilepsia, vol. 47, nº 8, August 2006, pp. 1253–1284, DOI:10.1111/j.1528-1167.2006.00607.x. URL consultato il 20 giugno 2017.