Fosfuro di zinco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fosfuro di zinco
Struttura atomica del fosfuro di zinco
Nome IUPAC
Fosfuro di zinco
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareZn3P2
Massa molecolare (u)258,12 g/mol
AspettoCristalli grigi tetragonali
Numero CAS1314-84-7
Numero EINECS215-244-5
PubChem25113606
SMILES
[P-3].[P-3].[Zn+2].[Zn+2].[Zn+2]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)4,55 g/cm3[1]
Solubilità in acquainsolubile[1]
Temperatura di fusione420 °C[1]
Temperatura di ebollizione1100 °C[1]
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
infiammabile tossicità acuta pericoloso per l'ambiente
pericolo
Frasi H260 - 300 - 410 - EUH029 - EUH032
Consigli P223 - 231+232 - 264 - 273 - 370+378 - 422 [2][3][4]

Il fosfuro di zinco (Zn3P2) è un composto chimico inorganico.

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

I fosfuri di metallo sono usati come rodenticidi (ratticidi). Una miscela di cibo e fosfuro di zinco viene lasciata come esca in un luogo ove i roditori possano cibarsene. L'acido dei loro succhi gastrici reagisce con il fosfuro generando un gas tossico, la fosfina. Questo metodo di controllo dei muridi è utilizzabile nel caso di roditori immuni alla maggior parte dei veleni comuni. Gli altri rodenticidi simili al fosfuro di zinco sono il fosfuro di alluminio e il fosfuro di calcio.

Il fosfuro di zinco è normalmente aggiunto alle esche per roditori in una percentuale variabile dallo 0.75% al 2%. Le esche hanno un forte odore acre, simile a quello dell'aglio, caratteristico delle fosfine, dimerizzate o sostituite, liberate per idrolisi. Questo odore attira i roditori ma ha un effetto repulsivo su altri animali. Gli uccelli, specialmente i tacchini, non hanno l'odorato sensibile a questo odore. Le esche contengono abbastanza fosfuro di zinco in un cibo sufficientemente attrattivo per poter uccidere i roditori in una volta sola, poiché una dose non letale potrebbe causare una futura avversione al fosfuro di zinco nei roditori sopravvissuti.

Il fosfuro di zinco di tipo rodenticida è normalmente una polvere nera contenente il 75% di Zn3P2 e 25% di tartrato di potassio e di antimonio, un emetico che provoca il vomito del prodotto se viene accidentalmente ingerito da esseri umani o animali domestici. Rimane però efficace contro ratti, sorci, porcellini d'India, cavie e conigli, privi del riflesso del vomito.[5]

Le sostanze che non devono entrare in contatto con il fosfuro di zinco sono gli acidi, l'acqua, il diossido di carbonio e gli ossidanti forti.[1]

Reazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il fosfuro di zinco può essere preparato per reazione diretta dello zinco con il fosforo:

3 Zn + 2 P → Zn3P2

Il fosfuro di zinco reagisce con l'acqua per formare la fosfina (PH3) e l'idrossido di zinco (Zn(OH)2):

Zn3P2 + 6 H2O → 2 PH3 + 3 Zn(OH)2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) ICSC:0602 - Fosfuro di zinco, International Chemical Safety Cards. URL consultato il 10-05-2010 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2005).
  2. ^ Sigma Aldrich; rev. del 22.11.2012
  3. ^ In caso di incendio estinguere con sabbia secca, prodotto chimico secco oppure schiuma resistente all'alcool.
  4. ^ Conservare sotto atmosfera di gas inerte.
  5. ^ (EN) Why rats can't vomit, su ratbehavior.org. URL consultato il 10-05-2010 (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2008).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia