Spondilolistesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Spondilolistesi
SpondylolisthesisL5S1.jpg
Immagine radiografica di una spondilolistesi a livello tra L5 e S1
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 738.4, 756.12
ICD-10 (EN) M43.1, Q76.2
Sinonimi
Olistesi
Listesi

La spondilolistesi (od olistesi, erroneamente listesi) è lo spostamento in avanti di una vertebra rispetto alla vertebra sottostante.

Epidemiologia e cenni storici[modifica | modifica sorgente]

L'anomalia venne osservata per la prima volta in un neonato dall'ostetrico belga Herbinaux nel 1782, ma il termine venne coniato nel 1854 da Kilian, a partire dal greco spondylos, vertebra, e olisthesis, scivolamento[1].

Le vertebre più colpite sono la quarta e la quinta vertebra lombare. Tra la popolazione generali, la prevalenza di spondilolistesi è fra il 3 e il 7 %, ma in alcuni gruppi è molto maggiore, come ad esempio tra gli Inuit e i Boscimani e fra gli atleti professionisti, gli acrobati e i danzatori si raggiungono percentuali del 20 %.

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

In base alla patogenesi si classificano cinque tipi di spondilolistesi

  1. Congenita
  2. Istmica: frattura da stress dell'istmo vertebrale, come nei casi di sovraccarico in certi sport
  3. Degenerativa
  4. Traumatica
  5. Patologica: inteso su base oncogena.

Nella donna, con il cambio ormonale e la menopausa si può accentuare un quadro di osteporosi che favorisce lo scivolamento vertebrale

Clinica[modifica | modifica sorgente]

I pazienti che soffrono di spondilolistesi lamentano dolori nella zona lombosacrale e sciatica. Tale dolore può irradiarsi anche agli arti inferiori ed essere aggravato da una compressione in corrispondenza della zona lesa. Nei casi più gravi si osservano deformità caratterizzate dall'accorciamento del tronco e dallo spostamento in avanti dell'addome.

Trattamento[modifica | modifica sorgente]

Il trattamento può essere

  • farmacologico (analgesici e antinfiammatori);
  • ortopedico, con uso di corsetti;
  • fisioterapico, con cui si procede a ginnastica assistita;
  • chirurgico, con artrodesi degli archi vertebrali posteriori.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (FR) Jauffret, E, Spondylolisthésis de l’enfant : les notions de base in La Lettre de Médecine Physique et de Réadaptation, vol. 24, n. 4, dicembre 2008, pp. 143-146. DOI:10.1007/s11659-008-0114-y, ISSN 1778-4301. URL consultato il 23 gennaio 2010.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Brant WE and Helms CA. Fundamentals of Diagnostic Radiology 1999. pagg. 1002-4.
  • Weissleder R, et al. Primer of Diagnostic Imaging 1997. pag 352.
  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004. ISBN 88-299-1716-8.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina