Permanganato di potassio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Permanganato di potassio
Cristalli di permanganato di potassio
Potassium-permanganate-unit-cell-3D-balls.png
Nome IUPAC
tetraossomanganato (VII) di potassio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareKMnO4
Peso formula (u)158,04
Aspettosolido cristallino violetto
Numero CAS7722-64-7
Numero EINECS231-760-3
PubChem516875
SMILES
[O-][Mn](=O)(=O)=O.[K+]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)2,70[1]
Indice di rifrazione1,59[2]
Solubilità in acqua64 g/l a 293 K[1]
Temperatura di fusione>240 °C (>510 K) con decomposizione[1]
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1)−837,2[3]
ΔfG0 (kJ·mol−1)−737,6[3]
S0m(J·K−1mol−1)171,7[3]
C0p,m(J·K−1mol−1)117,6[3]
Proprietà tossicologiche
LD50 (mg/kg)1090 oral rat[1]
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
comburente corrosivo irritante pericoloso per l'ambiente
pericolo
Frasi H272 - 302 - 314 - 410 [1]
Consigli P221 - 273 - 280 - 301+330+331 - 305+351+338 - 308+310 [1]
Matraccio contenente una soluzione di KMnO4 in acqua

Il permanganato di potassio o potassio permanganato è il composto inorganico con formula KMnO4. In condizioni normali è un solido cristallino dal tipico colore viola scuro. In questo composto il manganese è nello stato di ossidazione +7. È un ossidante molto energico, importante prodotto industriale. Nel 2008 ne sono state prodotte circa 50000 tonnellate.[4]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il permanganato di potassio fu ottenuto per la prima volta nel 1659 da Johann Rudolph Glauber. Egli descrisse nel suo trattato Dess Teutschlands Wohlfahrt la fusione di una miscela di pirolusite (minerale di diossido di manganese, MnO2) e di carbonato di potassio; il materiale viola ottenuto, una volta sciolto in acqua, diede una soluzione che col tempo cambiò colore passando dal blu al rosso al verde.[5] Vari altri scienziati osservarono simili variazioni di colore, e il composto fu chiamato mineral chameleon, senza riuscire a chiarire il motivo di tale comportamento. Solo nel 1830-1832 Eilhard Mitscherlich determinò le formule del manganato e permanganato di potassio.[6] Negli anni cinquanta dell'ottocento il chimico londinese Henry Bollmann Condy pose in vendita soluzioni di permanganato per usi disinfettanti brevettandole con il nome fluido di Condy.[7] Dal 1862 il permanganato di potassio venne commercializzato su larga scala diventando in breve tempo un importante prodotto industriale.[8]

Sintesi[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte del permanganato di potassio viene prodotto industrialmente a partire da minerali contenenti diossido di manganese (principalmente pirolusite). Il minerale triturato viene dapprima fuso in miscela con idrossido di potassio e aria o ossigeno. In queste condizioni fortemente alcaline il manganese si ossida da MnIVO2 a manganato di potassio K2MnVIO4 :

2 MnO2 + 4 KOH + O2 → 2 K2MnO4 + 2 H2O

Successivamente l'ossidazione da manganato(VI) a permanganato(VII) viene effettuata tramite un processo elettrolitico di ossidazione in ambiente alcalino:[8]

2 K2MnO4 + 2 H2O → 2 KMnO4 + 2 KOH + H2

Su scala di laboratorio si può fondere MnO2 con KOH e un ossidante come KNO3. Si produce così lo ione manganato(VI) di colore verde, che dà disproporzione in soluzione neutra o acida:[9]

3 MnO42− + 4 H+ → 2 MnO4 + MnO2 + 2 H2O

In soluzione acquosa i sali di Mn(II) possono essere direttamente ossidati a permanganato con ossidanti molto forti come PbO2 e NaBiO3.[9]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il permanganato di potassio forma cristalli ortorombici, gruppo spaziale Pnma, con costanti di reticolo a = 910,5 pm, b = 572,0 pm e c = 742,5 pm, con quattro unità di formula per cella elementare. Ogni atomo di manganese è circondato da quattro atomi di ossigeno con geometria tetraedrica. La distanza media Mn–O è 162,9 pm.[10] KMnO4 risulta isostrutturale con KClO4.[4]

Proprietà e reattività[modifica | modifica wikitesto]

Il permanganato di potassio solido è stabile, ma deve essere conservato in ambiente privo di umidità e al riparo dalla luce, per cui si usano abitualmente bottiglie di vetro ambrato. Il colore viola molto intenso è dovuto a bande di trasferimento di carica O → Mn.[4] KMnO4 si decompone per riscaldamento oltre 200 ºC rilasciando ossigeno. In soluzione acquosa si decompone lentamente lasciando un deposito di MnO2. Anche in solventi organici la stabilità è limitata dato che il permanganato finisce con l'ossidare il solvente.[4][8]

Lo ione permanganato è un forte ossidante sia in soluzione acida che in soluzione basica, come dimostrato dalle semireazioni:[9]

MnO4 + 8 H+ + 5 e ⇄ Mn2+ + 4 H2O     E° = +1,51 V
MnO4 + 2 H2O + 3 e ⇄ MnO2 + 4 OH     E° = +1,23 V

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Gli usi del permanganato di potassio sono legati alle sue proprietà ossidanti, avvantaggiandosi del fatto che dopo l'uso il permanganato non lascia residui tossici.

Applicazioni ambientali[modifica | modifica wikitesto]

L'uso principale del permanganato di potassio è nei trattamenti delle acque. Nelle acque potabili si utilizza per rimuovere ferro, manganese e composti organici alogenati. Nelle acque di scarico rimuove solfuro di idrogeno e altri composti organici tossici e inquinanti.[8]

Sintesi organica[modifica | modifica wikitesto]

Il permanganato di potassio è usato industrialmente per la sintesi o per la purificazione di vari composti organici, tra i quali acido L-ascorbico, cloramfenicolo, acido pirazinoico e saccarina, metanolo, acido acetico, caprolattame e adiponitrile.[8][11]

Medicina[modifica | modifica wikitesto]

Il permanganato di potassio è uno dei farmaci considerati essenziali dall'Organizzazione mondiale della sanità. Viene usato per trattare varie lesioni elementari della cute come tricofitosi, impetigine, pemfigo, ferite superficiali, dermatite e ulcere tropicali.[12] Viene usato anche per controllare i parassiti dei pesci.[8]

Chimica analitica[modifica | modifica wikitesto]

Essendo un forte ossidante KMnO4 è ampiamente usato in chimica analitica nelle titolazioni di ossido-riduzione (permanganatometria). Il colore viola dello ione MnO4 scompare alla fine della titolazione, rendendo superfluo l'uso di un indicatore. Un esempio particolarmente noto è la determinazione dell'ossidabilità secondo Kubel di un campione di acqua.

Altri impieghi[modifica | modifica wikitesto]

Il permanganato di potassio ha vari altri impieghi, tra i quali il trattamento superficiale di acciai, l'incisione di gomma e plastica e la decolorazione di tessuti.[8]

Tossicità / Indicazioni di sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

Il composto ha una tossicità acuta relativamente bassa, ma a causa delle sue proprietà ossidanti è fortemente irritante per gli occhi, per le vie respiratorie, per la pelle e per ingestione. Non ci sono dati che indichino proprietà cancerogene. È fortemente tossico per le acque con effetti di lunga durata. Per le sue proprietà ossidanti può reagire in modo anche esplosivo con sostanze organiche in genere e composti inorganici facilmente ossidabili.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia