Mirtazapina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Mirtazapina
Mirtazapin Structural Formulae.png
Nome IUPAC
(RS)-
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C17H19N3
Numero CAS 61337-67-5
Numero EINECS 288-060-6
Codice ATC N06AX11
PubChem 4205
DrugBank DB00370
SMILES CN1CCN2C(C1)C3=CC=CC=C3CC4=C2N=CC=C4
Dati farmacocinetici
Emivita 20-40 h
Indicazioni di sicurezza
Frasi H ---
Consigli P ---[1]

La mirtazapina (Remeron) è un farmaco antidepressivo di seconda generazione appartenente alla classe farmacologica dei NaSSA (Noradrenergic and Specific Serotoninergic Antidepressant) utilizzato nel trattamento della depressione maggiore, dei disturbi d'ansia specie se misti ad insonnia (per via delle sue proprietà sedative) e nei disturbi alimentari come anoressia e bulimia (per via delle sue proprietà antiemetiche e appetito stimolanti).[2]

È stato approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) nel 1996 ed è strettamente correlato al farmaco antidepressivo mianserina.[3]

Indicazioni e posologia[modifica | modifica wikitesto]

In Label

Episodi di depressione maggiore[4]

Off label

  • Disturbi alimentari (anoressia, bulimia)[5]
  • Disturbi d'ansia (ansia sociale, ansia generalizzata, disturbo ossessivo compulsivo, disturbo da attacchi di panico)[6]
  • Disturbo Post Traumatico da Stress[6]
  • Insonnia[7] e disturbi del sonno (apnea ostruttiva)[8]
  • Nausea, sindrome dell'intestino irritabile[9]
  • Emicrania[10]
  • Prurito patologico[11]

Clinica[modifica | modifica wikitesto]

La mirtazapina è un composto ben tollerato, particolarmente utile nelle forme caraterizzate da insonnia e nei pazienti che hanno mostrato effetti collaterali non tollerabili con altri farmaci. Mostra un'efficacia comparabile agli antidepressivi triciclici amitriptilina, doxiepina[12] e clorimipramina; inoltre sembra essere più efficace di trazodone[13] e fluoxetina[14] (un antidepressivo SSRI).

In una meta-analisi di studio pubblicata nel 2009, la mirtazapina si è dimostrata superiore agli SSRI, agli SNRI, alla reboxetina (un NRI) e al bupropione (un NDRI) nel trattamento della depressione maggiore mostrando un simile profilo di tollerabilità.[15] In uno studio è emerso che i pazienti trattati con mirtazapina hanno il 74% di probabilità in più di sperimentare la riduzione dei sintomi depressivi rispetto a quelli trattati con un SSRI nel corso delle prime 2 settimane.[16] Secondo una revisione di studi la mirtazapina è lievemente più tollerabile degli SSRI ed ha un minore tasso di sospensione della terapia per via degli effetti collaterali.[17]

In uno studio aperto per la valutazione della mirtazapina nel trattamento dell'ansia, è risultato che il 79,5% dei pazienti ha sperimentato un effetto ansiolitico, ci cui il 36,4% una piena risoluzione dei sintomi di ansia.[18] In uno studio è stata inoltre utilizzata per ridurre i sintomi di insonnia e nausea nei pazienti trattati con chemioterapia.[19]

L'inizio degli effetti antidepressivi ed ansiolitici è generalmente più rapido rispetto ad altre classi di antidepressivi (come SSRI\SNRI) e si ha all'incirca dopo la prima settimana di trattamento mentre l'effetto massimo si instaura generalmente dopo la seconda settimana.[20] La Mirtazapina ha uno scarso effetto sulla funzione sessuale, per cui può essere preferito in quei pazienti in cui tali effetti collaterali causati da altri antidepressivi risultano intollerabili.[21] Inoltre, per l'azione antagonista sui 5-HT3 può essere utile nei soggetti con disturbi gastrici (nausea e vomito).

Alcuni studi ne hanno dimostrato efficacia nel trattamento dei sintomi psicotici (nel corso del trattamento del Parkinson per via dei suoi effetti antagonistici sul recettore 5-HT2A in analogia a basse dosi di alcuni antipsicotici)[22] e dei sintomi negativi della schizofrenia.[23] Possiede un modesto effetto sugli enzimi citocromiali P450.

Mirtazapina può essere combinato, nel caso di depressioni resistenti al trattamento, con antidepressivi SSRI, SNRI, o TCA con relativa sicurezza. Specie negli USA è diffusa l'associazione con la venlafaxina che prende il nome di “California Rocket Fuel” e che sembra procurare un tasso di remissione dalla depressione del 75%.[24][25]

Per via dei suoi effetti sedativi, mirtazapina può essere usata nel trattamento dell'insonnia essendosi infatti dimostrata in grado di migliorare la durata delle fasi di sonno profondo, anticipare l'inizio del sonno e di migliorarne la continuità diminuendo il numero di risvegli notturni.[26] A differenza di altri antidepressivi (come SSRI o MAOI) diminuisce solo lievemente la durata del sonno REM.[27]

L'azione sui recettori oppioidi sembra essere la responsabile del suo effetto contro il dolore cronico e può rappresentare perciò un rimedio alternativo agli analgesici nei pazienti con questa patologia.[28]

Posologia[modifica | modifica wikitesto]

  • min 15 mg 1 volte a dì
  • max 45 mg 1 volte a dì

La dose ottimale va individuata con incrementi graduali della posologia.

Effetti collaterali[modifica | modifica wikitesto]

L'effetto collaterale più pronunciato è la sedazione che è molto marcata all'inizio del trattamento, per poi migliorare dopo 7-10 giorni. Possono verificarsi effetti gastrointestinali che tendono a migliorare nel corso delle prime due settimane di trattamento. Ha anche uno spiccato effetto oressizzante. Possono aversi secchezza delle fauci, stipsi, affaticamento, vertigini, e ipotensione ortostatica, aumento di colesterolo e trigliceridi; molto raramente possono aversi fenomeni di agranulocitosi e neutropenia che impongono la sospensione del trattamento.

Come altri antidepressivi possono verificarsi effetti collaterali da sospensione (anche se in misura minore rispetto ad altri farmaci antidepressivi come gli SSRI\SNRI) che possono consistere in un peggioramento di ansia e depressione, insonnia, diminuzione dell'appetito e disturbi gastrointestinali, per cui se ne consiglia una sospensione graduale, anche nel corso di diverse settimane.[29]

Il farmaco è relativamente sicuro in overdose, non mostrando effetti cardiotossici a differenza dei triciclici.[30]

Farmacologia[modifica | modifica wikitesto]

Farmacodinamica[modifica | modifica wikitesto]

La farmacodinamica della mirtazapina è molto complessa ma i suoi effetti antidepressivi ed ansiolitici sono essere principalmente dovuti al potenziamento della trasmissione noradrenergica, serotoninergica e al contemporaneo antagonismo ad alcuni recettori serotoninergici, mentre i sedativi all'antagonismo al recettore istaminergico H1. Viene venduto come miscela racemica dei composti (S)-(+) e (R)-(-) che possiedono dei profili di affinità leggermente differenti e nel complesso contribuiscono al profilo farmacodinamico del farmaco.

Mirtazapina si comporta come antagonista\agonista inverso sui seguenti recettori

Recettore Affinità, Ki (nM)[31] Note
5-HT2A 69 L'enantiomero (S)-(+)- è il responsabile dell'antagonismo.[32] L'antagonismo a tale recettore si è dimostrato avere effetto ansiolitico, di miglioramento del sonno e contrasta gli effetti collaterali sulla sfera sessuale
5-HT2B  ? ~20-volte inferiore rispetto all'effetto sui recettori 5-HT2A/5-HT2C[33]
5-HT2C 39 Agisce come agonista inverso[34] L'enantiomero (S)-(+) è il responsabile di tale azione.[32] L'agonismo inverso a tale recettore si è dimostrato in grado di diminuire il rilascio di dopamina nel sistema limbico e potrebbe essere responsabile in parte degli effetti antidepressivi e contro la dipendenza da sostanze del composto.
5-HT3  ? Simile al 5-HT2A/5-HT2C[35] L'enantiomero (R)-(–) antagonizza il recettore 5-HT3.[32] L'antagonismo al recettore 5-HT3 è responsabile degli effetti antiemetici, antidiarroici e contro la sindrome dell'intestino irritabile. Inoltre ha effetti ansiolitici.
5-HT7 265 L'antagonismo a questo recettore è responsabile di effetti antidepressivi, tuttavia l'azione del composto su questo target è debole.
α1 500 Azione molto debole su questo recettore.[36]
α2A adrenergico 20 L'enantiomero (S)-(+) è responsabile dell'antagonismo all'autorecettore.[32] Gli eterorecettori sono invece bloccati da entrambe gli enantiomeri.
α2C adrenergico 18 L'enantiomero (S)-(+) è responsabile dell'antagonismo all'autorecettore.[32] Gli eterorecettori sono invece bloccati da entrambe gli enantiomeri. Gli eterorecettori sono localizzati sui neuroni serotoninergici e mediano un meccanismo regolativo di tipo feedback nel rilascio di serotonina dai terminali sinaptici: il potente antagonismo a tali recettori α2 sia del sottotipo A che C determinano un aumento del rilascio di serotonina e della noradrenalina.

Inoltre determinano un aumento del rilascio di dopamina e noradreanlina specie nel sistema limbico.

D1 4167
D2 >5454
D3 5723
H1 1.6 Il potente antagonismo a tale recettore è responsabile degli effetti sedativi del farmaco. Tuttavia questi recettori tendono a desensibilizzarsi durante le prime settimane di trattamento così che la sedazione tende a migliorare.[37]Tale antagonismo può migliorare i sintomi di allergie e può essere in parte responsabile degli effetti positivi nei confronti dell'anoressia.
mACh 670 L'antagonismo ai recettori colinergici è molto debole per cui il composto è virtualmente privo di effetti collaterali di tipo anticolinergico.[36]
κ-oppioide 7.2 Mirtazapina si comporta come potente agonista dei recettori K-oppiodi. Ciò si crede sia alla base delle sue proprietà antinocicettive e nella capacità di trattare le depressioni resistenti ad altri trattamenti e le depressioni psicotiche.[38]

Per questi sui particolari profili di affinità recettoriale, la mirtazapina ha una efficacia antidepressiva ed ansiolitica spesso superiore ad altri classi di antidepressivi, essendo uno dei pochi antidepressivi in grado di aumentare la trasmissione di serotonina, noradrenalina e dopamina senza interagire però con i meccanismi di reuptake. Tale effetto è infatti dovuto all'antagonismo ai recettori alfa-adrenergici che si comportano da autorecettori (mediano cioè il rilascio di serotonina e noradrenalina attraverso un meccanismo di regolazione detto di feedback negativo) che comporta un aumento del rilascio di questi dai terminali sinaptici. Per questo la mirtazapina è stata definita a volte un "agonista indiretto" dei recettori 5-HT1A la cui attivazione è responsabile dell'azione di molti composti ad azione antidepressiva.[39][40] Inoltre l'antagonismo ad alcuni sotto tipi di recettori va a diminuire gli effetti collaterali di molti antidepressivi serotoninergici (come ad esempio quelli di tipo gastrointestinali e sulla sfera sessuale, tipici degli SSRI\SNRI) e ad aumentarne l'efficacia nel trattamento di depressione ed ansia.

Farmacocinetica[modifica | modifica wikitesto]

L'enantiomero (S)-(+) ba una emivita di 9.9±3 ore mentre l'enantiomero (R)-(–) ha una emivita di 18±2.5 ore.

Chimica[modifica | modifica wikitesto]

La mirtazapina ha una struttura chimica costituita da 4 cicli, parzialmente correlata a quella degli antidepressivi triciciclici (TCA). Per questo, insieme alla mianserina (differiscono solamente per il fatto che la mirtazapina è un derivato pirido-benzoazepinico, mentre la mianserina è una dibenzoazepina), vengono generalmente chiamati anche antidepressivi tetraciclici. Il farmaco è in realtà una miscela racemica dei due enantiomeri che hanno una leggera diversa attività farmacologica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 03.09.2012
  2. ^ (EN) Mechanism of action of antidepressant medications., in APA PsycNET, 1999. URL consultato il 12 giugno 2017.
  3. ^ DailyMed, su dailymed.nlm.nih.gov. URL consultato il 12 giugno 2017.
  4. ^ Mirtazapina Sandoz, torrinomedica.it.
  5. ^ Jennifer Couturier e James Lock, A Review of Medication Use for Children and Adolescents with Eating Disorders, in Journal of the Canadian Academy of Child and Adolescent Psychiatry, vol. 16, nº 4, 2007-11, pp. 173–176. URL consultato il 12 giugno 2017.
  6. ^ a b OvidPPV - home, su content.wkhealth.com. URL consultato il 12 giugno 2017.
  7. ^ (EN) Ripu D. Jindal, Insomnia in Patients with Depression, in CNS Drugs, vol. 23, nº 4, 1º aprile 2009, pp. 309–329, DOI:10.2165/00023210-200923040-00004. URL consultato il 12 giugno 2017.
  8. ^ Nathaniel S. Marshall, Brendon J. Yee e Anup V. Desai, Two Randomized Placebo-Controlled Trials to Evaluate the Efficacy and Tolerability of Mirtazapine for the Treatment of Obstructive Sleep Apnea, in Sleep, vol. 31, nº 6, 1º giugno 2008, pp. 824–831. URL consultato il 12 giugno 2017.
  9. ^ (EN) David J. Nutt, Tolerability and safety aspects of mirtazapine, in Human Psychopharmacology: Clinical and Experimental, vol. 17, S1, 1º giugno 2002, pp. S37–S41, DOI:10.1002/hup.388. URL consultato il 12 giugno 2017.
  10. ^ (EN) B. Colombo, P. O. L. Annovazzi e G. Comi, Therapy of primary headaches: the role of antidepressants, in Neurological Sciences, vol. 25, nº 3, 1º ottobre 2004, pp. s171–s175, DOI:10.1007/s10072-004-0280-x. URL consultato il 12 giugno 2017.
  11. ^ (EN) Malcolm W. Greaves, Itch in systemic disease: therapeutic options, in Dermatologic Therapy, vol. 18, nº 4, 1º luglio 2005, pp. 323–327, DOI:10.1111/j.1529-8019.2005.00036.x. URL consultato il 12 giugno 2017.
  12. ^ Marttila M, Jaaskelainen J, Jarvi R, Romanov M, Miettinen E, Sorri P, Ahlfors U (1995). A double-blind study comparing the efficacy and tolerability of mirtazapine and doxepin in patients with major depression. Eur Neuropsychopharmacol 5:441–446PMID
  13. ^ Van Moffaert M, de Wilde J, Vereecken A, Dierick M, Evrard JL, Wilmotte J, Mendelwicz J(1995). Mirtazapine is more effective than trazodone: A double-blind controlled study in hospitalized patients with major depression. Int Clin Psychopharmacol 5:441–446. PMID
  14. ^ Wheatley DP, van Moffaert M, Timmerman L, Kremer CME, Mirtazapine Study Group. (1998). Mirtazapine: Efficacy and tolerability in comparison with fluoxetine in patients with moderate to severe major depressive disorder. J Clin Psychiatry 59:306–312.PMID
  15. ^ (EN) Andrea Cipriani, Toshiaki A Furukawa e Georgia Salanti, Comparative efficacy and acceptability of 12 new-generation antidepressants: a multiple-treatments meta-analysis, in The Lancet, vol. 373, nº 9665, 28 febbraio 2009, DOI:10.1016/S0140-6736(09)60046-5. URL consultato il 12 giugno 2017.
  16. ^ Michael E. Thase, Andrew A. Nierenberg e Peter Vrijland, Remission with mirtazapine and selective serotonin reuptake inhibitors: a meta-analysis of individual patient data from 15 controlled trials of acute phase treatment of major depression, in International Clinical Psychopharmacology, vol. 25, nº 4, July 2010, pp. 189–198, DOI:10.1097/YIC.0b013e328330adb2. URL consultato il 13 giugno 2017.
  17. ^ (EN) National Collaborating Centre for Mental Health (uk), PHARMACOLOGICAL INTERVENTIONS, British Psychological Society, 2010. URL consultato il 15 agosto 2017.
  18. ^ Francesco Gambi, Domenico De Berardis e Daniela Campanella, Mirtazapine treatment of generalized anxiety disorder: a fixed dose, open label study, in Journal of Psychopharmacology (Oxford, England), vol. 19, nº 5, September 2005, pp. 483–487, DOI:10.1177/0269881105056527. URL consultato il 13 giugno 2017.
  19. ^ Sung-Wan Kim, Il-Seon Shin e Jae-Min Kim, Effectiveness of mirtazapine for nausea and insomnia in cancer patients with depression, in Psychiatry and Clinical Neurosciences, vol. 62, nº 1, February 2008, pp. 75–83, DOI:10.1111/j.1440-1819.2007.01778.x. URL consultato il 13 giugno 2017.
  20. ^ (EN) Chris Thompson, Onset of action of antidepressants: results of different analyses, in Human Psychopharmacology: Clinical and Experimental, vol. 17, S1, 1º giugno 2002, pp. S27–S32, DOI:10.1002/hup.386. URL consultato il 12 giugno 2017.
  21. ^ (EN) Beth K. Boyarsky, Waheedul Haque e Mark R. Rouleau, Sexual functioning in depressed outpatients taking mirtazapine, in Depression and Anxiety, vol. 9, nº 4, 1º gennaio 1999, pp. 175–179, DOI:10.1002/(SICI)1520-6394(1999)9:43.0.CO;2-0. URL consultato il 13 giugno 2017.
  22. ^ (EN) Kenji Tagai, Tomoyuki Nagata e Shunichiro Shinagawa, Mirtazapine improves visual hallucinations in Parkinson's disease: a case report, in Psychogeriatrics, vol. 13, nº 2, 1º giugno 2013, pp. 103–107, DOI:10.1111/j.1479-8301.2012.00432.x. URL consultato il 12 giugno 2017.
  23. ^ (EN) Carol Vidal, Carla Reese e Bernard A. Fischer, Meta-Analysis of Efficacy of Mirtazapine as an Adjunctive Treatment of Negative Symptoms in Schizophrenia, in Clinical Schizophrenia & Related Psychoses, vol. 9, nº 2, 9 luglio 2015, pp. 88–95, DOI:10.3371/csrp.vire.030813. URL consultato il 12 giugno 2017.
  24. ^ (EN) Book sources, in Wikipedia. URL consultato il 12 giugno 2017.
  25. ^ J. Fawcett e R. L. Barkin, Review of the results from clinical studies on the efficacy, safety and tolerability of mirtazapine for the treatment of patients with major depression, in Journal of Affective Disorders, vol. 51, nº 3, December 1998, pp. 267–285. URL consultato il 12 giugno 2017.
  26. ^ Selcuk Aslan, Erdal Isik e Behcet Cosar, The effects of mirtazapine on sleep: a placebo controlled, double-blind study in young healthy volunteers, in Sleep, vol. 25, nº 6, 15 settembre 2002, pp. 677–679. URL consultato il 13 giugno 2017.
  27. ^ (EN) Dagmar A. Schmid, Adam Wichniak e Manfred Uhr, Changes of Sleep Architecture, Spectral Composition of Sleep EEG, the Nocturnal Secretion of Cortisol, ACTH, GH, Prolactin, Melatonin, Ghrelin, and Leptin, and the DEX-CRH Test in Depressed Patients during Treatment with Mirtazapine, in Neuropsychopharmacology, vol. 31, nº 4, 19 ottobre 2005, pp. 832–844, DOI:10.1038/sj.npp.1300923. URL consultato il 13 giugno 2017.
  28. ^ (EN) Guy E Brannon e Karen D Stone, The Use of Mirtazapine in a Patient with Chronic Pain, in Journal of Pain and Symptom Management, vol. 18, nº 5, 1º novembre 1999, DOI:10.1016/S0885-3924(99)00098-6. URL consultato il 13 giugno 2017.
  29. ^ F. Benazzi, Mirtazapine withdrawal symptoms, in Canadian Journal of Psychiatry. Revue Canadienne De Psychiatrie, vol. 43, nº 5, June 1998, pp. 525. URL consultato il 12 giugno 2017.
  30. ^ Nicole White, Toby Litovitz e Cathleen Clancy, Suicidal antidepressant overdoses: a comparative analysis by antidepressant type, in Journal of Medical Toxicology: Official Journal of the American College of Medical Toxicology, vol. 4, nº 4, December 2008, pp. 238–250, DOI:10.1007/BF03161207. URL consultato il 12 giugno 2017.
  31. ^ Roth, BL e Driscol, J, PDSD Ki Database, su Psychoactive Drug Screening Program (PDSP), University of North Carolina at Chapel Hill and the United States National Institute of Mental Health. URL consultato il 27 luglio 2013 (archiviato dall'url originale l'8 novembre 2013).
  32. ^ a b c d e Brayfield, A (a cura di), Mirtazapine, in Martindale: The Complete Drug Reference, The Royal Pharmaceutical Society of Great Britain, 30 gennaio 2013. URL consultato il 3 novembre 2013.
  33. ^ de Boer T, The pharmacologic profile of mirtazapine, in The Journal of Clinical Psychiatry, 57 Suppl 4, 1996, pp. 19–25, PMID 8636062.
  34. ^ Graves SM, Napier TC, SB 206553, a putative 5-HT2C inverse agonist, attenuates methamphetamine-seeking in rats, in BMC Neuroscience, vol. 13, nº 1, 2012, pp. 65, DOI:10.1186/1471-2202-13-65, PMC 3441362, PMID 22697313.
  35. ^ Kooyman AR, Zwart R, Vanderheijden PM, Van Hooft JA, Vijverberg HP, Interaction between enantiomers of mianserin and ORG3770 at 5-HT3 receptors in cultured mouse neuroblastoma cells, in Neuropharmacology, vol. 33, 3–4, 1994, pp. 501–7, DOI:10.1016/0028-3908(94)90081-7, PMID 7984289.
  36. ^ a b Brunton, L, Chabner, B e Knollman, B, Goodman and Gilman's The Pharmacological Basis of Therapeutics, 12th, New York, McGraw-Hill Professional, 2010, ISBN 978-0-07-162442-8.
  37. ^ Wikström HV, Mensonides-Harsema MM, Cremers TI, Moltzen EK, Arnt J, Synthesis and pharmacological testing of 1,2,3,4,10,14b-hexahydro-6-methoxy-2-methyldibenzo[c,f]pyrazino[1,2-a]azepin and its enantiomers in comparison with the two antidepressants mianserin and mirtazapine, in Journal of Medicinal Chemistry, vol. 45, nº 15, July 2002, pp. 3280–5, DOI:10.1021/jm010566d, PMID 12109911.
  38. ^ (EN) Shaul Schreiber, Avi Bleich e Chaim G. Pick, Venlafaxine and mirtazapine, in Journal of Molecular Neuroscience, vol. 18, 1-2, 1º febbraio 2002, pp. 143–149, DOI:10.1385/JMN:18:1-2:143. URL consultato il 12 giugno 2017.
  39. ^ (EN) H. H. G. Berendsen e Chris L. E. Broekkamp, Indirect in vivo 5-HT1A-agonistic effects of the new antidepressant mirtazapine, in Psychopharmacology, vol. 133, nº 3, 1º ottobre 1997, pp. 275–282, DOI:10.1007/s002130050402. URL consultato il 12 giugno 2017.
  40. ^ P Blier e F V Abbott, Putative mechanisms of action of antidepressant drugs in affective and anxiety disorders and pain., in Journal of Psychiatry and Neuroscience, vol. 26, nº 1, 2001-1, pp. 37–43. URL consultato il 12 giugno 2017.
Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina