Corea di Sydenham

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Ballo di San Vito" rimanda qui. Se stai cercando album di Vinicio Capossela, vedi Il ballo di San Vito.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Corea di Sydenham
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-10 I02
MedlinePlus 001358
Sinonimi
Ballo di San Vito
Corea reumatica
Chorea minor
Eponimi
Thomas Sydenham

La còrea di Sydenham (chorea minor), detta anche corea infettiva o corea reumatica o ballo di San Vito, è un tipo di encefalite che compare in soggetti con patologie reumatiche, passate o presenti, di solito nell'infanzia. È uno dei possibili postumi di un'infezione dal batterio Streptococcus pyogenes.[1]

È un disturbo caratterizzato da rapidi movimenti a scatto scoordinati (corea) che si verificano soprattutto nel viso, nelle mani e neii piedi.[2] La malattia è di solito latente e si mostra fino a 6 mesi dopo l'infezione acuta, ma può occasionalmente essere il sintomo di presentazione della febbre reumatica. La corea di Sydenham si verifica più frequentemente nelle femmine rispetto ai maschi e la maggior parte dei pazienti sono bambini al di sotto dei 18 anni di età. L'insorgenza nell'età adulta è relativamente rara e la maggior parte dei casi sono associati con una esacerbazione della condizione dopo averla già sperimentata durante l'infanzia.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome della malattia ha origine nel suo scopritore Thomas Sydenham (1624-1689).[3][4] La definizione ballo di San Vito fa riferimento all'omonimo santo, martire cristiano morto nel 303 d.C., patrono dei danzatori.[5]

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

Si diffonde soprattutto in età pediatrica (10% nei casi di febbre reumatica)[6].

Prognosi[modifica | modifica wikitesto]

Il 50% dei pazienti con corea di Sydenham acuta recuperara spontaneamente dopo 2-6 mesi, mentre la corea lieve o moderata o altri sintomi motori possono persistere, in alcuni casi, fino a oltre due anni. La corea di Sydenham è anche associata con sintomi psichiatrici e il disturbo ossessivo compulsivo è la manifestazione più frequente.

Sono possibili le ricadute e le recidive, specie in gravidanza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sydenham's chorea: Symptoms/Findings from WeMOVE.Org Accessed April 26, 2008
  2. ^ NINDS Sydenham Chorea Information Page Saint Vitus Dance, Rheumatic Encephalitis from the National Institute of Neurological Disorders and Stroke. Accessed April 26, 2008
  3. ^ Walker K, Lawrenson J, Wilmshurst JM, Sydenham's Chorea-clinical and therapeutic update 320 years down the line in SAMJ, vol. 96, nº 9, 2006, pp. 906–912.
  4. ^ Sydenham's chorea, Whonamedit. URL consultato il 16 settembre 2011.
  5. ^ St. Vitus Information Page - Star Quest Production Network, Saints.sqpn.com. URL consultato il 16 settembre 2011.
  6. ^ Research Laboratories Merck, The Merck Manual quinta edizione, Pag 2498, Milano, Springer-Verlag, 2008, ISBN 978-88-470-0707-9.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina