Anedonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Anedonia
Specialitàpsichiatria
EziologiaPsichiatrica
Classificazione e risorse esterne (EN)
MeSHD059445

In psicologia e psichiatria, il termine anedonia (parola greca composta dal prefisso negativo an e hēdonē, "piacere") descrive l'incapacità di un paziente a provare piacere, anche in circostanze e attività normalmente piacevoli come dormire, nutrirsi, le esperienze sessuali e il contatto sociale.

L'anedonia è considerata uno dei sintomi più indicativi dei vari disturbi e malattie mentali. In primo luogo i disturbi dell'umore e la depressione. Tale sintomo è uno di quelli maggiormente citati dai manuali per la diagnostica con criteri statistici ("DSM" e "ICD") anche se in modo diverso. L'anedonia è considerata un sintomo di carattere accessorio, ma comunque significativo, nella diagnosi della schizofrenia e di alcuni disturbi di personalità.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stuart C. Yudofsky, Robert E. Hales e Laura Weiss Roberts, Manuale di psichiatria: American Psychiatric Publishing, Edra Masson, 2015, p. 1296, ISBN 9788821438837.