Doxepina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Doxepina
(E,Z)-Doxepin Structural-Formulae.png
Nome IUPAC
(3(Z,E)-3-(dibenzo[b,e]oxepin-11(6H)-ilidene)-N,N-dimetilpropan-1-ammina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC19H21NO
Massa molecolare (u)279.376 g/mol
Numero CAS1668-19-5
Codice ATCN06AA12
PubChem3158
DrugBankDB01142
SMILES
CN(C)CCC=C1C2=CC=CC=C2COC3=CC=CC=C31
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta
pericolo
Frasi H301
Consigli P301+310 [1]

La doxepina è un antidepressivo triciclico, un principio attivo utilizzato anche per particolari fastidi cutanei. La forma farmaceutica è una miscela costituita per l'85% dall'isoforma trans ed il restante 15% dall'isoforma cis; i profili cis e trans hanno una differente selettività d'azione: l'isomero cis è un NSRI (Non Selective Reuptake Inhibitor), mentre l'isomero trans è un inibitore selettivo del NET (quindi definito dalla sigla SNRI).

Indicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Viene impiegato in alcune forme di depressione, eczema, malattie che causano prurito.

Controindicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Da evitare in caso di malattie cardiovascolari in quanto svolge effetti multipli a livello dei recettori H1, muscarinici, alfa-1 e nei confronti dei canali del Sodio.

Dosaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Adulti-bambini 75 mg iniziale (successivamente si arriva anche a 300 mg o si abbassa a 30, dipende dalla reazione del soggetto, le dosi vengono divisie in 100 mg)
  • Anziani 10–50 mg al giorno

Effetti indesiderati[modifica | modifica wikitesto]

Fra gli effetti collaterali più frequenti si riscontrano secchezza delle fauci, disturbi visivi e dell'udito (tinnito), tachicardia, rash cutaneo, cefalea, nausea, disartria. Raramente si assiste a fenomeni convulsivi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 19.09.2012, riferita al cloridrato

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • British national formulary, Guida all’uso dei farmaci 4 edizione, Lavis, agenzia italiana del farmaco, 2007.
  • Enciclopedia Medica, Curcio, Curcio editore, 1988

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]