Stenosi spinale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Spinal stenosis
LUMBAR TREFOIL CANAL.JPG
Canale lombare "a trifoglio"
Specialitàreumatologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
MeSHD013130
MedlinePlus000441

In medicina, la stenosi spinale è un restringimento anormale (stenosi) del canale spinale che può verificarsi in una delle regioni della colonna vertebrale. Solitamente è causata da spondiloartrosi, discopatia, artrite, spondilolistesi, siringomielia, a volte da ernia del disco che impronta o schiaccia il sacco durale spinale e le radici nervose[1] e masse ossee anomale come da malattia di Paget.

Questo restringimento può risultare in deficit neurologici. I sintomi includono dolore, intorpidimento, parestesia, fascicolazioni, miochimie, crampi, spasmi, pseudo-miotonia e perdita di controllo motorio (paresi, paralisi; paraplegia nei casi gravi). La posizione della stenosi determina quale zona del corpo è influenzata.[2] Nella stenosi spinale il canale spinale si restringe al canale vertebrale, che è un forame tra le vertebre in cui passano attraverso il midollo spinale (nel rachide cervicale e toracico) o le radici nervose (nella colonna lombare).[3]

Vi sono diversi tipi di stenosi spinale, con la stenosi lombare e la stenosi cervicale che sono le forme più frequenti. Mentre la stenosi spinale lombare è più comune, quella cervicale è più pericolosa perché comporta anche la compressione del midollo spinale (mielopatia), mentre la stenosi spinale lombare comporta solo la compressione delle radici (radicolopatia) ma può comportare in casi gravi la compressione dell'intera cauda equina (sindrome della cauda equina).

La risonanza magnetica nucleare evidenza la stenosi e la causa relativa, mentre all'elettromiografia sono evidenti i segni di sofferenza neurogena, in particolare le radici o i nervi colpiti, col segmento muscolare corrispondente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alfredo Berardelli, Giorgio Cruccu, La Neurologia della Sapienza, Società Editrice Esculapio, 2015, p. 535
  2. ^ Vokshoor A, Spinal Stenosis, eMedicine, 14 febbraio 2010. URL consultato il 30 dicembre 2010.
  3. ^ Fast Facts About Spinal Stenosis

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina