Disturbo da somatizzazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Disturbo da somatizzazione
Specialitàpsichiatria, psicologia e psicoterapia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM300.8
ICD-10F45.0
MeSHD013001 e D013001
MedlinePlus000955
eMedicine918628
Sinonimi
Sindrome di Briquet

Il Disturbo da somatizzazione è un disturbo mentale che si manifesta con la presenza di sintomi clinicamente significativi, multipli e ricorrenti sebbene non sia più considerata una diagnosi clinica. È un disturbo polisintomatico la cui caratteristica essenziale consiste nella massima estremizzazione degli aspetti presenti nel disturbo somatoforme.[1]

Prende anche il nome di sindrome di Briquet, il quale nel 1859 fu il primo a distaccarla dall'isteria per i non discontinui, ma cronici disturbi sul piano fisico, che coinvolgono più organi e non possono essere collegabili a cause conosciute.[2][3]

Psichiatria[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il DSM-IV-TR (text revision), pubblicato nel 2000 dall'American Psychiatric Association (APA), il Disturbo da somatizzazione va considerato come un tipico esempio di classificazione nosografica residuale, ossia per esclusione: Quando si ha l'esclusione di altre diagnosi tramite gli esami medici, il soggetto e il suo caso clinico possono essere classificati all'interno di quest'etichetta. Non è chiara ad oggi l'eziologia e di conseguenza manca una cura effettiva, ricorrendo quindi a un trattamento solo sintomatico e palliativo. Tra questi trattamenti si hanno la somministrazione di antidolorifici, che possono essere più blandi come vari FANS da banco oppure più forti come il ketorolac o certi oppiodi-mimetici, per es. il tramadolo, normalmente usati nei decorsi post-operatori e in oncologia.[4]

Caratteristiche diagnostiche[modifica | modifica wikitesto]

Tale sindrome si presenta spesso come caso misto, in quanto consente il verificarsi di tutte le combinazioni possibili fra sintomi dolorosi soggettivi e segni oggettivi confermabili attraverso una qualche analisi clinica (reperti di laboratorio ed esame fisico). Perciò il sussistere di un qualche tipo di riscontro oggettivo può costituire anche solo una semplice coincidenza: il paziente può accusare lamentele indipendentemente dalla loro accertabilità obiettiva e dalla remissione e guarigione degli eventuali segni anatomopatologici.[5]

Diagnosi differenziale[modifica | modifica wikitesto]

La sintomatologia è di natura vaga, spesso mal definibile però comunque molto grave: disfagia, perdita della voce, dolore addominale o in qualsiasi altra parte del corpo, nausea, vomito, convulsioni, nevralgie, sonnolenza, paralisi, mancamenti, squilibri della pressione arteriosa, dispareunia, vari difetti dell'organo visivo, arrivando alla cecità.

Questo quadro può essere confuso con patologie mediche dove sono presenti segni somatici altrettanto poco chiari quanto molteplici e seri, dall'emocromatosi al lupus eritematoso sistemico, dalla sclerosi multipla all'iperparatiroidismo.

La diagnosi differenziale dev'essere compiuta anche rispetto a tutta una serie di psicopatologie apparentemente familiari ed elencate nel DSM e nell'ICD-10 dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), dalla schizofrenia all'ipocondria.[6][7]

Decorso[modifica | modifica wikitesto]

Il Disturbo da somatizzazione è una patologia cronica e fluttuante,[8] che si risolve in una guarigione completa solo di rado. Con una ciclicità periodica il paziente accusa nuove crisi sintomatiche acute che lo spingono a richiedere ulteriore attenzione medica. Viene consigliato il solo rapporto di sostegno con un medico di fiducia.[4]

Una rilevante quota di malati, rifiutando l'idea che i suoi disturbi possano avere un'origine psicologica, evita un aiuto in tale direzione e si rivolge a molti dottori e specialisti cercando nuovi esami clinici e un trattamento che lo soddisfi sul piano fisico.[9]

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

La sua incidenza la rende non molto comune e varia a seconda degli studi effettuati dallo 0,2% al 2,0%.[10][11][12] Molto rara la sua comparsa negli uomini, colpisce prevalentemente le donne.

Legislazione[modifica | modifica wikitesto]

Per la quantità e qualità dei sintomi, questa patologia può minare la qualità della vita del paziente, in alcuni casi fino ad un'invalidità completa. Tuttavia la commissione del Ministero della Salute, a causa della mancanza di mezzi diagnostici univoci e quindi del potenziale rischio di abusi da parte di falsi invalidi, non la ha inclusa nella lista pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale.[13] Così tale malattia non dispone ad oggi di alcun riconoscimento legale. L'assenza di un sussidio pubblico lede non solo la dignità e l'autonomia del paziente, ma il mancato riconoscimento giuridico diventa per ciò stesso anche mancato riconoscimento sociale.[14]

Psicosomatica[modifica | modifica wikitesto]

Tra le varie teorie proposte per spiegare questa patologia, è emersa la PsicoNeuroEndocrinoImmunologia (PNEI), una disciplina scientifica che studia i rapporti tra mente, cervello e corpo. È scientificamente riconosciuto come le interazioni mentali possano alterare la struttura fisica del cervello e come il cervello possa, attraverso l'ipofisi, l'ipotalamo e il sistema nervoso autonomo, interagire con il sistema endocrino e indirettamente con il sistema immunitario. Le problematiche ansiogene oangoscianti possono portare a stress cronico, con ricadute anche gravi sull'organismo. Sebbene questa idea possa essere utile a comprendere a grandi linee l'eziologia del disturbo da somatizzazione, non fornisce spiegazioni nette sull'eziologia della patologia che rimane quindi ignota. Difatti, se la causa principale fosse imputabile soltanto allo stress e a come esso incide sul sistema nervoso ed endocrino, il disturbo da somatizzazione dovrebbe avere un'incidenza molto più alta e una maggior parità tra i sessi.

A sostegno di questa tesi vengono considerati il biofeedback, l'effetto placebo e gli effetti dell'ipnosi che sono fenomeni scientificamente riconosciuti e tenuti in considerazione durante le ricerche scientifiche (in ogni campo della ricerca in medicina gli esperimenti vengono svolti con almeno un gruppo di individui a cui viene somministrato un placebo invece del trattamento in studio. Questo proprio per evitare di attribuire al trattamento in studio proprietà che non possiede).

Jung e Hillman hanno cercato d'interpretare il Disturbo da somatizzazione nella prospettiva orientale del kundalinismo chakrico.[15][16][17]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) DSM-IV: Somatization Disorder Archiviato il 18 agosto 2009 in Internet Archive..
  2. ^ Pierre Briquet, Traité clinique de thérapeutique de l'hysterie, Paris, J.B. Baillière, 1859.
  3. ^ Stefano Canali, Luca Pani, Emozioni e malattia. Dall'evoluzione biologica al tramonto del pensiero psicosomatico, Milano, Bruno Mondadori, 2003, p. 59. ISBN 88-424-9391-0; ISBN 9788842491507.
  4. ^ a b Cf. Manuale Merck: Disturbo di somatizzazione. Prognosi e terapia.
  5. ^ (EN) ICD-10: «If any physical disorders are present, they do not explain the nature and extent of the symptoms or the distress and preoccupation of the patient.»
  6. ^ (EN) ICD-10: «Excludes:
    • dissociative disorders (F44.-)
    • hair-plucking (F98.4)
    • lalling (F80.0)
    • lisping (F80.8)
    • nail-biting (F98.8)
    • psychological or behavioural factors associated with disorders or diseases classified elsewhere (F54)
    • sexual dysfunction, not caused by organic disorder or disease (F52.-)
    • thumb-sucking (F98.8)
    • tic disorders (in childhood and adolescence) (F95.-)
    • Tourette's syndrome (F95.2)
    • trichotillomania (F63.3)
    • hypochondriacal disorder (F45.2)» (cf. F45).
  7. ^ Noyes R, Stuart S, Watson DB, Langbehn DR, Distinguishing between hypochondriasis and somatization disorder: a review of the existing literature, in Psychother Psychosom, vol. 75, nº 5, 2006, pp. 270–81, DOI:10.1159/000093948, PMID 16899963.
  8. ^ (EN) ICD-10: «The course of the disorder is chronic and fluctuating».
  9. ^ Giancarlo Trombini, Franco Baldoni, Disturbi psicosomatici. Come ristabilire l'equilibrio fra mente e corpo, Bologna, il Mulino, 2001, p. 115. ISBN 88-15-08139-9; ISBN 9788815081391
  10. ^ deGruy F, Columbia L, Dickinson P. (1987) "Somatization disorder in a family practice," J Fam Pract., 25(1):45–51.
  11. ^ Lichstein, P. R. (1986). "Caring for the patient with multiple somatic complaints," Southern Medical Journal, 79(3), 310-314.
  12. ^ Gordon, G.H. (1987). "Treating somatizing patients," Western Journal of Medicine, 147, 88-91.
  13. ^ Si consultino http://www.handylex.org/stato/d050292.shtml e http://www.handylex.org/stato/d050292b.shtml
  14. ^ (EN) ICD-10: «The disorder {...} is often associated with disruption of social, interpersonal, and family behaviour.»
  15. ^ Carl Gustav Jung, La psicologia del Kundalini-yoga. Seminario tenuto nel 1932, a cura di Sonu Shamdasani, 1ª ed. or. 1996; ed. it. a cura di Luciano Perez, Torino, Bollati Boringhieri, 2004, pp. 46, 94, 102, 109, 129-30. ISBN 8833915476; ISBN 8833957403; ISBN 9788833957401.
  16. ^ Gopi Krishna, Kundalini. L'energia evolutiva dell'uomo, Commento psicologico di James Hillman, ed. or. 1967, Commento del 1970; tr. it. Roma, Ubaldini, 1971. ISBN 8834002342; ISBN 9788834002346.
  17. ^ Lo stesso Hillman cita uno stralcio del summenzionato testo di Jung nel suo Saggi sul Puer, Milano, Raffaello Cortina, 1988, pp. 109, 112. ISBN 8870781089; ISBN 9788870781083.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]