Trifluoruro di fosforo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Trifluoruro di fosforo
Struttura del composto
Nome IUPAC
Trifluoruro di fosforo
Nomi alternativi
Trifluorofosfina Fluoruro fosforoso
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolarePF3
Massa molecolare (u)87,97
Aspettogas incolore e inodore
Numero CAS7783-55-3
Numero EINECS232-008-7
PubChem62665
SMILES
FP(F)F
Proprietà chimico-fisiche
Densità (kg·m−3, in c.s.)3,91
Solubilità in acquaidrolisi lenta
Temperatura di fusione-151,5 °C (121,7 K)
Temperatura di ebollizione-101,8 °C (171,3 K)
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1)-945
Indicazioni di sicurezza
Punto di fiammanon infiammabile
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta corrosivo gas compresso
pericolo
Frasi H280 - 330 - 314 - EUH071

Il trifloruro di fosforo è un composto di formula PF3. A temperatura e pressione standard si presenta come un gas incolore e inodore. È altamente tossico e reagisce lentamente con l'acqua. Viene usato come legante nei complessi metallici. Come tale, ha un comportamento simile al monossido di carbonio nei metallocarbonili, e in effetti la sua tossicità è dovuta alla capacità di legarsi al ferro dell'emoglobina.

Proprietà chimico-fisiche[modifica | modifica wikitesto]

La lunghezza di legame P-F è di 156 ppm, mentre l'angolo di legame F-P-F nel trifluoruro di fosforo è pari a 96,3°. Il trifluoruro di fosforo gassoso ha un'entalpia standard di formazione di -945 kJ/mol (-226 kcal/mol). L'atomo di fosforo ha un chemical shift 31P-NMR di 97 ppm (rispetto a H3PO4).

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

A differenza degli altri alogenuri di fosforo (PCl3, PBr3 e PI3) il trifloruro di fosforo non viene preparato per sintesi dagli elementi, ma per reazione del tricloruro di fosforo con vari fluoruri, quali HF, CaF2, ZnF2, AsF3 e SbF3:

2 PCl3 + 3 CaF2 → 2 PF3 + 3 CaCl2
2 PCl3 + 3 ZnF2 → 2 PF3 + 3 ZnCl2

Reattività[modifica | modifica wikitesto]

Il trifluoruro di fosforo reagisce lentamente con l'acqua per dare l'acido fosforoso e l'acido fluoridrico:

PF3 + 3 H2O → H3PO3 + 3 HF

La reazione è più veloce in ambiente alcalino; in questo caso si forma come intermedio l'acido monofluorofosforoso (H2PO2F):

PF3 + 2 OH- → H2PO2F + 2 F-

Il trifloruro di fosforo attacca il vetro solo ad alte temperature. Con metalli a caldo, forma fosfiti e floruri di varia natura. Con basi di Lewis come l'ammoniaca, produce addotti, mentre viene ossidato da agenti ossidanti quali bromo e permanganato di potassio.

Come legante, il trifloruro di fosforo si comporta da forte accettore π, infatti può formare diversi complessi con metalli a basso stato di ossidazione. Ha caratteristiche simili al monossido di carbonio, ma a differenza di quest'ultimo forma complessi metallici i cui analoghi metallocarbonilici risultano instabili. Ad esempio, è noto il complesso Pd(PF3)4, mentre non esiste l'analogo Pd(CO)4. Generalmente i complessi M(PF3)x sono preparati dai corrispondenti metallicarbonili con perdita di monossido di carbonio. Tuttavia, il nichel reagisce direttamente con il trifloruro di fosforo a 100 °C sotto una pressione di 35 MPa per formare Ni(PF3)4, l'analogo di Ni(CO)4:

Ni(CO)4 + 4 PF3 → Ni(PF3)4 + 4 CO

Cr(PF3)6, l'analogo di Cr(CO)6, può essere preparato a partire dal dibenzenecromo:

Cr(C6H6)2 + 6 PF3 → Cr(PF3)6 + 2 C6H6

Precauzioni[modifica | modifica wikitesto]

Il trifloruro di fosforo è simile al monossido di carbonio per quanto riguarda l'attività biologica. Esso infatti è un gas che si lega fortemente al ferro dell'emoglobina, impedendo al sangue l'assorbimento dell'ossigeno. Per questo, è particolarmente tossico, e la sua tossicità è comparabile a quella del fosgene.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Greenwood, N. N.; Earnshaw; Chimica degli elementi, volume 1; PICCIN
  • Bertini, I.; Mani, F.; Chimica Inorganica; CEDAM
  • Lee, J. D.; Chimica Inorganica; PICCIN

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia