Diclorodifluorometano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diclorodifluorometano
Dichlorodifluoromethane.png
Dichlorodifluoromethane-3D-vdW.png
Nome IUPAC
Diclorodifluorometano
Nomi alternativi
Freon-12
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareCCl2F2
Massa molecolare (u)120.91 g/mol
Aspettogas incolore con odore simil-etereo
Numero CAS75-71-8
Numero EINECS200-893-9
PubChem6391
SMILES
C(F)(F)(Cl)Cl
Proprietà chimico-fisiche
Densità (kg·m−3, in c.s.)1.486 g/cm³ (−29.8 °C)
Solubilità in acqua0.286 g/l a 20 °C
Temperatura di fusione−157.7 °C, 115 K, -252 °F
Temperatura di ebollizione−29.8 °C, 243 K, -22 °F
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
gas compresso irritante
attenzione
Frasi H280 - 420
Consigli P--- [1]

Il diclorodifluorometano (R-12), commercializzato come Freon-12, è un alogenuro alchilico appartenente alla famiglia dei clorofluorocarburi (CFC).

Sintetizzato da Thomas Midgley nel 1931, questo gas è stato impiegato come propellente nelle bombolette spray e soprattutto come fluido refrigerante fino agli anni 1990, per poi essere gradualmente vietato a seguito del protocollo di Montréal, sia per la carica di impianti di climatizzazione nuovi sia per la ricarica di impianti esistenti, a causa della sua pericolosità nei confronti dell'ozono stratosferico, in cui provoca la formazione del buco nell'ozono. È stato sostituito dal gas R-134a, che possiede comprimibilità pressoché uguale e non è dannoso verso l'ozono ambientale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda del composto su IFA-GESTIS consultata il 14.02.2014

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4149828-8