Fascicolazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Fascicolazione
Specialitàneurologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM781.0
ICD-10R25.3
MeSHD005207
MedlinePlus003296

La fascicolazione è la contrazione spontanea, rapida e a intervalli regolari di una o più unità motorie, senza esito motorio. Le fascicolazioni sono visibili e avvertite dal soggetto come guizzi improvvisi di una parte di un qualunque muscolo. A volte sono associate a crampi.

Eziopatogenesi[modifica | modifica wikitesto]

Fascicolazione palpebrale in un uomo adulto di 19 anni.

Come le fibrillazioni, sono prodotte da una scarica anormale di impulsi nervosi da parte dei motoneuroni, e sono disordini da squilibrio elettrolitico e dei neurotrasmettitori, come l'acetilcolina.[1]

Sindrome delle fascicolazioni benigne[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Sindrome delle fascicolazioni benigne.

Quando sono il principale segno presente sono benigne e di origine parzialmente ignota, frequenti soprattutto in individui affaticati, sottoposti a sforzo, a stress o ansiosi, si parla di sindrome delle fascicolazioni benigne (SFB), una sindrome da ipereccitabilità dei nervi periferici.

Malattia di Lyme[modifica | modifica wikitesto]

La malattia di Lyme può provocare fascicolazioni, assieme a molti altri sintomi.

Carenza di magnesio[modifica | modifica wikitesto]

Uso di farmaci o droghe[modifica | modifica wikitesto]

Possono essere effetto indesiderato temporaneo di stimolanti o farmaci, tra cui il salbutamolo (medicinale per il trattamento dell'asma), che può provocare, come effetto raro, ipokaliemia[2]

Fibromialgia e CFS[modifica | modifica wikitesto]

Possono essere sintomi di fibromialgia e sindrome della fatica cronica (CFS).[3]

Stenosi spinale e radicolopatia da pressione[modifica | modifica wikitesto]

L'ernia del disco multipla, le lesioni spinali e l'artrosi cervicale possono causare fascicolazioni, con crampi e fatica[4], a causa di radicolopatia e/o mielopatia con stenosi spinale, o da sindrome da compressione nervosa.[5]

Indice di gravi malattie[modifica | modifica wikitesto]

I pazienti di malattie degenerative neurologiche che ledono i motoneuroni delle corna anteriori del midollo spinale, come le amiotrofie spinali progressive e le malattie del motoneurone, la più importante delle quali è la sclerosi laterale amiotrofica (SLA), avvertono questo tipo di contrazione muscolare quando la malattia è in fase avanzata con difficoltà motorie evidenti. Si verificano anche in varie malattie neurologiche e muscolari, come nella distrofia muscolare[6], nella rabbia, nella poliomielite.

Miastenia e neuropatie[modifica | modifica wikitesto]

Nella miastenia gravis e nelle neuropatie possono verificarsi fascicolazioni[7]

Astinenza da sostanze psicoattive[modifica | modifica wikitesto]

Può essere un sintomo neuromuscolare della crisi d'astinenza da alcol o droga.

Avvelenamento[modifica | modifica wikitesto]

Può essere un sintomo di avvelenamento o assunzione di sostanze tossiche.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Anibaldi, Terapia degli squilibri elettrolitici
  2. ^ 3.1.1.1 Selective beta2 agonists -- side effects". British National Formulary (57 ed.). London: BMJ Publishing Group Ltd and Royal Pharmaceutical Society Publishing. March 2008. ISBN 0-85369-778-7.
  3. ^ Fibromialgia
  4. ^ Neuropatie periferiche
  5. ^ Romagnoli C., Trabucchi L., Fascicolazioni muscolari e compressioni radicolari, Chir. Org. Mov., 53: 95-104, 1964
  6. ^ Distrofia - governo.it
  7. ^ Miastenia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]