Fluoruro di iodio(I)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fluoruro di iodio(I)
Struttura del monofluoruro di iodio
Modello della molecola del monofluoruro di iodio
Nome IUPAC
fluoruro di iodio(I), monofluoruro di iodio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareIF
Peso formula (u)145,90
Numero CAS13873-84-2
PubChem139637
SMILES
FI
Proprietà chimico-fisiche
Temperatura di fusione−28 °C (245 K) dec[1]
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1)–95,7[2]
ΔfG0 (kJ·mol−1)–118,5[2]
S0m(J·K−1mol−1)236,2[2]
C0p,m(J·K−1mol−1)33,4[2]
Indicazioni di sicurezza

Il fluoruro di iodio(I) o monofluoruro di iodio è il composto inorganico interalogeno con formula IF. In questo fluoruro lo iodio è nello stato di ossidazione +1. È una specie molto instabile che non è mai stata isolata con certezza, ma solo osservata e caratterizzata spettroscopicamente.[1][3]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il primo a pubblicare notizie sul composto fu R. A. Durie che nel 1951 ne osservò lo spettro di emissione.[4] Successivamente nel 1960 Schmeisser e Scharf attribuirono alla presenza di IF la colorazione marrone ottenuta introducendo fluoro in una soluzione di iodio in CCl3F a –78 ºC.[5]

Sintesi[modifica | modifica wikitesto]

Benché non si riesca ad isolarlo, IF si può ottenere facendo reagire iodio con IF3 in soluzione di CCl3F a –78 ºC:[5][6]

I2 + IF3 → 3 IF

Una reazione alternativa è la reazione tra XeF2 e iodio.[7]

Proprietà[modifica | modifica wikitesto]

IF è stabile solo a –78 ºC; a temperatura più elevata disproporziona rapidamente:[3][5]

5 IF → 2 I2 + IF5

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante IF sia così instabile da non poter essere isolato, può essere utilizzato in reazioni di addizione ad alcheni generandolo in situ.[7][8] Negli anni 80 del novecento furono fatte ricerche per utilizzarlo in apparecchiature laser.[9][10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) G. Brauer, Handbuch der Präparativen Anorganischen Chemie, vol. 3, 3ª ed., Stuttgart, Ferdinand Enke, 1975, ISBN 3-432-87823-0.
  • (EN) F. A. Cotton, G. Wilkinson, C. A. Murillo e M. Bochmann, Advanced Inorganic Chemistry, 6ª ed., Wiley-Interscience, 1999, ISBN 978-0471199571.
  • (EN) S. J. Davis e L. Hanko, Optically pumped Iodine monofluoride B3Π(O+)→X1Σ+ laser, in Appl. Phys. Lett., vol. 37, 1980, pp. 692, DOI:10.1063/1.92042.
  • (EN) M. Diegelmann, H. P. Grieneisen, K. Hohla, X.-J. Hu e altri, New TEA-lasers based on D′→A′ transitions in halogen monofluoride compounds: ClF (284.4 nm), BrF (354.5 nm), IF (490.8 nm), in Appl. Phys., vol. 23, nº 3, 1980, pp. 283-287, DOI:10.1007/BF00914912.
  • (EN) R. A. Durie, The visible emission spectra of iodine and bromine monofluorides and their dissociation energies, in Proc. R. Soc. Lond. A, vol. 207, nº 1090, 1951, pp. 388-395, DOI:10.1098/rspa.1951.0126.
  • (EN) N. N. Greenwood e A. Earnshaw, Chemistry of the elements, 2ª ed., Oxford, Butterworth-Heinemann, 1997, ISBN 0-7506-3365-4.
  • D. R. Lide (Editor), CRC Handbook of Chemistry and Physics, Internet Version 2005, CRC Press, Boca Raton, 2005. URL consultato il 9 dicembre 2017.
  • (EN) S. Rozen e M. Brand, J. Org. Chem., vol. 50, nº 18, 1985, pp. 3342–3348, DOI:10.1021/jo00218a020.
  • (EN) D. F. Shellhamer, M. J. Horney, B. J. Pettus, T. L. Pettus e altri, Generation of Interhalogen Fluorides under Mild Conditions:  A Comparison of Sluggish and Reactive Interhalogen Fluorides, in J. Org. Chem., vol. 64, nº 4, 1999, pp. 1094–1098, DOI:10.1021/jo972319g.
  • (DE) M. Schmeisser e E. Scharf, Über Jodtrifluorid JF3 und Jodmonofluorid JF, in Angew. Chem., vol. 72, nº 9, 1960, pp. 324-324, DOI:10.1002/ange.19600720912.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia