Disturbo dello sviluppo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Disturbo dello sviluppo
Specialitàpsichiatria e psicologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM299 e 315
ICD-10F80, F88 e F89

I disturbi dello sviluppo comprendono un gruppo di condizioni psichiatriche originate nell'infanzia che comportano gravi danni in diverse aree. Esistono diversi modi per utilizzare questo termine.[1] Il concetto più ristretto è utilizzato nella categoria "Disturbi specifici dello sviluppo psicologico" nell'ICD-10. Questi disturbi comprendono disturbi dello sviluppo del linguaggio, disturbi dell'apprendimento, disturbi motori e disturbi dello spettro autistico.[2] Nelle definizioni più ampie è incluso l'ADHD e il termine utilizzato è disturbi del neurosviluppo. Altri ancora includono il comportamento antisociale e la schizofrenia insorgente nell'infanzia e che continua per tutta la vita. Tuttavia, queste due ultime condizioni non sono stabili come gli altri disturbi dello sviluppo e non ci sono le stesse prove di una responsabilità genetica condivisa.

I disturbi dello sviluppo sono presenti sin dai primi anni di vita. La maggior parte migliora man mano che il bambino cresce, ma alcuni comportano menomazioni che continuano per tutta la vita. C'è una forte componente genetica; sono colpiti più maschi che femmine.[1]

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

I disturbi dell'apprendimento vengono diagnosticati quando i bambini sono piccoli e hanno appena iniziato la scuola. La maggior parte delle difficoltà di apprendimento si riscontrano al di sotto dei 9 anni.[3]

Sintomatologia[modifica | modifica wikitesto]

I bambini piccoli con disturbi della comunicazione potrebbero non parlare affatto o avere un vocabolario limitato per la loro età.[4] Alcuni bambini con disturbi della comunicazione hanno difficoltà a comprendere semplici indicazioni o non sono in grado di nominare gli oggetti. La maggior parte dei bambini con disturbi della comunicazione è in grado di parlare quando entrano a scuola, tuttavia continuano ad avere problemi di comunicazione. I bambini in età scolare hanno spesso problemi a comprendere e formulare parole. Gli adolescenti possono avere più difficoltà a comprendere o esprimere idee astratte.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Lo studio scientifico delle cause dei disturbi dello sviluppo coinvolge molte teorie differenti. Alcune delle principali differenze tra queste teorie riguardano se l'ambiente interrompe o meno il normale sviluppo o se le anomalie sono predeterminate.[5] Lo sviluppo normale si verifica con una combinazione di contributi dall'ambiente e dalla genetica. Le teorie variano nella parte che ogni fattore deve svolgere nel normale sviluppo, influenzando così il modo in cui sono causate le anomalie.

Una teoria che supporta le cause ambientali dei disturbi dello sviluppo riguarda lo stress nella prima infanzia. Il ricercatore e neuropsichiatra infantile Bruce D. Perry teorizza che i disturbi dello sviluppo possono essere causati da traumi della prima infanzia.[6] Nelle sue opere confronta i disturbi dello sviluppo nei bambini traumatizzati con gli adulti con disturbo da stress post-traumatico, collegando lo stress ambientale estremo alla causa delle difficoltà dello sviluppo. Altre teorie sullo stress suggeriscono che anche piccoli stress possono accumularsi per provocare disturbi emotivi, comportamentali o sociali nei bambini.[7]

Uno studio del 2017[8][9] ha testato tutti i 20000 geni in circa 4300 famiglie con bambini con rare difficoltà di sviluppo nel Regno Unito e in Irlanda al fine di identificare se queste difficoltà avessero una causa genetica. Sono stati trovati 14 nuovi disturbi dello sviluppo causati da mutazioni genetiche spontanee non trovate in nessuno dei genitori (come un difetto nel gene CDK13). È stato stimato che circa un bambino su 300 nasce con mutazioni genetiche spontanee associate a rari disturbi dello sviluppo.[10]

Disturbi dello sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Michael Rutter (a cura di), Rutter's Child and Adolescent Psychiatry, Dorothy Bishop and Michael Rutter, 5thª ed., Blackwell Publishing, 2008, pp. 32–33, ISBN 978-1-4051-4549-7.
  2. ^ priory.com, http://priory.com/psych/ICD.htm.
  3. ^ National, Disabilities Learning, Learning disabilities: Issues on definition, in Asha, vol. 24, n. 11, 1982, pp. 945–947.
  4. ^ Communication Disorders. (n.d.). Children's Hospital of Wisconsin in Milwaukee, WI, Retrieved December 6, 2011, from http://www.chw.org/display/PPF/DocID/
  5. ^ Karmiloff Annette, Development itself is key to understanding developmental disorders, in Trends in Cognitive Sciences, vol. 2, n. 10, October 1998, pp. 389–398, DOI:10.1016/S1364-6613(98)01230-3, PMID 21227254.
  6. ^ Perry, Bruce D. and Szalavitz, Maia. "The Boy Who Was Raised As A Dog", Basic Books, 2006, p.2. ISBN 978-0-465-05653-8
  7. ^ Payne, Kim John. “Simplicity Parenting: Using the Extraordinary Power of Less to Raise Calmer, Happier, and More Secure Kids”, Ballantine Books, 2010, p. 9. ISBN 9780345507983
  8. ^ www.ddduk.org, https://www.ddduk.org/. URL consultato il 27 gennaio 2017.
  9. ^ Jeremy F. McRae, Stephen Clayton e Tomas W. Fitzgerald, Prevalence and architecture of de novo mutations in developmental disorders (PDF), in Nature, vol. 542, n. 7642, 2017, pp. 433–438, Bibcode:2017Natur.542..433M, DOI:10.1038/nature21062, PMID 28135719.
  10. ^ Fergus Walsh, Child gene study identifies new developmental disorders, in BBC News, 25 gennaio 2017. URL consultato il 27 gennaio 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàNDL (ENJA00982124