Bromotrifluorometano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bromotrifluorometano
Struttura del bromotrifluorometano
Modello del bromotrifluorometano
Nome IUPAC
Bromotrifluorometano
Abbreviazioni
Halon 1301, R 13B1
Nomi alternativi
bromofluoroformio, trifluorobromometano, trifluorometilbromuro
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareCBrF3
Massa molecolare (u)148,91
Aspettogas incolore inodore
Numero CAS75-63-8
Numero EINECS200-887-6
PubChem6384
SMILES
C(F)(F)(F)Br
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/l, in c.s.)6,77[1]
Solubilità in acqua0,300 g/l
Temperatura di fusione−168 °C (105 K)[1]
Temperatura di ebollizione−58 °C (215 K)[1]
Punto critico66,8 °C a 39,6 bar[1]
Tensione di vapore (Pa) a 20 °C K1,43 MPa[1]
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1)-648,3[2]
Indicazioni di sicurezza
Punto di fiammanon infiammabile
Simboli di rischio chimico
gas compresso irritante
attenzione
Frasi H280 - 420 [1]
Consigli P410+403 - 502 [1]

Il bromotrifluorometano è il composto chimico di formula CBrF3. È un alogenuro organico che è stato usato come liquido refrigerante e come gas estinguente negli estintori.[3] In condizioni normali è un gas incolore e inodore. Nel protocollo di Montréal è stato classificato come dannoso per lo strato di ozono. La produzione di CBrF3 è vietata nei paesi industrializzati, compresa l'Unione europea, tuttavia l'utilizzo è ancora consentito dal diritto internazionale.[4] Il bromotrifluorometano è presente nell'atmosfera con una concentrazione di circa 0,013 ppm,[5] ha un tempo di vita di 65 anni, e il suo global warming potential è 7140 in 100 anni.[6]

Sintesi[modifica | modifica wikitesto]

Il CBrF3 è stato sintetizzato per la prima volta nel 1946 facendo passare bromo e trifluorometano attraverso un tubo di Pyrex a circa 600 °C.[7] Sono noti anche vari altri metodi di preparazione.[8]

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Estintore caricato con Halon 1301, usato negli U.S.A. negli anni ottanta

Il bromotrifluorometano fu introdotto negli anni sessanta come mezzo antincendio. È stato utilizzato per proteggere apparecchiature pregiate come aerei, navi, mainframe, centri di telecomunicazione. Il composto spegne gli incendi già ad una concentrazione del 6%, andando ad interrompere le reazioni radicaliche della combustione.[9]

Tossicità / Indicazioni di sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

Il bromotrifluorometano può essere respirato senza effetti percepibili a una concentrazione del 7%. A concentrazione elevata risulta leggermente neurotossico e interferisce con le funzioni cardiovascolari. A elevata temperatura il composto può decomporsi liberando composti fluorurati e bromurati tossici e corrosivi. Non ci sono dati che indichino effetti cancerogeni.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia