Dissociazione (psicologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Dissociazione (psicologia)
Specialitàpsichiatria, psicoterapia e psicologia clinica
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM300.12
ICD-10F44{{{2}}}

Con dissociazione in psicopatologia e in psichiatria si intende un meccanismo di difesa con cui alcuni elementi dei processi psichici rimangono "disconnessi" o separati dal restante sistema psicologico dell'individuo: tale condizione si può ritrovare in molte reazioni psicologiche (ad esempio, davanti a situazioni traumatiche).

Nel caso si cristallizzino, i processi dissociativi possono determinare specifiche sindromi psicopatologiche, definite disturbi dissociativi.

« [...] il termine dissociazione acquista il suo significato in base ai criteri prescelti per la sua delimitazione. In generale esso designa la distorsione, la limitazione o la perdita dei normali nessi associativi con conseguente incongruenza tra idea e idea, tra idee e risonanza emotiva, tra contenuto di pensiero e comportamento, dove è leggibile una separazione e nel contempo un allacciamento arbitrario tra i diversi elementi della vita psichica.[1] »

Ad esempio, nella prospettiva dell'antipsichiatria fenomenologica, Ronald Laing definisce la dissociazione come una

« accentuazione dell'insicurezza ontologica comune a tutti gli uomini, per cui anche in circostanze di vita ordinarie, un individuo può sentirsi più irreale che reale, letteralmente più morto che vivo, differenziato in modo incerto e precario dal resto del mondo, così la sua identità e la sua autonomia sono sempre in questione. Può mancargli la sensazione della continuità temporale; può fargli difetto il senso della propria coerenza o coesione personale. Si può sentire come impalpabile, e incapace di ritenere genuina, buona e di valore la stoffa di cui è fatto. Può sentire il suo io parzialmente disgiunto dal suo corpo.[2] »

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Disturbo dissociativo.

La scala di misurazione più frequentemente utilizzata nel rilevare il grado di dissociazione è la Dissociative Experiences Scale. Il DSM-IV considera i sintomi come la depersonalizzazione, la derealizzazione e l'amnesia psicogena come caratteristiche fondamentali dei disturbi dissociativi[3]. Tuttavia, esperienze dissociative possono essere comuni anche nella popolazione sana e possono non essere clinicamente significative. In uno studio, il 60-65% degli intervistati ha indicato di aver avuto qualche esperienza dissociativa[4]. Un'altra scala utile nella diagnosi di dissociazione è la SCID-D, un'intervista clinica strutturata per i disturbi dissociativi del DSM-IV.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Umberto Galimberti. Scissione, in Dizionario di psicologia. Torino, UTET, 1992. p. 849. ISBN 88-02-04613-1
  2. ^ R.D. Laing, L'Io diviso. Torino, Einaudi, 1969. p. 50. ISBN 88-06-15976-3
  3. ^ Dissociative Disorders, Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Fourth Edition
  4. ^ Waller NG, Putnam FW e Carlson EB, Types of dissociation and dissociative types: A taxometric analysis of dissociative experiences, in Psychological Methods, vol. 1, 1996, pp. 300–21.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • American Psychiatric Association (2000). Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, Quarta Edizione Rivista. Tr. it. Milano, Masson, 2001.
  • Caretti V., Craparo G., Schimmenti A. (2007). Gli esiti psicopatologici della dissociazione. "Psichiatria & Psicoterapia", 26, 1, pp. 9–25.
  • Clemente P.M. Io addio. Crisi dell'individuo e psicoterapia. Roma, Armando Armando, 2010.
  • Di Fiorino M, Del Debbio A. (2009). Dissociazione una guida pratica, Forte dei Marmi, Psichiatria & Territorio.
  • Ellenberger H.F. (1970). La scoperta dell'inconscio (2 vol.). Tr. it. Torino, Boringhieri, 1976.
  • Trizzino A. (2000). La psiche minima. Affettività, complesso, disaggregazione psicotica. Milano, Vivarium. ISBN 88-87131-26-0
  • Galimberti U. Dizionario di psicologia. Torino, UTET, 1992. ISBN 88-02-04613-1.
  • Laing D. L'Io diviso. Torino, Einaudi, 1969. ISBN 88-06-15976-3
  • Liotti G. (2004), Le discontinuità della coscienza. Milano, Franco Angeli.
  • Nijenhuis E.R.S. (1999). La dissociazione somatoforme. Elementi teorico-clinici e strumenti di misurazione. Roma, Astrolabio, 2007.
  • Kluft R. Current Issues in Dissociative Identity Disorder In Mario Di Fiorino, Maria Luisa Figueira: Dissociation. Dissociative Phenomena. Questions and Answers Bridging Eastern & Western Psychiatry 01/2003; I(1):1-134.
  • Putnam F.W. (1991). Recent research on multiple personality disorder. "Psychiatric Clinics of North America", 14, pp. 489–502.
  • Putnam F.W. (1997/2001). La dissociazione nei bambini e negli adolescenti. Una prospettiva evolutiva. Tr. it. Roma, Astrolabio, 2005.
  • Steinberg M., Schnall M. (2001). La dissociazione. I cinque sintomi fondamentali. Tr. it. Milano, Raffaello Cortina, 2006.
  • Liotti G., Farina B. (2011), Sviluppi traumatici. Eziopatologia, clinica e terapia della dimensione dissociativa. Milano, Raffaello Cortina, ISBN 978-88-6030-397-4
  • Albasi C. (2006), Attaccamenti traumatici. Novara, UTET Università, ISBN 978-88-6008-050-9
  • Rosen, G. (a cura di) (2004). PTSD: Issues and Controversies. Wiley, London.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Psicologia Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di psicologia