Bifluoruro di potassio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bifluoruro di potassio
Nome IUPAC
idrogeno difluoruro di potassio
Nomi alternativi
fluoruro di potassio fluoridrato
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareKHF2
Massa molecolare (u)78,103046
Aspettosolido cristallino incolore
Numero CAS7789-29-9
Numero EINECS232-156-2
PubChem11829350
SMILES
[K+].F[F-]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)2,370
Temperatura di fusione239 °C
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta corrosivo
pericolo
Frasi H301 - 314
Consigli P280 - 301+310 - 305+351+338 - 310 [1]

Il bifluoruro di potassio è il sale di potassio dello ione bifluoruro di formula KHF2. A temperatura ambiente appare come un solido cristallino incolore solubile in acqua. Viene utilizzato come reagente nelle sintesi chimiche e trova svariati impieghi anche a livello industriale per le sue proprietà abrasive, opacizzanti e surfactanti[2][3].

Sintesi[modifica | modifica wikitesto]

Il bifluoruro di potassio può essere sintetizzato facendo reagire in ambiente acquoso idrossido di potassio ed acido fluoridrico[4]:

KOH + 2HF → KHF2 + H2O

Reattività[modifica | modifica wikitesto]

Il bifluoruro di potassio in ambiente acquoso instaura un equilibrio di dissociazione che prevede la formazione di fluoruro di potassio ed acido fluoridrico:

KHF2 ⇄ KF + HF

L'acido fluoridrico così liberato conferisce un pH debolmente acido alla soluzione, effetto aumentato dall'incremento della temperatura tramite fonti di calore esterne, fattore che promuove la dissociazione di HF in ioni H+ e ioni F con conseguente aumento dell'acidità[5].

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Il bifluoruro di potassio trova svariati impieghi sia in laboratorio chimico che a livello manifatturiero, in particolare viene utilizzato nel processo di alchilazione del benzene, nel trattamento dei metalli previa lavorazione, come flussante nella brasatura ad argento, come agente conservante del legno e per prevenire la formazione di scorie durante la lavorazione del carbone[2][4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bifluoruro di potassio (PDF), su sigma-aldrich.com, Sigma-Aldrich. URL consultato il 1º ottobre 2015.
  2. ^ a b (EN) Potassium bifluoride, su Haz-Map, National Institutes of Health. URL consultato il 1º ottobre 2015.
  3. ^ (EN) Potassium bifluoride, su PubChem, National Institutes of Health. URL consultato il 1º ottobre 2015.
  4. ^ a b (EN) Potassium bifluoride - product safety summary (PDF), su solvay.us, Solvay Group. URL consultato il 1º ottobre 2015.
  5. ^ (EN) Potassium bifluoride, su allreactions.com. URL consultato il 1º ottobre 2015.
Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia