Fluvoxamina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Fluvoxamina
Fluvoxamine structure.svg
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C15H21F3N2O2
Massa molecolare (u) 318.335 g/mol
Numero CAS 54739-18-3
Codice ATC N06AB08
PubChem 5324346
DrugBank DB00176
SMILES COCCCCC(=NOCCN)C1=CC=C(C=C1)C(F)(F)F
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante
attenzione
Frasi H 302
Consigli P --- [1]

La fluvoxamina è un farmaco appartenente alla classe degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI). È usata prevalentemente per il trattamento della depressione maggiore e dei disturbi d'ansia (come il disturbo ossessivo-compulsivo, il disturbo d'ansia sociale dismorfofobia e gli attacchi di panico)[2]

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante la sua azione sia simile a quella degli altri SSRI, la fluvoxamina ha differenti effetti farmacologici. Per questa ragione può essere usata per ottenere benefici nei pazienti che hanno avuto effetti collaterali limitanti o non comuni. Nel complesso la Fluvoxamina sembra causare minori effetti collaterali rispetto agli altri SSRI, soprattutto in relazione e al calo del desiderio sessuale; inoltre, questa molecola associa all'azione antidepressiva un effetto ansiolitico, divenendo così utile nelle forme di depressione ansiosa.

La fluvoxamina è notoriamente un farmaco efficace in caso di depressione psicotica ed ha infatti dimostrato degli effetti positivi nel trattamento dei pazienti schizofrenici migliorandone deficit cognitivi, sintomi depressivi e negativi[3][4]. Sembra essere utile anche per il deficit del controllo degli impulsi.

La fluvoxamina non deve essere somministrata in associazione con inibitori delle monoamminoossidasi (IMAO), e altrettanto sconsigliata è l'associazione con antidepressivi triciclici, di cui aumenta i livelli plasmatici. Essa inoltre è un inibitore del citocromo P450 1A2 (CYP1A2) che metabolizza la caffeina, la teofillina, la clozapina, la tacrina, gli antidepressivi triciclici, il paracetamolo e la fenacetina.

Meccanismo d'azione[modifica | modifica wikitesto]

Profilo di Affinità[5]
Target Ki (nM)
SERT 11
NET 1,119
5-HT2C 5,786
α1-adrenergic 1,288
σ1 36

La fluvoxamina è un potente inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) con un'affinità per tale trasportatore almeno 100 volte superiore rispetto a quella per il trasportatore della noradrenalina. Ha affinità trascurabili per tutti gli altri recettori e trasportatori, ad eccezione del recettore oppiode σ1 [6] dove agisce da potente agonista (36 nM)[6]. Questa azione può contribuire alle sue uniche proprietà antidepressive e ansiolitiche.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fluvoxamina è stato il primo tra gli antidepressivi SSRI ad essere utilizzato in assoluto (1984 - Svizzera), sviluppata da Solvay Pharmaceuticals. Nel 1994 venne introdotta negli Stati Uniti e fu il primo SSRI a fare il suo ingresso in Giappone (1999).

Effetti indesiderati[modifica | modifica wikitesto]

Gli effetti collaterali più comuni (sperimentati da più del 10% degli assuntori) sono[7][8]

  • Disturbi gastrointestinali (nausea, vomito, diarrea)
  • Disfunzioni sessuali
  • Ansia, nervosismo, insonnia o sedazione
  • Mal di testa
  • Sudorazione, tremori

I disturbi gastrointestinali sono più comuni con la fluvoxamina che con gli altri SSRI. Generalmente questi effetti collaterali sono di lieve entità e tendono a scomparire o comunque diminuire spontaneamente nel corso delle prime settimane di assunzione; gli effetti collaterali sulla sfera sessuale tendono invece a comparire nel corso delle prime settimane di trattamento e a persistere nel corso dell'assunzione.[9][10] Può accadere che alcuni effetti indesiderati, in particolare le disfunzioni sessuali ed emotive, persistano per un tempo indefinito (anche anni) dopo la sospensione del trattamento, dando origine alla sindrome post-trattamento.[11]

In alcuni casi è stato dimostrato che anche queste molecole, come i farmaci triciclici, possono dare un prolungamento dell'intervallo QT.

Generalmente l'assunzione di questi farmaci è fortemente sconsigliata in gravidanza e allattamento; nel caso sia necessario proseguire la terapia anche in questa fase, la scelta ricade di norma su altre molecole. In ogni caso deve sempre essere fatta, dallo psichiatra in collaborazione con la paziente, una attenta valutazione del rapporto rischio/beneficio nell'utilizzo in gravidanza di questi.

Avvertenze[modifica | modifica wikitesto]

Sintomi da sospensione[modifica | modifica wikitesto]

La sospensione del trattamento con fluvoxamina deve essere graduale per ridurre il rischio di sintomi da astinenza, soprattutto gastrointestinali (nausea, cefalea), neurologici (acatisia, sensazione di scossa alla testa) e psichiatrici (ansia, nervosismo, disturbi del sonno). Nella maggior parte dei pazienti i sintomi di astinenza si risolvono in 2 settimane, ma in alcuni casi si sono protratti per un periodo maggiore (2-3 mesi). I sintomi da astinenza si possono verificare, oltre che al termine del trattamento, alla variazione del dosaggio, al passaggio da un antidepressivo ad un altro oppure quando la dose non viene assunta.

Gravidanza[modifica | modifica wikitesto]

Durante la gravidanza valutare attentamente il rapporto rischio/beneficio prima di somministrare la fluvoxamina in donne in gravidanza, in particolare durante il primo trimestre. L'esposizione a SSRI durante il terzo trimestre di gravidanza è stata associata alla comparsa nei neonati dei seguenti sintomi:

Frequenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Agitazione, irritabilità, ipo/ipertonia, iperreflessia, sonnolenza, problemi di suzione, pianto persistente;

Meno frequenti[modifica | modifica wikitesto]

  • ipoglicemia, difficoltà respiratoria, anomalie della termoregolazione, convulsioni. Questi sintomi sono riconducibili ad una sorta di sindrome da astinenza neonatale.

Rari[modifica | modifica wikitesto]

  • L'esposizione a SSRI nella seconda metà della gravidanza è stata associata a ipertensione polmonare persistente, grave patologia che richiede terapia intensiva[12].
  • Malformazioni del neonato[13]

Effetti sospetti[modifica | modifica wikitesto]

  • Aumentato rischio di autismo e aumentata probabilità di depressione in età adolescenziale[14][15].
  • L'esposizione a SSRI determinerebbe anche ritardata espulsione del meconio e conseguente ileo da meconio.

Il passaggio transplacentare degli SSRI può provocare emorragie nel neonato[16].

Prolungamento dell'intervallo QTc[modifica | modifica wikitesto]

Può prolungare l'intervallo QTc, si raccomanda cautela in caso di pazienti con prolungamento congenito dell'intervallo QTc oppure in caso di associazioni farmacologiche con farmaci noti per prolungare l'intervallo QTc. L'associazione degli antidepressivi con antipsicotici aumenta il rischio di prolungamento dell'intervallo Qtc [17].

Diabete[modifica | modifica wikitesto]

Nei pazienti con diabete la somministrazione di un SSRI può influenzare il controllo glicemico. L'aumento del tono serotoninergico indotto dall'antidepressivo, infatti, sembrerebbe aumentare la secrezione e la sensibilità all'insulina (Gulseren et al., 2005). Il dosaggio dei farmaci antidiabetici, ipoglicemizzanti orali e insulina, potrebbe richiedere quindi un aggiustamento [18].

Iponatremia[modifica | modifica wikitesto]

Gli SSRI possono indurre iponatremia (valore medio di 120 mmoli/L) con un aumento del rischio di 3,5 volte [19]. Nella maggior parte dei pazienti questo effetto avverso si manifesta durante il primo mese di terapia; il rischio è maggiore nelle donne anziane e nei pazienti in terapia con diuretici. L'iponatremia si manifesta con confusione, convulsioni, senso di fatica, delirio, sincope, sonnolenza, agitazione, vertigini, allucinazioni; più raramente con aggressività, disturbi della personalità e depersonalizzazione. La comparsa quindi di sintomi neuropsichiatrici durante il primo mese di trattamento deve suggerire la misurazione degli elettroliti sierici.

Alcool[modifica | modifica wikitesto]

Non sono state osservate interazioni tra Fluvoxamina e bevande alcoliche; tuttavia la loro associazione è sconsigliata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 28.08.2012 riferita al maleato
  2. ^ (EN) David P. Figgitt e Karen J. McClellan, Fluvoxamine, in Drugs, vol. 60, nº 4, 17 settembre 2012, pp. 925–954, DOI:10.2165/00003495-200060040-00006. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  3. ^ (EN) Ian Hindmarch e Kenji Hashimoto, Cognition and depression: the effects of fluvoxamine, a sigma-1 receptor agonist, reconsidered, in Human Psychopharmacology: Clinical and Experimental, vol. 25, nº 3, 1º aprile 2010, pp. 193–200, DOI:10.1002/hup.1106. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  4. ^ Ritsner, MS, Polypharmacy in Psychiatry Practice, Volume I, Springer Science+Business Media Dordrecht, 2013, ISBN 9789400758056..
  5. ^ MJ Owens, DL Knight e CB Nemeroff, Second-generation SSRIs: human monoamine transporter binding profile of escitalopram and R-fluoxetine., in Biological Psychiatry, vol. 50, nº 5, 1º settembre 2001, pp. 345–50, DOI:10.1016/s0006-3223(01)01145-3, PMID 11543737.
  6. ^ a b K Hashimoto, Sigma-1 receptors and selective serotonin reuptake inhibitors: clinical implications of their relationship, in Central Nervous System Agents in Medicinal Chemistry, vol. 9, nº 3, September 2009, pp. 197–204, DOI:10.2174/1871524910909030197, PMID 20021354.
  7. ^ Effetti indesiderati - FLUVOXAMINA EG 30CPR RIV 100MG, in Starbene.it. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  8. ^ Fluvoxamina, su www.my-personaltrainer.it. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  9. ^ A. L. Montejo-González, G. Llorca e J. A. Izquierdo, SSRI-induced sexual dysfunction: fluoxetine, paroxetine, sertraline, and fluvoxamine in a prospective, multicenter, and descriptive clinical study of 344 patients, in Journal of Sex & Marital Therapy, vol. 23, nº 3, 1º gennaio 1997, pp. 176–194, DOI:10.1080/00926239708403923. URL consultato il 13 dicembre 2016.
  10. ^ NHS Choices, Selective serotonin reuptake inhibitors (SSRIs) - Side effects - NHS Choices, su www.nhs.uk. URL consultato il 13 dicembre 2016.
  11. ^ Gli antidepressivi possono causare disfunzioni sessuali in donne e uomini. Il parere del sessuologo, in LaStampa.it. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  12. ^ Geert W. ‘t Jong, Thomas Einarson e Gideon Koren, Antidepressant use in pregnancy and persistent pulmonary hypertension of the newborn (PPHN): A systematic review, in Reproductive Toxicology, vol. 34, nº 3, 1º novembre 2012, pp. 293–297, DOI:10.1016/j.reprotox.2012.04.015. URL consultato il 30 dicembre 2016.
  13. ^ Shekoufeh Nikfar, Roja Rahimi e Narjes Hendoiee, Increasing the risk of spontaneous abortion and major malformations in newborns following use of serotonin reuptake inhibitors during pregnancy: A systematic review and updated meta-analysis, in DARU Journal of Pharmaceutical Sciences, vol. 20, nº 1, 1º novembre 2012, pp. 75, DOI:10.1186/2008-2231-20-75. URL consultato il 30 dicembre 2016.
  14. ^ H. Malm, Gestational Exposure to Selective Serotonin Reuptake Inhibitors and Offspring Psychiatric Disorders: A National Register-Based Study.
  15. ^ Salvatore Gentile, Prenatal antidepressant exposure and the risk of autism spectrum disorders in children. Are we looking at the fall of Gods?.
  16. ^ Serebruany V.L., Am. J. Med., 2006, 119, 113
  17. ^ Sala M. et al., Annals of General Psychiatry, 2005, 4, 1
  18. ^ Sansone R.A., Sansone L.A., Int. J. Psychiatry Med., 2003, 33 (1), 103
  19. ^ Kirby D. et al., Internet J. Ger. Psychiatry, 2002, 17, 231

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Michele Conte. Psicofarmaci. Usi e abusi, verità e falsi miti, caratteristiche ed effetti collaterali. Firenze, Eclipsi. ISBN 978-88-89627-06-8.
Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina